Registrati!
Benvenuto retrogiocatore! Se questa è la tua prima visita, assicurati di controllare le Regole del Forum cliccando sul link qui sopra. Potrebbe essere necessario registrarsi prima di poter postare: clicca sul link registrati qui sopra per procedere. Per iniziare a navigare in RH, seleziona la sezione che vuoi visitare dal menu qui sotto. Buon proseguimento!
  • Wild Guns - Super Nintendo

    Wild Guns

    Non saprei dire chi fu la prima persona a cui venne in mente di accostare la conquista del West da parte dei pionieri alla conquista di lontani pianeti da parte di esploratori spaziali, fatto sta che da allora lo “space western” è diventato un genere a sé stante: basti solo pensare a serie animate come BraveStarr, Trigun e Galaxy Rangers. In effetti l'idea di trasporre saloon, assalti alla diligenza e sparatorie tra cowboy in un contesto fantascientifico ha un suo certo fascino, e Natsume l'ha intuito quando nel 1994 ha realizzato per SNES questo Wild Guns.
    Di per sé il gioco ricorda molto il coin-op di fine anni '80 Blood Bros., di ambientazione western “regolare”, ma i designer di Natsume non si sono limitati a clonarne l'idea e lo stile, bensì hanno realizzato un prodotto molto più rifinito e provvisto di un gameplay sempre frenetico ma non privo di un certo aspetto strategico.


    Quando un uomo con la pistola incontra un uomo con il cannone laser...


    Per chi non conoscesse Blood Bros., ecco un rapido riepilogo: il gioco è uno sparatutto vagamente definibile come “rail shooter”, dato che noi possiamo controllare l'eroe solo spostandolo lungo l'asse orizzontale, ma possiamo muovere il suo mirino per sparare in tutte le direzioni, per colpire ogni bersaglio che si presenti a vari livelli di profondità (un po' come le attrazioni dei luna park). L'eroe e il mirino si possono controllare solo in modo indipendente l'uno dall'altro, però ci viene concessa la possibilità di compiere manovre evasive per evitare i proiettili che ci vengono sparati contro. I livelli vengono completati una volta che è stata fatta sufficiente piazza pulita al loro interno, non solo dei nemici ma anche di tutte le strutture che li costituiscono, le quali vengono letteralmente rase al suolo! Bene, in Wild Guns troveremo tutto ciò, forse con meno devastazione (niente montagne che crollano, mi spiace), ma sicuramente con più modi di personalizzare lo stile di gioco, come vedremo a breve.


    Intanto, rispetto al cowboy e all'indiano di BB, gli eroi di Wild Guns sono nettamente più atletici: non solo possono compiere delle capriole per levarsi dalla linea di fuoco nemica, mossa fondamentale perché ci permette di evitare gli attacchi, ma possono anche saltare e persino compiere un doppio salto, nonostante i loro abiti (rispettivamente un poncho stile “uomo senza nome” per Clint (!) e un completo da bella del saloon per Annie) in teoria non glielo dovrebbero permettere... ma questa è fantascienza e quindi glielo perdoniamo! Non è questa comunque l'unica abilità dei due pistoleri galattici che i “fratelli di sangue” si sognano la notte: Clint e Annie sono in possesso di un utilissimo lazo laser (lo so che “lazo laser” sembra un brutto scioglilingua, ma non saprei che altro nome dargli!) che si carica premendo due volte in rapida sequenza il tasto di fuoco. Tale lazo è in grado, dopo essere stato brevemente caricato, di cancellare tutti i proiettili che si trovano sulla sua linea di tiro, ma soprattutto di immobilizzare per un po' ogni nemico con cui entra in contatto, un'abilità molto utile in particolare durante gli scontri con i sub-boss. Attenzione, però: ben presto troveremo nemici provvisti della nostra stessa abilità, e non è bello rimanere immobili mentre tutto intorno a noi fischiano proiettili... I nostri eroi sono inoltre in possesso di alcune smart bomb sotto forma di cariche di dinamite o bombe, altro dettaglio che ai “poveri” protagonisti di BB mancava.
    Un'altra caratteristica ripresa da tale coin-op è la possibilità di distruggere i proiettili che ci vengono sparati contro (sia col lazo sia con le nostre munizioni), ma se nel coin-op questo serviva solo a darci un attimo di respiro, in WG ha ulteriore importanza: più saranno i proiettili abbattuti, più la barra verde presente nel nostro status vitale si riempirà. Una volta giunta a completamento, entreremo in possesso della singola arma più potente del gioco, la Vulcan Gun, con la quale devastare letteralmente gli scenari per un certo periodo di tempo! Ciò influenza il modo in cui un giocatore può decidere di affrontare i livelli, e ora spiegheremo subito il perché.


    In WG ogni stage è composto da due livelli regolari più uno scontro col boss: i livelli regolari sono contraddistinti da un countdown di 60 secondi, all'esaurirsi del quale tutto si fermerà e farà la sua comparsa il “mini boss” di turno. La cosa interessante è che lo scorrere del timer non è costante, ma strettamente dipendente dalle nostre azioni, ovvero più distruzione causeremo, più in fretta scorrerà il tempo! Ora, nella mente del giocatore esperto si fanno strada due possibili modi di affrontare il livello: rado al suolo tutto e tutti in modo da affrontare il prima possibile il mini boss e non pensarci più, oppure intercetto con calma tutto ciò che mi viene sparato contro, in modo da far salire la barra e massacrare con la Vulcan il povero bastardo che ha osato sfidarmi a duello una volta scaduto il tempo? Il bello di Wild Guns è che, nonostante la struttura da arcade, esso dà l'opportunità di crearsi un proprio stile di partita, e quanti sparatutto possono vantarsene?


    ...l'uomo con la pistola è un uomo morto.


    Ma non è finita qui: ogni tot nemici da noi abbattuti si attiverà un moltiplicatore del punteggio, e ogni 100.000 punti guadagneremo una vita extra. Quindi, a questo punto, il giocatore penserà: sparo a robot e umani per fare punti e ricevere un premio molto dopo, sparo ai proiettili per diventare più potente dopo, oppure evito tutto per salvare la pellaccia adesso? Stesso discorso per il lazo: lo uso per congelare i nemici più tosti e dedicarmi con calma ai rompiscatole che sbucano fuori da ogni dove, oppure distruggo quegli stessi nemici importanti che ho immobilizzato per guadagnare più punti?
    È incredibile quante cose, con pochi semplici ritocchi al gameplay, Natsume sia riuscita ad estrarre da uno schema di gioco tutto sommato banale e ripetitivo, ma senza farlo diventare pesante e faticoso, anzi: i livelli sono brevi ma intensi come quelli dell'arcade, e chi gioca deve prendere decisioni al volo se non vuole essere crivellato di colpi. Non si può proprio dire, comunque, che il gioco non sia onesto: i proiettili nemici sono ben evidenziati, quando essi si fanno troppo vicini al nostro eroe egli esclamerà, tramite un utilissimo fumetto, “Look Out!”, e gli attacchi degli avversari, dall'ultimo dei gringos ai giganteschi boss robotici, sono sempre anticipati da indizi visivi o sonori. Se sarà “Game Over” quindi la colpa sarà solo nostra e della nostra incapacità a gestire un gameplay duro ma perfettamente bilanciato!


    ...ma siamo arrivati fino a qui e ancora non abbiamo detto granché dell'elemento principale del gioco: l'ambientazione. Come detto sopra, WG deve molto a Blood Bros. per l'aspetto generale dei livelli, le armi utilizzabili (mitragliatrice, shotgun, cannoni vari) e il senso di distruzione palpabile, ma nel mix c'è anche qualcosa di Sunset Riders della Konami, in particolare qualche aspetto blandamente umoristico, la capacità dei nostri eroi di raccogliere i candelotti di dinamite e rispedirli al mittente e soprattutto la possibilità di scegliere l'ordine dei livelli più avanzati. Dicevamo dei livelli, beh, possiamo ritrovare tutti i topoi di ogni western che si rispetti, come saloon, miniere, depositi di munizioni, canyon, grotte, l'assalto al treno blindato (quest'ultimo degno di nota in quanto i livelli sono rappresentati dai singoli vagoni) e così via. La parte sci-fi durante queste fasi è un po' marginale a dire il vero, ma si riprende moltissimo in occasione degli scontri con i boss di fine stage: enormi mecha imponenti, aggressivi e molto ben disegnati che ci spareranno di tutto e di più. Ridurre questi bestioni a carcasse da rottamare è senz'altro una bella soddisfazione. Anche gli scontri coi mini boss non sono da meno, però, soprattutto per il fatto che appaiono allo scadere del timer mentre tutti gli altri nemici spariscono, in puro stile “duello in piazza a mezzogiorno preciso”: tra androidi in forma di sicari, cecchini e banditi messicani, nonché altre stramberie robotiche, Clint e Annie avranno il loro bel daffare per sopravvivere su questo pianeta desertico dove la vita vale meno di un fucile laser!


    Descritto così, Wild Guns sembra quasi il gioco perfetto: ottimamente bilanciato, graficamente molto azzeccato e pieno di effetti come l'ondulazione dell'immagine per simulare il calore delle esplosioni, accurato in ogni dettaglio, ha dei controlli impeccabili, musiche coinvolgenti, si possono pure scegliere i colori da attribuire ai personaggi come nei picchiaduro… che si può volere di più? Beh, una cosa ci sarebbe: che questa esperienza così piacevole non termini in meno di un’ora! Il pregio principale di WG è anche il suo maggiore difetto: i giochi frenetici in stile arcade non sono certo noti per la loro durata e, se calcoliamo che ci sono soltanto sei stage divisi in tre livelli ciascuno più lo scontro con il boss finale, e che ciascun livello può essere completato in poco più di un minuto, beh, è facile fare i conti.
    Purtroppo non basta l’inclusione di tre differenti settaggi di difficoltà, nonché ben due modalità di gioco in doppio, collaborativa e competitiva (nel secondo caso si può sfidare un amico o la CPU a chi colpisce più bersagli in alcuni livelli appositamente realizzati), anche perché Natsume ha avuto la “bella” pensata di elargire continue infiniti, così che per terminare l’avventura ci vorrà ancora meno. Sarebbe bastato aumentare il numero di livelli per avere un’esperienza più soddisfacente, però anche allo stato attuale non ci si può lamentare: Wild Guns rimane uno degli shooter più completi e rifiniti per SNES, purtroppo rimasto sotto silenzio a causa della febbre da picchiaduro uno contro uno che imperversava ai tempi, e al fatto che la console stessa iniziava ormai a cedere il passo.



    "Wild Guns è un gioco che andrebbe recuperato, se non altro per vedere come un game design saggio riesca a migliorare di molto anche giochi apparentemente “senza cervello” come gli shooter, ma anche perché sprizza personalità (anche se l’elemento sci-fi non è poi così fondamentale), è coinvolgente, adrenalinico e dannatamente divertente. E brava Natsume!"





    Altre immagini:



    Commenti 10 Commenti
    1. L'avatar di JOV68
      JOV68 -
      grande recensione. gioco esilarante, certamente uno dei piu' belli disponibili per snes. conservo gelosamente la versone jap, che mi diverte ininterrottamente da sedici anni. mitico!!
    1. L'avatar di Bert
      Bert -
      Il seguito "spirituale" dell'altrettanto ottimo Cabal.

      Spoiler:
    1. L'avatar di striderhiryu
      striderhiryu -
      Bel titolo! L'ho finito di giocare giusto stasera (emulato)! Ma sbaglio, o il character designer (o i character designer) in seguito ha lavorato per Capcom (mi viene alla mente Alien vs Predator arcade by Capcom)?
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      titolo imprenscindibile su snes...uno dei miei preferiti
    1. L'avatar di Zic
      Zic -
      Aggiungo che e' disponibile anche sul canale Wiishop e come sempre E' l'originale.
    1. L'avatar di Cristoh
      Cristoh -
      ottimo titolo, peccato che su ebay raggiunga cifre impossibili!
    1. L'avatar di Mancio!
      Mancio! -
      lo comprai ai tempi per 30000 lire, una vera sorpresa! divertente e mai frustrante
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da Cristoh Visualizza Messaggio
      ottimo titolo, peccato che su ebay raggiunga cifre impossibili!
      ..sia usa che jap...ma ebay ormai è una vasca di pescecani
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Citazione Originariamente Scritto da Cristoh Visualizza Messaggio
      ottimo titolo, peccato che su ebay raggiunga cifre impossibili!
      Credo che fosse poco conosciuto già ai tempi.
    1. L'avatar di KingKata79
      KingKata79 -
      Ho la versione jap completa di scatola e manuale praticamente perfetti, quanto potrebbe valere?