Point Blank - PlayStation | Retrogaming History
Registrati!
  • Point Blank

    Point Blank

    I giochi per light-gun si suddividono generalmente in due gruppi principali: quelli così detti a “binario”, che propongono una serie di schermate unite fra loro da un una trama portante e dove bisogna quasi sempre fare fuori avversari più o meno umani, e quelli che invece, ripudiando qualsiasi riferimento alla violenza, propongono una qualche variante del classico tirassegno. Guardando in faccia i due protagonisti di questo shooter della Namco non ci sono dubbi che Point Blank (conosciuto in Giappone con il nome di Gun Bullet) faccia indubbiamente parte della seconda categoria. I nostri Dr. Don e Dr. Dan (!!!) sono infatti due esploratori dall’aria assai poco sveglia, che per qualche strano motivo dovranno affrontare una serie di sedici prove, terminate le quali ci sarà ad attenderli il più classico dei castelli. Tale edificio non conterrà però come da tradizione una bella principessa, ma solo 21 piccoli bersagli in grado di attivare altrettanti fuochi d’artificio. (In fondo quale gentil donzella si sognerebbe mai d’intrattenersi con due tipi del genere?)

    Come avrete sicuramente capito Point Blank è un gioco arcade di pura abilità, privo di qualsiasi tipo di trama ed il cui unico scopo consiste nell’ottenere un punteggio sufficientemente elevato da suscitare l’altrui ammirazione. Una volta scelto il livello di difficoltà che più si confà alle nostre capacità ci verranno assegnati 16 minigiochi a caso fra le diverse decine a disposizione, tutti caratterizzati da un aspetto assai innocuo e ai limiti del surreale. Questi potranno variare dal dover sparare a bersagli di un determinato colore, centrare un piccolo oggetto in movimento con un singolo colpo, colpire un determinato numero di animaletti stando attendi ad evitare alcune bombe, eliminare banditi o ninja rigorosamente sotto forma di sagome di cartone, e altre amenità più o meno sullo stesso livello. La diversificazione dell’azione è assicurata oltre che dal numero anche dalla diversa impostazione degli stages. Ciascuno di essi punta infatti l’accento su di una differente abilità. Alcuni richiederanno colpo d’occhio, altri precisione e altri ancora rapidità di fuoco o tempismo. Il divertimento raggiunge invece la sua apoteosi nelle partite in doppio, dove utilizzando due pistole contemporaneamente si può dare vita a delle esilaranti sfide all’ultimo proiettile.

    Considerando che alcuni stages possono essere completati anche in un paio di secondi(!!!), la durata massima di ogni singola partita si aggira intorno alla manciata di minuti. Inoltre alcuni quadri potranno privarci di tutte e tre le vite a nostra disposizione in un colpo solo, ad esempio centrando tre bombe o tre sagome di civili, ponendo immediatamente fine a quella che era stata fino a quel momento una partita perfetta. Se una simile impostazione rendeva il coin-op un vero e proprio mangia gettoni, una volta caricato il gioco sulla nostra PSX la breve durata della modalità principale cesserà di rappresentare una limitazione, finendo anzi col diventare un ottimo incentivo al raggiungimento della perfezione balistica, e perché no della mitica soglia dei 200.000 punti (vero e proprio spartiacque che separa il campione dal semplice appassionato).

    Tecnicamente parlando il gioco riproduce fedelmente la controparte arcade del 1994. Non per nulla nessuno è mai riuscito a spodestare la Namco dal trono di miglior software house per psx (qualcuno ha per caso detto Tekken3 o Soul Edge?). Anche se ad essere sinceri il gioco in questione non richiede chissà quale sforzo ai 32bit del gioiellino Sony, portandosi in dote una grafica 2D molto bella a vedersi ma essenziale al tempo stesso. Il vero capolavoro si dimostra ancora una volta essere l’apposita periferica ideata dalla Namco, ossia la G-con 45, venduta originariamente in bundle con l’altrettanto eccelso Time Crisis, ed in grado di riconoscere una differenza di puntamento nell’ordine dei tre pixel. Insomma, un vero e proprio must per tutti gli amanti della scatoletta grigia targata Sony, in grado di dimostrarsi a tutt’oggi una spanna al di sopra della concorrenza .
    Parlando di una conversione non potevano logicamente mancare alcuni extra generosamente inseriti all’interno del CD-Rom. Modifiche che non solo vanno ad ampliare le modalità di gioco, ma che finiscono praticamente col raddoppiare il numero di minigiochi presenti nella versione da sala. Infatti, oltre a quella originale, sarà possibile giocare ad una versione “special”, creata appositamente per l’occasione, che comprende quadri del tutto inediti o comunque sostanzialmente modificati. Degna di menzione è anche la modalità Quest; originalissimo ibrido fra il gioco di ruolo e lo shooter, che sempre tramite l’ausilio della pistola ci vedrà guidare i nostri avventurieri lungo una mappa, facendo fuori i vari stages come fossero “mostri” incontrati casualmente lungo il cammino.

    COMMENTO FINALE


    "Cos’altro dire di questo gioco? Point Blank è sicuramente un titolo frenetico e divertente, che grazie alla sua resa visiva semplice e scanzonata non risente minimamente di tutto il tempo trascorso. D’altronde il titolo in questione è divenuto fin da subito un vero e proprio oggetto di culto per tutti gli amanti dei giochi per light-gun, andando a generare ben tre seguiti, compresa una particolarissima versione per Nintendo DS che utilizza il pennino al posto della pistola. Il mio consiglio è perciò quello di fare vostro quanto prima questo folle sparatutto, e vedrete che una volta iniziato non riuscirete più a smettere di giocarci."







    Emiliano "MasterGen" Valori



    Commenti 8 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Che gran classico, da provare per ridere e divertirsi con questa alternativa ai Light gun games, adoro sparare a tutto quel che si muove
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Non esisteva un cabinato di questo gioco?
    1. L'avatar di Bert
      Bert -
      Citazione Originariamente Scritto da Robbey Visualizza Messaggio
      Non esisteva un cabinato di questo gioco?
      Beh... non so se sia una domanda retorica ma è un coin-op del 1994. Come tra l'altro ben argomentato nel corso della Rece. Ho un Déjà vu!
    1. L'avatar di JoustSonic82
      JoustSonic82 -
      Mai provata la versione PSX, in compenso ho consumato milioni di gettoni nel coin-op! Era uno dei più gettonati della sala giochi che frequentavo all'epoca, c'era la fila per giocarci! Oltre ad essere un mangiagettoni (in alcuni quadri si potevano perdere tutte le vite in pochi secondi) era una vera droga, ma aveva un suo stile, una sua originalità...
    1. L'avatar di cino77
      cino77 -
      il top...merita un 10 ...longevità infinita lo gioco a manetta pure ora nella play 1!!!!!!!!!!!!!classicoooooooooooooooooo!
    1. L'avatar di Lukezab
      Lukezab -
      confermo tutto... il coin op averlo oggi è un investimento per il vostro umore...peccato sia difficile trovarlo in buon stato... cmq un gioco che merita e stramerita... e portarlo sulle consolle nuove con in nuovi controller, non basterebbe tanto, basta che mantengano lo stile originale...e sarebbe un successo....
    1. L'avatar di MasterGen
      MasterGen -
      Citazione Originariamente Scritto da Lukezab Visualizza Messaggio
      confermo tutto... il coin op averlo oggi è un investimento per il vostro umore...peccato sia difficile trovarlo in buon stato... cmq un gioco che merita e stramerita... e portarlo sulle consolle nuove con in nuovi controller, non basterebbe tanto, basta che mantengano lo stile originale...e sarebbe un successo....
      Peccato che ancora non esistano delle Light-gun per TV HD di buona qualità e ad un prezzo commerciabile. Fin quando non usciranno il genere può praticamente definirsi morto. Giocare al tiro al bersaglio con la pistola della PS3 sarebbe un vero e proprio inferno.
    1. L'avatar di mimtendo
      mimtendo -
      nel tempo che c'è stato, nella sala giochi dove andavo, ricordo piacevoli sfide a due, e una certa apprensione per lo stage della fogliolina
      Su PSX deve essere davvero divertente in doppio!