Monkey Island II: LeChuck's Revenge-Amiga-Pc Dos | Retrogaming History
Registrati!
  • Monkey Island II: LeChuck's Revenge

    Monkey Island II: LeChuck's Revenge

    È trascorso un anno dalla conclusione del primo Monkey Island e nel frattempo, ne è passata di acqua sotto i ponti. Sarà lo stesso Guybrush, con un’insolita barba incolta (così contrastante con quel suo viso pulito da bravo ragazzo e l'espressione ingenua) appeso ad una corda con in mano un forziere, a spiegare alla sua (ormai ex) Elaine cosa lo abbia portato in quella situazione…

    Inutile dire che, dopo il successo del precedente, Monkey Island 2 è stato uno dei seguiti più attesi (e riusciti, possiamo anticiparlo fin da subito) della storia dei videogiochi. Non era facile dare continuità a quanto offerto col primo ma la Lucas stava attraversando un periodo di grazia assoluta e questo gioco ne era la dimostrazione lampante: pensate al predecessore, miglioratene ogni aspetto (eccezion fatta per le musiche, che perdevano nettamente il confronto con lo splendido soundtrack del precedente), aggiungeteci la possibilità di selezionare il livello di difficoltà degli enigmi (pappa già pronta o nottate insonni? A voi l’ardua sentenza… ovviamente un avventuriero che si rispetti è masochista per antonomasia e la seconda opzione era l’unica possibile) e avrete un quadro di cosa rappresenti quest’avventura.

    Graficamente i passi avanti erano notevoli: gli sfondi erano davvero ben disegnati e coloratissimi, anche quando le tinte dovevano essere un attimo più smorte (a causa dell’ambientazione), c’era una maggiore attenzione al dettaglio e gli stessi personaggi godevano di una cura dei particolari encomiabile, che non risparmiava nemmeno le loro animazioni, mai così varie come in questo caso; vederli gesticolare mentre parlavano era un vero piacere. Le musiche, come già accennato, risentivano di una certa mancanza di ispirazione e lo stesso sistema iMuse (una sorta di soundtrack in tempo reale, capace di adattarsi alla situazione per conferire maggiore atmosfera alla vicenda) si rivelava una trovata interessante ma forse troppo pretenziosa per i tempi, specie con una colonna sonora così nella media. La versione Amiga, in un confronto virtuale con quella PC, nonostante un numero di colori a schermo inferiore (32 contro i 256 nella versione VGA) si comportava egregiamente, restituendo una resa cromatica di prim’ordine, al punto da chiedersi come fosse possibile ottenere ugualmente una palette così variegata.

    Tuttavia il gioco per il 16 bit Commodore soffriva di un difetto enorme: era allocata su ben 11 floppy. Il problema non sarebbe a tutti i costi di così grande rilievo se non fosse che l’ottimizzazione dello swap era fatta da cani! Mi spiego: capitava sovente di dover cambiare dischetto solo per sentire l’effetto sonoro (solitamente brutto e insulso) di una porta che si apriva (o chiudeva, a seconda dei casi), dopodichè bisognava inserirne un altro… così come all’ingresso del cimitero bisognava sottoporsi a questa noiosa e tediosa pratica per ascoltare i versi dei pipistrelli… machissenefrega! Voglio dire, meglio velocizzare il tutto magari eliminando qualche sciocco rumore che appesantire un titolo già di per sè lungo e difficile, per tacere di quando, rimanendo bloccati (cosa all’ordine del giorno in Monkey Island 2, visti gli enigmi di ben altra caratura e spessore rispetto al precedente) ci si ritrovava con una mappa enorme (tre grosse isole esplorabili) e al nervosismo di tentarle tutte in ogni locazione, si doveva aggiungere quella del cambio selvaggio di floppy nel lettore.

    La traduzione in italiano di certo non migliorava le cose, per ciò che concerneva la frustrazione: passi per il materasso duro come una pietra (tradotto invece con un divertente "materasso hard rock”… e che è, il letto dove dormivano i Deep Purple?!) ma quando la stessa andava ad inficiare lo svolgimento del gioco, risultava difficile chiudere un occhio. Credo sia entrato nella storia l’enigma (che ha davvero fatto impazzire più di un giocatore) in cui si doveva usare una scimmia per un dato scopo… nella versione originale, il gioco di parole lo rendeva abbastanza intuitivo e anzi addirittura geniale, ma nella traduzione nostrana il tutto andava a farsi benedire, generando un problema virtualmente senza logica e impossibile da risolvere, se non dopo tentativi fatti a casaccio, letteralmente.

    Giocabilità da bocciare quindi? Assolutissimamente no. Perché nonostante i difetti appena descritti Monkey Island 2 era un titolo splendido, lungo, pieno di trovate spassosissime, avventuroso, divertentissimo e davvero tosto. All’epoca rappresentava il massimo, il non plus ultra, la summa dei videogiochi per computer e davvero, anche il malefico swap passava in secondo piano di fronte a cotanta magnificenza. Per tacere del clamoroso finale, un vero colpo basso per qualcuno, eppure di quelli che restano impressi per anni, la cui genialità resta tuttora indiscussa. Non è un caso se ancora oggi, i possessori di vecchia data di Amiga e PC non esitino ad inserire l’avventura Lucas tra i titoli più belli di sempre, additandola spessissimo come preferito in assoluto. E poi, detto tra noi, oggi con la possibilità di scaricarlo gratuitamente (e legalmente, sia chiaro) da internet, il problema degli 11 dischetti lascia il tempo che trova e quel che resta è un gioco fantastico e perfettamente godibile... ok, l’enigma della scimmia rimane ma tant’è… non si può avere tutto dalla vita!




    "La fama di Monkey Island 2 è nota finanche nei sette mari. Tuttavia, per quelli che non ci avessero ancora giocato, il consiglio è di colmare immediatamente tale lacuna (è d’obbligo fare altrettanto col predecessore): non potreste farvi regalo migliore. Se riuscirete a soprassedere sulla realizzazione tecnica sorpassata (ma ancora gradevolissima) vi si aprirà un mondo e forse capirete il perché dell’esistenza stessa di questo sito."

    Giuseppe "Epikall" Di Lauro




    Altre immagini:




    Commenti 13 Commenti
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      In verità il problema dello swap disk non esisterebbe giacché il gioco nasce installabile HD anche in versione Amiga. Va bene che, in quel periodo, gli utenti che utilizzavano tale periferica si contavano sulle dita di una mano, ma, non per questo, bisogna tralasciare questo importante dettaglio. Personalmente non ho mai giocato un punta e clicca direttamente da floppy, sarebbe stato un vero suicidio!

      Chiusa parentesi, MI2 è uno di quei giochi che assurgono al ruolo d’immortalità conquistata, un must che nessuno può perdersi. Anche se, personalmente, gli ho sempre preferito il primo capitolo. Boh, questioni affettive forse.

      Eterno!
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Insieme al prequel uno dei più bei giochi di sempre. Mi ripeterò all'infinito: sono quei giochi così trasversali da oltrepassare il confine ludico fino ad arrivare all'arte. Bellissimo. E' romantico, esotico, nostalgico, fresco, ironico, esteticamente ineccepibile. Quando ci giochi vai in un'altra dimensione. E' semplicemente stupendo.
    1. L'avatar di Sunstoppable
      Sunstoppable -
      è un titolo, insieme al primo capitolo, che ho recuperato tardi. eppure nonostante fossi assuefatto dai prodigi grafici dell'N64 e della PSX, MI2 mi ha rapito letteralmente, tanto che quando sono arrivato alla fine del gioco in me era nato un forte senso di soddisfazione contrastato dal rammarico di non poter più stare in compagnia di guybrush e quei folli luoghi che ti scaldano il cuore. penso che uno dei giochi che ha risvegliato in me l'animo del retrogiocatore.
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      L'avventura grafica per eccellenza, tra l'altro con uno dei più bei finali che io abbia mai visto e altre situazioni d'intermezzo sensazionali (la canzone degli scheletri). Nella mia classifica personale forse è al gradino più alto.
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Capolavoro ,un vero giocatore che vuole definirsi tale non può non avere mai giocato a questo capolavoro,tutto ottimamente realizzato ,dalla grafica alla colonna sonora alla storia del nostro amato eroe ...dopo solo fiaschi.

      Io ho giocato e rigiocato alla versione Amiga senza HD e anche se c'è quel fastidioso cambio di dischi ,l'interesse per il gioco lo fa passare ...
      Io ho amato alla follia tutti e due i capitoli...forse di più il primo.
    1. L'avatar di saxabar
      saxabar -
      MI2 è un capolavoro, abbastanza godibile anche in italiano. Riguardo alla parte audio se si utilizza una MT32 le musiche sono fantastiche e con qualità simil-CD. La colonna sonora del primo è imbattibile ma anche queste sono fantastiche, la grafica è ottima anche per i giorni nostri (al massimo si usa ScummVM per migliorare le scalettature)
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da Amy-Mor Visualizza Messaggio
      In verità il problema dello swap disk non esisterebbe giacché il gioco nasce installabile HD anche in versione Amiga. Va bene che, in quel periodo, gli utenti che utilizzavano tale periferica si contavano sulle dita di una mano, ma, non per questo, bisogna tralasciare questo importante dettaglio.
      Verissimo... ma è altrettanto innegabile che l'acquisto di un hard disk per Amiga e Atari ST fosse decisamente oneroso nel 1992 (in quegli anni vidi in azione un disco fisso per un Atari ST -o un 1040 STFM oppure un Mega ST; la capacità del disco, un Atari SH204, era di 20 Mega-... ma era stato acquistato a caro prezzo da un docente universitario...).

      Ricordo che un mio "amigo" aveva comprato un secondo floppy driver per il 16 bit Commodore... ma non saprei davvero dire se fosse possibile utilizzarlo per dimezzare i disk swap di Monkey Island II (se effettivamente il software prevedeva l'utilizzo opzionale di un secondo floppy driver si trattava comunque di un discreto compromesso...)
    1. L'avatar di JoustSonic82
      JoustSonic82 -
      Monkey island 2 è leggenda, insieme al primo. Credo che fra 10 o 20 anni sarà ancora sugli scudi: l'ironia e la freschezza dei dialoghi, i luoghi e i personaggi pittoreschi, la genialità degli enigmi; chi è abituato ai giochi di oggi che danno la pappa pronta troverà troppo ostici certi passaggi però qualsiasi videogiocatore che se lo sia perso, anche giovane, dovrebbe ripescarlo, la sua cultura videoludica ringrazierà sentitamente (fra l'altro è disponibile una ottima riedizione per PC e console di nuova generazione che permette di rigiocarlo con grafica in HD e aiuti ma anche nella sua veste grafica originale, per i "puristi": non ci sono più scuse per non giocarlo...)
    1. L'avatar di For_Great_Justice
      For_Great_Justice -
      Un must have per il PC
      Io ho i remake HD di primo e secondo capitolo su PS3 e x quanto conosca praticamente a memoria le battute ci gioco ancora spesso

      A suo tempo (anni e anni fa) avevo anche la versione per pc che mi aveva ehm duplicato un mio amico assieme a MI1, solo che vai a sapere che fine hanno fatto oggi quei floppy...
      Meno male hanno fatto i remake
    1. L'avatar di biometallo
      biometallo -
      Citazione Originariamente Scritto da AlextheLioNet Visualizza Messaggio
      un mio "amigo" aveva comprato un secondo floppy driver per il 16 bit Commodore... ma non saprei davvero dire se fosse possibile utilizzarlo per dimezzare i disk swap di Monkey Island II (se effettivamente il software prevedeva l'utilizzo opzionale di un secondo floppy driver si trattava comunque di un discreto compromesso...)
      Sì poteva fare, e in genere ti darei ragione, ma qui stiamo parlando di 11 floppy, senza contare che comunque i caricamenti restavano belli pesanti.

      Io in quegli anni ebbi modo di upgradere il mio Amiga500 con un Amiga 600 dotato di HDD IDE da 40Mega, allora un vero mostro che non riusci a riempire mai (anche perché la maggior parte dei software non ci si voleva installare -_-) e ti posso dire che era tutta un'altra esperienza.
    1. L'avatar di akarabat
      akarabat -
      Io proprio nel 1992 comprai un HD usato per Amiga.... a590 da 20 mb con espansione FAST RAM da 2 mb... nuovo costava attorno a L. 800.000 (più dell'Amiga 500).

      Dentro il precedente possessore aveva installato ... Monkey Island 2 ORIGINALE oltre ad altri 2-3 giochi originali !!!!!!

      (ma quanti soldi aveva il ragazzetto?)

      Il gioco, alla pari dei Dynamix dell'epoca, era velocissimo su HD Amiga e i caricamenti quasi non si sentivano (duravano al massimo 2-3 secondi).

      Io invece mi sentivo un principe.....

      Poi dopo pochissimo il sistema Amiga è diventato obsoleto, e da allora non ho più rincorso la tecnologia. Mi sono goduto quello che avevo....
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Bellissimo gioco lo amo alla follia da quando ho scoperto secret of monkey island sul mega cd
    1. L'avatar di JULIUS
      JULIUS -
      Ve la ricordate tutti la magica atmosfera che si respirava sulle quelle isole dei Caraibi? dai commenti precedenti suppongo di sì!
      The secret of Monkey Island 1 e 2 fanno parte di diritto della storia videoludica: due avventure superbe, divertenti, rumorose, chiassose, spassose, irriverenti, assurde, comiche, ironiche, demenziali, esileranti.... in una parola eccellenti!!!