Fifa 12 | Retrogaming History
Registrati!
  • Fifa 12

    Fifa 12

    Finiscono le vacanze estive, ricomincia la scuola, si riprende a lavorare per chi ci riesce, riprende anche il calcio e col cader delle foglie riprende la serie videoludica di Fifa. Mai come quest’anno il team di programmazione si è esposto in prima persona per annunciare una serie di novità più o meno innovative accompagnate dai relativi video dimostrativi. Quello che possiamo invece riassumere delle novità di Fifa 12 riguarda invece il solo sistema difensivo nel quale è stata applicata una piccola ma non indifferente rivoluzione copernicana.

    Siamo stati abituati per una vita a difenderci utilizzando solo due tasti, uno per la pressione/contrasto ed un altro per la scivolata. Nulla del genere in Fifa 12. Che cosa comporta una scelta del genere? Comporta che la difesa diventa più simile alla realtà con l’utente che deve decidere a seconda delle situazioni se intervenire repentinamente o temporeggiare. Il pulsante prima deputato al tackle (storicamente il tasto X sulle console Sony) diventa ora il comando la cui pressione continua comporta l’inseguimento dell’avversario in possesso della palla senza però attuare altre decisioni. Il grilletto laterale (che io assegno ad R2) è deputato invece al frapporsi frontalmente tra la nostra porta e il portatore della sfera, da utilizzare soprattutto quando subiamo delle incursioni laterali. Il momento topico ovviamente corrisponde con la riconquista del pallone. Entreranno in scena allora diverse variabili: prima di tutto il tempismo, la lettura del gioco e infine la bravura stessa dell’avversario in grado di mandarci a vuoto con mosse o finte spiazzanti. Anche un semplice passaggio inaspettato può risultare decisivo. In questo contesto le uniche armi concesse all’utente sono due: il cerchio, ovvero il tackle, e la scivolata. Il resto dipende dall’abilità: niente più automatismi quindi ma solo la capacità di interpretare le trame offensive dell’altro, umano o artificiale che sia.


    La curva di apprendimento di un sistema del genere è impegnativa, trattasi infatti dello svecchiamento del concetto di fase di non possesso che ha dominato per più di un decennio tra le simulazioni calcistiche. Dopo l’acquisto si passerà, infatti, almeno un primo mese di apprendistato incassando reti su reti propiziate da decine di interventi a vuoto. Successivamente, superato questo scoglio, non potremo ovviamente che avere soddisfazioni. Almeno per quanto riguarda la fase difensiva Fifa 12 ci insegna finalmente, per quanto sia una simulazione dove un unico individuo prende le decisioni (anche nella caotica modalità 11vs11), che il calcio non è un mero rincorrere la palla ma è uno sport fatto di scelte in corsa, decisioni repentine che nascono a seconda dei diversi scenari. Il tasto cerchio si trasforma quindi in tante cose: ora contrasto, ora anticipo oppure trattenuta da dietro, fallo o nel peggiore dei casi intervento a vuoto. La pratica della scivolata risulta invece immediatamente fruibile rispetto al contrasto in quanto è sempre stata un tipo di azione caratterizzata dal tempismo, almeno nel calcio non arcade.


    Un calcio più ponderato inoltre non fa altro che evolvere gli utenti costretti per forza di cose ad essere più creativi nelle loro trame offensive. Tra i giocatori si sviluppa quindi un rapporto di sottili astuzie e accorgimenti che rendono le partite molto più intense nel loro agonismo psicologico. In aggiunta, mai come quest’anno, finte e tiri mirati sono più facilmente eseguibili (i bimbetti ci andranno a nozze ovviamente) favorendo la maggior lettura del gioco avversario ed allo stesso tempo incentivando ancora di più la concentrazione nel proteggere la propria porta. Implementare la difesa manuale è stata un’operazione resa ovviamente possibile anche grazie ad un nuovo comparto di animazioni e collisioni in grado di garantire una sensazione di controllo totale.

    Purtroppo non si può dire la stessa cosa dei match offline dove l’IA sembra spesso prevedere le nostre mosse rendendo gli scontri con il computer difficili ma di una difficoltà noiosa e sterile. Che ci troviamo, infatti, innanzi al Barcellona o all’Albinoleffe, al di là dell’evidente abisso presente tra le due, si avverte sempre la spiacevole sensazione di dover attaccare alla stessa maniera contro difese molto più forti e monotone rispetto a quelle controllate da una persona che invece, in quanto umana, può distrarsi o perdere concentrazione rendendo il tutto più imprevedibile. In sostanza la Cpu ci fa faticare nettamente di più degli avversari umani e, detta così, dovrebbe essere un fattore positivo invece ciò non avviene in quanto viene a mancare la formazione dello stimolante tappeto di accorgimenti che si instaura nel multiplayer. Il solito carrozzone di modalità offline, le cui novità sono irrilevanti al contrario di ciò che riportano i media del settore, viene quindi ancora una volta vanificato in favore di un’esperienza globale ormai completamente votata all’online, come succede del resto anche da altre parti. Scelta opinabile ma funzionale dato che, se si è davvero affamati di calcio, l’online permetterà a Fifa 12 di durare fino alla pubblicazione del capitolo successivo, non c’è alternativa offline che tenga. Battere avversari umani è la cosa più gratificante dell’intera produzione insieme alla canonica modalità Ultimate Team che ripropone la medesima goduria attraverso la propria squadra dei sogni costruita nel tempo.


    Graficamente, visto il punto in cui ci troviamo nell’attuale generazione di console, non ci si poteva aspettare molto ed infatti, a parte una leggera miglioria generale, il comparto visivo rimane sugli standard dei prequel con la consueta attenzione nel riproporre fedelmente fattezze dei giocatori e degli impianti di gioco. Per esempio si registra come new entry l’arena del Manchester City così come il nuovo stadio della Juventus anche se, inspiegabilmente, non si capisce la presenza di un grosso tunnel in una delle due curve che nelle immagini di anteprima di EA e soprattutto nella realtà non esiste. Per la prima volta abbiamo tutte le licenze delle squadre di Serie A, ma nuovamente non ci si capacita dell’assenza delle coppe ufficiali con relativi diritti. Il sonoro rimane sullo stesso profilo e va a perdersi nella ciclicità estetica alla quale gli odierni titoli calcistici ci hanno abituato.


    COMMENTO FINALE


    "Dopo la recensione del prequel ci chiedevamo cosa avrebbe potuto darci in più Fifa 12 e ora abbiamo la risposta ovvero l’ennesimo, stavolta storico per importanza, passo in più verso il realismo. Rendere manuale il solo sistema dei contrasti è equivalso a rivoluzionare positivamente in parte un impianto di gioco ormai assimilato da più generazioni. Dopo Fifa 12 le incarnazioni elettroniche dedicate al gioco del calcio non saranno infatti più le stesse e solo per questo cambiamento gli va assegnata di diritto la palma di miglior simulazione sportiva dell’anno. Al di là dei meriti sarebbe ora tuttavia di inventarsi qualcosa di veramente originale per la parte offline nella quale i programmatori continuano a mordersi la coda non riuscendo a vedere al di là degli schemi imposti dalla tradizione."





    Commenti 6 Commenti
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Articolo davvero interessante quanto ben redatto su un notevole capitolo della serie firmata EA Sports. Le simulazioni calcistiche divengono via via sempre più raffinate e FIFA 12, grazie anche al valido motore fisico Player Impact Engine, è una tappa importante di questo processo. Ormai EA ha campo (sportivo) libero e "non c'è PES che tenga".
    1. L'avatar di Glorfindel
      Glorfindel -
      Per me è il meglio del calcio (per il gioco in sè, il contorno tra cui le competizioni è al livello di Microprose Soccer, anzi, peggio).
      A ruota PES 2010 per PS2, Kick Off 2, Retee 2...
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Diciamocelo comunque: Fifa è il meglio del momento ma si può fare molto di più, in generale.
    1. L'avatar di Glorfindel
      Glorfindel -
      Citazione Originariamente Scritto da Big_Paul86 Visualizza Messaggio
      Diciamocelo comunque: Fifa è il meglio del momento ma si può fare molto di più, in generale.
      Sono d'accordo.
      L'ho spolpato da quando è uscito, facendo oramai decine di stagioni in single (sempre con la Juve) o da un mesetto anche con l'online.
      Fino all'anno scorso ero un drogato di Pes 2010 (nel senso che se non giocavo per 2-3 giorni, mi venivano le mestruazioni), ora di Fifa 12.
      Anche se ha ancora dei difetti, soprattutto nel giocare contro la IA (a livello Leggenda), contro cui le avversarie impostano sempre allo stesso modo (Barcellona o Lecce che siano) e si ha la sgradevole sensazione che il gioco, a volte, dopo un tot di partite in cui vai troppo bene, bari più di PES, nel decidere quando la CPU DEVE SEGNARE PER FORZA.
      I difetti più gravi sono nel "contorno": non tanto per la mancanza delle competizioni ufficiali (anche se con una Patch puoi cambiarci il nome non è la stessa cosa...) ma per delle mancanze che trovo gravi, come la possibilità di mettere meglio le mani sulle tattiche, le lungaggini dei campionati (inizi la stagione e devi stare mezz'ora a guardarti il calcio mercato prima di iniziare a menare le danze) e difetti da dilettanti (che manco chi fa giochi indie...) tipo che dalla seconda stagione in poi, le partite di ritorno del campionato non rispettano l'ordine di quelle di andata (!!!!!!!!!!!!!!), per cui perdi tanto pathos.

      Aggiungo un difetto inspiegabile: ho avuto modo di giocare la versione PC (che ho io) e quella PS3 di un amico: sulla console i replay tengono conto di tutte le azioni pericolose, ed in numero vengono fatti vedere praticamente tutti a fine primo tempo e della partita. Su PC fa vedere quattro replay in croce, a volte che non c'entrano nulla con le azioni pericolose (tipo il portiere che esce a prendere il traversone dalla fascia...).

      Cavolo, ho cercato in rete, ma non trovo nessuno che parli di questo...
    1. L'avatar di For_Great_Justice
      For_Great_Justice -
      Io ho Fifa 10... Prima avevo Pes 5 Per altri 3-4 anni un titolo di calcio nuovo non lo prendo
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Citazione Originariamente Scritto da Glorfindel Visualizza Messaggio
      Sono d'accordo.
      L'ho spolpato da quando è uscito, facendo oramai decine di stagioni in single (sempre con la Juve) o da un mesetto anche con l'online.
      Fino all'anno scorso ero un drogato di Pes 2010 (nel senso che se non giocavo per 2-3 giorni, mi venivano le mestruazioni), ora di Fifa 12.
      Anche se ha ancora dei difetti, soprattutto nel giocare contro la IA (a livello Leggenda), contro cui le avversarie impostano sempre allo stesso modo (Barcellona o Lecce che siano) e si ha la sgradevole sensazione che il gioco, a volte, dopo un tot di partite in cui vai troppo bene, bari più di PES, nel decidere quando la CPU DEVE SEGNARE PER FORZA.
      I difetti più gravi sono nel "contorno": non tanto per la mancanza delle competizioni ufficiali (anche se con una Patch puoi cambiarci il nome non è la stessa cosa...) ma per delle mancanze che trovo gravi, come la possibilità di mettere meglio le mani sulle tattiche, le lungaggini dei campionati (inizi la stagione e devi stare mezz'ora a guardarti il calcio mercato prima di iniziare a menare le danze) e difetti da dilettanti (che manco chi fa giochi indie...) tipo che dalla seconda stagione in poi, le partite di ritorno del campionato non rispettano l'ordine di quelle di andata (!!!!!!!!!!!!!!), per cui perdi tanto pathos.

      Aggiungo un difetto inspiegabile: ho avuto modo di giocare la versione PC (che ho io) e quella PS3 di un amico: sulla console i replay tengono conto di tutte le azioni pericolose, ed in numero vengono fatti vedere praticamente tutti a fine primo tempo e della partita. Su PC fa vedere quattro replay in croce, a volte che non c'entrano nulla con le azioni pericolose (tipo il portiere che esce a prendere il traversone dalla fascia...).

      Cavolo, ho cercato in rete, ma non trovo nessuno che parli di questo...
      Nonostante l'apparenza e i contenuti, il single player di Fifa 12 è trascurato proprio nella ricreazione del clima calcio. Fifa è un gioco divertente, realistico ma calcisticamente freddo. E' molto più calcistico un Super Sidekicks per esempio, nonostante sia concettualmente agli antipodi. Non è che siccome puoi avere il tuo alter ego virtuale da far progredire oppure da utilizzare online con altri 19 sconosciuti, allora sei più immerso nel contesto calcio. Si fa prima a uscire di casa e giocare o guardare la tv. Credo che i programmatori si debbano concentrare sull'essenziale.