Pole Position - Arcade | Retrogaming History
Registrati!
  • Pole Position

    Pole Position

    L'avvento dei 32-bit ha rivoluzionato radicalmente il mondo dei giochi di corse. La tridimensionalità reale, i poligoni e la potenza di calcolo hanno reso possibile il rendering di circuiti verosimili, auto fedeli ad una fisica credibile, intelligenze artificiali sempre più umane, un'immersività che una sola generazione prima risultava complicatissima da realizzare. Allora come poteva essere il concetto di gioco di guida agli albori degli anni Ottanta?

    La Sega restituì una prima interpretazione del genere con Turbo, facendo da subito affidamento all'immedesimazione ricavabile da volante e pedaliera, presenti nelle sale giochi addirittura dagli anni Settanta con Gran Trak. La Sega poteva affidarsi ad un hardware di immensa potenza capace di gestire uno zoom, seppur di tipo analogico, che garantiva una fluidità impressionante ed un impatto shockante. Ciononostante, Turbo non riscosse un grandissimo successo, mancava di quel carisma che avrebbe trovato Outrun, suo seguito spirituale, e non gli giovarono neanche i suoi scenari anonimi e quelle meccaniche troppo acerbe.

    Quando la Namco decise di irrompere sul mercato con Pole Position, si rivolse alla simulazione di un mondo da sempre affascinante e collettore di folle: la Formula 1. Era tutta un'altra musica. Bastava osservare il disegno del nostro bolide per sentire un'emozione, bastava ascoltare il rombo del suo motore per precipitarsi ad inserire una moneta nel cabinato. Eppure, l'hardware sul quale si poggiava non era rivoluzionario come quello di Turbo: si affidava a due gloriosi Z80, ma nient'altro di clamoroso. Come ogni buon racing game di scuola bidimensionale, della quale proprio Pole Position ha scritto tante regole, l'effetto di profondità e velocità era dovuto esclusivamente a sprites memorizzati in varie dimensioni, le quali venivano disegnate dal programma in relazione all'ipotetica distanza. Per fortuna, grazie alla sufficiente quantità di frame, il risultato finale era fluido e non penalizzava assolutamente la sensazione di velocità.

    Abbiamo parlato del rombo del motore. Certo, era emozionante. Riascoltandolo con l'orecchio del giocatore moderno non si può, ovviamente, urlare al miracolo, ma il risultato rimane accettabile. Non altrettanto riusciti sono gli effetti sonori simulanti le sgommate, fastidiosi e troppo più alti del rumore del motore, mentre gradevoli sono i piccoli esempi di parlato campionato.



    Il gameplay di Pole Position è limitato ed elementare, ma questo non era un problema per quegli anni. Ci tocca, tuttavia, sottolineare la povertà della modalità di gioco a disposizione: innanzitutto, la partita inizia con un giro di qualificazione che influenzerà la nostra posizione sulla griglia di partenza e sarà doveroso cercare di cogliere l'acclamata Pole Position che dà il nome al gioco. Occorre fare molta attenzione in quanto, in caso di tempi superiori al minuto, verremo esclusi dalla gara vera e propria con l'inevitabile perdita del prezioso gettone. La corsa si svolge nella più classica delle maniere: vi è un solo circuito a disposizione, quello giapponese del Fuji, molto veloce senza farsi mancare qualche curva impegnativa. E' chiaro che la riproduzione non sia estremamente fedele, ma si tratta di un problema inoltratosi fino agli anni Novanta per molti titoli della categoria. Vige la solita meccanica a checkpoint e la difficoltà è piuttosto elevata, tanto che soltanto i giocatori più abili riuscirebbero ad andare oltre i tre o quattro giri di pista.

    Non potendo prescindere da qualche pretesa di realismo a partire dalle periferiche di controllo, anche Pole Position si affida a volante e pedaliera, non facendosi mancare anche un'approssimativa leva del cambio a due marce, bassa e alta, con la quale ci toccherà saltuariamente interagire. Avverrà principalmente in occasione della pole position o in seguito a qualche nostro incidente, quando ci toccherà ripartire da zero. E' abbastanza facile schiantarsi: oltre alle prevedibili insidie relative alla conformazione del circuito, c'è da fare i conti con le auto avversarie che non faranno alcunchè per scongiurare le varie collisioni e scansarle nel bel mezzo di un curvone potrebbe creare grattacapi a chiunque. In caso di contatto, la pena è l'esplosione del nostro mezzo, con relativa perdita di secondi preziosi ed azzeramento della velocità, praticamente il vostro passaporto per un game over assicurato.

    Altre Versioni

    Atari VCS
    Graficamente rappresenta grossomodo quel che è lecito attendersi dalla più piccola console Atari, anzi, sarebbe giusto godersi l'encomiabile fluidità. Insolita l'accelerazione automatica, di conseguenza il pulsante del joystick serve solo per frenare, mentre il cambio di marcia avviene premendo la leva in basso. Una bella conversione!
    Intellivision
    Pubblicato, per le solite storie sfortunate legate al destino della macchina Mattel, nel 1988, Pole Position poteva tranquillamente rimanere fuori dal gruppo delle conversioni. Approssimativa, poco giocabile e nemmeno granchè fluida, a poco valgono le piste aggiuntive incluse.
    Atari 5200
    Se avete intenzione di giocare Pole Position su questa console con un controller originale, beh, buona fortuna. Meglio usare il paddle, visto che è supportato, potreste apprezzare una conversione portata avanti dignitosamente pur senza eccellere.
    Commodore 64
    Pole Position fa la sua discreta figura anche sull'8-bit di casa Commodore. Le vetture e gli oggetti a bordo pista sono alquanto spixellati, ma il tracciato scorre con una fluidità ineccepibile. Presenti anche gli elementi di disturbo nei giri più avanzati, come le chiazze d'acqua.
    ZX Spectrum
    Vade retro! Il Sinclair proprio non può gioire per questa trasposizione. Se possiamo accettare il limite congenito dell'hardware in fatto di colori, risulta difficile digerire la scattosità estrema del tutto e l'imprecisione dei controlli. Diamine, evitatelo.







    "Pole Position è sensazionale, potendo contare sull'ausilio di un volante rimane divertente ancora oggi. Ma il genere si è evoluto e la stessa Namco non ha tardato a superarsi con il secondo episodio della serie appena un anno dopo. L'interesse per il giocatore moderno non è certo lo stesso di un tempo, probabilmente a causa di una difficoltà troppo punitiva ed un'assoluta mancanza di varietà. Riscosse immediatamente il trono di miglior titolo di corse in circolazione, su questo non si discute."

    Gianluca "musehead" Santilio





    Altre immagini:



    Commenti 3 Commenti
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Mitico Pole Position! L'ho giocato assiduamente sul mio vecchio Atari 800 XL... in pratica era la distribuzione per "All 8-bit Atari computers" della versione Atari 5200... assolutamente identica al porting su tale console... a parte per il controllo che dipendeva dal joystick collegato... inizialmente usavo un classico Atari CX40, ma poi passai ad un TAC-2.
      Non male davvero come conversione... anche se, come avveniva normalmente, la RAM di 64K dell'800 XL non era valorizzata a causa del livellamento della cartridge size dell'home computer alla misura standard (16K) delle cartucce Atari 5200.

      Una curiosità: la versione Atari 5200 / Atari 800 XE/XL di Pole Position vanta un cameo cinematografico nel film D.A.R.Y.L. (1985) dove il protagonista, un bambino cyborg, gioca al titolo Namco sull'home computer a 8 bit della Atari (il filmato è, pero, accelerato per evidenziare i suoi riflessi "sovrumani" ).
    1. L'avatar di igorstellar
      igorstellar -
      qualche tempo fa diedi la mia scheda arcade ( ancora non sono tornato in possesso di essa ) con parlato in italiano per far fare il dunp per il mame
      penso sia stato inserito nel mame ultimo ma non sono certo
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Carino l'arcade, questo mispingerà anche a cercare sempre di più l'atari vcs