TEENAGE QUEEN -Amiga | Retrogaming History
Registrati!
  • Teenage Queen

    Teenage Queen

    Adoro il poker. Mi è sempre piaciuto farci qualche partitina, e di ricordi legati a questo simpatico gioco di carte ne ho una caterva, come tutti: alzi la mano chi non ha mai organizzato una tavolata insieme ai suoi amici, specie in concomitanza delle festività natalizie, magari per spennare il pollo di turno, e arrotondare gli introiti di una misera paghetta. Ciononostante ultimamente ne ho fatto indigestione. Se prima era un passatempo abbastanza di nicchia, riservato ai veri appassionati, oggi appare sdoganato fino alla noia, tra presunti vip che ci investono interi capitali e casalinghe di mezza età che si improvvisano navigate professioniste, con tanto di trasmissioni tematiche in cui ammirare le loro gesta, oltre a quelle dei più noti Phil Helmutt e co. Il vero spirito del poker cui sono legato è quello del divertimento puro, del giocare per il semplice gusto di farlo o, almeno, vincolato ad una vincita irrisoria, una sorta di premio simbolico a suggello del tempo dedicato. Soprattutto, conosco il poker sin da tenera età, e cioè da quando ero un imberbe possessore dello Spectrum: in particolare ero attratto della variante strip. Ho dedicato ore ad alcuni prodotti del genere, solo per lo sfizio di vedere la tipa di turno, raffigurata da quattro pixel messi in croce e una manciata di colori, senza vestiti, pur essendo lungi da me il concetto di eccitazione: ne ero attratto, pur non sapendo ancora il motivo.

    Gli hardware hanno fatto passi da gigante, in concomitanza con la crescita ormonale, ed ecco che i primitivi astratti pruriti dietro una sessione di strip poker, si traducevano in qualcosa di più concreto, il poter sbavare vedendo una donna integralmente spogliata. Ma non era la nudità ad eccitare: delle misere schermate hard fini a sé stesse non avrebbero avuto alcun significato. Era più intrigante l'idea di guadagnarsi tale compenso visivo stabilendo innanzitutto una sorta di simbiosi con l'alter ego digitale, quasi si fosse dinanzi ad una donna reale, arrivando ad un passo dall'arrossire di fronte ad ogni ulteriore desabillè della ragazza raffigurata sul nostro monitor.

    Allo strip poker proposto dalla francese ERE, sono sempre stato legato in maniera viscerale. Sebbene di versioni ludiche del gioco ce ne siano a bizzeffe, anche di ben realizzate, questo videogame (basato non sulla più nota variante del Texas Hold'em ma su quella classica a 5 carte) tuttora mi affascina come nessun altro. Mi diverte l'idea di una CPU che bari, puntando una caterva di chips pur non avendo alcun punto in mano, benché dopo un po' si riesca ad intuire tale stratagemma e ad ovviare; mi piace che la sfida si basi su di un semplice heads up, un uno contro uno che non contempla scervellamenti nello studiare le mosse di mezza dozzina di avversari, e sono ammaliato dalla stupenda ragazza ivi presente, non una donna in carne ed ossa digitalizzata, ma inventata di sana pianta. Non tutte le pics sono allo stesso livello, ma in quelle più ispirate il tocco di Jocelyn Valais somiglia maledettamente a quello di un mostro sacro del genere erotico, l'italianissimo Milo Manara, e la carica sensuale che riescono a trasmettere è forte. Si inizia con questa affascinante pulzella ritratta con indosso addirittura un cappotto, quasi a voler sottintendere la richiesta di un grosso impegno per poter sbirciare qualche dettaglio sexy e così, solleticati da tale dispettoso capo d'abbigliamento, si inizia la scalata per toglierli tutti. I disegni di tale spogliarello, specie gli ultimi, pur presentando un forte tasso erogeno, non risultano mai volgari; anche quando la giovane rompe l'onnipresente silenzio generale con qualche gemito, non si ravvisa nulla di sguaiato.

    Ovviamente la componente spinta va di pari passo con un gameplay gradevolissimo, certo basilare, ma che rispetto alla maggior parte dei prodotti similari non annoia, così lontano dall'adrenalina di un action, eppure a suo modo ugualmente appagante. Ed è così che, senza quasi rendersene conto, si giunge alla fatidica schermata conclusiva, in cui c'è in serbo un clamoroso colpo di scena: sorpresa che forse non tutti gradiranno, tuttavia una trovata spiazzante per un ending geniale, specie rapportato ad un videogioco di poker.

    Spesso i ricordi fanno vedere con gli occhi di un tempo, arrivando ad illudere sulla bontà di un prodotto che, obiettivamente, non meriterebbe tante lodi. Da un punto di vista oggettivo, Teenage Queen non emergeva particolarmente già all'epoca, ne convengo, tuttavia ogni volta che mi ritrovo a giocarci, pur conoscendo a menadito i suoi dettami e le mise dell'avversaria, ci trascorro, piacevolmente più tempo del previsto. E questo è un merito, sicuramente personalissimo, che non posso in alcun modo disconoscergli.

    COMMENTO FINALE


    “Teenage Queen non è adatto a chi ama il poker tecnico: pur contemplando una CPU truffaldina, con un po' di pazienza se ne viene a capo senza eccessivi patemi. Tuttavia chi adora incondizionatamente questo gioco, la variante strip soprattutto, provi ad accettare la sfida lanciata dalla qui sensualissima (benché virtuale) opponente: potrebbe rimanerne stregato.”


    Giuseppe "Epikall" Di Lauro







    Commenti 10 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      carino devo provarlo
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Eheh, confermo: il finale è spettacolare!
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Bavosi ah ah. Comunque la grafica non è male.
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Opsss questo gioco mi è sfuggito, che amighista sono ?
      Da recupere e provare
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Citazione Originariamente Scritto da maxtex74 Visualizza Messaggio
      Opsss questo gioco mi è sfuggito, che amighista sono ?
      Da recupere e provare
      mmm...tu...ed io?
      Mai provato, però lo conoscevo...
      Quando ero in cerca di emozioni "forti" giocavo a quelli dove si utilizzava il mouse
      Di prodotti simili, cmq, su Amiga se ne trovano a bizzeffa.
      Peacez!
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Anche per me questo titolo giunge completamente "nuovo"... fra l'altro ho scoperto da poco che, oltre ad un porting per PC, ne esisteva anche una versione Atari ST (design molto simile ma 16 colori al posto dei 32 della versione Amiga).
      Su entrambi i sistemi ricordo come più noti Hollywood Poker (avevo la versione ST) e, soprattutto, Hollywood Poker Pro (visto e apprezzato su Amiga).
      In Teenage Queen si è giustamente preferito ottime immagini disegnate a mano a foto digitalizzate che spesso soffrivano inevitabilmente di una minore nitidezza... in compenso si è un po' sacrificato la varietà limitandosi, se non vado errato, a far scendere in campo una singola concorrente, quando, viceversa, in Hollywood Poker della Golden Games e in Hollywood Poker Pro della ReLine le ragazze da spogliare sono 4.
    1. L'avatar di saxabar
      saxabar -
      Ricordo di averlo finito in versione PC, nell'edizione Olivetti, non era poi così facile.
      Mi ero anche stampalo gli screen con la stampante ad aghi!
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Citazione Originariamente Scritto da saxabar Visualizza Messaggio
      Ricordo di averlo finito in versione PC, nell'edizione Olivetti, non era poi così facile.
      Mi ero anche stampalo gli screen con la stampante ad aghi!
      Questo è ciò che chiamo "hardcore gaming"!!!
    1. L'avatar di Super Fabio Bros
      Super Fabio Bros -
      Il mio mito resta Samantha Fox Strip Poker su C64, ma devo ammettere che anche Teenage Queen ha il suo fascino. Ottima la scelta grafica di rappresentare la fanciulla denudanda in stile fumettistico, che la rende decisamente più intrigante della semplice digitalizzazione proposta da opere analoghe.
    1. L'avatar di zios
      zios -
      Citazione Originariamente Scritto da Super Fabio Bros Visualizza Messaggio
      Il mio mito resta Samantha Fox Strip Poker su C64, ma devo ammettere che anche Teenage Queen ha il suo fascino. Ottima la scelta grafica di rappresentare la fanciulla denudanda in stile fumettistico, che la rende decisamente più intrigante della semplice digitalizzazione proposta da opere analoghe.
      bellissimo il samantha fox strip poker per c64 però se non mi ricordo male il finale lasciava un po l'amaro in bocca visto che non si vedeva la bella samantha completamente nuda ma un bel primo piano di profilo con zinne al vento,sono ricordi che segnano questi