Wonder Boy in Monster World - Master System | Retrogaming History
Registrati!
  • Wonder Boy in Monster World

    Wonder Boy in Monster World

    A distanza di circa quattro anni dall’ultima avventura di Wonder Boy esce questo episodio. La trama non è rivoluzionaria: voi siete Shion, l’unico eroe che è capace di sfidare le più temibili creature che hanno invaso Monster World e, siccome non avete altro da fare, metterete a rischio la vostra vita per liberare il mondo dai cattivi. Oltre a questo, anche la principessa del luogo è scomparsa e non si trova più nel suo castello di Purapril… che sia stata rapita dai mostri?

    Questo “Monster World” è un platform/adventure esattamente come lo erano i capitoli precedenti “Monster Land” e “Dragon’ s Trap”. Essendo il quarto episodio ci si aspetterebbe un evoluzione, soprattutto per quanto riguarda la parte adventure, oppure una ripresa in pieno dello stile dell’ultimo episodio. Purtroppo questo capitolo rappresenta, invece, un’involuzione rispetto a “Dragon’s Trap”, per quanto riguarda le meccaniche GDR. Anzi, a conti fatti, tenendo in considerazione anche le ambientazioni e in particolare l’inizio dell’avventura, questo “Monster World” sembra proprio il diretto seguito di “Monster Land”, una specie di capitolo di mezzo tra il secondo e il terzo episodio. Un Wonder Boy 2.5!

    Ma vediamo in dettaglio come si sviluppa il gameplay del titolo.
    Con il pad prendiamo i comandi di Shion, che può saltare, usare la spada e muoversi come in ogni altro videogame dello stesso genere. L’azione di gioco alterna sezioni in cui non si fa altro che uccidere i nemici raccogliendo i bonus e le preziosissime monete ad altre sezioni, ambientate in villaggi, dove “il ragazzo meraviglioso” acquista, con le summenzionate monete, armi, calzature, corazze, oggetti magici a altre cianfrusaglie fantasy.
    I livelli sono molto vari: possiamo trovare foreste, spiagge, abissi marini, villaggi, castelli, paesaggi innevati o infuocati e al termine di ognuno di essi c’è un boss che non ha la benché minima intenzione di lasciarci proseguire.
    Come nei precedenti episodi le armature (più resistenza), le calzature (più velocità), gli scudi (protezione per particolari attacchi) e le armi (più forza di attacco) hanno diversi livelli di potenza ed, alcuni, diverse utilità, come, ad esempio, gli oggetti creati appositamente per le aree troppo “calde”.
    Tra gli oggetti magici, oltre al solito pugno di ferro potenziatore ed alle classiche “magie” offensive, troviamo una gradita ocarina, che se suonata nel modo giusto apre apposite porte ed un tridente che permette l’accesso alle aree subacquee.
    Per poter proseguire il proprio viaggio e trovare tutti gli oggetti è necessaria una buona dose di esplorazione, tanto che alcune ambientazioni vanno ripercorse più volte e con oggetti diversi, donando a tutto il gioco una struttura non lineare.
    Lungo il cammino si incontrano vari personaggi che forniscono, spesso, importanti informazioni ed è quindi consigliabile seguire con attenzione tutti ciò che hanno da dire.

    La giocabilità di questa produzione videoludica si fregia di stage che godono di un ottimo design, di controlli che rispondono alla meraviglia e di un buon gameplay che, per i motivi sopra descritti, risulta essere un mix tra azione, esplorazione e piattaforme.

    Sul fronte della realizzazione tecnica ci troviamo di fronte a un capolavoro! Sfondi incredibilmente colorati e particolareggiati si uniscono a sprite grandi e ben definiti. Le musiche di accompagnamento sono realizzate con cura anche se potevano essere più varie e gli effetti sono adeguati e ben riusciti.

    Il viaggio che Shion deve compiere per raggiungere l’ultimo essere malvagio è sufficientemente lungo e tramite apposite “locande” è possibile usufruire di password, le quali risultano utilissime ma scomode per via delle file chilometriche di simboli di cui sono composte.

    Nonostante l’evidente inferiorità rispetto a Dragon’s Trap in termini di struttura dei livelli e di varietà di situazioni, quest’ultimo capitolo uscito su Master System sarebbe potuto essere, comunque, un titolone da 9 se non fosse per qualche pesante difetto di troppo.
    Per cominciare il prodotto qui recensito è uscito anche per Sega Mega Drive e per PC Engine ed entrambe le versioni sono meglio di questa. La trasposizione per Master System non è solamente titolare di un “taglio” tecnico ma ha anche subito una leggera semplificazione del level design di alcune ambientazioni e non sono stati inseriti alcuni personaggi “aiutanti” che sono presenti nelle altre versioni (la fata Priscilla, un nano di nome Hotta, un drago verde e un essere volante di nome Shabo).
    A complicare le cose ci sono anche una rilevazione delle collisioni tra sprite non perfetta e un raggio di azione della spada del protagonista un filino troppo limitato. Quest’ultimo difetto rende particolarmente ostici alcuni scontri con i boss che devono essere uccisi ricorrendo alle magie piuttosto che alla spada.
    In questo particolare caso mi è difficile assegnare un voto e comunque mi è più difficile che in altre situazioni. Il motivo è che Monster World mi è piaciuto molto nonostante i difetti appena menzionati. Scelgo un 8, tenete però in considerazione che sono un amante della saga di Wonder Boy e la mia console preferita è proprio il Sega Master System.


    Comparazioni:
    -Rispetto al terzo capitolo qui si perde la possibilità di utilizzare diversi personaggi. Questa cosa è di particolare rilevanza perchè i diversi personaggi, avendo caratteristiche diverse, garantivano situazioni da affrontare sempre varie e differenti e permettevano un level design più articolato e vario.
    -Rispetto al secondo capitolo si ha comunque una decisa evoluzione, soprattutto per la non linearità dello svolgimento e per l’implementazione delle password.


    <object width="425" height="344"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/NWguAkUaGE0&hl=it_IT&fs=1&"></param><param name="allowFullScreen" value="true"></param><param name="allowscriptaccess" value="always"></param><embed src="http://www.youtube.com/v/NWguAkUaGE0&hl=it_IT&fs=1&" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" width="425" height="344"></embed></object>

    <object width="425" height="344"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/LKr-_GGPhf8&hl=it_IT&fs=1&"></param><param name="allowFullScreen" value="true"></param><param name="allowscriptaccess" value="always"></param><embed src="http://www.youtube.com/v/LKr-_GGPhf8&hl=it_IT&fs=1&" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" width="425" height="344"></embed></object>





    Graficamente sublime e con un sonoro ben fatto, questo episodio della saga di Wonder Boy è molto bello ed interessante ma inferiore ai suoi precursori. Qualche difetto di troppo ridimensiona quello che sarebbe potuto essere l'ennesimo capolavoro. Se potete scegliere vi consiglio le versioni per Mega Drive o PC Engine altrimenti optate pure per questa, di sicuro non ve ne pentirete.

    Dario "Dariolino78" Lanzetti





    Altre immagini:




    Commenti 1 Commento
    1. L'avatar di scaniel
      scaniel -
      Pe me a livello grafico è superiore a tutti i Wonder boy......avevo la versione MS la vendetti ed ora ho la versione MD cosa darei per riavere indietro quella mia copia MS con le PASSWORD segante sul libretto!