Snafu Intellivision | Retrogaming History
Registrati!
  • Snafu

    Snafu

    Snafu è un videogioco, uscito per intellivision nell’ormai lontano 1981.
    Giocai questo videogame quando avevo circa 8 anni, quindi dopo 5 anni dalla pubblicazione. Per un bimbo come me, da sempre affascinato dagli oggetti colorati visualizzati su di una televisione, con cui si poteva interagire per mezzo di “manette” (così le chiamavo io) ogni videogioco era entusiasmante, anche il più scarso. Fortunatamente Questo Snafu non è scarso anche se va letto con dei canoni decisamente diversi da quelli attuali.
    Ai videogiocatori più moderni dico di dimenticarsi completamente di: storia/trama, inquadrature, dialoghi, grafica fotorealistica, personaggi carismatici, eccetera…… tutto questo non esisteva.
    Esisteva il videogioco fatto di pochi byte, grafica e sonoro essenziali e soprattutto di gameplay.
    Effettivamente la cosa più importante di un sistema di intrattenimento videoludico a quei tempi era proprio il suo gameplay, e, nonostante i continui miglioramenti hardware, rimase così per molto molto tempo; fino ad arrivare ad oggi, dove il gameplay, pur rimanendo uno dei fattori primari, non riveste più un ruolo fondamentale ed unico ma divide la sua importanza con sceneggiatura, spettacolarità, aspetto tecnico, commerciabilità e altri…….
    Eccoci quindi davanti ad un prodotto, forse ancora ingenuo ed immaturo, ma sicuramente essenziale e portatore del solo ingegno di alcuni dei primi (anche se non primissimi) programmatori di videogiochi.
    Niente fronzoli quindi, nessun sotterfugio commerciale, come seni poligonali grossi come cocomeri o eroi mascolini tanto coraggiosi quanto finti, nessuna pubblicità che inneggia alle grandi qualità di Snafu, solo una scatola di cartone, che contiene una piccola cartuccia.
    Il gioco sembra essere un progenitore di quello Snake tanto caro ad alcuni telefonini cellulari che oggi portiamo in giro come se niente fosse, ignorando la storia che ha portato a quel giochino apparentemente insignificante.
    Sinceramente non so se chi ha inventato Snake sia stato o meno ispirato da Snafu ma le verosimiglianze sono molte. (Snafu e Snake sono comunque diversi!)
    Ma basta con le chiacchiere vediamo com’è questa antica produzione videoludica.
    Lo scopo è guidare un…..un… probabilmente un verme o un serpente (Scusatemi, ho perso le istruzioni e nemmeno una ricerca su internet ha saputo illuminarmi su questo particolare) rimanendo in vita e se possibile, uccidere eventuali avversari (è da segnalare che in alcune modalità di gioco, il nostro animaletto scorrendo NON trascina il suo ”corpicino” ma disegna una linea fissa, invalicabile, che quindi prima o poi copre tutto il campo di gioco).
    Ad ostacolare questo scopo ci saranno altri vermi/serpenti, che possono essere 1 o 3 (oltre al nostro), strani e pericolosi oggetti opzionali, inseriti a caso sullo schermo e ovviamente i limiti/muri che delimitano il campo di gioco.
    Sostanzialmente si hanno 2 modalità di gioco: una in cui, se ci si schianta si muore e una in cui si rimbalza, ma se noi o un nostro avversario tocca la nostra coda, il nostro verme/serpente si rimpicciolisce di una tacca alla volta, fino a morire.
    Dopo la schermata iniziale (una semplicissima videata che ospita alcune scritte, tra cui Snafu in leggera evidenza) si sceglie il tipo di gioco desiderato, un numero da 1 a 16. In base alla scelta del numero avremo la “combinazione” di gioco corrispondente a quel numero, le varianti sono molte: dalla capacità di rimbalzare o no sugli ostacoli al numero dei giocatori, dalla possibilità di muoversi in diagonale alla presenza degli “oggetti pericolosi”.

    Successivamente ci viene chiesto di inserire un numero corrispondente ai round da effettuarsi, ovviamente vince chi rimane vivo per più round possibili.
    Ora, se siano meglio i videogiochi di una volta o quelli attuali… non lo so, ci vorrebbe uno speciale apposta solo per questa questione ed ognuno ha un parere, il mio è che si equivalgono, sono semplicemente 2 cose diverse; ma questa questione non è importante ai fini di questo articolo che è la recensione di Snafu. Secondo me questo gioco è decisamente buono, soprattutto per le sfide a 2 giocatori che lo rendono quasi infinito. I controlli sono discreti anche se necessitano un po’ di pratica per poter utilizzare al meglio i controller dell’intellivision . Le molte varianti, sopra descritte, vengono gradite, in quanto cercano di variare, con sufficienti risultati, un gameplay altrimenti estremamente ripetitivo. Sufficiente anche l’impianto audio che associa effetti ben fatti ma troppo ripetitivi a 2 motivetti veramente ottimi e che sfruttano il chip sonoro dell’intellivision in maniera egregia. La parte grafica invece poteva e doveva essere migliore.
    Un prodotto che potrebbe garantire qualche ora di intrattenimento anche oggi!




    "Un videogame dal sapore antico e moderno. Antico perchè basato quasi esclusivamente sul gameplay tralasciando finezze grafiche, moderno perchè assomiglia a quel gioco per cellulari che tutti (o quasi) conosciamo. Un vero tuffo in un passato in cui la grafica di una PS2 sarebbe sembrata fantascenza e i videogiochi erano ancora esperimenti."

    Dario "Dariolino78" Lanzetti




    Altre immagini:




    Commenti 7 Commenti
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Davvero divertentissimo, il Qix in multiplayer! L'estrema semplicità estetica, inoltre, proprio come nel coin-op citato, non è affatto un difetto, anzi, la quadricromia delle linee regala quadri splendidi. Poi, beh, in due merita un sacco!
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Carino questo gioco sembra un misto tra Snake e Motolabirinto.
    1. L'avatar di Bert
      Bert -
      il Qix in multiplayer!
      beh... non proprio, Snafu in realtà è ben diverso dal Qix poichè si tratta d'intrappolare i serpentelli mentre il classico della Taito consiste nel ritagliare, e quindi colorare, le porzioni di schermo.

      Spoiler:

      i videogiochi erano ancora esperimenti.
      Mammia mia, darei il braccio destro del mio vicino di casa per rivivere quell'epoca... Che nostalgia...
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Eheh lo so, lo so, ma iconograficamente è un fratello in multiplayer... A dire il vero la cartuccia l'ho comprata dallo stesso Dariolino...
    1. L'avatar di MacDLSA
      MacDLSA -
      ... "Surround" per AtariVCS ...
      STESSA COSA !
      ... praticamente le versioni casalinghe di quel già citato "Motolabirinto" di Tron !
    1. L'avatar di Luna
      Luna -
      Fà parte delle cartucce che ancora conservo gelosamente e con cui tutt'ora gioco! Ci giocavo pure con i miei genitori :-)
    1. L'avatar di JULIUS
      JULIUS -
      La prima cosa che mi viene in mente di Snafu? Le musiche! ancora adesso, a distanza di (tantissimi) anni riemergono dalle pieghe della memoria e mi ritrovo a canticchiarle nei posti più disparati!

      Snafu è una chicca, una perla, una gemma nel comparto videoludico! Essenziale, divertente, immediato, intuitivo, giocabile, intramontabile... l'ho rigiocato a distanza di anni sull'emulatore e mi sono divertito come un pazzo!
      Mi è sembrato di tornare indietro nel tempo.... mitico Snafu