Uncharted 2 Il Covo dei Ladri Ps3 | Retrogaming History
Registrati!
  • Uncharted 2  - Il Covo dei Ladri

    Uncharted 2 - Il Covo dei Ladri

    Il videogioco contemporaneo è controverso. Qualcuno dice che l'età dell'oro si è conclusa, che i tempi gloriosi sono ormai andati. Titoli innovativi se ne vedono sempre meno. Qualcun altro invece ribadisce che niente è peggiorato ma che semplicemente le persone rimangono e rimarranno sempre affette dalla tendenza ad incensare il passato rispetto al presente. Una volta si era più giovani, più piccoli, bastava poco per divertirsi ed era la nostra fantasia di fanciulli a completare le lacune creative dei giochi. Per alcuni quindi ciò ha portato a mistificare i titoli che hanno caratterizzato l'infanzia a discapito di quelli definibili come moderni. Sarà davvero così? E' davvero tutta questione di tempo ma non di contenuti?
    Rimandando la discussione a sedi più appropriate passiamo all'analisi di un prodotto figlio del contesto appena descritto: Uncharted 2 - Il Covo dei Ladri. Stiamo parlando del seguito di un action game pubblicato in esclusiva su Playstation 3 per mano di quei cari vecchi amici della Naughty Dog, team di programmatori parecchio in auge sulla prima console Sony e un po' meno sulla seconda. Visto il successo del predecessore non occorrerebbero presentazioni per il sequel ma, per coloro che se lo fossero perso, Uncharted è in sostanza una sorta di Indiana Jones giocabile in terza persona. Citando il nostro sommo Snake, "un moderno Pitfall " in linea con i più recenti standard videoludici. Questo primo capitolo incassò un notevole successo conquistandosi la solita corposa fetta di affezionati. Immancabile, quindi, per le leggi della serialità commerciale, l'obbligo di un ulteriore episodio incaricato di migliorare e superare il padre.


    Esattamente come nel primo Uncharted, il cuore dell'esperienza giocata risiede nella trama. Non saprei dire se il canovaccio narrativo qui proposto sia superiore al primo, tra l'altro entrambi non brillano per originalità (il pretesto è sempre la ricerca di un obiettivo semi-leggendario ostacolata dai cattivi di turno aventi il medesimo scopo), ma il pregio più lampante della storia giace indubbiamente nell'abile regia per mezzo della quale sono state dirette le vicende raccontate. Il giocatore è coinvolto dall'inizio alla fine grazie ad un ritmo serrato e ad una sceneggiatura discreta. I personaggi, tra cui ritroviamo il virile protagonista Nathan Drake con biondina al seguito, sono azzeccati e resi umani per mezzo di scambi di battute ben articolate e divertenti oltre che per mezzo di un doppiaggio nel complesso buono. E' assai chiaro come il tutto sia stato ispirato dai più tradizionali blockbuster a stelle e strisce che vediamo uscire ripetutamente nelle sale cinematografiche: trama scorrevole, personaggi carismatici e tanta azione. Giocando ad Uncharted 2 si ha proprio l'impressione di guardarsi un action movie ovvero un'esperienza globale divertente ma assai leggera e facilmente fruibile nei contenuti.


    In linea con la leggerezza cinematografica appena citata, la giocabilità ripropone la stessa freschezza del gameplay del prequel. Le fasi di azione sono infatti predominanti a discapito di quelle esplorative, le quali, sebbene migliori rispetto al passato, non possono certo far gridare al miracolo per complessità. Il più del tempo, come detto, è impiegato negli scontri a fuoco, i quali, per quanto impostati, riescono a regalare esiti diversificati in quanto gli attacchi dei nemici ci costringeranno sempre a fare le cose di fretta imponendoci scelte immediate. Giungono in aiuto le ambientazioni la cui architettura amplia il ventaglio di colpi possibili tra i quali si registra l'introduzione di un semplicistico approccio fighting e stealth al fine di tendere agguati senza sprecare munizioni. Per il resto la struttura degli attacchi si fonda nuovamente sui ripari e sulle coperture dietro cui proteggersi. Purtroppo è rimasta inalterata anche la non brillantezza del tasto adibito al riparo il quale, esattamente come nel primo Uncharted, non è esattamente pronto nelle situazioni più concitate dove capiterà di morire per legnosità palese del nostro alter ego virtuale.



    Nel complesso si può affermare che, alla resa dei conti, la trama salva Uncharted 2. Grazie ad un riuscito ibrido tra blockbuster hollywoodiano, di chiaro stampo "Indiana Jonesesco", e videogioco, i ragazzi della Naughty Dog sono riusciti a non cambiare di una virgola i contenuti del predecessore ma nello stesso tempo sono riusciti nell'impresa di rendere il seguito un titolo ancora più piacevole. Forse è questo lo standard del videogioco contemporaneo, un videogioco figlio di un incrocio di media che in passato non era tecnologicamente possibile. D'altro canto anche il mondo del cinema sta provando a sua volta a rendere più interattiva la proiezione del film stesso. Tolto questo però bisogna riflettere se ciò sia un bene o un male per l'intrattenimento elettronico il quale così facendo, a mio giudizio, diventa un intrattenimento effimero e semplicista (l'avventura è facile, pilotata e dura circa solo dieci ore). Non a caso è stata aggiunta ad Uncharted 2 una modalità online, che dopo poco annoia, sintomo che l'avventura in sé non è sufficiente.


    Impressionante, come d'attesa, il profilo tecnico. Ricordiamoci che il gioco ha già quasi due anni rispetto a questa recensione ma ciò non importa. Ambientazioni vaste, ricche di dettagli e impreziosite da effetti di illuminazione accompagneranno il nostro Nathan al punto che capiterà di fermarsi un attimo per gustarsi il panorama. Gli unici nei riguardano certi particolari la cui realizzazione differisce leggermente in qualità rispetto ad altri e quei casi in cui i personaggi stessi compenetrano in allegria l'uno con l'altro o con oggetti circostanti. Le animazioni di questi ultimi sono comunque ottime e, per quanto siano virtuali e stereotipati, l'alone filmico che li avvolge li rende a modo loro umani a differenza di titoli del medesimo genere, come Batman Arkham Asylum, nei quali si percepisce per esempio uno stacco netto tra attori e doppiaggio, stacco che aumenta la freddezza dei primi invece che valorizzarne la caratterizzazione.


    COMMENTO FINALE


    "Uncharted 2 è un buon seguito che, però, a differenza della stampa del settore ed in barba ai premi ricevuti, non può assolutamente essere elevato a status di grande gioco. Forse le attese riservate per questo titolo erano troppo elevate trattandosi di un sequel, ma l'impressione è che sia stata imboccata la "sindrome di Tomb Raider" con avventure ed enigmi fatti con lo stampino ma filtrati da una regia ed uno script accattivanti. E' un titolo piacevole e ben confezionato, non si può metterlo in dubbio, ma da un gioco definito come uno tra i migliori del 2009, se non il migliore, sinceramente ci si sarebbe atteso qualcosa di più in termini ludici."

    Paolo "Big_Paul86" Richetti





    Commenti 11 Commenti
    1. L'avatar di JoustSonic82
      JoustSonic82 -
      Devo dire di essere, nel complesso, d'accordo con la recensione, nonostante la maggioranza di critica e pubblico abbia incensato a più non posso questo gioco. Certo, le qualità sono innegabili, soprattutto dal punto di vista tecnico, e il taglio cinematografico di molte fasi di gioco è molto accattivante (in particolare la sequenza d'apertura è da applausi), però ricordo che quando arrivarono i titoli di coda, la sensazione che ebbi non fu quella che mi diedero in passato un Metal gear solid, un Castlevania SOTN, uno Shadow of tha colossus, cioè quella di aver vissuto un'esperienza videoludica straordinaria, data da un mix quasi irripetibile di fattori diversi. Quanto al multiplayer online, l'ho abbandonato dopo 5 minuti...
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Non ci ho ancora giocato e commento solo per mettere in risalto una cosa: la data d'uscita del 2009. E' stato premiato un po' dappertutto come gioco dell'anno, ma non dimentichiamoci che fu l'anno della grande crisi in cui tutti, ma proprio tutti gli altri grandi progetti furono rinviati al 2010.E' stato probabilmente davvero il migliore gioco di quei dodici mesi, ma la concorrenza era quella che era. Senza nulla togliere a un titolo che mi stuzzica non poco.
    1. L'avatar di Axe_N_Sword
      Axe_N_Sword -
      graficamente ancora oggi è uno dei migliori prodotti in circolazione, e due anni non sono pochi per questo settore. Detto ciò, sicuramente il gioco non mi è dispiaciuto ma...boh, ho apprezzato di più la genuinità del primo capitolo, una storia/atmosfera più "stile anni 80" con una sana dose di fantasia, il secondo un pò più vicino al filone action rispetto a quello avventuroso. Le migliorie nel gameplay ci sono ma, a conti fatti, non posso dire di adorare alla follia questo gioco, prima o poi cercherò di fare un secondo giro, al primo ero avevo ancora in mente Brutal Legend (forse il mio preferito di questa generazione, semplicemente lo adoro pur con tutti i suoi difetti) e magari non mi sono fatto prendere abbastanza. La parte online a detta di chi ci gioca è curata ma a me non ha mai preso, non è uno di quei generi che mi piace giocare in multi, al massimo apprezzerei una coop nella modalità storia ma le classicissime modalità da sparatutto...bleah. Non fa per me.
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Citazione Originariamente Scritto da JoustSonic82 Visualizza Messaggio
      la sensazione che ebbi non fu quella che mi diedero in passato un Metal gear solid, un Castlevania SOTN, uno Shadow of tha colossus, cioè quella di aver vissuto un'esperienza videoludica straordinaria, data da un mix quasi irripetibile di fattori diversi
      Questa sensazione l'ho dimenticata da anni.
    1. L'avatar di P.Min
      P.Min -
      condivido la stessa sensazione di genuinità di Axe, il primo capitolo poteva sembrarti un gioco di Indiana Jones + Tomb Raider... e per questo mi ha divertito di più.Il secondo capitolo è stato molto più spettacolare, cinematografico, una sceneggiatura da tipico blockbuster americano... ora sto giocando alla Beta del 3 (solo online) e devo dire che questa sarà una saga da ricordare negli anni a venire!
    1. L'avatar di KingKata79
      KingKata79 -
      L'unica parte che condivido della recensione è quella sul multiplayer, per il resto Uncharted 2 era ed è un capolavoro, tutto quello che volevo da un videogioco l'ho trovato nel titolo Naughty Dog, avventura, azione, trama e personaggi al top.
      Nella rece viene continuamente sottolineato il paragone con un blockbuster americano come se fosse un male più che un bene senza ricordarsi che sta serie è stata la prima ad abbattere le barriere tra gioco e film in termini di regia e recitazione dei personaggi virtuali molto più di quanto non ha fatto Kojima con Metal Gear Solid, amalgamando e legando insieme fasi narrative con quelle in game, il tutto con grande continuità e senza stacchi o ore interminabili di dialoghi.
      L'avventura è si lineare e pilotata, non si poteva fare altrimenti, ma facile no almeno che non ve la giocate da normale in giù, provate l'ultimo livello di difficoltà e poi ne riparliamo
      Poi sta parte del commento finale non la si può leggere"ma l'impressione è che sia stata imboccata la "sindrome di Tomb Raider" con avventure ed enigmi fatti con lo stampino ma filtrati da una regia ed uno script accattivanti."Ma quando mai Tomb Raider ha goduto di regia e script accattivanti?!
    1. L'avatar di wish
      wish -
      ci devo ancora giocare e non so ancora se farlo o meno. comunque sia la rece è scritta bene, non ci si perde in troppe descrizioni irrilevanti (specie per la trama, come spesso capita in molti siti) e si va al sodo. come piace a me. un'unica osservazione però: l'astenersi dal preferire il primo o il secondo, giudizio che dovrebbe emergere istantaneo (come succede nei commenti) ma che spesso si evita (nota anche l'indecisione nel ritenere superiore o meno il canovaccio narrativo). cosa ne pensa il recensore?
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Citazione Originariamente Scritto da KingKata79 Visualizza Messaggio
      L'unica parte che condivido della recensione è quella sul multiplayer, per il resto Uncharted 2 era ed è un capolavoro, tutto quello che volevo da un videogioco l'ho trovato nel titolo Naughty Dog, avventura, azione, trama e personaggi al top.
      Tutto quello che vuoi da un videogioco lo hai trovato in Uncharted 2? De gustibus. Nel mio caso, per esempio, sono rimasto fermo a Monkey Island per quanto concerne le qualità da te elencate o lo stesso MGS se vogliamo rimanere più vicini nel tempo.

      Citazione Originariamente Scritto da KingKata79 Visualizza Messaggio
      Nella rece viene continuamente sottolineato il paragone con un blockbuster americano come se fosse un male più che un bene senza ricordarsi che sta serie è stata la prima ad abbattere le barriere tra gioco e film in termini di regia e recitazione dei personaggi virtuali molto più di quanto non ha fatto Kojima con Metal Gear Solid, amalgamando e legando insieme fasi narrative con quelle in game, il tutto con grande continuità e senza stacchi o ore interminabili di dialoghi.
      Non so se hai letto con attenzione l'articolo ma io ho detto che proprio il fatto di avvicinarsi ad un blockbuster è l'elemento più riuscito di Uncharted 2.


      Citazione Originariamente Scritto da KingKata79 Visualizza Messaggio
      L'avventura è si lineare e pilotata, non si poteva fare altrimenti
      Non si poteva fare altrimenti è un opinione opinabile ma rispettabile. Io da un gioco tuttavia mi aspetto sempre il meglio, se possibile, e non il "non si poteva fare altrimenti". Davvero non si poteva fare qualcosa in più per irrobustire i contenuti del predecessore? Oppure davvero non si poteva fare altrimenti perché appunto giochi del genere sono vittime della serialità moderna che affligge i videogiochi?

      Citazione Originariamente Scritto da KingKata79 Visualizza Messaggio
      ma facile no almeno che non ve la giocate da normale in giù, provate l'ultimo livello di difficoltà e poi ne riparliamo
      Se un gioco a livello normale ti lascia soddisfatto quanto una bella ma rapida pugnetta dubito che te lo rigiochi a livelli più ardui. Chiaramente non è il tuo caso visto che per te Uncharted 2 è un giocone. Ma ammesso che sia un giocone, possibile che devo giocarci per forza a livello difficile per sentirmi appagato?

      Citazione Originariamente Scritto da KingKata79 Visualizza Messaggio
      Poi sta parte del commento finale non la si può leggere"ma l'impressione è che sia stata imboccata la "sindrome di Tomb Raider" con avventure ed enigmi fatti con lo stampino ma filtrati da una regia ed uno script accattivanti."Ma quando mai Tomb Raider ha goduto di regia e script accattivanti?!
      Quindi, tolta la regia e lo script del primo capitolo, tu giocavi ai vari Tomb Raider per il gameplay corposo costituito dalle armi, dai veicoli e dalle animazioni sempre più diversificate di Lara Croft suppongo.

      Citazione Originariamente Scritto da wish Visualizza Messaggio
      ci devo ancora giocare e non so ancora se farlo o meno. comunque sia la rece è scritta bene, non ci si perde in troppe descrizioni irrilevanti (specie per la trama, come spesso capita in molti siti) e si va al sodo. come piace a me. un'unica osservazione però: l'astenersi dal preferire il primo o il secondo, giudizio che dovrebbe emergere istantaneo (come succede nei commenti) ma che spesso si evita (nota anche l'indecisione nel ritenere superiore o meno il canovaccio narrativo). cosa ne pensa il recensore?
      Nelle recensione ho detto che Uncharted 2 è più riuscito e piacevole del predecessore quindi significa che mi son divertito di più col sequel. Vi ho trovato una regia più intelligente aiutata da un ritmo più serrato e consono alla trama ed ai personaggi che a loro volta ne hanno tratto giovamento. Per il resto la giocabilità è rimasta pressoché inalterata quindi consiglio di giocare ad entrambi i titoli. La preferenza di uno o l'altro verte infatti principalmente sul mix trama/avventura giocata perciò trattasi di un fattore a mio giudizio puramente soggettivo.
    1. L'avatar di Dynamo
      Dynamo -
      Sono in parte d'accordo. Io penso che uncharted 2 sia un gioco eccellente, però alcuni livelli duravano troppo (Drake stesso dice cose del tipo "Ma quanto è lungo questo treno?") e le ambientazioni diventavano ripetitive. Inoltre, il combattimento corpo a corpo poteva essere migliore. Però devo dire che secondo me Uncharted 3 ha risolto tutti i problemi del predecessore, ed è forse il mio gioco preferito in assoluto.
    1. L'avatar di Axe_N_Sword
      Axe_N_Sword -
      nel frattempo ho giocato il terzo e non molto tempo dopo rigiocato il secondo. Non era un momento in particolare, è proprio che il secondo non riesce a piacermi quanto gli altri. Adoro alla follia il terzo, il primo e il bellissimo capitolo Abyss per Vita, il secondo non dico che mi fa schifo, trattasi comunque di un gioco che mi piace ma...non troppo oltre la media dai.

      Boh, eppure secondo molti è l'unico capitolo valido della serie, mah.
    1. L'avatar di For_Great_Justice
      For_Great_Justice -
      Un gioco veramente eccezionale
      Ci sto giocando proprio in questo periodo e devo dire che mi sta divertendo quanto il predecessore. Le ambientazioni sono una gioia per gli occhi sia come location che come realizzazione ed è facile distrarsi dal gioco vero e proprio solo per ammirare il panorama, mentre la trama e i personaggi sono veramente apprezzabili e la difficoltà è ben calibrata, ne troppo facile ne a rischio frustazione.
      E inoltre, cosa veramente apprezzabile, il multiplayer è veramente ben realizzato non una semplice aggiunta per allungare il brodo