Space Ace - Lasergame | Retrogaming History
Registrati!
  • Space Ace

    Space Ace

    Space Ace è il secondo titolo nato dalla collaborazione di Don Bluth Studios, RDI Video Systems (prima chiamata AMS) e Cinematronics, altrimenti noti con il nome “Magicom”. Il gioco esce nell’ottobre 1983 in America, 4 mesi dopo Dragon's Lair.

    Storia
    Space Ace racconta le avventure del muscoloso eroe Ace, del malvagio comandante Borf e della fidanzata di Ace, Kimberly.
    Borf con il suo "Infanto Ray" attacca Ace. L'arma di Borf fa regredire allo stadio adolescenziale le persone colpite. Una volta colpito Ace, Borf riesce a rapire la sua fidanzata Kimberly e a questo punto il compito del giocatore è quello di guidare Dexter, così viene chiamato l'adolescente Ace, attraverso una serie di ostacoli alla ricerca di Borf nel tentativo di salvare Kimberly e di impedire a Borf di conquistare il mondo.

    Accenni storici e hardware del gioco
    Questo nuovo gioco introduceva una vera e propria storia, la quale si svolgeva in un crescendo mentre il giocatore andava avanti con colpi di scena degni di un film, cosa che non accadeva in Dragon's Lair, dove le varie sequenze non erano unite tra loro ma venivano risolte singolarmente, dando l'impressione di risolvere singole "stanze" e non di svolgere una vera trama.
    Oltre alla trama da vero film, c'era anche una colonna sonora con effetti audio degni di un cartone animato da sala cinematografica, anche se per il doppiaggio hanno usato le voci di disegnatori e collaboratori:

    -Michael Rye (come nel precedente gioco) è il Narratore
    -Jeff Etter (disegnatore) dona la sua voce al coraggioso Space ace
    -Will Finn (animatore/story board) dona la sua voce al piccolo Dexter
    -Lorna Pomeroy (animatrice e moglie John Pomeroy, il co-produttore) doppia la bella Kimberly.
    -Don Bluth (co-produttore e disegnatore ) doppia il cattivo Borf (la sua voce era modificata elettronicamente).
    -Chrystopher Stone ha creato la musica come nel precedente DL.

    Un'ulteriore novità era la possibilità di selezionare il livello di difficoltà che offriva sviluppi multipli della trama. All'inizio del gioco si poteva scegliere fra tre livelli di difficoltà: "Cadet", "Captain" o "Ace" rispettivamente corrispondenti a un livello facile, medio e difficile.
    Solo scegliendo il livello "Ace" il giocatore aveva la possibilità di vedere tutte le sequenze animate del gioco (mentre al livello facile se ne potevano vedere solo metà).
    Oltre a tutto questo, il programma di Space Ace, sempre ideato e sviluppato da Rick Dyer, era migliore rispetto a Dragon's Lair.
    Il programma era cosi ottimizzato da avere un accesso al disco (controllo del laser player) notevolmente piu' veloce, tanto da far pensare a molti che elettronica e lettore fossero di diversa fattura rispetto a Dragon's Lair, mentre era tutto merito del programma.



    Space Ace venne reso disponibile in due versioni: cabinato dedicato, venduto già completo di tutto e pronto per l’uso, o in kit.
    Il kit serviva per la conversione dei cabinati da Dragon's Lair in Space Ace a un costo piu' contenuto.
    I kit erano cosi composti: 1 laserdisc di Space Ace, nuovo set di EPROM contenente il programma del gioco, una scheda addizionale per aggiungere i pulsanti necessari a selezionare i 3 livelli di difficoltà e artwork addizionali per trasformare esteticamente il cabinato.
    Il lettore usato nel kit era il PIONEER LD-V1000 mentre per le primissime versioni di Dragon's Lair veniva usato il lettore PIONEER PR-7820.
    Nelle versioni dedicate, invece, il lettore usato era sempre e solo il PIONEER LD-V1000. Questo per quello che riguarda la versione Americana.

    Le versione Sidam (versione Italiana) era composta da due versioni: una in kit, l’altra in cab originale dedicato direttamente costruito in fabbrica.

    Il kit comprendeva il disco (in formato pal), un CPO serigrafato (non era un adesivo da attaccare), una marquee (insegna luminosa) e, ovviamente, il set di EPROM, ma non vi era il circuito di selezione livello perchè era selezionabile direttamente a video tramite il joy.

    Esisteva anche una versione EUROPEA.
    Questa era prodotta dalla Atari che, stando alle mie informazioni, era venduta solo dedicata e non in kit di conversione.
    Da notare che nelle versioni Atari e Sidam il lettore era il philips VP932 e montavano il medesimo hardware entrambe.
    In tutte le versioni Usa, Atari o Sidam, lo schema di gioco e' identico senza variazione di mosse nè di livello difficoltà.


    Impressioni di gioco:
    Sono un fortunato possessore del cab originale e ci gioco quando posso.
    Il gioco è il capolavoro di Don Bluth e compagni e si vede sin dal primo schema, coinvolgente e con una musica incalzante in stereofonia.
    La possibilità di poter “scegliere”, nei punti prestabiliti, se rimanere il piccolo Dexter o diventare il grande e coraggioso Ace, da quel tocco in più rispetto a tutti.
    Questa opzione dà la sensazione di poter cambiare la storia e di essere noi padroni del cartone animato. Il gioco è splendidamente equilibrato nella sua difficoltà così da risultare semplice all’inizio, ma con lo scorrere delle mosse diviene sempre più complicato, seppur non impossibile.
    Le mosse sono molto più precise e il tempo di reazione è ridotto al minimo rispetto a Dragon’s Lair.
    Inoltre, la possibilità di scegliere la difficoltà all’inizio del gioco permette una longevità maggiore e avvicina tutti, sia i principianti, che possono iniziare con il livello “cadet”, che per gli esperti, i quali possono passare direttamente all’livello “ace”.

    La differenza dei livelli è semplice:

    -Cadet (facile): è più corta la storia e mancano alcuni schemi come quello dei “pattini”;
    -Captain (medio): qui i filmati sono tutti quelli presenti sul disco e le mosse richiedono più precisione;
    -Ace (difficile): anche qui i filmati sono tutti, ma le mosse hanno pochissima tolleranza e vanno date al millesimo.

    Oltre a tutto questo, ci sono molti intermezzi divertenti nel gioco, come il dialogo tra Ace e Kimberly mentre fuggono con la moto da mostriciattoli vari:

    Ace: Cosa fai stasera?
    Kimberly: sii serio...
    Ace: Ma io lo sono!!

    Anche la fine è molto divertente e appagante, vista la sua difficoltà leggermente superiore a tutto il gioco.

    COMMENTO FINALE


    "Cosa dire ancora se non che giocare con un cartone animato di questo calibro non è cosa da poco e come esperienza va assolutamente provata."

    Igor "Igorstellar" Maggiorelli





    Altre immagini:



    Commenti 12 Commenti
    1. L'avatar di Lukezab
      Lukezab -
      due parole: UN CAPOLAVORO....

      eh! avessi pure io il cabinato originale..... quanto la fai pagare una partita Igor?
    1. L'avatar di igorstellar
      igorstellar -
      500 Lire
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Il mio laser game preferito, Igor non hai idea di quanto ti invidi per il cabinato che possiedi
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Space Ace... come non ricordarlo con piacere!
      Un altro gioiello d'animazione di Don Bluth con il solito ottimo design e l'usuale ricchezza di fotogrammi che caratterizzano l'ex autore Disney.
      Come esposto nell'articolo, Space Ace era realmente più "player-friendly" di Dragon's Lair, grazie ai livelli di difficoltà.
      A me non dispiaceva anche per il ritmo incalzante dell'azione, per l'ironia (spesso giocata sulle buffissime smorfie dei personaggi) più pervasiva rispetto a Dragon's Lair (che confinava gli elementi "comici" alle morti dell'eroe), la trovata della trasformazione in ragazzo (Ace / Dexter) e i conseguenti (e spesso esilaranti) colpi di scena, la maggior varietà, la ricchezza di musica (un bel rock incalzante firmato dal musicista francese Metaphonic, autore anche delle colonne sonore dei titoli della Genias) e dei potenti FX.
      Una cosa era certa: Space Ace NON passava inosservato in sala giochi... esercitava una certa attrazione e, nei limiti del genere, era anche abbastanza godibile.
      Ottima recensione!
    1. L'avatar di akarabat
      akarabat -
      "...I've been kidnapped by aliens..." Gran giocone laser insuperato dal punto di vista di tecnica del cartoon oltre che dal punto di vista della difficoltà selezionabile. Sbaglio o è stato rieditato nel 1991 per gli arcade con lievi modifiche alle mosse assieme all'uscita di DL Timewarp ?
    1. L'avatar di cino77
      cino77 -
      ciao igorstellar..ce l'ho con te...non puoi fare queste recensioni!!!!!mi emozionano mi portano indietro nel tempo!!! :-(!!!!!!!!!!!!sei un mito!!!!adesso ho a casa giochi che se li avessi visti 20 anni fa..........eppure mi dirai che sono cretino gli arcade a pagamento mi mancano tanto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! !!!!
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Provato anche questo all'Acquigames..bello bello bello
    1. L'avatar di igorstellar
      igorstellar -
      hehehe
      vedo che è piaciuta la mia recensione
      grazie a tutti
      io ho cercato di far trasparire tutta la mia passione per questo gioco
      è un MUST in qualsiasi versione la giocate
    1. L'avatar di MacDLSA
      MacDLSA -
      Ed ecco, recensito con la solita grande perizia tecnica dal nostro immenso Igorstellar, il secondo capolavoro di animazione videoludica di Mr.Bluth !

      ... pensate che una delle sfide più "combattute" al tempo nelle "nostre" sale giochi era quella di giocare e NON GUARDARE il monitor !
      "Sacrificare" cotanta beltà visiva (in particolar modo quando Kimmy mostra spavaldamente il suo lato B provvisto di uno slip appena accennato... ) per dimostrare di aver "studiato" a fondo la partita da me registrata su di una audiocassetta !

      CHE ???!?!?!?!?
      AUDIOcassetta ?!?!?!!


      Come accadde giusto qualche mese prima con Dragon's Lair, mi feci prestare un maxi-registratore stereo (tipo quelli che si potevano vedere appoggiati sopra le spalle di energumeni di colore in alcuni americanissimi telefilm in TV...) che posizionai sul vetro del gioco, lasciandomi in tal modo solamente una mano per giocare ed una finestra di visione pari a circa un terzo del monitor (allora non esistevano mini-recorder a prezzi "consumer"...), e che utilizzai, appunto, per registrare tale cassetta (che possiedo ancora oggi !!! ... una semplice "Basf" al ferro, da 60 minuti).
      Ne feci alcune copie (in mono, ovviamente... l'originale stereo doveva essere solo mia !!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ) con gli stessi due registratori che adoperavo per copiare le cassette dello ZX Spectrum prima e del il C=64 poi (), le detti agli amici "Dragon/Ace players" e...

      Quando si giocava ci si metteva DI FIANCO al cabinato o addirittura ci si girava di spalle al gioco (!!!) e si "sbirciava" il monitor per una frazione di secondo solamente ad inizio livello, in modo da vedere DOVE ci si trovava o da che parte era girato Dexter (o Dirk, nel caso di DL) per poter capire qual'era la prima mossa da fare (ricordo "ai più" che sia in SA che in DL la maggior parte dei livelli/stanze sono stati REPLICATI in maniera SPECULARE... ci si trova, quindi, a gocare un livello in cui la prima mossa dovrà essere a sinistra mentre nello stesso livello giocato la partita precedente tale prima mossa era a destra...).
      Interessante, vero ?

      ... ah, che bella gioventù... quando non si aveva proprio un c...o da fare e si pensava solo alla pass..ina, alla discoteca e ai videogiochi...
    1. L'avatar di igorstellar
      igorstellar -
      hhehehe
      io facevo una cosa simile , che oggi non mi riesce piu.
      a i tempi io appoggiavo un orecchio al lato del mobile e giocavo con una mano
      anche se lo facevo solo su DL era divertente vedere la gente che rimaneva di sasso dal mio modo di finire il gioco ...
      bei tempi andati
    1. L'avatar di MacDLSA
      MacDLSA -
      Citazione Originariamente Scritto da igorstellar Visualizza Messaggio
      hhehehe
      io facevo una cosa simile , che oggi non mi riesce piu.
      a i tempi io appoggiavo un orecchio al lato del mobile e giocavo con una mano
      anche se lo facevo solo su DL era divertente vedere la gente che rimaneva di sasso dal mio modo di finire il gioco ...
      bei tempi andati
      Spoiler:

      Non è proprio "appoggiando l'orecchio sul cassone" ma penso che "possa andare"...
      I tempi sono andati, ma Dragon's Lair non conosce nè epoche nè confini !

      [nota: anche Space Ace non conosce nè epoche...blabla, ma io sì, ed infatti non riesco più a finirlo in questo modo !]
    1. L'avatar di igorstellar
      igorstellar -
      io manco ci provo .....
      purtroppo quando si dice che la SFIGA ci vede benissimo è vero
      ho un fastidioso FISCHIO al orecchio SX che mi impedisce di sentire i suoni in modo perfetto
      li sento tutti DISTORTI
      mi è stato detto che è cosa che si puo curare ed è colpa della mia pressione alta ...

      alcune volte penso di essere un CASSONETTO .... sono pieno di guai