Xenogears - Playstation | Retrogaming History
Registrati!
  • Xenogears

    Xenogears

    Xenogears è un gioco di ruolo per Playstation prodotto dalla Squaresoft, e questo potrebbe già di per se essere sufficiente per porre fine a quest’articolo e consigliarvi di reperire quanto prima i due CD che contengono l’opera in questione. Anche se tale raccomandazione rimane comunque valida, mai come in questo caso il condizionale si rende d’obbligo, in quanto questo jrpg d’impostazione futuristica ha alle sue spalle una storia talmente travagliata da riflettersi negativamente sul prodotto finito.
    Concepito originariamente come il quinto di sei capitoli (un po’ alla Star Wars tanto per intenderci), il progetto venne purtroppo abbandonato dalla Square mentre il gioco era ancora in fase di realizzazione, decisione che ha comportato il rilascio sul mercato di un prodotto “mutilato” nella sua parte finale. Una simile linea appare quantomeno incomprensibile alla luce delle indiscusse qualità del titolo, che come vedremo in seguito possedeva tutte le carte in regola per bissare e, perché no, superare l’enorme successo della serie Final Fantasy. Ancora più ingiustificata appare inoltre la sua mancata localizzazione per il mercato europeo, nonostante l’enorme successo ottenuto l’anno precedente dalle gesta di Cloud e compagni anche dalle nostre parti.

    Gli elementi originali all’interno di Xenogears non mancano di certo, a partire dall’impianto grafico, che può essere giustamente definito come un FFVII al contrario, ossia con personaggi 2D inseriti all’interno di location interamente poligonali. Sebbene una simile impostazione finisca col negare al titolo quella spettacolarità di stampo cinematografico che contraddistinse la saga dedicata ai Chocobo nelle sue tre incarnazioni sulla PSX, è altrettanto vero che tutto ciò rende possibile una maggiore interazione con gli scenari, che risultano comunque splendidamente realizzati. Quest’ultimi, oltre a poter essere ruotati liberamente in otto direzioni, permettono l’introduzione di alcune di quelle meccaniche tipiche di un platform: con i nostri personaggi in grado di compiere lunghi balzi e buona parte degli enigmi basati sullo sfruttamento di tale capacità. Anche il sistema di combattimento spicca per originalità e tecnicismo, prevedendo tra l’altro due diverse modalità di gioco: la classica da “appiedati” e quella a bordo dei possenti “gears”, ossia degli enormi robottoni dalle sembianze umanoidi. Soprattutto quest’ultima si dimostra particolarmente interessante, dato che il consumo delle nostre limitate scorte di carburante renderà necessaria l’ottimizzazione di ogni singolo attacco, i quali risultano basati su di un divertentissimo sistema di combo. Tali attacchi in sequenza, specifici per ogni personaggio, oltre a rendere i combattimenti casuali molto più vari e spettacolari, ci consentiranno nei livelli avanzati di abbinare ai nostri colpi uno dei quattro canonici elementi (terra, aria, acqua e fuoco), aumentando di conseguenza anche l’aspetto strategico. Ma ciò che maggiormente impressiona in questo Xenogears è sicuramente la storia, tanto affascinante quanto complessa, nella quale trovano ampio spazio tematiche di natura escatologica ed esistenziale, con chiari riferimenti alla filosofia di Nietzsche.
    Nonostante l’ambientazione pseudo-futuristica si sposi alla perfezione con le potenzialità di quella computer grafica nella quale la Squaresoft ha più volte dimostrato di essere maestra, in Xenogears tale tipo di soluzione estetica non trova alcun tipo d’impiego. Al suo posto troveremo invece alcuni splendidi filmati in stile “anime” realizzati dal talentuoso studio “I.G. Productions”, lo stesso della famosissima serie “Neon Genesis Evangelion” (con la quale il gioco ha non a caso svariati punti di contatto), che non faranno assolutamente rimpiangere una simile scelta stilistica.

    Un’eccellente realizzazione tecnica, un sistema di combattimento divertente ed articolato e una storia quanto mai affascinante, non bastano comunque per fare di Xenogears un capolavoro assoluto e questo per i motivi a cui si accennava all’inizio dell’articolo. Se durante il primo disco, che ospita le prime quaranta ore di gioco, tutto sembra scivolare via liscio, le magagne inizieranno non appena avremo inserito il secondo CD nel lettore della nostra Playstation. In questa parte dell’avventura si assiste infatti ad una drastica riduzione delle sezioni giocate, che verranno sostituite da lunghissimi quanto complessi monologhi da parte dei protagonisti. Al giocatore verrà chiesto d’intervenire solamente per esplorare alcuni piccoli dungeon e per combattere con gl’immancabili quanto numerosi boss finali. Il senso di delusione che si prova di fronte a tutto ciò è tanto più elevato quanto più ci saremo fatti coinvolgere ed ammaliare dalla prima parte. Rimpianto che si fa ancora più grande alla luce degli ottimi enigmi presenti nelle sparute sezioni giocate, e in alcune splendide location visibili durante i monologhi, ma nelle quali non ci verrà mai consentito d’entrare. Cosa sarebbe potuto diventare Xenogears senza il drastico taglio di fondi non lo sapremo mai, anche se è ben facile immaginarlo. Abbandonata la Square alcuni membri del team responsabile del progetto hanno tentato di dare un seguito al loro lavoro rilasciando altri tre episodi per PS2 con il titolo di “Xenosaga”. Cambio di moniker resosi necessario vista l’assurda decisione da parte della software house di tenere per sè dei diritti che a quanto pare non intende più sfruttare. Tali tentativi, per quanto lodevoli, non sono purtroppo riusciti a raggiungere le stesse vette d’eccellenza espresse dal qui presente nei suoi momenti migliori.




    "Cos’altro dire di questo gioco? Sicuramente che ci troviamo al cospetto di un titolo veramente valido, che per l’intera durata della prima parte esprime quanto di meglio abbia saputo fare la Squaresoft durante il suo periodo di maggior splendore. Un titolo che non può pertanto mancare nella collezione di qualsiasi amante del genere, non fosse altro per la grande occasione mancata che questo rappresenta. Certo è che alla fine di tutto un po’ d’amaro in bocca comunque resta."


    Emiliano "Mastergen" Valori





    Altre immagini:




    Commenti 9 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Non è il mio genere ma nel complesso è un bel gioco
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da Robbey Visualizza Messaggio
      Non è il mio genere ma nel complesso è un bel gioco
      questo è un signor gioco..quando la squaresoft faceva..anzi sfornava piccoli capolavori
    1. L'avatar di Ricki
      Ricki -
      Citazione Originariamente Scritto da Jamitov Hymem Visualizza Messaggio
      questo è un signor gioco..quando la squaresoft faceva..anzi sfornava piccoli capolavori
      erano in pieno stato di grazia, è stato un periodo dove sfornavano un capolavoro dietro l'altro. e questo è un capolavoro.
      basti pensare che hanno tirato fuori quasi uno dietro l'altro: Final fantasy VII, Final fantasy Tactics, Xenogears, Vagrant story e Chrono Cross.
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da Ricki Visualizza Messaggio
      erano in pieno stato di grazia, è stato un periodo dove sfornavano un capolavoro dietro l'altro. e questo è un capolavoro.
      basti pensare che hanno tirato fuori quasi uno dietro l'altro: Final fantasy VII, Final fantasy Tactics, Xenogears, Vagrant story e Chrono Cross.
      vero...un periodo irripetibile sia per loro che li facevano, sia per noi che li compravamo
    1. L'avatar di Der Steppenwolf
      Der Steppenwolf -
      Non ne fanno più j-rpg così... Pur con tutti i suoi difetti, Xenogears riesce ad imporsi su altri prodotti magari meglio rifiniti e più compatti. Sarebbe tanto bello quanto utopistico se Square-Enix decidesse di rimettere mano al brand pubblicandone una riedizione (come fatto ad esempio per Valkyrie Profile o per il secondo Star Ocean) per console portatile, questa volta però integrando le porzioni di gameplay sottratte a causa del taglio dei finanziamenti...
    1. L'avatar di Sunstoppable
      Sunstoppable -
      Per me xenogear è un autentico capolavoro che ogni amante dei jrpg, che si sente tale, deve provare. Seppur con il secondo cd tagliato, la prima parte vale il costo del biglietto. Un battle sistem equilibrato e interattivo, una storia matura e interessante come poche volte si sono viste e dei personaggi caratterizzati molto bene completano un quadro di assuluta eccellenza.
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Non c'ho mai giocato purtroppo.
    1. L'avatar di PAROLONE
      PAROLONE -
      Che bei ricordi XG, dopo la fine andai avanti per qualche settimana ad ascoltare la OST, specie lo struggente tema finale. Mi ricordo bene anche le parti brutte, come la diabolica "Babel's Tower", in cui c'era un delicatissimo passaggio a piattaforme. Ogni volta lo sbagliavo, precipitavo, e mi dovevo rifare tre piani di incontri casuali, aaaaaahhhh!
      Certo che gia' in forma "abbreviata" e' stato un bel malloppo (circa 70 ore per me), chissa' che razza di epopea sarebbe stato in forma estesa.
    1. L'avatar di Domatore
      Domatore -
      Il mio titolo preferito! di sempre! trama, personaggi, ambientazioni... tutto perfetto! Xenogears doveva essere il quarto di sei capitoli inizialmente previsti. I primi tre sono arrivati su play 2 con la serie di xenosaga. Per il resto... beh c'è xenoblade per wii e fra un annetto arriverà anche il sequel su wii u ma non sono correlati al capolavoro square. Peccato, sarebbe un sogno un giorno giocare un seguito o anche un remake ma lo vedo improbabile. Chissà che magari non inizi un progetto amatoriale come per final fantasy 7 rebirth... Gli appassionati ed i seguaci di questo gioco sono parecchi non ci resta che sperare......