Thunder Force III | Retrogaming History
Registrati!
  • Thunder Force III

    Thunder Force III

    Thunder Force III è uno shoot ‘em up a scorrimento orizzontale di ambientazione spaziale realizzato per Mega Drive dalla Techno Soft nel 1990.
    La Federazione Galattica è chiamata a combattere ancora una volta contro il malvagio Impero ORN, votato alla distruzione degli umani, e, per sconfiggere quest’enorme bio-computer impazzito, si avvale dell’avanzatissima navicella STYX, guidata dagli eroici Jean e Shely.
    Questo III° capitolo della serie è il primo realmente coronato da successo e segue un primo titolo, assolutamente oscuro, per NEC PC-8801 mk2, datato 1983 e un secondo, più conosciuto, per Sharp X68000 e Mega Drive, realizzato nel 1988/89.
    Thunder Force III è sicuramente uno dei giochi più apprezzati della ludoteca MD, uno shoot ‘em up che, già ad un anno dalla commercializzazione del 16 bit Sega, mostra le reali capacità dell’hardware della console, senza risentire dei limiti di una cartuccia di soli 4 Mbit (512 Kb).

    Testimonia il successo dello sparatutto Techno Soft la sua “conversione” per le sale giochi sotto il nome di Thunderforce AC ("AC" è abbreviativo di “Arcade”) e il successivo porting di quest’ultimo titolo per Super NES, realizzato dalla Seika / Toshiba EMI e ribattezzato Thunder Spirits.

    TFIII è un titolo assolutamente arcade in quanto realizzato per offrire immediatamente ritmo, azione incessante, divertimento e adrenalina.
    È, infatti, evidente che in questo shoot ‘em up i programmatori hanno privilegiato la velocità e la continuità dell’azione. Diversamente da R-Type e Gradius, in Thunder Force III non esistono “restart point” da cui ripartire in caso di abbattimento. La distruzione della navicella non interrompe l’azione, che prosegue con l’immediata sostituzione del veicolo, in modo del tutto analogo al contemporaneo coin-op Air Buster della Kaneko.
    Altra caratteristica vincente è la varietà: ogni stage si presenta totalmente diverso dagli altri e deve essere affrontato con dinamiche di gioco in parte adattate a situazioni che mutano anche all’interno del livello stesso.

    Lo sparatutto firmato Techno Soft conta 7 sezioni, cui segue un mini stage che vede la nostra navicella affrontare due boss: un guardiano posto a protezione dell’ORN Core e, successivamente, il Core stesso e le relative difese.
    La navicella STYX, a partire da un doppio cannone standard anteriore, alternabile con un singolo posteriore, può utilizzare fino a 5 diverse armi, potenziabili tramite due pod rotanti. I suddetti bonus, una volta raccolti, sono visualizzati in una barra e selezionabili secondo necessità. Il veicolo, inoltre, può variare la propria velocità, selezionandola tra 4 “marce” differenti, per adattarsi a situazioni dove è indispensabile la massima rapidità, come ad altre dove, invece, si deve privilegiare la precisione della manovra.
    Quando una STYX è distrutta, l’eventuale doppio pod e l’arma in uso vengono perduti, mentre rimangono disponibili le altre e, comunque, i due armamenti “base” già descritti. Da notare che ai due livelli di difficoltà più alti (“Hard” e “Maniac), l’abbattimento della navicella comporta la perdita di tutti i potenziamenti collezionati.
    Gli unici altri bonus di TFIII sono: un classico scudo che viene meno dopo tre contatti con il nemico e le vite extra disseminate con relativa generosità in tutti i livelli e guadagnabili ogni 20000 punti.
    I primi 5 livelli possono essere affrontati in altrettante sequenze diverse, dato che il giocatore può scegliere tra questi lo stage da dove iniziare. Ogni quadro è preceduto da un semplice schema che rivela il nome del boss finale e il suo punto debole, informazione quest'ultima che, negli ultimi due stage, non verrà fornita.

    Nel corso del gioco non mancheranno le sorprese.
    La Techno Soft ha opportunamente inserito numerose varianti: improvvise accelerazioni dello scrolling, pareti rocciose semoventi, scorrimento irregolare, sezioni a scrolling diagonale e verticale, difficoltà di manovra dovuta alla spinta verso l’alto dell’acqua, ostacoli visivi di natura vegetale, punti dove si richiede assoluta precisione nel superare delle strettoie e zone dove, invece, si privilegia il blastaggio di massa.
    Il tutto è caratterizzato da una varietà soprendente, con boss di metà e di fine livello in tutti i primi 5 stage e un discreto assortimento di nemici, ben differenziati tra un livello e l’altro e senza fastidiosi “riciclaggi”.

    In Thunder Force III, dunque, azione, ritmo, velocità e divertimento blastatorio “puro” la fanno da padroni.
    Il solidissimo e super intuitivo meccanismo di gioco cattura il giocatore spingendolo a giocare e rigiocare, fino alla gratificante sequenza finale.
    Tutti gli stage sono divertenti e stimolanti e ogni player, che sia veterano del genere o neofita, può trovare pane per i propri denti con l’opportuna selezione, tramite l’apposita schermata delle opzioni, di uno dei 4 livelli di difficoltà.

    L'estetica è ottima, grazie ad un sapiente utilizzo dei colori e ad un design assolutamente brillante.
    Tutti i livelli mostrano cromatismi accesi da cartone animato e vivaci contrasti tra sprite e fondali, con nemici e proiettili che risultano, di conseguenza, sempre perfettamente visibili. I grafici, poi, hanno utilizzato generosamente la limitata tavolozza del Mega Drive, adottando uno stile particolarmente azzeccato e valorizzando in modo capillare la definizione complessiva.
    La fluidità è assolutamente impeccabile né turbata da rallentamenti, pur a fronte di una parallasse diffusa con sezioni multistrato, un fondale realizzato con un impressionante effetto raster di ondulazione, accelerazioni in presenza di numerosi elementi grafici e una concentrazione di nemici che va da relativamente alta a livello “Normal” a molto alta al difficilissimo “Maniac”.
    I boss di fine livello sono generalmente molto grandi e costituiti di numerosi sprite, talvolta concatenati a costituire efficaci quanto veloci e fluide animazioni modulari.



    Il sonoro, infine, costituisce la ciliegina sulla torta. Le musiche, infatti, sono straordinarie.
    Gli autori hanno adottato uno stile assolutamente peculiare, modulando la sintesi del MD in una timbrica synth-rock perfettamente adatta alla valorizzazione dell’atmosfera epica e drammatica, così come della frenesia dell’azione.
    La colonna sonora, pur completamente sintetizzata, riesce ad emozionare tramite composizioni ispirate ed orecchiabili e un approccio creativo ai chip audio che ne opera una concreta valorizzazione, manifestando una notevole versatilità e capacità di adattamento da parte dei musicisti.
    Gli FX, ugualmente synth-based (ad eccezione di pochi e brevi sample vocali), risentono un po’ della carenza di frequenze basse e risultano, quindi, poco convincenti nelle esplosioni, compensando, però, questo limite con la notevole varietà e la relativa incisività di alcuni di essi.



    Thunder Force III è sostanzialmente un coin-op di buonissimo livello realizzato per un sistema casalingo. Le sue principali caratteristiche, infatti, delineano uno shoot ‘em up di tipico stampo arcade la cui realizzazione tecnica può rivaleggiare con buona parte dei titoli del genere diffusi in sala giochi a cavallo tra '80 e '90. Sicuramente un must-have per ogni possessore di Mega Drive.




    Altre immagini:





    Commenti 11 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Congratulazioni a Technosoft è uno dei migliori shoot em up per megadrive che abbia mai visto
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da Robbey Visualizza Messaggio
      Congratulazioni a Technosoft è uno dei migliori shoot em up per megadrive che abbia mai visto
      sono d'accordo
    1. L'avatar di GFS
      GFS -
      Ricordo la valutazione esagerata che ricevette su K, qualcosa come 970, quando difficilmente anche i titoli migliori superavano 900. E la recensione si concludeva con 'meglio di un coin-op'... Fu questo titolo (insieme a ghouls'n ghosts) a farmi prendere il megadrive nonostante avessi già l'Amiga.
    1. L'avatar di zipfaster85
      zipfaster85 -
      Il IV è superiore...sembra impossibile ma è cosi', secondo me Thunderforce IV è sul podio dei migliori shmups di tutti i tempi....
    1. L'avatar di Tiger
      Tiger -
      Citazione Originariamente Scritto da zipfaster85 Visualizza Messaggio
      Il IV è superiore...sembra impossibile ma è cosi', secondo me Thunderforce IV è sul podio dei migliori shmups di tutti i tempi....
      assolutamente!!! Roar!
    1. L'avatar di astroganga
      astroganga -
      avevo un megadrive Pal e mi toccò comprare la versione ntsc x poterci giocare, l'adattatore che avevo mi faceva giocare a insector x e altri ma non thunderforce su console pal
    1. L'avatar di Axe_N_Sword
      Axe_N_Sword -
      diciamo che non è il mio genere preferito ma questo sembra proprio meritevole, appena posso gli do un'occhiata e nel caso lo prendo assieme a Dragon Ninja per NES
    1. L'avatar di Gedeone de Infortunis
      Gedeone de Infortunis -
      Complimenti per la recensione......ho la cartuccia nascosta da qualche parte in soffitta! Il sonoro lo defiinirei molto buono, straordinario mi pare troppo, soprattutto considerando quello che Technosoft ha tirato fuori dal quarto capitolo..
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da Gedeone de Infortunis Visualizza Messaggio
      Il sonoro lo defiinirei molto buono, straordinario mi pare troppo, soprattutto considerando quello che Technosoft ha tirato fuori dal quarto capitolo..
      Lo "straordinarie" non è un aggettivo che va riferito alla sola qualità tecnica (se fosse così, avrei scritto "tecnicamente straordinario"... e non a caso subito dopo parlo anche di "stile"), ma ha di fatto un valore globale.

      Poi che Thunder Force IV sia più raffinato anche sotto questo profilo è indiscutibile, ma TF III, a mio modo di vedere, rimane musicalmente straordinario per il fascino tutto particolare e per il peculiare "gasamento epico Made in Japan (TM)" che, secondo me, "comunicano" i brani... mentre il 4 è sì più elaborato, ma, sempre a mio avviso, è anche relativamente meno epico e, per l'appunto, meno "gasante".

      Va da sè che, al di là delle considerazioni di ordine tecnico, si tratta di opinioni assolutamente soggettive... ma lo "straordinarie" rende conto anche di queste ultime.
    1. L'avatar di Gedeone de Infortunis
      Gedeone de Infortunis -
      Citazione Originariamente Scritto da AlextheLioNet Visualizza Messaggio
      Lo "straordinarie" non è un aggettivo che va riferito alla sola qualità tecnica (se fosse così, avrei scritto "tecnicamente straordinario"... e non a caso subito dopo parlo anche di "stile"), ma ha di fatto un valore globale.

      Poi che Thunder Force IV sia più raffinato anche sotto questo profilo è indiscutibile, ma TF III, a mio modo di vedere, rimane musicalmente straordinario per il fascino tutto particolare e per il peculiare "gasamento epico Made in Japan (TM)" che, secondo me, "comunicano" i brani... mentre il 4 è sì più elaborato, ma, sempre a mio avviso, è anche relativamente meno epico e, per l'appunto, meno "gasante".

      Va da sè che, al di là delle considerazioni di ordine tecnico, si tratta di opinioni assolutamente soggettive... ma lo "straordinarie" rende conto anche di queste ultime.
      ...e infatti de gustibus eccetera

      io preferisco, sia tecnicamente che compositivamente le musiche del 4° capitolo, pur non mancando certo brani ottimi come quello del livello con le fiamme, quello subacqueo, o quello "invernale". Ma andando avanti nel gioco noto come un calo d'ispirazione (e composizioni meno raffinate acusticamente e come arrangiamenti), sempre Imho ovviamente.
      Anzi, ti dirò: gli preferisco le musiche del coeveo "Elemental Master", cazzute e piene di pathos
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da Gedeone de Infortunis Visualizza Messaggio
      Anzi, ti dirò: gli preferisco le musiche del coeveo "Elemental Master", cazzute e piene di pathos

      Quoto su Elemental Master!

      Dovendo scegliere tra la colonna sonora di TF III e EM, sceglierei anch'io quest'ultima!