Sly Spy: Secret Agent - Atari ST | Retrogaming History
Registrati!
  • Sly Spy: Secret Agent

    Sly Spy: Secret Agent

    Sly Spy: Secret Agent è un popolare coin-op realizzato nel 1989 da Data East e convertito per Commodore Amiga, Amstrad CPC, Commodore 64, Atari ST e Sinclair ZX Spectrum.
    Lo sviluppatore nipponico riversa in questo action game molte delle situazioni classiche dei film di James Bond affiancando sezioni platform “alla Rolling Thunder”, in cui si guida il noto agente segreto armato della fida Walther PPK e della potentissima Golden Gun, a spettacolari livelli alternativi che vedono il protagonista in caduta libera in attesa di aprire il paracadute, lanciato a tutta velocità su una moto e immerso, in muta da sub, in acque marine pullulanti di squali e agguerritissimi nemici. Gli amanti dei James Bond movies noteranno le citazioni dai film in diverse situazioni e in boss particolarmente simili al gigantesco Jaws e al cinese Oddjob.

    Gli stessi livelli “extra” sopra descritti rimandano a diverse pellicole dell’interminabile saga cinematografica nata dalla fantasia di Ian Fleming, per non parlare, poi, della Golden Gun, la super arma che il nostro agente può usare dopo aver raccolto un certo numero di bonus e solo per un tempo limitato.

    La conversione su Atari ST di un coin-op tecnicamente molto ben realizzato come Sly Spy è stata attuata al prezzo di notevoli quanto inevitabili compromessi sul fronte audiovisivo. Dal punto di vista estetico il porting della Ocean / Software Creations si presenterebbe bene: gli sprite sono ben disegnati, i fondali sufficientemente dettagliati e i colori selezionati e distribuiti in modo da minimizzare i limiti cromatici della modalità 320X200 del sistema. È infatti pregevole l’utilizzo relativamente ampio e molto ben calibrato delle sfumature che, pur non discostandosi molto dallo standard di 16 colors on-screen, ammontano in alcune sezioni ad oltre 25 in contemporanea a tutto vantaggio del look complessivo.



    Anche acusticamente questo porting è quantomeno dignitoso grazie a musiche (meglio evitare i pessimi FX in alternativa alle BGM) di livello qualitativo superiore alla media del 16 bit Atari che, tenuto conto delle severissime limitazioni del chip audio YM2149 (lo stesso utilizzato su MSX, Apple II, Amstrad CPC e ZX Spectrum), risultano tutto sommato accettabili.
    La conversione, purtroppo, "frana" miseramente a causa della pessima gestione di scrolling e sprite (pur notevolmente ridotti di numero e animati con pochissimi frame) in mancanza di co-processori dedicati, non disponibili nei computer della linea ST.
    Il risultato è una dinamica di gioco lenta in cui la fluidità è totalmente assente e il marcato sfarfallìo di scrolling ed elementi grafici regna sovrano. Sly Spy su Atari ST risente di un codice non sufficientemente ottimizzato per le caratteristiche dell’hardware. Una programmazione migliore, infatti, avrebbe potuto minimizzare i gravi problemi di questo porting, senza, in ogni caso, raggiungere la fedeltà al velocissimo coin-op, “missione”, fin dall’inizio, impossibile e degna dei più drammatici film di 007.
    Il gameplay è ugualmente carente a causa di una difficoltà bassissima, di una fastidiosa ripetitività dei pattern dei nemici, di un’area di gioco ridotta e di diversi bug nelle collisioni che, in qualche caso, si alleano con la poco affidabile risposta ai comandi.

    VIDEORECENSIONE





    "In questa conversione del coin-op della Data East su Atari ST, i programmatori della Software Creations svolgono un buon lavoro sul profilo dell'estetica per poi, purtroppo, tirare i remi in barca con lo scarsamente ottimizzato coding che non consente a Sly Spy: Secret Agent di elevarsi rispetto alla media degli action games per questo home computer. Il porting di SS, infatti, è lento, scattoso, non esente da bug e poco reattivo nella risposta ai comandi. Il colpo di grazia al titolo Ocean lo dà, infine, la difficoltà: praticamente inesistente."

    Alessio "AlextheLioNet" Bianchi





    Altre immagini:



    Commenti 20 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Il gioco potevano migliorarlo
    1. L'avatar di Bert
      Bert -
      lo scarsamente ottimizzato coding che non consente a Sly Spy: Secret Agent di elevarsi rispetto alla media degli action games per questo home computer
      hmm... mi chiedo, ed è una mia personalissima opinione, ma piuttosto che recensire queste discutibili conversioni, non sarebbe stato meglio recensire direttamente il coin-op originale? E mi riferisco anche ad R-Type per Amiga, cioè, abbiamo il M.A.M.E. a disposzione, perchè perdere tempo ed energie per parlare di titoli francamente trascurabili. In altre parole, perchè preferire una conversione quando possiamo sfruttare l'orginale! Mah... Vabbè, poi ognuno è libero di far ciò che vuole... ci mancherebbe.
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Abbiamo già sia Sly Spy arcade che R-Type arcade che erano già state recensite e commentate sul sito vecchio. Questi sono focus sulle conversioni che mi sembrano semplici approfondimenti, secondo me davvero apprezzabili. Poi il sogno è recensire ogni versione di ogni gioco, ma dateci almeno il tempo di trasferire i vecchi articoli perchè è un lavoraccio

      http://www.retrogaminghistory.com/articolo.asp?id=352 R-TYPE

      http://www.retrogaminghistory.com/articolo.asp?id=840 SLY SPY
    1. L'avatar di gORE70hp
      gORE70hp -
      Citazione Originariamente Scritto da Robbey Visualizza Messaggio
      Il gioco potevano migliorarlo
      come fai a migliorare un arcade su console?
      o intendi "avrebbero potuto convertirlo meglio" ?
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da gORE70hp Visualizza Messaggio
      come fai a migliorare un arcade su console?
      o intendi "avrebbero potuto convertirlo meglio" ?
      quoto
    1. L'avatar di wish
      wish -
      Concordo con Bert. Una recensione è sprecata per una conversione così trascurabile...stesso per R-Type. Non è meglio così: http://www.retrogaminghistory.com/articolo.asp?id=352
    1. L'avatar di cino77
      cino77 -
      Citazione Originariamente Scritto da Bert Visualizza Messaggio
      hmm... mi chiedo, ed è una mia personalissima opinione, ma piuttosto che recensire queste discutibili conversioni, non sarebbe stato meglio recensire direttamente il coin-op originale? E mi riferisco anche ad R-Type per Amiga, cioè, abbiamo il M.A.M.E. a disposzione, perchè perdere tempo ed energie per parlare di titoli francamente trascurabili. In altre parole, perchè preferire una conversione quando possiamo sfruttare l'orginale! Mah... Vabbè, poi ognuno è libero di far ciò che vuole... ci mancherebbe.
      parole sante...
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Come dicevo poco più sopra, la presenza della recensione di una conversione è un plus interessante dal mio punto di vista, soprattutto se quella della versione originale è presente, proprio come in questo caso e quello di R-Type, che sono tuttora consultabili e che presto verranno trasferite sul nuovo RH. E qualora l'originale non fosse presente, state pure certi che ce ne occuperemo.

      Ogni gioco è una storia a sè, conversioni comprese, e trovo sia molto sfizioso spulciare nello sfruttamento della macchina, nella rielaborazione delle musiche, nelle modificazioni rispetto all'originale. Di solito ci si lamenta della carenza piuttosto che dell'abbondanza...
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Lamentarsi poichè abbiamo la possibilità di approfondire lo stesso gioco su diversi sistemi sembra assurdo a leggersiCioè, non è che cosi facenso si viene meno a qualcos'altro, perchè in RH ci occupiamo veramente di tutto.Io da Amighista vorrei sapere questo gioco come gira su tale macchina, non mi importerebbe della versione Coin-op, ma mica mi spiace che ci sia, poichè interesserà sicuramente a tanti altri.
      Peacez!
    1. L'avatar di Bert
      Bert -
      Di solito ci si lamenta della carenza piuttosto che dell'abbondanza...
      Ma no guarda, ti assicuro che non mi stavo lamentando delle conversioni in se, so benissimo che ce ne sono alcune a livello di capolavoro, basti pensare a Power Drift e Turbo OutRun per C= 64, più che altro è un discorso di opportunità, nel senso: passino pure quelle ben realizzate ma francamente quelle mediocri lasciano il tempo che trovano. Poi, con tutti i mezzi che abbiamo oggi, ma chi andrebbe a giocare a Sly Spy per ST o R-Type per Amiga? Sapendo, poi, che su l'uno gira Enchanted Lands e sull'altro roba come Agony, Project-X e Disposable Hero? Io no, ad esempio. Comunque, lungi dal voler offendere chichessia vi ringrazio per l'enorme lavoro che svolgete ogni giorno...
    1. L'avatar di striderhiryu
      striderhiryu -
      Citazione Originariamente Scritto da Bert Visualizza Messaggio
      hmm... mi chiedo, ed è una mia personalissima opinione, ma piuttosto che recensire queste discutibili conversioni, non sarebbe stato meglio recensire direttamente il coin-op originale?
      Secondo me recensioni del genere non sono troppo inutili, ma sono anzi piuttosto interessanti per il collezioninsta che si interessa ad un titolo (o a un genere di giochi) e deve decidere se cercarli (ed acquistarli) o meno...Poi diciamo la verità: se in rete si cercano recensioni su Sly Spy Arcade se ne trovano a fiotti, mentre più difficile trovare le conversioni (più o meno) improbabili...
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da striderhiryu Visualizza Messaggio
      Secondo me recensioni del genere non sono troppo inutili, ma sono anzi piuttosto interessanti per il collezioninsta che si interessa ad un titolo (o a un genere di giochi) e deve decidere se cercarli (ed acquistarli) o meno...Poi diciamo la verità: se in rete si cercano recensioni su Sly Spy Arcade se ne trovano a fiotti, mentre più difficile trovare le conversioni (più o meno) improbabili...
      ..quoto strider
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Davvero poco comprensibile, a mio modo di vedere, la questione dell'"opportunità" o meno di recensire un gioco che pur si ha avuto modo di conoscere bene perchè acquistato e giocato a fondo... come nel caso di questo Sly Spy: Secret Agent in versione Atari ST. In fin dei conti se si tratta di una conversione mediocre con cui per acquisto, magari, poco felice si ha avuto a che fare, non c'è nulla di male nel rendere conto di quella che in fin dei conti è stata un'esperienza videoludica (in questo caso sostanzialmente negativa... ma in ogni modo ipoteticamente capace di suscitare curiosità) che fa parte a tutti gli effetti del bagaglio di ricordi videogiochistici di chi scrive... e per ogni titolo, appunto, mediocre ci sono sempre i voti bassi pronti per essere utilizzati (come in questo caso).
    1. L'avatar di Bert
      Bert -
      Alex, vedi... innanzitutto non voglio sminuire il tuo lavoro, anzi. Ma cosa hai ottenuto pubblicando questa pessima recensione? Hai informato il lettore che sull'ST esiste un pessimo adattamento di Sly Spy. Ora, una persona con un minimo di "giudizio" videoludico gli preferirà sicuramente qualche altra conversione, se non il coin-op originale. Alla fin fine significa che il porting in questione sarà comunque ignorato dagli stessi utenti del computer dell'Atari. A chi piacerebbe provare un gioco programmato male e che scatta? Che sembra poi la brutta copia di quello a cui giocava in sala? A nessuno credo, hai fatto semplicemente il vuoto attorno a lui, praticamente è come se non l'avessi mai proposto perchè non sarà mai preso in considerazione da nessuno. Sarebbe stato diverso se fosse stata una realizzazione da 8 o da 10 perchè oltre ad essere un ottima conversione sarebbe stato comunque anche un buon prodotto. Il discorso, in realtà, ha però un senso più ampio: valutare l'opportunità di recensire dei titoli così scarsi che alla fin fine nessuno utilizzerà mai. Secondo me, recensioni come queste non sono utili, con rispetto parlando.
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da Bert Visualizza Messaggio
      Ora, una persona con un minimo di "giudizio" videoludico gli preferirà sicuramente qualche altra conversione, se non il coin-op originale. Alla fin fine significa che il porting in questione sarà comunque ignorato dagli stessi utenti del computer dell'Atari. A chi piacerebbe provare un gioco programmato male e che scatta? Che sembra poi la brutta copia di quello a cui giocava in sala? A nessuno credo, hai fatto semplicemente il vuoto attorno a lui, praticamente è come se non l'avessi mai proposto perchè non sarà mai preso in considerazione da nessuno.
      Beh... il mio punto di vista è diverso.
      In questo caso vedo l'articolo come una testimonianza che propone da un'angolazione inaspettata e, in un certo senso, "alternativa" (la versione ST) un'esperienza relativa ad un titolo più o meno noto .
      Poi se, come in questo caso, l'esperienza è stata sostanzialmente negativa, un voto adeguato potrà renderne conto.
      In fin dei conti non sta scritto da nessuna parte che si debbano assegnare solo voti alti o medio-alti, nè che sia preferibile recensire titoli usciti in esclusiva per un sistema e/o versioni note.
      Credo che i punti di vista insoliti è alternativi che si basano su esperienze reali e all'incirca contemporanee all'uscita del gioco (nonchè rigorosamente su "real hardware") possano in ogni modo arricchire i contenuti diciamo informativi e a vario titolo "storico-videoludici" (anche "collaterali") del sito e ipoteticamente stimolare in qualche lettore un po' di curiosità...
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da Amy-Mor Visualizza Messaggio
      Lamentarsi poichè abbiamo la possibilità di approfondire lo stesso gioco su diversi sistemi sembra assurdo a leggersiCioè, non è che cosi facenso si viene meno a qualcos'altro, perchè in RH ci occupiamo veramente di tutto.Io da Amighista vorrei sapere questo gioco come gira su tale macchina, non mi importerebbe della versione Coin-op, ma mica mi spiace che ci sia, poichè interesserà sicuramente a tanti altri.
      Peacez!
      ..io invece rinnovo i miei complimenti. Qui su RH voi redattori fate review veramente competenti e molto approfondite. Continuate così
    1. L'avatar di Gedeone de Infortunis
      Gedeone de Infortunis -
      Ben vengano recensioni come queste...fosse stato per me avrei aggiunti dei piccoli box con le reviews delle altre versioni (buone peraltro quelle c64 e Amiga).
      Il coin-op non mi ha mai detto più di tanto, al terzo schermo già sbadigliavo per un qualcosa di già visto, nonostante l'impegno di diversificare le situazioni. Ma il retrogaming è questo, figuratevi che io mi domando perchè non vengono recensiti giochi per il Dragon 32, l'Electron o il TI99/4a

      Forse però Alex sei stato troppo severo...ma questo immagino data la delusione per lo sborso pecuniario fatto all'epoca. La grafica è un pò lenta, ma non è affatto male. Quali sono le sezioni in cui si superano i 20 colori su schermo?
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da Gedeone de Infortunis Visualizza Messaggio
      Forse però Alex sei stato troppo severo...ma questo immagino data la delusione per lo sborso pecuniario fatto all'epoca. La grafica è un pò lenta, ma non è affatto male. Quali sono le sezioni in cui si superano i 20 colori su schermo?

      Se non ricordo male costava sulle £ 39000 (se non £ 49000)... e meno male (si fa per dire) che il box era piuttosto "decorativo"...

      La grafica effettivamente è lenta (mi ricordo che su ST apprezzai molto di più Robocop II degli Special FX -decisamente più veloce e fluido- che, tuttavia, soffriva di una difficoltà quasi ingestibile...)... ma i problemi della conversione, purtroppo, non si limitano a questo.

      Sly Spy ha mappe di gioco ampiamente tagliate rispetto al coin-op (un bel po' di "muri invisibili"), un numero di personaggi a video piuttosto ridotto, animazioni che definire essenziali è dir poco (decisamente meno frame del'arcade che già era molto "parco" in questo settore...), un bug visivo (il protagonista che perde l'ultima unità di energia muore giacendo a mezz'aria -la scena è "apprezzabile" nella videorecensione-), comandi non particolarmente reattivi ed una sfida praticamente inesistente.

      Fra l'altro la stragrande maggioranza dei notevoli difetti di Sly Spy su Atari ST è in linea di massima riscontrabile anche nella versione Amiga che vanta essenzialmente una colonna sonora nettamente superiore (che se i motivi non solo fedeli a quelli del coin-op) e un ritmo di gioco leggermente meno lento (anche se su Amiga si perde la parallasse nello stage della moto).

      Facendo diverse campionature con gli screenshot PNG o BMP (risoluzione nativa 320X200), su Atari ST si nota un numero di tonalità a video generalmente superiore a 16 con punte di 25... probabilmente i grafici hanno adottato degli interrup tricks per aumentarle...
    1. L'avatar di Gedeone de Infortunis
      Gedeone de Infortunis -
      eheh..posso capire che ti bruci un attimino...ma se può consolarti ai tempi del c64 ho preso sole più grosse e in discreta quantità...tipo Robocop 2 su cartuccia (se ripenso ai colori utilizzati mi metto ad urlare). Per quanto riguarda Sly Spy su ST credo che i programmatori avrebbero fatto meglio ad utilizzate degli sprites più piccoli (un pò come Robocop2 sulla stessa piattaforma)...non so quanto si potesse limare ancora con un HW come quello dell'ST, ma credo che i limiti fossero vicinissimi...
    1. L'avatar di Gedeone de Infortunis
      Gedeone de Infortunis -
      buuu! che vergogna! nella terza sezione di SP (quella con la motocicletta) c'è un livello di parallasse, mentre nella versione Amiga no! Meglio la versione c64 a 'sto punto (basta dare un'occhiata alla suddetta sezione, ben 3 piani di scroll distinti-e più veloci- e più sprites su schermo)...