Benvenuto!

RH è il posto ideale per ogni retrogiocatore che si rispetti. Se vuoi farne parte e poter commentare gli articoli o partecipare alle discussioni del forum, registrati.

Registrati

Ice Hockey - Atari VCS/2600

Ice Hockey - Atari VCS/2600

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • Ice Hockey

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   icehockey.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 61.5 KB 
ID: 245936Activision è un nome che oggi accostiamo gioiosamente a produzioni di alto livello per PC o console, ma anche i colossi di questa portata hanno cominciato a camminare a piccoli passi. Quella che è rimasta costante, tuttavia, è la qualità: sin dalla sua fondazione la Activision ha potuto vantare una tecnica di livello ben superiore a quella ostentata da qualsiasi altra software house e la console che più ha goduto di questa classe è stata l'Atari VCS. Nella proliferazioni di giochi sportivi del 1981 spiccava questo Ice Hockey, un nome poco originale per un'ovvia simulazione di hockey su ghiaccio. Parlare di simulazione potrebbe far sorridere alcuni, però stiamo parlando di un periodo videogiochisticamente florido ma certamente ancora ai suoi primi passi evolutivi. Vien da sé che in quell'anno poter assistere a sprite multicolorati diventava già un fatto eccezionale, soprattutto se su schermo ne venivano mostrato quattro di dignitose dimensioni. In realtà la componentistica del VCS non prevedeva tutto ciò, o meglio, non con i metodi classici di programmazione. Serviva un tocco di genialità per prendere in giro la scheda tecnica della macchina e spingere a fondo le possibilità grafiche di una macchina dal potenziale più ampio persino di quanto credevano i suoi creatori. Tramite astuzie programmatorie, i coder della Activision ci regalarono, per modo di dire, un gioco sportivo praticamente senza difetti. Come detto, la grafica poteva regalarci sprite di dimensioni importanti per i giocatori, due per ogni squadra. La schermata è fissa, un quadro bianco munito di due aperture agli estremi superiore e inferiore ad indicare le porte.
    I controlli di Ice Hockey sono decisamente elementari: ci si muove nelle classiche otto direzioni e il pulsante di fuoco ci permette di colpire il dischetto quando ne saremo in possesso o di assumere il controllo dell'altro giocatore e picchiare l'avversario se non sarà in nostro possesso. La disposizione sul campo dei nostri uomini ne prevede uno in porta e l'altro a zonzo per il resto dello schermo. Tuttavia, se dovessimo rubar palla con il giocatore sulla linea di porta nulla ci vieterà di avanzare liberamente anche con lui.
    Ice Hockey è un gioco riuscito, soprattutto grazie alla sua frenesia: la partita comincia col dischetto che si muove verso una direzione casuale e la nostra prima mossa sarà di raggiungerlo anticipando l'avversario. Mantenerne il possesso risulta spesso problematico in quanto per conquistare il dischetto sarà sufficiente toccarlo con la parte terminale del bastone. L'intelligenza artificiale del computer è decisamente riuscita e superarlo può essere un problema, soprattutto quando inizierà a muoversi con inusitata rapidità nascondendoci con efficacia il dischetto.
    I passaggi sono caratterizzati dal dominio della componente random: in pratica, quando noi premiamo sul pulsante, non colpiremo il puck lungo il vettore disegnato dal nostro movimento in quanto la sua traiettoria può variare, in maniera del tutto casuale, entro un angolo di una sessantina di gradi. Insomma, colpendo la palla di sicuro non andrà nella direzione opposta, ma non c'è nemmeno la certezza che vada dove noi vorremmo e questo vale tanto per i passaggi quanto per i tiri. Indubbiamente è un tentativo di conferire una certa imprevedibilità alle azioni di gioco, ma è piuttosto bizzarro trovarsi di fronte alla porta spalancata salvo poi mancarla clamorosamente, inducendo il giocatore a cercare quasi esclusivamente conclusioni dalla distanza molto ravvicinata. E, in effetti, il fulcro della strategia è tutto situato nella gestione del dischetto e nella nostra capacità di lanciarlo in zone “franche” eludendo gli avversari. E' molto importante il gioco di sponda e la mira nel cercare le gambe degli avversari col nostro bastone: i falli, infatti, non esistono e colpendo il nemico si ha l'opportunità di toglierlo di mezzo per un paio di secondi e pianificare un migliore attacco.


    COMMENTO FINALE


    "Il gioco, lo ripeto, è riuscitissimo. Le sfide contro la CPU ci regalano abbondante divertimento e la longevità del gioco in doppio può aumentare a dismisura. Come tutte le simulazioni sportive dei primi anni Ottanta, ci si deve accontentare di un dettaglio minimo, ma è lodevole l'impegno dei programmatori nel cercare di restituire all'utente quantomeno il feeling di questa disciplina. E ci sono riusciti. Uno dei migliori giochi sportivi per Atari VCS."

    Gianluca "musehead" Santilio





    Altre immagini:
    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S408-01.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 19.9 KB 
ID: 245937Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S408-02.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 19.8 KB 
ID: 245938Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S408-03.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 12.3 KB 
ID: 245939Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S408-04.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 11.0 KB 
ID: 245940Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   S408-05.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 11.5 KB 
ID: 245941
      L'invio di commenti è disabilitato per i non registrati.

    ULTIMI ARTICOLI

    Comprimi

    • Fantasyland
      Una piccola introduzione
      Allora, chiariamo le cose subito. *si accende una sigaretta*
      Dunque, non vorrei essere cattivo considerando il gioco che sto per recensire, ma purtroppo non credo potrò evitarlo. Cercherò di trovare qualcosa di salvabile,...
      06-02-2021, 10:20
    • Biomechanical Toy
      Introduzione
      Spagna.
      Una terra non molto rinomata a livello videoludico, almeno in tempi recenti, ma culla in passato di tantissimi team di sviluppo che dettero alla luce molti titoli più o meno riusciti su diverse piattaforme, sia casalinghe...
      19-01-2021, 11:45
    • Harley-Davidson & L.A. Riders
      Prima che arrivassero i vari racing arcade alla Crazy Taxi e Eighteen (18) Wheeler: American Pro Trucker, il team AM1 di Sega sviluppò Harley-Davidson & L.A. Riders, per celebrare i 95 anni (1903-1998) della storica società motociclistica, quello...
      10-08-2021, 15:54
    • International Soccer
      Ma noi lo chiamavamo Calcio Replay ( hack di un certo Roberto Negro che aveva varie aggiunte tra le quali e soprattutto di visualizzare il replay delle azioni; roba dell'altro mondo), granitico titolo che rimanda a metà anni 80 a casa di mio cugino...
      16-04-2021, 20:05
    • Super Mario World
      Dopo aver salvato Mushroom Kingdom dal malvagio Bowser in Super Mario 3, Mario e Luigi decidono che non ci stava male una bella vacanza insieme alla principessa Peach e decidono che Dinosaur Land e le sue magiche spiagge sarebbe stato il posto più che...
      10-04-2021, 17:34
    • Wonder Boy: Asha in Monster World
      La serie WonderBoy/Monster World ha da sempre uno spazio nel cuoricino di ogni retrogiocatore che si rispetti. Lo sa bene chi dal retrogaming ci vuole tirare su pure un po’ di grana. E così, che nel 2017, Lizarcube ti tira fuori il remake in grafica...
      15-06-2021, 21:35
    • Within the Blade
      I ninja e i videogiochi hanno generato una serie di mitici titoli entrati di diritto nella cultura pop del gamer degli anni 80/90: chi non conosce Shinobi di SEGA, per non parlare del bellissimo The Last Ninja di System 3 o del sottovalutato Tenchu,...
      30-07-2021, 16:47

    ULTIMI COMMENTI

    Comprimi

    Sto operando...
    X