Bloody Roar Extreme- Xbox | Retrogaming History
Registrati!
  • Bloody Roar Extreme

    Bloody Roar Extreme

    Il picchiaduro arcade deve essere semplice divertente e intuitivo, ma capace, con studio e approfondimento, di uno spessore tattico notevole. Questo è ciò che la vecchia scuola Capcom ci ha insegnato e questo è ciò che Hudson Soft ha realizzato. Bloody Roar extreme è un picchiaduro su base bidimensionale con la possibilità di muoversi intorno all’avversario effettuando spettacolari schivate. Su base bidimensionale perché come street fighter gli incontri si svolgono su una linea e il D-pad si usa per avanzare/arretrare, abbassarsi /saltare, proprio come il mitico gioco. Ma la giocabilità del titolo merita un approfondimento maggiore: premendo due volte velocemente verso il basso sarà possibile accovacciarsi al suolo (un ulteriore metodo per schivare degli attacchi per poi eseguire pericolose combo) mentre premendo due volte da un lato si balzerà all’indietro sempre per schivare pericolose combinazioni oppure si scatterà verso il nemico; premendo i grilletti invece si potrà girare intorno all’avversario disorientandolo, trasformando quindi il sistema di gioco da bidimensionale a tridimensionale. Le combo e le mosse speciali si ottengono eseguendo semplici combinazioni, sarà difficile infatti non riuscire a fare ciò che veramente vogliamo e la sconfitta avviene non perché abbiamo premuto male i tasti o non sappiamo che mosse fare, ma semplicemente perché abbiamo usato le mosse sbagliate al momento sbagliato.

    Ma se il sistema di combattimento si può definire come un’evoluzione del classico stile cosa che rende Bloody Roar veramente diverso dalla massa? Semplice: la possibilità di trasformare il proprio personaggio in un animale e quindi di poter usufruire in tal momento di un nuovo set devastante di mosse speciali. Le trasformazioni avvengono premendo un solo tasto e sempre con il medesimo tasto si potrà eseguire le nuove mosse. Tutte le trasformazioni sono altamente spettacolari e raddoppiano di fatto il numero di personaggi disponibile che per quanto esiguo (solo 12) è ben caratterizzato e differenziato.



    Altro punto da apprezzare in questo gioco e che spesso viene sottovalutato è l’eliminazione dei tempi morti, mi spiego: quando si viene colpiti violentemente è usuale far cadere il personaggio a terra e far passare qualche secondo per farlo rialzare. Questa noiosa e fastidiosa perdita di tempo che spezza la freneticità del combattimento in Bloody è stata eliminata permettendoci, premendo velocemente un tasto, di rialzarsi immediatamente e addirittura se ci troviamo in volo, di ricomporsi dai colpi subiti con la possibilità di contrattaccare subito senza nemmeno aver toccato il suolo. Il tutto rende estremamente adrenalinico il combattimento facendo scorrere fluida tutta la sequenza di lotta.

    Inutile dire che questo fighting game da il meglio di se se giocato in due e se il livello di abilità dei giocatori è alto lo spettacolo su schermo sarà direttamente esponenziale alle loro capacità ludiche.



    Graficamente il titolo è ben realizzato, con personaggi enormi e saparati a 60 fotogrammi su schermo con una fluidità da primato, le arene sono relativamente spoglie ma comunque discrete con una certa interattività, sarà infatti possibile saltare sui muri divisori che limitano i ring oppure distruggerli facendo uscire il personaggio con conseguente sconfitta. E’ stata anche inserita in alcuni stage la possibilità di combattere su più livelli, cadendo infatti fuori dal ring in alcune circostanze ci ritroveremo a combattere in aree diverse.

    A corredo vi è un buon sonoro rockeggiante e ottimi effetti speciali che riescono a dare la sensazione di far male.

    Non mi rimane che consigliare questo gran gioco a tutti gli amanti dei buoni picchia picchia e sperare che Hudson ci ripensi e sforni un nuovo Bloody Roar Next Generation!



    "Un picchiaduro completo con ottimi spunti innovativi che non ha niente da invidiare ai ben più blasonati colleghi usciti al suo tempo e non solo. Il suddetto gioco è stato notevolmente sottovalutato dalla critica specializzata, a tal punto che nonostante le numerose versioni (questa è in realtà la quinta incarnazione del titolo) la Hudson ha deciso di non continuare con questo brand concludendo la saga con quest’ultimo episodio. Un vero gran peccato oserei dire poiché Bloody Roar aveva ancora diverse cartucce da sparare e sicuramente poteva superare titoli ben più pubblicizzati ma allo stesso tempo più noiosi e privi d’innovazione."





    Altre immagini:



    Commenti 5 Commenti
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Giocato tantissimo il primo titolo di questa minisaga su PlayOne, che trovavo veramente un gran bel gioco!Mi gasava trasformarmi in bestia!!!!
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      bellino, lo devo recuperare,
    1. L'avatar di davi12_99
      davi12_99 -
      raga io ho la versione per gamecube purtroppo solo jap (non e il primal fury) bellissimo e mi diverto un modo le animazioni sono paurose e il gameplay e fluidissimo bello bello bello
    1. L'avatar di Cthulhu
      Cthulhu -
      Io l'ho sempre amato, dal primo su Psx al 4 su Ps2, divertente ed originale, sicuramente più degno di restare in vita rispetto a Tekken.
    1. L'avatar di hannibal the king
      hannibal the king -
      Spero che questo brand risorga... non meritava questo abbandono prematuro. Era un signor picchiaduro!