Bubba'n'Stix | Retrogaming History
Registrati!
  • Bubba'n'Stix

    Bubba'n'Stix

    Eccoci qui, cari lettori di Retrogaming History, a parlare dell’ennesimo tentativo di conquista universale messo in atto dai nostri simpatici alieni. Questa volta, i noti esseri dall’intelligenza superiore, si sono ben convinti di prelevare una specie rappresentante di ogni pianeta visitato. Purtroppo per loro, non hanno fatto bene i conti, poiché arrivati sulla Terra prelevano la persona sbagliata. Un essere cui a confronto la loro mente superiore sarebbe risultata nulla, così come la forza, dinamicità, bellezza (vabbè, per quest’ultimo aspetto non che ci voglia poi tanto per essere migliori): hanno catturato Bubba, lo spazzino più in gamba del nostro pianeta! Dunque vestiremo la salopette di questo buffo personaggio che, però, scopriremo presto non essere solo. Difatti, durante il viaggio dopo la cattura, Bubba farà la conoscenza con tutte le altre specie imprigionate provenienti da altri pianeti, in particolare con uno dalla forma di bastone circolare dal nome Stix. Trovatisi entrambi nella stessa situazione, i due, coadiuvati da una reciproca simpatia, decidono di affrontare i pericoli in cui si sono loro malgrado ritrovati facendo affidamento l’uno su l’altro per poter cosi ritornare a casa sani e salvi.


    Ecco la storia di Bubba’n’Stix, fantasiosa e buffa quanto basta, come meglio si addice a questa tipologia di gioco. Ma di quale genere parliamo? Del platform game, cari lettori, ma sapientemente mescolato con il puzzle game. Poiché se è vero che Bubba come rappresentante terrestre corre e salta normalmente, il fido collega Stix, dalla forma di bastone, può essere solo trasportato e usato al meglio delle proprie capacità. L’uno non potrebbe venir meno all’altro, ecco perché, capiremo presto, che per un corretto superamento degli ostacoli dovremo far interagire le due specie in tantissimi modi particolarmente ingegnosi.

    Come dicevo, Bubba’n’Stix è un platform game completamente ibridato al puzzle, dove ad ogni piattaforma saltata equivarrà un enigma da risolvere. La struttura è perfettamente mista, senza che un genere possa sovrastare l’altro, cosi come accade per i due personaggi protagonisti di quest’avventura, entrambi utili al raggiungimento dello scopo finale.

    La grafica si presenta in puro stile cartoon, facendo sfoggio di buone animazioni. Il nostro spazzino intergalattico è animato con tutta una serie di movenze veramente ben eseguite, cosi come per tutto il resto dello scenario, egregiamente disegnato e vivo intorno a noi. Tecnicamente il gioco propone un buon uso del parallasse accoppiato a uno scrolling sempre fluido e privo d’incertezze. Il sonoro presenta una pecca tipica di tanti giochi Amiga su floppy, la scelta di giocare con la musica attiva o con i soli sfx. Entrambi sono ben fatti, certo, ma presi singolarmente svuotano leggermente l’atmosfera di gioco. Diversamente la versione Amiga CD32 ci permette di usufruire sia di musica sia di effetti sonori attivi durante la partita, tramutando i moduli presenti su floppy in tracce audio di qualità CD veramente gradevoli. La versione CD32 è anche arricchita da presentazione e relativo finale con filmati in stile cartone animato di buona fattura. Il resto del gioco è sostanzialmente invariato, restando uguale anche nel controllo che non fa uso pieno del joypad CD32, dandoci “solo”la possibilità di usare il secondo tasto fire invece del canonico singolo da joystick.

    Benché vi abbia detto che il gioco faccia fortemente perno sui puzzle da risolvere, inizialmente Bubba’n’Stix si potrebbe rivelare ostico da padroneggiare, complice un frenetico metodo di controllo. Il nostro personaggio “schizza” ad ogni impulso dato al joypad/stick, capiterà spesso, infatti, di urtare contro qualche nemico poiché arrivatigli contro troppo velocemente da non riuscire a schivarlo nel tempo dovuto. Sarà comunque questione di poca pratica prima di avere tutto sotto controllo, imparando come usare Stix nel migliore dei modi anche per combattere, prendendo letteralmente a bastonate i nemici usandolo come se fosse una mazza da baseball.



    Cinque i livelli da superare per mettere fine all’ennesimo piano di conquista da parte degli alieni cattivi, tutti ben caratterizzati e mostrati tramite una mappa che delineerà il nostro tragitto. Ogni livello superato ci lascerà la sua bella password, e ci saranno anche determinati schemi bonus giocabili solo se attivati durante l’ultimo quadro affrontato, a voi tutto il gusto di scoprirne il come.




    Nota:

    • Bubba’n’Stix oltre che per i formati Amiga, è disponibile anche per il Sega Megadrive.Questa versione si farà notare subito per un netto irrobustimento sul piano del parallasse, a discapito di una risoluzione leggermente inferiore, oltre alla perdita di colore nel fondale, che su Amiga faceva pienamente uso del famigerato effetto copper. Anche il sonoro peggiora, facendosi ascoltare col classico “gracchiare” caro alla console Sega a 16 bit. Per il resto equivale a tutto quanto descritto in sede di recensione, quindi un valido titolo tutto da ri-giocare.



    "Buon misto tra due generi questo Bubba’n’Stix, non c’è che dire. Forse potrebbe venire a noia sul lungo andare per un ripetersi dell’azione che prevede una risoluzione di puzzle per ogni passo compiuto, ma ciò non toglie che saprà ugualmente regalare ore di sano intrattenimento videogiocoso. Core Design si mostra maestra del genere anche nel 1994, mettendo con Bubba’n’Stix un’ennesima ottima tacca sul proprio cinturone di creazioni videoludiche. Caldamente consigliato questo bel prodotto, qualunque sia la versione scelta. Restando in casa Amiga puntate serenamente sulla versione CD32, sicuramente più”completa” della controparte floppy."

    Maurizio"Amy-Mor"Tirone




    Altre immagini:






    Commenti 4 Commenti
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Simpatico Bubba 'n' Stix... ebbi modo di giocare alla versione Mega Drive noleggiandola per curiosità.

      Come è descritto nell'articolo la versione per il 16 bit Sega è molto simile a quella per Amiga che, tuttavia, beneficia di un esteticamente gradevole "gradiente Copper" e del sonoro decisamente più raffinato (anche se, secondo me, l'audio della versione per console è più debole e "minimalista" -direi quasi "dimesso"- che non "gracchiante").

      Se, tuttavia, la risoluzione della versione Commodore sarebbe teoricamente più alta di quella del 16 bit Sega (320X256 -Amiga- > 320X224 -Mega Drive - "effettiva"-), in pratica in questo titolo non risulta valorizzata in pieno a causa della presenza dei "classici" bordi neri che delimitano la finestra video, appunto, "effettiva" ("al netto" dei bordi) ad una più "modesta" 284X208.
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      QUesto gioco lo ho provato su cd32 e devo dire che è fantastico,
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Eccezionale gioco di platform e puzzle dei bei tempi della Core .Ho la versione CD32 ed è fantastica con la sue presentazioni a cartone animato . voto 7,5

      Amy-Mor ,le miglior recensini sono le tue
    1. L'avatar di Goulstin
      Goulstin -
      Non ho mai avuto modo di poter giocare a questo gioco nella versione CD32, mentre, l'avevo per Amiga in versione Floppy (mi bloccavo sempre allo stesso punto e non lo continuavo mai!).
      La cosa che mi ha sempre incuriosito: poterne vedere altre versioni!

      Per quanto riguarda queste in particolare:
      Sapendo che la differenza tra le due, considerato il contenuto (nonché la capacità dei due supporti) era più 'ampio' nell'una, rispetto all'altra, mi sono incuriosito di sapere cosa contenesse di differente (qualcosa in più, mi auguro! Ma già ho letto di filmati...).
      Mi riprometto di constatarlo non appena ne avrò l'occasione.

      Questo gioco l'ho sempre cercato per Dos, ma non sapevo (fino a che non me ne sono accertato!) che non esistesse in quel 'formato' !
      Perché non l'hanno fatto, non l'ho mai capito!

      Saluti!