Muramasa: The Demon Blade - Wii | Retrogaming History
Registrati!
  • Muramasa: La Spada Demoniaca

    Muramasa: La Spada Demoniaca

    Nella generale “omogeneità” dei giochi di oggi, ogni tanto spunta qualcosa dove e quando meno te lo aspetti. Siamo all'E3 2009: Nintendo lancia il Wii Motion Plus, Microsoft presenta l'allora “Natal” e Sony il Move. E dove non ci sono accessori cosiddetti “casual”, c'è la super grafica 3D di Mass Effect II, Heavy Rain o God of War III. Ma proprio in questa occasione viene presentato un piccolo gioiellino, completamente agli antipodi risposto ai grandi trend della fiera. Vanillaware presenta infatti un nuovo action dalle meccaniche iperclassiche con grafica 2D: stiamo parlando di “Muramasa, la Spada Demoniaca”, nome in codice Princess Crown III. Per altro sviluppato sulla console che meno ti aspetti, ovvero la bianca casalinga marcata Nintendo.

    Piccolo accenno pseudo-storico su Muramasa: questo leggendario personaggio fu un celeberrimo fabbro vissuto in Giappone a cavallo tra il XV e XVI secolo. La qualità delle sue spade era superba , tanto che i samurai del periodo facevano a gara per possederne una. Ma si dice che al genio è spesso accomunata la follia. Pare infatti che anche questo superbo artigiano fosse pazzo e violento, il che non fece altro che aumentare la leggenda che le sue spade fossero demoniache e richiedessero un tributo di sangue ogni qual volta venissero sfoderate.



    Chiudiamo la parentesi storica e concentriamoci sul gioco. Come già detto Muramasa: La Spada Demoniaca è un classicissimo action con grafica bidimensionale condito di qualche elemento RPG. Chi ha già giocato ad altri giochi di Vanillaware, specialmente Odin Sphere (di cui questo titolo è il seguito spirituale) sa a che cosa va incontro.
    Appena inserito il disco nel lettore veniamo catapultati in un magico Giappone feudale, con le sue musiche e i suoi colori. È insolito parlare del comparto tecnico all'inizio di una recensione, ma è proprio questa la prima cosa che balza all'occhio: una grafica completamente bidimensionale, di eccelso livello qualitativo, con sfondi e sprite disegnati come fossero usciti da una stampa giapponese dell'epoca. Ci troveremo davanti a mostri e spiriti tratti dalla mitologia giapponese, tutti disegnati in modo estremamente originale, ispirati fortemente all'arte del periodo. Tratti decisi e colori intensi creano un'atmosfera surreale, supportata da una colonna sonora perfettamente a tema. Le animazioni degli sprite sono fluide, varie e piuttosto spettacolari, il che fa di ogni combattimento una gioia per gli occhi.

    La vicenda, o meglio le vicende, narrano di un ninja che ha perduto la memoria (Kisuke) e una principessa posseduta dallo spirito di un monaco (Momohime), entrambi alla ricerca di una leggendaria spada demoniaca. Completamente diverse le motivazioni, che si scoprono poco per volta in una storia che non ha fretta di farsi raccontare. Due vicende tecnicamente distinte e giocabili in tempi diversi. All'inizio di ogni sezione di gioco, infatti, sarà selezionabile una delle due storie: sta al giocatore decidere se portarle avanti parallelamente capitolo per capitolo o terminarne prima una e iniziare la seconda successivamente. Entrambe sono piuttosto lente e non costituiscono certamente il punto forte del gioco, ma sono senza dubbio un piacevole contorno.



    Parliamo ora del gameplay. Sono inizialmente disponibili due livelli di difficoltà, che di fatto presentano una giocabilità completamente differente: il livello facile semplifica di molto i comandi, riducendo il tutto ad una pressione del tasto A del telecomando Wii, cosa assai diversa per il livello normale, dove avremo un discreto corredo di parate, schivate, fendenti direzionabili e colpi speciali. Uno stile di gioco duro e puro, quasi arcade, veloce e tecnico, con un livello di difficoltà appagante ma mai frustrante.
    A rendere più profondo un gameplay altrimenti piuttosto ripetitivo subentrano gli elementi ruolistici. Raccogliendo le Anime per i vari livelli saremo in grado di forgiare nuove spade e con l'aumentare di livello potremo equipaggiarle. Di fatto l'evoluzione del personaggio è visibile solamente attraverso le armi, che si distinguono in due categorie: le agili spade corte (katane) o i lunghi e potenti spadoni (nōdachi). A sua volta ogni spada è diversa da un altra per un particolare potere speciale. La scelta è varia, tanto che ci sono complessivamente ben 108 spade! Alcune di esse non sono forgiabili ma si ottengono man mano nel gioco e servono ad aprire barriere per accedere a luoghi prima inaccessibili.
    Il giocatore avrà a disposizione sempre tre spade: esse infatti tendono a consumarsi combattendo e a ripristinarsi rimanendo nel fodero, quindi sarà necessario scambiarle rapidamente a seconda della necessità del momento e della tattica intrapresa.
    A corredare il tutto una buona varietà di item, tra cui la curiosa abilità culinaria: tutto il cibo, le bevande e gli oggetti sono rigorosamente tradizionali giapponesi!



    Anche i boss di fine livello, come tutto il resto d'altronde, sono perfettamente “a tema”: demoni enormi, combattenti posseduti da spiriti maligni, mostri e divinità delle montagne metteranno a dura prova le nostre capacità in scontri dove non sarà sempre immediato trovare la tattica corretta per la vittoria.

    Muramasa: La Spada Demoniaca non è certo un gioco privo di difetti. Per quanto il gameplay sia ben bilanciato e approfondito, rimane pur sempre vincolato a meccaniche di gioco piuttosto “retro” e difficilmente verrà sottoposto a lunghissime sezioni di gioco. In fondo questo è un problema che il retrogiocatore smaliziato, abituato a ben altri livelli di “durezza” di gameplay, non soffrirà particolarmente, ma che costituisce anzi uno dei punti di forza del gioco.
    Un gioco davvero affascinante, sicuramente il migliore del suo genere su Wii e uno dei migliori della generazione. Una vera chicca per retrogamer, collezionisti e giocatori alla ricerca di qualcosa di diverso.

    COMMENTO FINALE


    “Muramasa: La Spada Demoniaca vi catapulterà in un suggestivo e coloratissimo Giappone feudale con un gameplay action “old school” e una curatissima grafica 2D. Un gioco di nicchia che saprà certamente divertire e affascinare l'amante del genere. Un piccolo gioiellino, quando e dove meno te lo aspetti.”





    Commenti 11 Commenti
    1. L'avatar di Raffa
      Raffa -
      Quoto in pieno il commento finale!
    1. L'avatar di Cthulhu
      Cthulhu -
      Ecco, una delle rare perle per Wii che devo recuperare.
    1. L'avatar di Tommyhommy
      Tommyhommy -
      Cavoli mi manca! ma sono a corto di money in questo periodo...e ho una marea di giochi da finire!
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Se arrivasse un remake HD anche di questo sarebbe un sogno. Non ci ho mai giocato, ma la grafica è straordinaria!
    1. L'avatar di JoustSonic82
      JoustSonic82 -
      Non conoscevo questo gioco, non sapevo che anche sulla Wii ci fossero giochi di questo genere... Il Giappone feudale ha sempre il suo fascino (Okami è un altro gioco che lo sfrutta a dovere). Questo gameplay "retro", poi, mi piace un sacco. Se lo mettono su PSN lo prendo al volo!
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Capolavoro!!!! Ho comprato la WII solo e quasi esclusivamente per questo gioco ,l'unico gioco preso a prezzo pieno (o quasi ,preso in un negozio online di San Marino a € 39,quando si trovava in giro dalle € 54 alla € 49,appena uscito l'anno scorso).Graficamente startosferico ,curato nei minimi particolari ,giocabilità strabiliante ,anche se per me è troppo facile.E' una goduria per gli occhi con uno stile tutto suo ,un charater originale che è troppo riduttivo paragonare a Princess Crown come fosse un seguito . Princess Crown , Odine Sphere e Murosama ,anche se lo stile grafico è uguale ,sono tre giochi molto diversi.Un gioco che bisogna avere assolutamente ,non c'è bisogno di essere un retrogamer per apprezzarlo e dimostra che il 2D ,se si ha voglia di programmarlo come si deve ,non è morto ,anzi ,tia fuori delle perle da non sottovalutare.
    1. L'avatar di hannibal the king
      hannibal the king -
      Titolo che assieme ad altre perle (se pur poche rispetto alla quantità di titoli di qualità per altre console...) merita l'acquisto della ''ammiraglia'' Nintendo, che ormai si trova a cifre abbordabili...
    1. L'avatar di emachan
      emachan -
      Citazione Originariamente Scritto da musehead Visualizza Messaggio
      Se arrivasse un remake HD anche di questo sarebbe un sogno.
      Ti assicuro che non se ne avverte davvero il bisogno, in quanto è ancora oggi una delle migliori grafiche 2D in circolazione. Beh, in fondo non ha neache 3 anni...
      Anch'io sono stato rapito dallo stile grafico dei Vanillaware, già fantastico su Saturn, e non è in secondo piano nemmeno la splendida colonna sonora, tuttavia sono del parere che la sua poca rigiocabilità sta nei frequenti scontri casuali con nemici poco vari e affrontabili senza alcuna particolare strategia.
      Le boss fight sono appaganti ma rare e alcune volte riprendono i nemici normali da affrontare in massa...
      Una volta finito con un personaggio, avendo visto praticamente tutto, la voglia di ricominciare con l'altro solo per seguirne la differente storia è stata nulla.
    1. L'avatar di P.Min
      P.Min -
      che scoperta...è bellissimo! strano che Robbey ancora non gli dia una possibilità! XD
    1. L'avatar di Axe_N_Sword
      Axe_N_Sword -
      Nel frattempo il Wii l'ho venduto perchè non ce la faccio più a star dietro a tutte le uscite delle varie console, questo però è uno dei giochi che più mi è piaciuto in assoluto di questa generazione. Molto spesso l'ho nominato in tutti quei topic in cui si indica il Wii solo e soltanto come una console per casual, questo genere di giochi (inteso come giochi dedicati alla "vecchia guardia") invece sulla console Nintendo esiste ma, chissà perchè, viene sempre ignorato: oltre a questo infatti ci sono i vari Paper Mario, La torre delle ombre, Donkey Kong , Kirby, NSMB, A boy and his blob, uno di cui non mi viene il nome, insomma, dal mio punto di vista era proprio la console sulla quale potersi aspettare un gioco del genere ma, purtroppo, è sempre stata vista come la piattaforma dei vari Fitness e compagnia bella . Con Muramasa ci ho passato una cinquantina d'ore, mi ha nerdizzato come non accadeva da tanto tempo, presi anche l'ultima spada. Veramente stupendo, ad un certo punto forgiare nuove spade diventava una droga ed era bellissimo il meccanismo che si veniva a creare relativo alla scelta delle stesse e all'utilizzo a seconda delle varie situazioni. Personalmente lo straconsiglio un pò a tutti, in particolar modo a chi è rimasto legato alle meccaniche 2D e alla grafica bidimensionale, ho sempre pensato che potesse dare ancora tanto al mercato dei videogiochi
    1. L'avatar di karka
      karka -
      Anche io non ho potuto non adorare questo titolo. L'ho finito consumandomi il dito nel premere il tasto A.Bella Recensione.Consigliatissimo.