Resident Evil: The Umbrella Chronicles - Nintendo Wii | Retrogaming History
Registrati!
  • Resident Evil: The Umbrella Chronicles

    Resident Evil: The Umbrella Chronicles

    Dopo il successo della Wii edition di Resident Evil 4, Capcom si è trovata schiacciata tra la necessità di sfruttare un'importante fonte di guadagno, quale la nutrita schiera di fan tra i possessori di Wii, e l'impossibilità tecnica di poter realizzare una versione dignitosa del quinto capitolo per detta console. La strategia intrapresa dall'azienda nipponica consiste nello sfornare una serie di rifacimenti e titoli paralleli. Ecco dunque uscire questo Umbrella Chronicles, titolo riassuntivo che, come ovvio, solo in minima parte riesce a sopperire alla mancanza della serie principale sulla console Nintendo.

    Resident Evil: Umbrella Chronicles è uno sparatutto in soggettiva su binari, in cui il giocatore, puntando col Wiimote verso lo schermo, dovrà cercare di abbattere zombie, mostri e quant'altro, sfruttando l'arsenale a sua disposizione. Il gameplay è quindi quanto di più semplice e intuitivo si possa immaginare. Per ovviare al rischio noia diviene fondamentale il contorno, che deve essere in grado di sopperire alla monotonia e alla ripetitività dell'azione, nonché ai limiti intrinseci del genere.

    Nel caso di Umbrella chronicles, Capcom ha impiegato alcuni accorgimenti utili ad aumentarne l'interesse. La possibilità di giocare con un amico, ad esempio, rende questo episodio riassuntivo un'ottima scusa per passare un pomeriggio in compagnia. Altre note positive sono la varietà dei mostri, il livello di difficoltà ben dosato, che aumenta col passare dei livelli, e la possibilità di potenziare le proprie armi. Il vero punto di forza però rimane il level design, che, come in tutti i capitoli della serie, non manca di dare emozioni forti sia per la cura con cui è realizzato, sia per la saggezza con cui avversari e ostacoli sono stati disposti.

    Per quanto riguarda il comparto tecnico, Resident Evil: Umbrella Chronicles convince solo a metà. Graficamente saremmo su un livello discreto, ma tenendo conto che il titolo permette una libertà di movimento scarsa o nulla e prosegue in maniera automatica, la valutazione scende pesantemente. Texture non curatissime insieme alla resa grafica generale lasciano il giocatore perplesso in più di un passaggio. Per un gioco su binari si sarebbe potuto fare qualcosa in più.
    L'audio invece è impeccabile, con un'ottima colonna sonora, perfetta nel ricreare le atmosfere, e una buona implementazione degli effetti audio, sfruttando anche in maniera sapiente, anche se non particolarmente originale, il piccolo altoparlante del Wiimote.

    Umbrella chronicles è a conti fatti un buon titolo, ma solo se acquistato a non più di un paio di decine di euro. La pecca maggiore consiste nella longevità estremamente ridotta, alla quale non si riesce a sopperire nemmeno tramite i contenuti extra e i retroscena riguardanti Albert Wesker. Inoltre, il suo carattere di titolo riassuntivo condensa in poche ore di gioco le trame di ben quattro episodi della serie, con annessi retroscena. Di conseguenza la trama nel suo complesso può risultare poco chiara, soprattutto per chi non ha giocato i capitoli precedenti per intero, inficiando inevitabilmente anche l'utilità di extra e retroscena.


    COMMENTO FINALE


    "Resident Evil: Umbrella chronicles è un titolo riassuntivo che solo in minima parte riesce a consolare i fan dalla mancata edizione su Wii del quinto capitolo. La pecca più grande del gioco è la sua scarsa longevità, tanto che anche i più accaniti sostenitori della serie ne saranno presto annoiati. Il destino di Umbrella chronicles è quello di regalare qualche ora di divertimento per poi finire nel dimenticatoio."





    Altre immagini:




    Commenti 1 Commento
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Quoto la review, aggiungendo una piccola considerazione.
      L'ho giocato e finito tempo fa quando uscì, e lo trovai subito anche difficile in certi frangenti. La storia in cui ruota il tutto l'ho trovata un pò povera, e l'avrei arricchita di qualche particolare, allungado la presenza e la lunghezza di certi livelli. La fine dell'umbrella è stata -secondo me- un pò precipitosa (=speriamo di essere smentito nel prossimo capitolo il 6 con la sua resurrection magari ).