BurgerTime - Intellivision | Retrogaming History
Registrati!
  • BurgerTime

    BurgerTime

    Ci sono conversioni il cui valore va ben oltre la loro fedeltà all’originale, perché influenzano la vita di una console al punto da segnare la Storia videoludica tout court. Pensando all’Atari VCS balzano subito alla mente Space Invaders e Asteroids, mentre non si può neppure intavolare una discussione sul Colecovision senza citare Donkey Kong. Parlando dell’Intellivision invece, la conversione per eccellenza nonché il titolo forse più rappresentativo della macchina è senz’altro BurgerTime, pubblicato a cavallo tra il 1982 e il 1983 da Mattel.


    Come l’originale...

    La struttura ludica riprende la formula dell'omonimo coin-op Data East, un titolo puzzle-action composto da più stage a schermata fissa. All’interno di quest’ultima scopriamo un complesso di piattaforme collegate da scale, secondo un layout diverso per ogni livello di gioco. Adagiati sui piani orizzontali si trovano gli ingredienti di enormi hamburger, costituiti da due fette di pane e da un companatico più o meno ricco di strati (carne, pomodoro, lattuga) a seconda dello stage. Il giocatore comanda lo sprite di Peter Pepper, cuoco di bianco vestito il cui compito è di muoversi attraverso lo schermo andando letteralmente a calpestare e schiacciare i diversi ingredienti, i quali quando vengono completamente compressi cadono al piano immediatamente inferiore, con effetto a catena per cui quando uno precipita sull’altro ne provoca a sua volta la discesa. L’intento finale di Peter è dunque quello di sospingere in questo sistema tutti gli strati verso il fondo dello schermo, in modo da unirli tra loro e completare così la preparazione di tutti i panini corrispondenti agli ingredienti sparsi sullo stage.

    Il lavoro di Pepper sarebbe tutto sommato semplice, non fosse per la presenza di nemici che si aggirano in ogni livello sotto forma di hot-dogs, uova e fette di cetriolo, inseguendolo incessantemente. Peter può schiacciarli facendo loro cadere in testa i diversi strati di hamburger, ma si tratta di una soddisfazione fugace poiché dopo pochi secondi l’avversario eliminato spunta nuovamente come se nulla fosse. Il semplice tocco di uno di essi è invece la rovina del nostro cuoco, che perde così una vita (delle cinque iniziali, oltre una omaggio ogni 10.000 punti). Paradossalmente però con un minimo di accortezza questi antagonisti possono rivelarsi persino utili alla nostra causa: basterà infatti comprimere l’ultima parte di uno strato mentre uno o più di essi vi stanno camminando sopra per fare cadere sia l’ingrediente sia i nemici di ben due livelli orizzontali, in ragione del peso aggiuntivo degli avversari mandati in tal modo a farsi un viaggetto ai piani inferiori.



    Se poi il nostro dovesse proprio trovarsi alle strette, ad aiutarlo abbiamo una scorta di pepe con cui Peter può al tempo stesso tramortire temporaneamente i suoi inseguitori e passarvi indenne attraverso. Le riserve di pepe, ovviamente contate, sono reintegrabili tramite appositi item che compaiono saltuariamente sullo schermo dopo che si è completata la discesa di un certo numero di strati, diverso per ogni stage.
    Una disamina del gameplay di BurgerTime sarebbe però incompleta senza menzionare un particolare spesso trascurato ma certo fondamentale per la riuscita di questo titolo: i rivali di Peter Pepper cercano sempre di acchiapparlo, anche anticipando le sue mosse per tagliargli la strada, ma sono costretti ad un moto continuo e sono inabili ad invertire la propria direzione di 180°, in altre parole non sanno tornare sui propri passi. Tutto questo può ed anzi deve essere utilizzato dal giocatore per approntare una tattica utile ad eludere i loro attacchi e, nel migliore dei casi, a “raggrupparli” il più possibile, in modo da limitare il rischio di essere preso tra due fuochi.


    ...o meglio dell’originale?

    Un hamburger verdone tra due fette di pane di un giallino sinistramente orientato al grigio: voi lo mangereste un panino simile? Credo di no, ma da un punto di vista squisitamente cromatico si tratta di una scelta azzeccatissima, che si sposa divinamente con le scale blu, felice deviazione dal coin-op in cui erano costituite da pioli bianchi. Il risultato finale, punteggiato da note di arancione, rosso e verde brillante, è una tavolozza nel complesso gradevolissima e a mio personale parere preferibile di molto all’originale arcade, che già di suo non si segnalava particolarmente per la confezione grafica. Le animazioni dei personaggi inoltre sono impeccabili, specialmente quella della fetta di cetriolo che ruota fluidamente su se stessa. A mettere la ciliegina sulla torta ci pensano la schermata animata di introduzione, costituita dai credits inseriti nel contesto di uno stage stilizzato con personaggi in movimento, e le scene di intermezzo. Queste ultime, vero inedito rispetto all’originale, compaiono all’inizio di ogni nuova vita o di un diverso stage e mostrano quattro nemici che si avvicinano minacciosi al nostro Peter, mentre la stessa immagine si ripete quasi identica dopo l’esaurimento dell’ultima vita, ma stavolta con i malvagi ormai in prossimità del protagonista, steso a terra con le gambette per aria.
    Il sonoro è, molto semplicemente, un’eccellente riproposizione dell’originale, con l’immancabile musichetta mutuata dal coin-op, di quelle che dopo una lunga sessione di gioco rimangono in testa come un mantra per giorni interi. Gli effetti invece sono pochi ma buoni, specialmente quello del lancio di pepe.



    L’aspetto più rilevante e in un certo senso innovativo di questa conversione è però la giocabilità in senso stretto. Innanzitutto va detto che i livelli di gioco (che si ripetono in loop) sono diversi per numero e caratteristiche rispetto all’arcade: non sei bensì sette; inoltre, mentre nella versione da sala i panini da completare erano quattro per ogni stage, con l’eccezione dei soli due hamburger da ben otto strati del quinto livello, qui ci troviamo a preparare tre panini nel primo e nel quarto stage e quattro nei restanti. Più in generale il level design è stato profondamente ripensato, con l’effetto di ottenere un layout complessivamente più indulgente, con schemi più aperti e meno vincolati alla programmazione di strategie a lungo termine. Anche la disposizione su schermo, più spiccatamente orizzontale rispetto al coin-op o alle conversioni più fedeli, aiuta a rendere meno frustrante l’esperienza di gioco soprattutto quando si cerchi di far cadere gli strati di hamburger insieme con i nemici, dal momento che la superficie degli ingredienti è più larga e consente di valutare con più calma l’attimo propizio per coprire l’ultimo tratto, ponendo più distanza tra lo sprite di Peter e i suoi antagonisti.

    Tutto ciò non deve far pensare che questo BurgerTime si risolva in una trasposizione annacquata e senza mordente: è vero che il grado di sfida è sensibilmente inferiore, ma l’abilità del giocatore più tattico viene senz’altro ricompensata, e livelli come il quarto e soprattutto il settimo stage richiedono una buona dose di strategia o quantomeno un’ingente scorta di pepe. In pratica si tratta di una difficoltà perfetta per un titolo casalingo, che certo non ha la vocazione mangiamonetine tipica di un coin-op e deve prima di tutto e soprattutto intrattenere.



    E qui veniamo al punto cruciale: questo BurgerTime riesce a divertire? Sì, tantissimo! L’essenza del titolo arcade è rimasta, ma è stata depurata degli elementi che lo rendevano a tratti troppo ostico per i giocatori meno esperti. Inoltre il controllo del protagonista è straordinariamente fluido e a volte, per brevi momenti di follia dettati da entusiasmo ludico, induce persino ad apprezzare il disco direzionale del controller Intellivision.
    Le opzioni sono pochine, anzi a ben vedere si risolvono solamente nella modalità a due giocatori alternati e nella scelta della velocità di gioco. E tuttavia, viene da pensare che si potesse persino fare a meno di qualsiasi variante: sia perché la velocità più idonea è comunque quella di default (fastest, mentre le altre disponibili sono fast, medium e slow), sia perché il gioco è davvero un meccanismo perfetto, che ruota attorno al punto esatto di equilibrio tra divertimento e sfida, tra tattica e spasso, tra azione e relax.




    "BurgerTime per Intellivision non riproduce l’originale: lo trascende. Non è la conversione più fedele, ma proprio per la sua diversità sa risplendere di luce propria e mettersi sullo stesso piano del coin-op, tanto da potere ambire al trono di migliore BurgerTime in assoluto. Probabilmente il più bel gioco per Intellivision, sicuramente il migliore arcade casalingo disponibile per la console Mattel."





    Commenti 6 Commenti
    1. L'avatar di Cthulhu
      Cthulhu -
      Mitico Burger time! Lo consumai all'epoca su Commodore64, ma ammetto che anche questa conversione è di ottima fattura.
    1. L'avatar di Ocram0806
      Ocram0806 -
      Condivido in pieno la tua affermazione, "probabilmente il più bel gioco per intellivision".
      Ho giocato a Burger Time, tanto da consumare il disco dell'Inty, ancora oggi lo rigioco con piacere.
      Complimenti una bella recensione.
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Bellissimo Burger Time ne avevo sentito parlare, provato mai devo rimediare subito
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Straordinario Burgertime. Lo conoscevo dai tempi del C64, ma un giorno venne a casa mia un amico con la cartuccia di questo gioco che proprio non entrava nell'apposito slot del mio computer. Capii qualche tempo dopo cosa fosse l'Intellivision.

      Conversione eccellente e molto preziosa anche per le finanze della Mattel che poteva vantarsi di un adattamento infinitamente superiore rispetto a quello per VCS (dove, però, si poteva fare mooolto meglio). E bello anche l'articolo.
    1. L'avatar di Ricki
      Ricki -
      quanti ricordi. ricordo questa conversione in tutti i dettagli. mi ricordo come fosse oggi la scatola, la cartuccia, le cover da infilare nel controller. e d ê come se riuscissi a ricordare anche il loro odore. l'ho fusa questa conversione a furia di giocarci. cosa darei per averla ancora
    1. L'avatar di zipfaster85
      zipfaster85 -
      Spettacolo di gioco....uno dei miei preferiti!! Tranquillamente al livello di Super Mario Bros per NES oppure TETRIS per il Game boy classic...oppure Sonic per il Megadrive....una super killer application, insomma. Perfetto sotto tutti i punti di vista....Ben pochi altri giochi riescono a sfruttare e a valorizzare il sistema su cui girano come Burgertime per Intellivision.