The Black Mirror PC Windows | Retrogaming History
Registrati!
  • Black Mirror

    Black Mirror

    Black Mirror ha goduto di un certo successo e di una discreta fama ai tempi della sua uscita, complice la cronica mancanza di titoli similari e il prezzo contenuto, oltre al fatto che fosse disponibile anche nelle edicole e che, quindi, abbia fruito di una distribuzione capillare. Sarebbe ingiusto, tuttavia, attribuire quanto di buono ha saputo conquistarsi solo a questi fattori perchè, a fronte di piccole pecche, è un'ottima avventura, che mi ha ricordato in più punti nientemeno che gli esordi di Gabriel Knight e Broken Sword, due capisaldi del genere e non certo gli ultimi arrivati. La storia ci vede nei panni di Samuel Gordon, discendente di un'antica e nobile famiglia, tornato nell'ovile (il castello che da il nome al gioco) dopo anni di esilio volontario, per partecipare al funerale del nonno, morto in circostanze misteriose; così suo malgrado si troverà a rivivere ombre dell'oscuro passato della sua stirpe e a poco a poco delle verità, da troppo tempo nascoste, verranno inesorabilmente a galla... quali siano, lascio a voi il piacere della scoperta.

    Black Mirror è un titolo facile da catalogare, perchè non dissimile da molte altre avventure: graficamente fa il suo dovere, con sfondi sempre puliti e curati, arricchiti da qualche gradevole animazione. Inoltre, le tinte utilizzate, piuttosto spente, ben si adattano a ricreare un clima di solitudine, peccato solo che i personaggi, pur risultando apprezzabili, non si mantengano su questi standard a causa di movenze un filo lente e di un dettaglio non eccessivo. Sul sonoro pure c'è ben poco da obiettare, buone musiche, perfette per le varie situazioni e ottimo il doppiaggio in italiano, davvero curato per una produzione budget. Ma la cosa che conquista da subito e regala una marcia in più al prodotto è la giocabilità, spesso il vero tallone d'Achille di questo genere: l'interfaccia è di una semplicità disarmante, col pulsante sinistro del mouse adibito all'interazione e il destro col compito di esaminare, tutto qui. Gli oggetti raccolti alloggiano nella parte bassa dello schermo e, come da tradizione, in taluni casi andranno combinati per ottenerne di nuovi. Questo snellimento dei controlli ha permesso quindi di ottenere un buon numero di azioni semplicemente cliccando sulla zona con cui si vuole interagire, senza star lì a scegliere l'opzione giusta, il che è un toccasana per il ritmo di gioco che ne risulta accelerato e davvero piacevole.



    Purtroppo c'è il rovescio della medaglia ed è ovvio che, complice tale semplificazione, la difficoltà generale risulti tarata verso il basso (benchè si possa morire in determinati punti) anche perchè, nonostante gli enigmi siano presenti in discreto numero (qualcuno un pò slegato dal contesto, va detto) spesso per proseguire ci verrà richiesto solo di parlare più volte coi vari personaggi, al fine di spulciare ogni singolo argomento possibile; a tal proposito una nota di merito anche per i dialoghi, mai eccessivamente prolissi. E' innegabile inoltre che Black Mirror abbia un'altra freccia al suo arco nell'atmosfera che pervade l'intera vicenda: sin dal primo istante in cui Samuel metterà piede nel castello, l'aria sarà subito misteriosa, pesante, quasi opprimente, come se da quelle mura trasudasse un che di atavico e malvagio, come se i segreti di cui quelle pareti sono state spettatrici venissero ora sussurrati quasi impercettibilmente ma abbastanza da generare un certo disagio, quando poi inizieranno a compiersi efferati e rituali omicidi (con tanto di obitorio da poter visitare) il dubbio su chi sia il colpevole e i parecchi interrogativi faranno aumentare esponenzialmente la voglia di scoprire l'arcano.

    Con questo non voglio dire che per l'intero corso del gioco la tensione si mantenga costante, ci sono alcune cadute di tono, talune sezioni di cui si sarebbe potuto fare tranquillamente a meno, eppure globalmente non ci si può proprio lamentare. Peccato, questo sì, che un paio di spunti parecchio intriganti generino grande curiosità, salvo poi non essere più affrontati in seguito; non so se il titolo in origine dovesse essere più lungo e complesso e quindi tali interrogativi sviluppati, di certo l'accorgersi, una volta finito, che alcuni interessanti quesiti non trovino l'approfondimento che avrebbero meritato lascia un pizzico di perplessità e insoddisfazione. Al contrario del finale che, criticato da qualcuno, a me è piaciuto, non originale ma perfetto per questo titolo, per una volta di quelli tutt'altro che consolatori: siamo distanti dal classico happy ending ed è giusto così.



    In sostanza, quindi, Black Mirror è proprio un bel prodotto: tecnicamente curato, divertentissimo e dotato di un'atmosfera resa alla perfezione che difficilmente non conquisterà chi si accingerà ad affrontarlo. L'interfaccia semplificata e gli enigmi accessibili lo rendono adatto ai neofiti, a quelli che vogliono affacciarsi allo splendido mondo delle avventure grafiche senza restare traumatizzati da qualche titolo eccessivamente complesso. Tuttavia, la sua innata giocabilità e il buon ritmo narrativo, fanno si che possa essere preso in considerazione anche dai più esperti che non potranno godere di un passatempo sulla lunga distanza ma che altrettanto difficilmente si pentiranno di aver investito parte del loro tempo nella sua conclusione.


    COMMENTO FINALE


    "Nonostante Black Mirror non abbia l'intensità di The Longest Journey o di Syberia, è un'avventura che si affronta con grande piacere, grazie alla sua scorrevolezza e alla capacità di coinvolgere, e l'esperienza globalmente risulta appagante. Una graditissima sorpresa, assolutamente meritevole di attenzione... questo senza tener conto che stiamo pur sempre parlando di un titolo nato come budget!"









    Giuseppe "Epikall" Di Lauro



    Commenti 3 Commenti
    1. L'avatar di Snake
      Snake -
      "In sostanza, quindi, Black Mirror è proprio un bel prodotto: tecnicamente curato, divertentissimo e dotato di un'atmosfera resa alla perfezione che difficilmente non conquisterà chi si accingerà ad affrontarlo. "

      Epikall hai descritto alla perfezione quello che penso di questo titolo. 4 Stelle
    1. L'avatar di Super Fabio Bros
      Super Fabio Bros -
      Un gioco considerato a torto "minore", capace di sorprendere per l'ottima cura con cui è realizzato. Una trama interessante, che scorre molto piacevolmente, con un buon doppiaggio ed una atmosfera che riesce a catturare, specie se giocato di notte con la luce di una candela... (come ho fatto io). Consigliatissimo a tutti gli amanti delle AG di qualità.
    1. L'avatar di Glorfindel
      Glorfindel -
      Bello, io sto giocando a pezzettini il secondo.

      Il difetto più evidente sono le animazioni (PS: il link della recensione non mi va e mi porta ad un'altra pagina del sito)