Lo standard MSX | Retrogaming History
Registrati!
  • Lo standard MSX

    Lo standard MSX

    L’MSX è uno standard concepito all’inizio degli anni 80 da Kazuhiko Nishi della divisione giapponese Microsoft, divenuta poi ASCII Corporation. Lo scopo di questo marchio era quello di creare una serie di computer completamente compatibili tra loro. Quando il marchio Msx venne annunciato, tutti crederono di assistere alla nascita di un nuovo standard esattamente come avvenne anni prima con le VHS. Ma, quando le macchine iniziarono ad arrivare in occidente nel 1984, trovarono un mercato già saturo con Macintosh, Ibm compatibili, Spectrum, e soprattutto, con le macchine Commodore a farla da padrone, di conseguenza l’msx non riuscì mai ad imporsi come standard in occidente. Tuttavia in Spagna, Olanda, Brasile ed Argentina riuscirono a crearsi una consistente fetta di mercato (e questi paesi vantano tuttora una fiorente scena di appassionati/nostalgici che continua a produrre software per il loro amato computer). Resta il fatto comunque che in Giappone ed in Corea del Sud, l’MSX divenne il principale home computer degli anni Ottanta e ciò gli ha consentito di prosperare e deliziarci con giochi e programmi per più di un decennio.
    MSX sta per “Machines with Software eXchangeability” (macchine con software interscambiabile). Tuttavia, molti credono che stia per 'MicroSoft eXtended', per via del linguaggio di programmazione incorporato, l’MSX-BASIC, creato da Microsoft.
    L' MSX conobbe diverse generazioni nel corso degli anni: MSX 1 (1983), MSX 2 (1985), MSX 2+ (1988) ed MSX turbo R (1990). Le prime tre erano computer ad 8-bit basati sul microprocessore Z80, mentre l'MSX turbo R, pur mantenendo lo Z80 per la compatibilità verso il basso con i modelli precedenti, aveva lo Zilog R800, un processore RISC a 16bit. Il turbo R fu introdotto nel 1990 ma non ebbe un grande successo, fu prodotto solo da Panasonic e non fu minimamente supportato dalle Software-House (uscirono solamente 4 giochi). Nel 1995 la produzione di quest'ultimo computer cessò decretanto la fine dei questo glorioso marchio.
    Nel 2001, uscì un emulatore chiamato 'MSX PLAYer' che costituisce l'unico emulatore MSX ufficiale riconosciuto da Kazuhiko Nishi.
    Nel 2006 nasce il progetto “One Chip MSX” che in un box di plastica racchiude l’hardware completo di un Msx2. Distribuito da D4 Enterprise e Bazix in collaborazione con MSX Association.
    Complessivamente furono venduti 5 milioni di computer MSX nel mondo.


    Produttori di computer MSX

    • MSX 1: Spectravideo (USA), Philips (Olanda), Sony, Sanyo, Fenner, Mitsubishi, Toshiba, Hitachi, National, Canon, Casio, Pioneer, General (company), Yamaha, Yashica-Kyocera (Giappone), GoldStar, Samsung/Fenner (Corea/Italia), Daewoo/Yeno (Corea del Sud), Gradiente, Sharp/Epcom (Brasile)

    • MSX 2: Philips (Olanda), Sony, Sanyo, Mitsubishi, JVC, National, Panasonic, Canon (Giappone), ACVS, DDX (Brasile, kit d'aggiornamento), Daewoo/Yeno (Corea del Sud)

    • MSX 2+: Sony, Sanyo, Panasonic (Giappone), ACVS, DDX (Brasile, kit d'aggiornamento)

    • MSX turbo R: Panasonic (Giappone)


    Caratteristiche Hardware:

    MSX 1

    • Processore: Zilog Z80A con frequenza di 3.58 MHz
    • ROM: 32 KB
    • RAM: da 16 KB a 64 KB
    • Processore Video: Famiglia Texas Instruments TMS9918
    • Video RAM: 16 KB
    • Risoluzione: 256 x 192 ad 8 colori scelti da una tavolozza di 16, con la limitazione che ogni linea orizzontale di 8 pixel poteva avere solo 2 colori.
    • Chip sonoro: General Instruments AY-3-8910 (PSG) 3 canali + rumore bianco.




    MSX 2

    • Processore: Zilog Z80A con frequenza di 3,576 MHz
    • ROM: 48 KB
    • RAM: da 64 KB a 256 KB
    • Processore Video: Yamaha v9938
    • Video RAM: minima 64 KB - molte macchine montavano 128 KB,
    • Risoluzione: 256 x 212 (16 colori da una palette di 512) - con 128 KB di Video RAM diventavano disponibili anche un modo 512 x 212 (16 colori), ed un modo 256 x 212 con (256 colori su schermo tavolozza fissa di 256 colori) che funzionava solo con pixel statici ma consentiva comunque di creare immagini fisse di notevole impatto per l' epoca.
    • Risoluzione massima: 512 x 424 (16 colori da una palette di 512) e 256 x 424 (256 colori)
    • Chip sonoro: General Instruments AY-3-8910 (PSG) 3 canali + rumore bianco.



    MSX 2+


    • Commercializzato solo in Giappone. Prodotto solo da Panasonic, Sanyo e Sony
    • Processore: Zilog Z80A con frequenza di 3,576 MHz
    • ROM: 64 KB
    • RAM: da 64 KB a 128 KB
    • Processore Video: Yamaha v9958
    • Video RAM: 128 KB
    • Risoluzione: 512 x 212 (16 colori da una palette di 512) e 256 x 212 (19268 colori)
    • Risoluzione massima: 512 x 424 (16 colori da una palette di 512) e 256 x 424 (19268 colori) Registri per scrolling orizzontale e verticale (scrolling hardware)
    • 1° Chip sonoro: General Instruments AY-3-8910 (PSG) 3 canali + rumore bianco
    • 2° Chip sonoro: Yamaha YM2413. 9 canali FM o 6 canali FM + 5 per effetti batteria. 15 strumenti preimpostati + 1 personalizzabile


    MSX turbo R

    • Commercializzato solo in Giappone. Prodotto solo ed esclusivamente da Panasonic
    • Processore: R800 16 bit RISC con frequenza di 28,636 MHz
    • Processore: Zilog Z80A con frequenza di 3,576 MHz (per compatibilità verso il basso)
    • ROM: 96 KB
    • RAM: 256 KB (FS-A1ST) o 512 KB (FS-A1GT). Con aggiunti 16 KB di memoria SRAM (che si manteneva anche dopo lo spegnimento, grazie ad una batteria)
    • Processore Video: Yamaha v9958
    • Video RAM: 128 KB
    • Risoluzione: 512 x 212 (16 colori da una palette di 512) e 256 x 212 (19268 colori)
    • Risoluzione massima: 512 x 424 (16 colori da una palette di 512) e 256 x 424 (19268 colori)
    • Registri per scrolling orizzontale e verticale (scrolling hardware)
    • 1° Chip sonoro: General Instruments AY-3-8910 (PSG). 3 canali + rumore bianco
    • 2° Chip sonoro: Yamaha YM2413. 9 canali FM o 6 canali FM + 5 per effetti batteria. 15 strumenti preimpostati + 1 personalizzabile
    • 3° Chip sonoro: PCM. 8-bit a singolo canale (senza DMA), massimo 16KHz. MIDI in/out (solo nel modello FS-A1GT)


    Software:

    • Alcune delle serie più famose iniziarono la loro carriera proprio su MSX: Metal Gear, Castlevania, Gradius, Puyo Puyo, Aleste, Xak, Gambare Goemon.
    • Tra le software-house che programmarono su MSX citiamo le più conosciute: Konami, Falcom, Microcabin, Compile, T&Esoft, Wolfteam, Renovation, Sony, Namcot, Taito, Jaleco, Telenet, Game Arts, Family Soft, Hal Laboratory, Irem Corporation.

    • Era possibile trovare il software Msx su diversi formati. Inizialmente il più utilizzato era la cartuccia. Un altro formato molto in voga sugli Msx1 era l’audio cassetta (lo stesso formato della maggior parte dei computer 8bit degli anni 80). Con la nascita degli Msx2 che venivano commercializzati con i disk drive da 3 1/2, cominciarono ad uscire titoli in questo formato, prima in dischi a singola densità (360K), poi in dischi a doppia (720K, la stessa capacità dei dischetti del formato DOS).

    • Data la non proprio elevatissima qualità audio dei giochi Msx1/2, uscirono numerose espansioni audio. Tra queste ricordiamo, l’SCC, un chip che la Konami incorporava nelle sue cartucce e che permetteva all’Msx di avere 5-6 canali Stereo. L’FM-Pac della Panasonic, sicuramente l’espansione più famosa. Questa cartuccia permetteva di avere fino a 9 canali FM grazie ad un chip creato da yamaha. Ovviamente solo i giochi predisposti potevano sfruttarla, ma grazie all’elevata qualità ed al prezzo piuttosto contenuto ebbe un notevole successo, tanto che dalla terza generazione di Msx (Il 2+), il chip Yamaha fu integrato nel computer stesso. Per quelli che volevano mantenere lo slot cartucce libero, era possibile modificare il proprio Msx1/2 saldando il chip direttamente nella scheda madre. Un’altra espansione sonora di notevole fattura fu il Music Module della Philips che permetteva di avere 9 canali stereo FM. Il Music Module non ebbe la stessa diffusione dell’Fm-Pac anche se la qualità sonora era nettamente superiore.

    • Chi aveva un Msx2, poteva trasformarlo in 2+ semplicemente facendo una modifica hardware che consisteva nel sostituire e saldare alcuni chip. Tutto il kit era venduto insieme e costava intorno alle 200 mila lire. Una cifra abbastanza economica, specie se si considera il prezzo di un msx 2+.
    Per MSX furono prodotti all’incira 15000 titoli (giochi e programmi). Alcune Software-House indipendenti hanno continuato a produrre software anche dopo la morte del sistema. Attualmente esistono etichette in Spagna, Brasile e Olanda che continuano a produrre giochi. Capirete anche voi che catalogare tutto il software risulterebbe molto impegnativo. Per facilitare la vita a chi si avvicina per la prima volta a questo magnifico computer, ho deciso di elencare alcuni titoli che NON dovete assolutamente perdervi. Tra parentesi troverete la software-house che ha programmato il gioco ed il modello su cui è nato. Ricordatevi la compatibilità verso il basso. In pratica se avete un MSX Turbo-R potete giocare a tutto, se avete un MSX2+ potete giocare solo con i titoli per MSX2+, MSX2 ed MSX1. Se avete un MSX2 potete giocare solo con i titoli MSX2 ed MSX1. Se avete un semplice MSX1, cercatevene uno più potente, che è meglio.


    Giochi di Ruolo:

    Ancient YS Vanished 1,2,3 (Falcom) (MSX2)
    Xak: Tower of Gazzel (Microcabin) (MSX2)
    SD Snatcher (Konami) (MSX2)
    Arcus 2 (WolfTeam) (MSX2)
    Emerald Dragon (MSX2)
    Fray In Magical Adventure (Microcabin) (MSX2)
    Illusion City (Microcabin) (MSX TURBO-R)
    Madou Monogatari (Compile) (MSX2)


    Sparatutto:

    Aleste 1,2 (Compile) (MSX2)
    Laydock 2 (T&Esoft) (MSX2+)
    Space Mambow (Konami) (MSX2)
    FireBird (Konami) (MSX2)
    FireHawk (GameArts) (MSX2)
    Knightame (Konami) (MSX)
    Famicle Parodic 2 (Bit2) (MSX2)
    Parodius (Konami) (MSX)
    R-Type (Irem) (MSX)


    Platform:

    Akumajo Dracula (Konami) (MSX2)
    Bubble Bobble (Taito) (MSX2)
    Valis Fantasm Soldier (Telenet) (MSX)
    King’s Valley 2 (Konami) (MSX2)
    Magical Tree (Konami) (MSX)


    Altro:

    Penguin Adventure (Konami) (MSX)
    Maison Ikkoku (Microcabin) (MSX2)
    Uruseyatsura (Microcabin) (MSX2)
    Snatcher (Konami) (MSX2)
    Gambare Goemon (Konami) (MSX2)
    Hyper Sports 1,2 (Konami) (MSX)
    Altler Wars 2 (MSX)
    Nyancle Racing (BIT2) (MSX2)
    Metal Gear 1,2 (Konami) (MSX2)
    Princess Maker (Microcabin) (MSX2)
    Rastan Saga (Taito) (MSX2)
    Comumns (Telenet) (MSX2)
    Quarth (Konami) (MSX2)
    Puyo Puyo (Compile) (MSX2)
    The Tower of Cabin (Microcabin) (MSX2)
    Golvellius 2 (Compile) (MSX2)
    F1 3D Spirit Special (Konami) (MSX2+)


    Emulazione:


    Se non avete la possibilità di procuravi un MSX reale, potete sempre puntare sull’emulazione. Per Windows XP esistono diversi emulatori. Io vi consiglio BlueMSX che tra tutti quelli che ho provato è in assoluto il più bello. Oltre ad avere una compatilità pressochè perfetta, può emulare al 100% qualsiasi tipo di hardware, comprese le varie espansioni audio (SCC, Fm Pac, Music Module etc). Inoltre ha una miriade di filtri grafici che vi permettono di migliorare la risoluzione, aggiungere l’antialiasing e di rendere tutto più bello da vedere (ovviamente se siete dei puristi non attiverete mai questi filtri, ma forse se siete puristi non userete nemmeno l’emulatore). Comunque il sito da cui scaricare l’emulatore è questo: http://www.bluemsx.com
    E’ possibile giocare con i titoli Msx anche attraverso l’emulazione della "Virtual Console" di Nintendo, che permette di scaricare alcuni vecchi titoli sulla console Wii.



    Commenti 4 Commenti
    1. L'avatar di synapsy
      synapsy -
      Meraviglia...! Quanti ricordi... il mio primo computer MSX Canon V-20 64K, regalatomi per la prima comunione... sniff... sniff... bei tempi. Ce l'ho ancora perfettamente funzionante (tranne il tasto "b"). Quanti ricordi...

      Complimenti per lo speciale, molto bello, dettagliato e chiaro.
    1. L'avatar di Moro
      Moro -
      Anche per me l'Msx fu il mio primo computer. Avevo gia' avuto modo di utilizzare a lungo il C64 di mio cugino, ma l'Msx fu proprio il primo che acquistai ed era tutto mio. Era un Sony della serie Hit Bit che ancora ho, con il tasto cursore destro praticamente sfasciato causa lunghe sessioni a Hyper Olympics. Ora ho pure due Philips Msx2. Purtroppo la maggior parte delle cartucce sono care da acquistare visto la diffusione non troppo capillare da noi.
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Mai giocato con un MSX, prima o poi tenterò almeno la via dell'emulazione. A tal proposito, le espansioni sonore di cui si parla nell'articolo, vanno usate anche con gli emulatori?
    1. L'avatar di Moro
      Moro -
      gli emulatori dovrebbero gestire le rom patchate che beneficiavano dell'espansione.