Bust-A-Move - Game Gear | Retrogaming History
Registrati!
  • Bust-A-Move

    Bust-A-Move

    Bust-A-Move è, senza dubbio, uno dei puzzle games più famosi ed apprezzati dell’intera storia videoludica. Dopo il primo capitolo sono usciti una valanga di seguiti con relativi adattamenti per le più disparate console e computer ed, inoltre, molti altri titoli appartenenti al genere dei puzzle/rompicapo hanno ripreso l’idea che sta alla base di questa produzione dando luogo a giochi più o meno simili.
    La colonna portante del gameplay di questa meraviglia è elementare ed immediata: bisogna lanciare delle bolle variopinte, dal basso verso l’alto, cercando di metterne tre o più dello stesso colore vicine, al fine di farle sparire. Una trovata semplicissima e geniale che permette di associare una grandissima giocabilità ed una notevole immediatezza ad un sistema ludico profondo e longevo poiché necessita di un alto grado di strategia per poter essere gestito al meglio, proprio come altri grandissimi capolavori hanno insegnato (Tetris, Arkanoid, Bomberman, ecc..).
    Bust-A-Move ha la grande capacità di regalare ore ed ore di divertimento ad un vastissimo ed eterogeneo campionario di utenti e, difatti, è difficile (ma non impossibile) trovare qualcuno che non apprezzi il gioco delle bolle: dagli amanti degli sparatutto, agli accaniti hardcore gamers, dagli adepti degli RPG, ai casual gamers, ragazze, ragazzi, mamme, papà, idraulici, meccanici, artisti e persino mia nonna si è divertita a direzionare le palline colorate.
    Questo spensierato “sparabolle”, comunque, non deve la sua notorietà solo alla grande capacità di dispensare divertimento per tutti, ma anche alla presenza dei draghetti di Bubble Bobble e ad altri personaggi tratti dallo storico platform.
    Bene, dopo queste premesse generali, andiamo ad analizzare in dettaglio la conversione per Game Gear uscita nel 1996 che è oggetto di questo articolo.
    Graficamente la trasposizione è ottima, presenta animazioni di contorno veramente carine e videate colorate e divertenti. Solo la sezione dedicata alle sfide è un tantino spoglia, ma per il resto è tutto ben fatto ed apprezzabile.
    Anche il sonoro se la cava benone grazie alla presenza di musiche perfette per lo stile di gioco, di effetti assolutamente azzeccati e di alcune frasi digitalizzate come la famosissima “ready… go!”.
    Le opzioni permettono di scegliere fra tre diversi livelli di difficoltà del gioco e tre livelli di “bravura” dei personaggi guidati dalla CPU.
    Il giocatore può scegliere tra quattro diverse modalità di gioco: “1 Play” che permette di affrontare in solitaria una lunga serie di livelli via via sempre più difficili. Il soffitto si abbassa piano piano e bisogna liberare lo schermo dalle bolle prima che lo stesso sia sceso del tutto. “VS Play” che mette il player contro diversi avversari in un torneo frenetico ed avvincente. La “VS Play” può essere affrontata contro la CPU o contro un avversario umano (ci vogliono 2 Game Gear e 2 cartuccie). Per finire, il “Challenge Record”, una sezione in cui gli oggetti da eliminare continuano a crearsi ed in cui lo scopo è fare più punti possibili.
    Gli stage sono veramente tanti e, a tutte queste caratteristiche, vanno aggiunte le bolle speciali che sono capaci si sortire i più disparati effetti, come ad esempio quelle che contengono l’acqua, il fuoco o i fulmini.
    Come se ciò non bastasse, la modalità “1 Play” è impreziosita da un comodo sistema di password.
    In definitiva, questo Bust-A-Move su Game Gear è davvero ben fatto. Vario, longevo, divertente e tecnicamente riuscito!
    Purtoppo non credo di poter assegnare un bel 9 in questa recensione perchè tra i tanti pregi sono presenti alcuni difetti di troppo. La cosa che più mi ha lasciato insoddisfatto è la velocità di gioco che qui risulta “rallentata” rispetto alla versione originale. La lentezza della versione per l’otto bit portatile Sega rende le fasi di gioco meno concitate di quello che ci si potrebbe aspettare e la grafica, per quanto bella, risente di alcuni rallentamenti che non giovano alla giocabilità. Forse sono problemi minimi in confronto ad una realizzazione complessivamente encomiabile, ma a mio giudizio, ne impediscono una valutazione a pieni voti.





    Un grandissimo classico ottimamente convertito. Divertentissimo, ipnotico, profondo e accessibile a tutti. Presenta purtoppo una velocità d’azione inferiore alla versione originale e per questo risulta meno istintivo e concitato di quello che dovrebbe essere. E poi, diciamoci la verità: di conversioni di Bust A Move ne trovate quante ne volete, per quale motivo dovreste acquistare proprio questa? A parer mio, se non siete amatori del Game Gear o degli appassionati innamorati di questo gioco, fareste meglio a scegliere altre versioni, anche se questa è valida e riuscitissima.




    Sistema: Game Gear

    Anno: 1995

    Sviluppatore: Taito Corporation

    Casa: Sega

    Genere: Puzzle
    LINK CORRELATI

    ALTRI TITOLI GAME GEAR

    ALTRI PUZZLE GAME

    ALTRI ARTICOLI DEDICATI ALLA SERIE


    Dario "Dariolino78" Lanzetti



    Commenti 3 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Adoro il gioco bust a move, un classico, possiedo il 3° ed è su saturn, comunque conviene prendersi qualsiasi versione di Puzzle Bobble, mantiene lo stesso spirito del divertimento.
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Bust a move ottimo spin off di bubble bobble, molto naif e molto ludico.
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Per un portatile questa è una killer application.