Pietrangelo "P.Min." Minelli - Redazione | Retrogaming History
Registrati!
  • Pietrangelo "P.Min." Minelli - Redazione

    Pietrangelo "P.Min." Minelli - Redazione

    Classe 1980, scopro il mondo dei videogiochi grazie a mio fratello il quale un giorno mi portò a casa il Commodore 64. Il vero e proprio colpo di fulmine per i videogiochi arrivò pochi mesi più tardi mettendo per la prima volta piede in una salagiochi. Giochi di auto, moto, pistole per sparare, giochi tratti dai films, flipper... di tutto di più.

    Mi divertivo un mondo con un picchiaduro a scorrimento dal nome di Double Dragon, così chiesi a mio fratello se questo gioco avrei potuto giocarlo a casa... Il natale arrivò e mio fratello mi sorprese con Double Dragon II The Revenge, amavo così tanto quel gioco che ero disposto ad aspettare 94 giri di datassette solo per il primo quadro! La storia poi proseguì l’estate successiva quando in casa il C64 fu sostituito dall’Amiga500 e quando in saletta trovai pane per i miei denti: Street Fighter e Final Fight... il mio destino fu segnato per sempre dai picchiaduro a 6 pulsanti.

    Il mio passato videoludico non è solo segnato dai videogiochi sopra citati ma una varietà infinita divisa tra generi come: Sportivi, Platform, Shooter, tutti apprezzati sul 16bit Amiga fino al 1996 anno in cui passai dall’Home Computer al mondo delle Console a 32Bit.

    Iniziai a lavorare e quando ormai il mercato era invaso da Super Nintendo e Megadrive la mia direzione andava verso una delle due nuove 32bit: Playstation o Saturn.

    Scelsi il Sega Saturn nonostante tutti i pareri contrari dei miei amici, volevo qualcosa che non avessero tutti e volevo giocare a giochi che avevo sempre sognato guardando sulle riviste... si, volevo Virtua Fighter. Volevo quest’ultimo perchè in salagiochi già buttavo milioni di lire a Tekken, non che non mi piacesse il “picchiapicchia” Namco ma il mio inconscio sapeva che il 2D sarebbe stato la mia filosofia e che la console Sega su questo frangente ne sarebbe uscita vincitrice. Per cause di forza maggiore dopo due anni mi ritrovai in mano la console Sony e li il mio tempo iniziò ad essere sempre poco per giocare per via di un’altra mia passione, quella più grande: il Fumetto. Comprare fumetti e videogiochi ormai è una prassi di molti ma leggere è diverso dal disegnarli, avevo iniziato il mio percorso da autodidatta nello studio del fumetto.

    Due erano le cose: o disegnavo, o giocavo... ancora oggi molti professionisti del campo fumettistico considerano l’arte videoludica il demonio per i disegnatori (in termini di scadenze), e questo me ne rendo conto ora che sono immerso fino al collo di impegni lavorativi e non dovrei neanche sfiorare un pad...

    Ma non si può resistere. Io come molti altri ormai l’abbiamo nel sangue e sarà difficile farmi staccare dal mio amato Dreamcast, che mi accompagna ancora oggi a più di 7 anni dalla sua scomparsa e facendo diventare me un degno Retrogamer.

    Sistema preferito: Sega Dreamcast

    Titoli Preferiti:

    Arcade: Double Dragon, Street Fighter II, Virtua Fighter 3, Sega Rally Championship, Mortal Kombat II, The House Of The Dead 4.

    Amiga: Lotus Turbo Challenge 2, Sensible Soccer, North & South.

    Sega Saturn: Panzer Dragoon Zwei , Virtua Fighter 2, Thunderforce V.

    Sony Playstation: Parappa The Rapper, Bushido Blade, Colony Wars, Resident Evil 2, Strider 2, Rival School, Final Fantasy VI, Tobal N°2, Raiden Project, Tekken 2, Soul Edge.

    Sega Dreamcast: Virtua Fighter 3, Shenmue, Ikaruga, Soul Calibur, Dead or Alive 2, Street Fighter III 3rd Strike, Grandia II, Radilgy, Karous, Propeller Arena, The House Of The Dead 2.

    Xbox: Panzer Dragon Orta, Doom 3.

    Blog: pietrangelominelli.blogspot.com

    Email: pietrangelominelli@gmail.com