Rastan - Master System | Retrogaming History
Registrati!
  • Rastan

    Rastan

    Il Sega Master system è da considerarsi un’ottima console per quanto riguarda le conversioni da arcade, basti pensare a R-Type oppure a Choplifter e, credetemi, questo Rastan è una delle migliori trasposizioni. Alcuni estimatori considerano questa versione addirittura superiore al titolo “a gettoni” che è notoriamente un capolavoro.
    Ma veniamo alla trama: Rastan è un barbaro che combatte con il suo spadone e che di mestiere fa il “cerca tesori”. Rastan ha un fisico da lottatore (a me ricorda tanto Conan di Schwarzenegger) ed è così potente che non permette a nessun uomo o Dio di controllare il suo destino (ha fatto molta ginnastica in palestra?!).
    Un giorno, un re lo chiama per chiedergli di salvare la propria figlia, tenuta prigioniera nelle oscure profondità di Semia, una regione dove nemmeno i più perfidi esseri osano entrare. In cambio, il re promette a Rastan incredibili ricchezze. Ovviamente, il barbaro accetta e da qui si comincia a “videogiocare”.
    Ora analizziamo il gioco. Proseguendo lungo i livelli, il Barbaro forzuto uccide i nemici e salta da una piattaforma all’altra senza disdegnare qualche fune per “dondolarsi” o per salire. Esso può acquisire diverse armi oltre allo spadone, con una particolarità: tutte le armi sono a tempo! Finito il tempo, il giocatore torna con la sua fida spada. Vediamo quali sono questi oggetti spaccaossa: l'ascia, la mazza e la più potente spada di fuoco. Tutte le armi possono essere “direzionate” a destra, a sinistra, in alto e in basso (quest'ultimo solo mentre si salta)
    Altri oggetti molto utili sono: scudo, mantello, corazza (tutti e tre diminuiscono i danni), medicine (ripristinano l’energia), pecora (dona una vita), stoffa (una specie di “magia” che uccide tutti) e altri oggetti, meno importanti ma comunque utili.
    Tra i vari bonus si nasconde anche un oggetto che è meglio evitare: il veleno.

    Il gioco si configura come un action game con gradevoli inserti platform e gode di una giocabilità veramente alta. Ho gradito molto questo aspetto degli “innesti” platform in un titolo dichiaratamente d’azione, aggiungono varietà, donano un ritmo particolare e sono ben realizzati, eccone degli esempi: le “zattere”, le funi, il dover saltare da un sasso all’altro, e altri.
    Gli schemi, che sono sette e vengono divisi in tre stage ognuno, hanno un ottimo design anche se la qualità degli stessi non è costante: si hanno, infatti, sia livelli particolarmente ispirati, sia qualche livello leggermente sottotono.
    I controlli sono ben implementati e rispondono correttamente alle sollecitazioni del player, ma avrei preferito una risposta ai comandi più fluida e meno macchinosa soprattutto nella gestione dei salti.
    La varietà delle situazioni di gioco è garantita dall’alto numero di differenti ostacoli inseriti dai programmatori, per esempio: le “roccie con faccia”, l’acqua melmosa, i massi rotolanti, le palle di fuoco, spuntoni vari, eccetera eccetera.
    Buona ma non eccelsa la varietà dei nemici che sono però magnificamente caratterizzati, soprattutto i boss di fine livello.
    Tecnicamente, questa produzione gode di un buon livello grafico anche se, essendo uno dei primi giochi per questa console, non stupisce in nessun campo e non presenta sprite di grosse dimensioni. Il livello della qualità sonora è invece ottimo, anche se questo aspetto è reso meglio sul Commodore 64 (purtroppo solo questo, perché per il resto la conversione C64 delude, soprattutto per la difficoltà che si incontra quando si cercano di prendere le funi).
    La longevità è da considerarsi più che sufficiente grazie all’alta difficoltà del titolo e al buon bilanciamento della stessa.
    Insomma, anche se Rastan presenta qualche lieve difetto è un capolavoro. Dire con sicurezza se è migliore questo Rastan o il coin-op credo sia un argomento poco valido e molto soggettivo. Il coin-op dispone comunque di una qualità tecnica assolutamente superiore e di controlli leggermente migliori.




    Il gioco di un barbaro palestrato che gira con un costume da bagno verde, degli stivali rossi ed una spada possente potrebbe sembrare banale o ridicolo (quanto meno visto sotto questo aspetto) e invece è un titolo incredibile! Divertente, difficile, con un buon sonoro e una discreta realizzazione grafica. Il barbaro estivo sta ora riposando nell'olimpo dei videogiochi ma noi retrogiocatori siamo ben felici di disturbarlo ancora una volta per un'altra partita. Sperando che non si arrabbi...

    Dario "Dariolino78" Lanzetti





    Altre immagini:




    Commenti 2 Commenti
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      mito senza tempo
    1. L'avatar di Axe_N_Sword
      Axe_N_Sword -
      mai provata la versione master system ma mi sembra di aver capito sia la miglior conversione esistente, mi chiedo perchè non lo abbiano mai convertito per console a 16 bit, sarebbe stata sicuramente più fedele dal punto di vista grafico. Esiste la conversione del seguito (Nastar) per megadrive (forse anche snes) ma questo gioco era incredibilmente più brutto rispetto al primo ed indimenticabile capitolo, imho ovviamente