Sandro "Sunstoppable" Prete | Retrogaming History
Registrati!
  • Sandro "Sunstoppable" Prete - Fondatore e Admin

    Sandro "Sunstoppable" Prete - Fondatore e Admin

    Taratatattarara... tarattatatarara... (alla Uomini e Donne). Salve a tutti, mi presento, mi chiamo Sandro "Sunstoppable" Prete, napoletano nato in un freddo giorno di un freddo mese del 1981. Sunstoppable perchè, oltre ad avere una nomination come nickname più lungo del forum, è un termine coniato da uno dei miei capo villaggio all'epoca delle mie avventure da animatore turistico: l'inarrestabile Sandro proprio per sottolineare la mia inusuale, quanto grande, forza fisica.

    I videogiochi per me sono stati sempre una grande forma di compagnia e mi hanno accompagnato praticamente da quando avevo cinque anni sino ad oggi. La mia carriera da videogiocatore iniziò il giorno della befana quando a me e mio fratello Snake (che saluto) venne regalato uno sfavillante Atari 2600. La gioia nel muovere tutte quelle bacchette colorate fu grande e, nonostante l'aspetto "semplice" dei giochi, non mancarono di appassionarmi. Il mio gioco dell'epoca: Realsports Volleyball.

    Passano gli anni e mi trasformo in un "salagiocaro": e via di pomeriggi e intere domeniche passate con gli amici nelle peggiori sale giochi della zona (tutto rigorosamente tenuto all'oscuro alla mamma). Come non citare "Las Vegas", sala giochi enorme, piena di cabinati, ma anche piena di tamarri "cerca gettone" (tanti che ce n'erano che mi viene il dubbio che invece di ragazzi erano dei robot fabbricati dai gestori stessi con pezzi di vecchi coin op). Storica.

    La mia carriera continua con un mitico Amstrad CPC 464 e le mille partite ai vari Roland (una sorta di mascotte che faceva i lavori più disparati), Ghostbuster II e Kane fino ad arrivare ad un Natale quando approdò in casa il bellissimo Sega Master System II, console che amo e che mi ha regalato tanto divertimento. Mi ricordo ancora la scena: aprii il pacco e presi il Master System e iniziai a ballare come un fesso con esso. Amore a prima vista.

    Dopo un periodo un po' moscio, ai fratelli Prete viene regalato alla prima comunione un vecchio ma importante Amiga 600. E' la svolta: da lì mi appassionai veramente ai videogiochini (viva Sensible World of Soccer, volevo dirvelo), iniziai a capire cos'era un megabyte e decisi pure di comprare e seguire una certa rivista come The Game Machine (poi sono venute tutte le altre, Mega e Super console in primis).
    Anche se Street Fighter II su Amiga faceva pena, quando lo vidi vennero le lacrime, sia a me per la felicità di poter avere a casa il capolavoro Capcom sia a miei amici per l'invidia.
    Dal mitico home computer Commodore è nata la grande passione che mi (ci, insieme a Snake) ha portato a tenere le console che più piacevano ed ognuna di esse ha segnato un ricordo indelebile in me: si va dallo Snes e la magnifica trilogia di Donkey Kong Country, allo stupore di vedere Mario in 3D grazie al Nintendo 64 (mitico lo scherzo che feci a Snake, leggete la sua scheda per capire). Dalla Psx e i suoi bellissimi JRPG Square (ho scoperto che Square non era solo Final Fantasy) alla grande Dreamcast e la mascella cascata a terra quando vidi Soul Calibur. Per non parlare di PS2 e il suo maledetto pulsante posizionato dietro alla console (sarà stata l'emozione ma non me ne accorsi proprio che si accendeva da lì la console), del GameCube nero perchè secondo il negoziante faceva più maschio e di quel "cascettone" dell'XBox fallato (ma subito riparato, bisogna ammetterlo) comprato solo per giocare all'inarrivabile Shenmue 2 e Jet Set Radio Future. Via via fino ad arrivare a prendere ogni nuova console che esce.
    Sul fronte generi, vi devo ammettere che mi piace tutto o quasi. Diciamo che evito come la peste simulatori di vita (The Sims lo odio), gestionali (apparte quelli calcistici) e rpg strategici tipo Final Fantasy Tactics.
    Mi sono avvicinato al retrogaming grazie al PC e i suoi emulatori dove ho potuto assaporare opere d'arte che non ebbi la possibilità di giocare, in più, il mio grande animo nostalgico mi ha fatto rispolverare giochi passati anche per sentire, giusto per un attimo, il profumo di periodi di grande felicità personale, quando la spensieratezza regnava nella mia mente.

    Nome e Cognome: Sandro Prete

    Nickname: Sunstoppable

    Email: s_prete@msn.com

    Giochi preferiti: California Games, Sensible World of Soccer, Monkey Island (1, 2 e 3), Indiana Jones and Fate of Atlantis, Street Fighter II, Metal Gear Solid (tutti i capitoli), Super Mario World, Zelda: Ocarina of Time, Shenmue, Jet Set Radio... e molti ma molti altri...