Videogams Villains: Kefka Palazzo | Retrogaming History
Registrati!
  • Videogame Villains: Kefka Palazzo

    Videogame Villains: Kefka Palazzo

    Secondo appuntamento con Videogames Villains e questa volta vi andrò a parlare di Kefka Palazzo, forse di uno dei cattivi più riusciti della saga di Final Fantasy, che molti retrogiocatori ricorderanno per la sua sadica risata e che ultimamente ha fatto la sua comparsa nel picchiaduro Dissidia.

    Ghiaghiaghiaghia!
    Definire Kefka un cattivo è un po' riduttivo: è sadico, malvagio e vigliacco. Egli infatti durante il gioco sembra agire non per scopi personali ma solo per il gusto di farlo, guidato da una insana pazzia senza senso. Caratterizzato magnificamente, Kefka ricorda molto il Joker di Batman sia per le sembianze da clown, sia per l'incredibile instabilità mentale unita ad un insospettabile genio. In realtà dietro a questa illogica pazzia si nasconde una triste storia: Kefka viene abbandonato alla nascita crescendo in un orfanotrofio a Thamasa. Timido e taciturno decide di lasciare Thamasa per recarsi a Vector e arruolarsi nell'esercito. La sua costanza e le spiccate abilità ne fanno un soldato modello tanto da diventare l'apprendista di Cid. Da li' la sua vita ha una svolta: si offre volontario per il primo esperimento di infusione di Magitek nel corpo umano. L'esperimento sembra essere un successone e Kefka acquisisce grandi poteri magici che lo portano a diventare presto il comandante dei Magitek Knight. Negli anni a seguire culminerà la sua carriera diventando Primo Ministro dell'Impero e, forse ricordandosi del suo passato, si affeziona e aiuta una ragazza orfana di un soldato imperiale, Celes Chere, usando tutti i suoi poteri politici affinchè la ragazza diventi un Magitek Knight. Ma un giorno succede l'inevitabile. Durante una festa per celebrare la promozione della sua apprendista Celes, Kefka viene sopraggiunto da un attacco di pazzia. Ecco mostrarsi gli effetti collaterali dell'esperimento Magitek: una lenta ma inesorabile degenerazione mentale. Il carattere di Kefka cambia radicalmente e da persona timida e riservata diventa stravagante ed estroverso, inizia a vestirsi con abiti coloratissimi e a truccarsi la faccia. Del suo senso politico e strategico e della sua forte mente non ne rimane niente, lascinando spazio ad un gran piacere per la morte e la distruzione, insieme ad un distorto umorismo.
    Non potendo più ricoprire la posizione, gli viene rimossa la carica di Primo Ministro ma l'Imperatore Gestahl sentendosi in debito per le innumerevoli gesta e gli anni di servizio e fedeltà declassa Kefka a mago di corte facendolo rimanere nell'impero. Il posto di Kefka è affidato a Leo Christophe facendo aumentare ancora di più l'odio che era iniziato in lui.



    Sandro "Sunstoppable" Prete