Roadkill | Retrogaming History
Registrati!
  • Roadkill

    Roadkill


    Vision è il nome cui corrisponde un gruppo di programmatori che su Amiga ha piazzato pochi ma buoni videogame. Si fregiano di aver creato, molto probabilmente, il primo titolo in assoluto che sfruttasse davvero il chip set AGA, quell’Overkill che riportava sui nostri monitor l’antico fasto di Defender, graziato da un fantastiliardo di strati di parallasse e colori ultra vivi.

    Nel 1994 questi baldi programmatori ritornavano sulla scena presentando un racing game di stampo arcade molto promettente. Questa volta si omaggiava, portando ai massimi livelli, un altro grande del passato Amighista: tale Super Cars 2 dei Magnetic Fields.

    Pubblicato dagli Acid Software, gente che di racing game ne sapeva veramente tanto (Skidmarks), Road Kill estremizzava ancora una volta in video i colori sgargianti già assaporati in Overkill, sfruttando le capacità offerte dal chip set AGA in maniera encomiabile. La grafica nitida con “selvaggio” uso del ray-tracing, fa compagnia a una programmazione pulita e priva d’incertezze, proponendo uno scrolling fluido e veloce come meglio si addice a questa tipologia di gioco.

    Road Kill, difatti, è un racing game con visuale a volo d’uccello che pone le sue fondamenta sulla frenesia, sfociando ben presto in una cruenta spettacolarità delle scene. Cruenta perché, dovete sapere, in questo prodotto non esiste regola o codice d’onore da rispettare, tutto è lecito pur di raggiungere il traguardo per primi, avendo a nostra disposizione svariati modi per far sì che questo avvenga. Proprio come nel citato Super Cars 2, avremo la possibilità di silurare i nostri avversari tramite razzi o missili autoricercanti (questi ultimi sono davvero devastanti), potremo spingerli letteralmente fuori tracciato con forti speronate, farli sbattere contro pareti laser o, “semplicemente”, superarli in velocità come in una normale corsa automobilistica. Inutile sottolineare come il divertimento vada a braccetto con l’eliminazione degli avversari nei modi più spietati possibili, anche perché il gioco prevede un accumulare di punti sul perfetto stile dei pinball game, elargendoci dei jackpot per ogni tot di avversari sterminati. Gasante a dir poco!


    Arrivando ad analizzare il sonoro, il primo aggettivo che mi passa per la mente pensando a quello proposto da questo prodotto è: “superbo”! I Vision prendono decisamente spunto da un videogioco molto in voga al tempo d’uscita della loro creatura, quel Mortal Kombat che spopolava in sala giochi e su tutti i sistemi home del momento. Le campionature vocali che udiremo in Road Kill, di fatto, presentano lo stesso timbro vocale del prodotto Acclaim, nonché la stessa funzione. Scegliendo il nostro veicolo preferito tra una schiera di sei, un ipotetico arbitro pronuncia il nome della macchina scelta con tono cattivo da beat’em up classico. Non solo, anche vincendo una determinata gara, si potranno udire dei ”wins” preceduti dal nome della nostra vettura di mortalkombattiana memoria. Il tutto comunque non deve lasciar prevalere un pensiero negativo sul possibile riciclaggio da parte dei programmatori, anzi, lo etichetterei come un amorevole omaggio verso un grande videogame, un modo simpatico e intelligente di creare un sonoro ad effetto facilmente riconoscibile e, per questo, altrettanto facile da assimilare che, alla fin fine, ben si adatta allo spirito del gioco.

    L’aria che si respira in Road Kill è quella del post atomico, dove scorrazzate del genere risulterebbero all’ordine del giorno. Non esiste, comunque, una benché minima traccia di trama, poiché il nostro compito sarà solo quello di sfrecciare attraverso i quattro livelli suddivisi in gruppi da tre piste ciascuno, vincendo e distruggendo quanto più possibile. La longevità si mantiene su livelli medi, con una sfida abbastanza semplice a livello easy (tramite cui non visionerete la scena finale) e sempre più impegnativo salendo a livello normal e hard, ma mai da essere impossibile.

    Il punto debole dell’intera produzione risiede nella mancata opzione per due giocatori. Road Kill non permette la partita in doppio, lì dove sfide a colpi di bastardate assortite avrebbero innalzato questo titolo a livelli di pura eccellenza, mettendo il punto su una programmazione già ottima. Peccato.

    Note:
    • La versione Amiga CD32 di Road Kill, prodotta in contemporanea a quella AGA su floppy, presenta l’aggiunta di filmati animati nell’intro e nell’outro, oltre ad alcune schermate grafiche aggiuntive. La qualità dei filmati è particolarmente bassa, ciò non toglie che siano di “un ottimo cattivo gusto”, riuscendo a strappare facilmente un sadico ghigno sulle labbra.
    • In emulazione sotto WinUAE, il gioco perde (come del resto i suoi illustri colleghi) in fluidità e pulizia grafica. In pratica verrebbero a mancare due aspetti fondamentali che rendono Road Kill un prodotto di alto livello. Consiglio, dunque, di ri-giocarlo possibilmente su un vero Amiga AGA, godendo, in questo modo, di uno scrolling hardware fluido e puro che nessun emulatore al mondo può restituire.





    "Divertente, gasante, estremo. Road Kill è un cocktail di emozioni veramente ben riuscito con cui dare sfogo al proprio lato distruttivo. Vincere ad ogni costo, questo il motto simbolico nel prodotto. Non importa come, l’importante è farlo. YOU! WIN!
    "


    Maurizio"Amy-Mor"Tirone




    Altre immagini:





    Commenti 4 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Gioco interessante
    1. L'avatar di bandito
      bandito -
      Grandissimo gioco, condivido pienamente la recensione, anche seun altro mezzo punto glie lo avrei dato.
      Da avere/provare assolutamente.
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Citazione Originariamente Scritto da bandito Visualizza Messaggio
      Grandissimo gioco, condivido pienamente la recensione, anche seun altro mezzo punto glie lo avrei dato.
      Da avere/provare assolutamente.
      Se fosse stato provvisto di una modalità a due giocatori, il voto sarebbe arrivato anche a 9
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Gioco bello e divertente ,la versione CD32 con i suoi video,che all'epoca facevano gridare al miracolo,è bellissma.

      Un vero retrogamer gioca con le console o computer originali con con gli emulatori.