Sanitarium - PC Windows | Retrogaming History
Registrati!
  • Sanitarium

    Sanitarium

    Per qualche oscura ragione diversi siti di retrogaming sembrano concentrarsi esclusivamente sulle console, come se l'essenza del videogioco fosse racchiusa solo in esse. Si tratta di una concezione nipponica e in parte americana, dove il personal computer "da gioco" è stato sovente soffocato dalle console Nintendo e Sega, ma per noi europei è ancora forte e indelebile l'amore per i computer Commodore e, dai primi anni Novanta, anche per l'immortale PC. Con l'avvento di schede grafiche finalmente flessibili come la VGA, quelli scatoloni così difficili da usare acquistarono dignità per diventare col tempo veri e propri baluardi di determinate categorie di giochi: il giocatore moderno penserebbe immediatamente ai First Person Shooter, fra tutti il genere più spettacolare, ma la storia ci presenta prima RPG e avventure. E' proprio in questa categoria che troviamo Sanitarium, un gioco tanto emozionante quanto sfortunato, eccellente in tutto ciò che il mercato non voleva più: una grafica 2d minuziosamente curata e di grande potere immaginifico, una riuscitissima sceneggiatura thriller-horror e un'atmosfera particolarmente avvolgente che tuttavia non bastarono a salvare il gioco e i suoi sviluppatori dal fallimento. Correva il 1998 e le avventure grafiche per come eravamo abituati a conoscerle stavano lentamente tramontando, soffocate dai milioni di colori e poligoni di Playstation, Nintendo 64 e 3dfx che catalizzavano perfino l'attenzione degli avventurieri più incalliti.

    Sanitarium comincia con un incidente d'auto e un terrificante risveglio: l'ospedale in cui il protagonista si trova è un manicomio decadente impregnato di una follia ben maggiore di quella che si aspetterebbe da un posto simile. Un posto da incubo, con gente che si frantuma la testa sui muri incessantemente, pianti, urla e un’immensa voragine al centro dell'edificio. In tutto il gioco non v'è nulla di logico o scontato, il nostro protagonista è senza memoria e tutto ciò che sappiamo è che per capire cosa sta succedendo abbiamo bisogno di ritrovarla. E il gioco è fondamentalmente una ricerca continua, prima di se stessi, poi del mondo che ci circonda e infine del passato che ci ha portato lì: una volta scoperte queste cose, saremo già a un passo dal risolvere la nostra avventura. Si tratta di una peculiare caratteristica di Sanitarium, per un buon 90% di gioco navighiamo nel dubbio, fortemente alimentato da flashback che raccontano sempre troppo poco e che pure riescono a commuoverci ed emozionarci. Questa è un’avventura per adulti, non tanto per la difficoltà quanto per i temi trattati: è infatti frequente trovarsi di fronte a paesaggi inquietanti e talvolta fortemente disturbanti, tra corpi dilaniati, bambini deformi e tante altre crudeltà. E proprio dalla profonda malvagità che permea lo scenario che scaturiscono le emozioni più profonde che Dreamforge ci regala e che raggiungono il loro climax nel capitolo “The Mansion”, di cui preferisco non dire nulla per non rovinare la sorpresa a chi avrà la pazienza di scoprire questo raro e prezioso tesoro videoludico.

    Come dicevamo, Sanitarium è un’avventura in 2d che si differenzia dai capisaldi del genere per un sistema di controllo leggermente diverso: il nostro eroe non si dirigerà automaticamente verso la destinazione cliccata scegliendo il percorso adatto, ma si limiterà a seguire il mouse quando teniamo premuto il pulsante, senza evitare muri o oggetti automaticamente, è tutto manuale. Questo complica un po’ gli spostamenti, ma ha permesso ai programmatori di inserire delle (semplici) sequenze arcade atte a spezzare un’eventuale monotonia…che non arriverà mai, sia ben chiaro! La trama fitta di misteri e gli enigmatici dialoghi allontanano efficacemente la noia e la difficoltà moderata agevola il tutto: proprio qui potremmo individuare il difetto principale del gioco in quanto difficilmente incontrerete serie difficoltà a superare i primi due terzi dell’avventura, salvo poi dover fronteggiare nelle fasi avanzate enigmi alquanto “oscuri”, tipici più di giochi alla Myst che di avventure grafiche classiche. La visuale di gioco è di tipo isometrico, con dei fondali renderizzati e poi ritoccati a mano: ciò penalizza talvolta la ricerca di oggetti col risultato che ci si ritrova a “setacciare” la schermata alla ricerca di qualche hot spot. I vari capitoli di gioco sono inframmezzati da sequenze precalcolate realizzate piuttosto bene per l’epoca. Unica nota stonata, il parlato: il nostro Max (ops, vi ho svelato il suo nome) non sembra proprio uscito da un corso di dizione, con una recitazione talvolta troppo marcata ed evidente. Per il resto, ci troviamo di fronte a una delle avventure psicologicamente più forti di sempre, invecchiata benissimo come tutti i giochi che puntano al contenuto piuttosto che sulla forma. Non ho voluto dire nulla di più sulla trama perché sarebbe una vera eresia. Cercatelo. Installatelo. Gustatevelo. Dimenticatevi di avere un Pentium4 e abbracciate la semplicità di una bellissima storia. Farsi rapire sarà più facile di quanto pensiate...



    Tra aberrazioni e contesti surreali, Sanitarium sprigiona uno dei più intensi bagliori di umanità mai visti in un videogioco. I temi sono forti, le emozioni pure. Più della metà dell'avventura è straordinariamente aldisopra di ogni standard, peccato che l'ispirazione soffra poi di un fisiologico declino. Imperdibile, ad ogni modo.




    Sistema: PC Windows

    Casa: ASC Games

    Sviluppatore: Dreamforge Entertainment

    Anno: 1998

    Genere: Avventura grafica
    LINK CORRELATI

    ALTRI TITOLI PC WIN

    ALTRE AVVENTURE GRAFICHE




    Commenti 11 Commenti
    1. L'avatar di JoustSonic82
      JoustSonic82 -
      Lo cerco da tempo, è un'avventura grafica piuttosto rara da trovare e che vanta diversi estimatori, anche se ebbe meno successo ad. es di un Gabriel Knight. La recensione, ottima, conferma ciò che già avevo letto su questo affascinante e riuscito esponente di un genere in declino, purtroppo, come quello delle A.G., che, spero, possa rivivere, un giorno, una seconda giovinezza.
    1. L'avatar di Glorfindel
      Glorfindel -
      Beh, se sei disposto a non avere la confezione, GOG ti permette di acquistarlo.
      E' davvero un gioiello di gioco, lo consiglio vivamente
    1. L'avatar di JoustSonic82
      JoustSonic82 -
      Citazione Originariamente Scritto da Glorfindel Visualizza Messaggio
      Beh, se sei disposto a non avere la confezione, GOG ti permette di acquistarlo.
      E' davvero un gioiello di gioco, lo consiglio vivamente
      No, lo cerco con la confezione, rigorosamente...
    1. L'avatar di Glorfindel
      Glorfindel -
      Citazione Originariamente Scritto da JoustSonic82 Visualizza Messaggio
      No, lo cerco con la confezione, rigorosamente...
      Beh, allora su Amazon uk, nuovo a prezzo relativamente basso lo trovi (circa 9 sterline più le spedizioni)
    1. L'avatar di Alerage
      Alerage -
      da piccolo rimasi scioccato dalla demo, quel tizio, che sbatteva la testa al muro, mi faceva una paura tremenda
    1. L'avatar di Glorfindel
      Glorfindel -
      Giocatelo, merita.
      Io rimasi esterrefatto dall'ambientazione nella casa con i fantasmi... non dico altro...
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Citazione Originariamente Scritto da Glorfindel Visualizza Messaggio
      Giocatelo, merita.
      Io rimasi esterrefatto dall'ambientazione nella casa con i fantasmi... non dico altro...
      Assolutamente la sezione più emozionante, tra le più intense mai viste in un'avventura grafica.
    1. L'avatar di Musashi
      Musashi -
    1. L'avatar di JoustSonic82
      JoustSonic82 -
      L'ho finito mezz'ora fa!
      Che dire... Una delle esperienze più "forti" della mia "carriera videoludica", ho fatto bene a recuperarlo, ne è valsa la pena.
      E' un viaggio nella coscienza e nel rimosso del protagonista che coinvolge molto perchè potrebbe essere la storia di ognuno di noi, ciò che mi è piaciuto di più è il modo per nulla banale in cui si dipana la storia, utilizzando anche alcune ambientazioni "metaforiche" che spiazzano e che riescono per questo a colpire ancor più l'immaginario. Alcune sezioni sono abbastanza inquietanti (come quella dei bambini abbandonati, con un tema sonoro che mi è rimasto in testa per ore), altre misteriose/fantasy, altre addirittura toccanti, commuoventi (come il livello della casa, veramente indimenticabile).
    1. L'avatar di Epikall
      Epikall -
      L'unico appunto, se di appunto si può parlare, di questo capolavoro, è il finale, forse un tantino "happy" rispetto alle premesse. In ogni caso, titolo memorabile ed unico. Quoto Sonic per la musica del secondo livello...inquietante a dir poco (così come tutto il livello, a dire il vero!)
    1. L'avatar di JULIUS
      JULIUS -
      Ehi, mi avete fatto venire voglia di provarlo!