Chris Huelsbeck: Il Vangelis della game music: Il Vangelis della game music | Retrogaming History
Registrati!
  • Chris Huelsbeck: Il Vangelis della game music

    Chris Huelsbeck: Il Vangelis della game music

    Nel 1984 la rivista tedesca dedicata al Commodore 64 “64er Magazine” indisse una competizione musicale di SID chiptunes, cui partecipò un talentuoso sedicenne di nome Chris Huelsbeck. Il vincitore fu proprio il giovane Chris che sbaragliò gli altri concorrenti con il brano “Shades”. Questo successo fu il primo della lunga carriera videoludica del musicista tedesco che, due anni dopo, fu assunto dalla software house Rainbow Arts.
    Iniziò così l’esteso curriculum di Chris Huelsbeck che realizzò colonne sonore per oltre 70 videogiochi a partire, appunto, dal Commodore 64, per poi proseguire su Atari ST, Amiga, PC, PC Engine Duo, Sega Mega Drive, Super NES, Sony PlayStation, Sega Saturn, Nintendo 64, Game Boy e Game Cube.

    Le caratteristiche principali delle soundtracks firmate dal musicista di Kassel sono essenzialmente: la costante qualità tecnica che evidenzia un attento studio delle risorse hardware disponibili (chip audio, CPU e memoria) e la loro efficace valorizzazione, l’ottima sintesi di ritmo e melodia, la ricercatezza e la sorprendente orecchiabilità di armonie e riff di tastiera, il magnetismo spesso irresistibile delle dinamiche percussionistiche, unito a basslines non di rado travolgenti e, cosa più importante, la generale varietà eclettica delle composizioni. I generi frequentati da questo autore, infatti, spaziano dalla “classica” game soundtrack alla film music, passando per orchestrale, elettronica, dance e techno/trance con fruttifere “incursioni” pop-rock), in cui si manifestano numerosi echi e influenze più o meno dirette (Vangelis, Jan Hammer, Hans Zimmer, Jeam Michael Jarre, Chicane, John Williams, Jerry Goldsmith, Alan Silvestri, Tangerine Dream, Ayla, Ferry Corstein, Paul Van Dyck, Hybrid), autorevolmente amalgamate e, comunque, ricondotte ad una propria personale cifra stilistica.

    Molte soundtrack di Huelsbeck sfoggiano, dunque, ricercate armonie e relativamente articolate tessiture melodiche perfettamente incasellate in ritmiche serrate e ricche di potenza e dinamica.
    Questo “background melodico” di Chris è probabilmente dovuto alla sua formazione inizialmente “classica”, che lo ha visto accostarsi al pianoforte come primo mezzo espressivo, per poi dilatarne i confini compositivi e forgiare un proprio stile basato sulla padronanza di melodie e armonie inserite in composizioni di musica elettronica (la prima e mai dimenticata passione del musicista tedesco) e improntate alla flessibilità e all’estrosa varietà del sintetizzatore.

    La giovane software house di Düsseldorf, la Rainbow Arts, costituì, dunque, la prima e una delle più importanti tappe del curriculum di Huelsbeck che, dal 1986 iniziò, ancora diciottenne, la sua carriera come musicista professionista.
    I suoi primi lavori furono titoli C64 più o meno noti come: Great Giana Sisters, R-Type (con Ramiro Vaca), Turrican (con Ramiro Vaca e Stefan Hartwig), Bad Cat, Soldier, Sky Fighter, Jinks, Hollywood Poker Pro, Katakis e Gem’ X. In seguito Chris iniziò a collaborare anche alla programmazione dei giochi e questa sua crescita professionale si concretizzò nei titoli Dulcedo e To Be On Top.
    Le colonne sonore dei titoli firmati da Chris Huelsbeck spiccano nel panorama della C64 chip music per il sofisticato utilizzo dei samples che Chris porta ad un livello di nitidezza e corposità non inferiore a quello dei migliori lavori dei celebri Maniacs of Noise.
    Se la parte più strettamente PSG synth delle ST di Chris non si discosta dalle tecniche "classiche" utilizzate dai migliori musicisti del C64 (il musicista tedesco utilizza, però, efficaci routine di elaborazione delle waveforms, applicazioni particolarmente azzeccate dei filtri e sorprendenti valorizzazioni della tecnica dell’arpeggio), colpisce, tuttavia, nei suoi lavori l’audacia e l’accuratezza dei campionamenti che impreziosiscono le sue serrate ed energetiche composizioni techno e drum ‘n’ bass.
    La soundtrack “huelsbeckiana” più nota in ambito C64, oltre a quella improntata ad un epico e adrenalinico sound “’80 movie-like” di Turrican e alla sorprendente soundtrack di R-Type, dotata di un notevole potenziamento ritmico delle composizioni originali e impreziosita da una trascinante title music, è la colonna sonora del controverso platform Great Giana Sisters. Questo lavoro è caratterizzato da un raffinato equilibrio tra ritmo e melodia che Chris realizzò tramite l’accuratissimo utilizzo del SID sound in composizioni ricche di ritmo, atmosfera, suspense, adrenalinico climax e sorprendente varietà che, in un paio di brani, sembrano smentire la natura “cute” del riuscitissimo clone di Super Mario Bros. La capacità del musicista di costruire riffs particolarmente orecchiabili e suggestive è, dunque, evidente nella celeberrima title music del platform della Time Warp, che si distingue per l’indimenticabile ed ipnotico electric piano con cui l’autore cattura fin dall’inizio l’attenzione dell’ascoltatore.

    La maggiore conoscenza dell’hardware e delle problematiche inerenti alla programmazione e all’efficiente utilizzo delle risorse e della memoria disponibile spinsero Huelsbeck ad implementare un nuovo potente e flessibile editor musicale. Questo software, il cui sviluppo iniziò nel 1988, fu il celebre TFMX (“The Final Musicsystem eXtended”), in seguito principale tool di creazione audio dei titoli Rainbow Arts realizzati su Amiga.

    La svolta per la carriera di Chris arrivò grazie alla collaborazione con un nuovo team: la Factor 5. Questi programmatori, infatti, firmarono per Commodore 64 e Amiga titoli del calibro di R-Type, Katakis e Turrican (I° e II° epidodio per entrambi gli home computers e il III° sulla sola piattaforma a 16 bit).
    Le colonne sonore delle versioni C64 sono, come abbiamo visto, realizzate da Huelsbeck e Ramiro Vaca e sfoggiano un sound molto dinamico e ritmato, una notevole ricercatezza della sintesi, ottime percussioni e basslines e, soprattutto, un’efficacissima verve compositiva e interpretativa (nel caso di R-Type e Turrican più “re-interpretativa” che compositiva, poiché i brani sono in prevalenza covers remixate del coin-op Irem e versioni synth di alcune musiche della colonna sonora del film del 1985 “Trasformers the Movie”, firmata da Vince Di Cola).
    La Factor 5, inoltre, fu il team che fece conoscere al musicista tedesco il suo primo grande amore: Paula.

    Il Commodore Amiga era, infatti, dotato di un “affascinante” chip audio dalle caratteristiche estremamente avanzate e dall’originale nome femminile: Paula, appunto.
    Tra Huelsbeck e la SPU Paula fu amore a prima vista e il 1990 vide l’inizio di una lunga relazione che diede moltissimi buoni frutti.
    La caratteristica principale di Paula è essenzialmente la possibilità di gestire samples PCM a 8 bit a 32 Khz su 4 canali in stereo. Si trattava, dunque, di un hardware audio totalmente diverso da quelli che Chris aveva utilizzato in precedenza. L’approccio alla composizione musicale su Amiga doveva, conseguentemente, rapportarsi con un chip non più essenzialmente PSG (Programmable Sound Generator) “synth-based” come il SID del C64, ma PCM (Pulse Code Modulation) “sample-based”, basato, cioè, sull’utilizzo di suoni campionati eseguiti dai 4 DAC (Digital to Analogue Converter) channels indipendenti.
    Si trattava di una rivoluzione che, certamente, spalancava un oceano di possibilità creative, ma richiedeva anche una competenza notevole e la capacità di ottimizzare le risorse, ottenendo dall’hardware quanto di più vicino alle sue ragguardevoli specifiche permettessero i ristretti limiti di spazio imposti dal formato (i floppy disk da 880 Kb).
    Un utilizzo efficiente dei samples per le musiche comportava, infatti, un impegno costante per limitarne l’ingombro in kB, senza sacrificare la qualità dell’audio che, potenzialmente, poteva raggiungere livelli davvero notevoli per il periodo.

    Per le sue qualità di programmatore, musicista e creativo, il compositore tedesco era la persona giusta per ottenere il massimo da Paula e, in effetti, nessun altro riuscì a programmare la SPU dell’Amiga con tanta efficienza in un numero così ingente di titoli.

    Il già citato TFMX soundtool, implementato nel 1989 da Huelsbeck e Peter Thierolf, consentiva agli autori di realizzare per Amiga colonne sonore dotate di samples particolarmente nitidi, operare sugli stessi numerose manipolazioni e ottimizzare la loro resa tramite numerosi effetti.
    Il TFMX utilizzava due files distinti: il file musicale vero e proprio, avente estensione tfx o mdat, conteneva la struttura del brano e le informazioni relative a strumenti ed effetti (compresi i cosiddetti “patterns” musicali e le “macros” da applicare sui campioni); il file *.sam o *.smpl correlato memorizzava tutti i samples utilizzati per uno o più tfx/mdat. Alcuni files struttura contenevano delle sub-songs che condividevano gli stessi campioni di un unico file sam/smpl.
    Questo editor, molto flessibile ed economico in termini di spazio di memorizzazione e CPU time, fu, in seguito, perfezionato (TFMX Pro) e integrato con una versione a 7 canali virtuali (TFMX 7V).
    Alcune delle punte di diamante della produzione huelsbeckiana su Amiga furono, appunto, i brani TFMX 7V che beneficiano del triplo mixaggio software in tempo reale di due campioni in un canale del chip audio Paula, trasformando, così, 3 dei 4 canali della SPU in 6 tracce virtuali con il 4° canale che continua a veicolare il sample singolo.
    Il “7 voices replayer”, creato dal musicista e sound designer Jochen Hippel, consentiva a Paula una polifonia virtuale d’impatto davvero sorprendente che Huelsbeck valorizzò in diverse intro music.
    Purtroppo il rilevante utilizzo della CPU non consentiva l’utilizzo del TFMX 7V per le musiche in-game, confinando i brani a 7 canali alle introduzioni, ai titoli e alle sequenze finali (per non gravare troppo sul 68000, la routine non “raddoppiava”, tramite il suddetto mixaggio software, tutti i 4 canali della SPU; solo il formato MEDOctaMED Soundstudio– consentirà, tramite un metodo più efficiente, di utilizzare 8 canali virtuali).

    Il “periodo Amiga” fu molto fecondo per Chris che realizzò musiche per ben 35 titoli dal 1988 al 1994. Tra i giochi realizzati per il 16 bit Commodore che possono fregiarsi della prestigiosa “griffe huelsbeckiana” spiccano: Hollywood Poker Pro (ancora in formato Customcus–), R-Type (solo la musica dei titoli), X-Out, Turrican, Z-Out (ancora la title music), Monkey Island, Turrican II, Apydia, Jim Power, BC Kid e Turrican 3.
    Nel 1991, il musicista tedesco fonda addirittura un proprio team di sviluppo, la Kaiko, e, insieme a Peter Thierolf e Frank Matze, realizza il popolare shoot ‘em up Apydia e i puzzle game Gem'X e Gem'Z.

    Le colonne sonore Amiga di Huelsbeck sono accomunate da diverse caratteristiche vincenti: la costante qualità di samples e sofisticati arrangiamenti, la poliedricità e l’eclettismo creativo e, soprattutto, l’irresistibile appeal della maggior parte delle sue numerose composizioni.
    Chris, infatti, eccelle in generi anche molto diversi che vanno dalla dance-techno ad epici brani movie-like (la stupenda title music di R-Type e quelle epiche, eroiche ed evocative di X-Out, Z-Out e Turrican II), passando per brillanti composizioni funky (Masterblazer, Hollywood Poker Pro in-game), serrate BGM drum ‘n’ bass (Rock ‘n’ Roll, Quick ‘n’ Silva) e, naturalmente, sorprendenti contaminazioni tra tutti questi generi con la mediazione del sound elettronico (la brillante musica pop-dance ’80 dell’intro di Hollywood Poker Pro) e un’accattivante costante melodica che, tramite intriganti riffs synth-pop (gli stage iniziali di Apydia e Jim Power), assicura la massima orecchiabilità di molti brani.

    Se, dal punto di vista tecnico, le colonne sonore di Apydia e Jim Power sono assolutamente eccellenti e stupiscono per la straordinaria nitidezza dei samples e la brillante dinamica del suono (in particolar modo per la potente base ritmica e la corposa bassline, solidamente sostenuta in diversi brani da un pulsante slap bass), non riescono ad eguagliare il vertice assoluto della produzione huelsbeckiana: Turrican II.


    Turrican II - Playlist originale


    Title (TFMX 7V) – The Final Fight (intro), The Hero (high score) e Freedom (ending)

    World 1 (TFMX Pro) – The Desert Rocks, The Traps, Hi GI Joe e Space Patrol

    World 2 (TFMX Pro) – Secret Dungeons, The Great Bath, Metal Stars, Check The Gripper e Rock ‘n’ Roll Balance

    World 3 (TFMX Pro) – Concerto For Laser And Enemies, Unidirectional Fight, Powerslide, Take A Look, Go For The Gunhed e Hypercycle Drive

    World 4 (TFMX Pro) – The Wall, Walker Factory / Mr. Walker e Dragon Fight

    World 5 (TFMX Pro) – The Final Challenge, Go For The Nuke! e Yeah, Done It!
    Loader / Interlevel (TFMX Pro)


    In Turrican II la perizia tecnica di Huelsbeck si sposa con una straordinaria ispirazione compositiva per dare vita ad una colonna sonora che può tranquillamente definirsi lo stato dell’arte tra le game soundtracks del 16 bit Commodore.
    Questo pressoché indiscusso primato musicale del titolo Factor 5 (perfettamente allineato all’eccellenza globale del gioco stesso) non è cosa da poco, visto il livello generalmente molto elevato delle ST dei videogiochi per Amiga. Esistono, infatti, diversi titoli che, musicalmente, possono competere con questo popolare run ‘n’ gun (a partire dalla serie Shadow of the Beast per proseguire con la “concorrenza interna” di Jim Power, Apydia e Turrican 3 e senza, naturalmente, trascurare altri titoli, tra cui Agony, Super Stardust e Overdrive).

    I motivi dell’universale apprezzamento della soundtrack di Turrican II sono, ancora una volta, da ricercare nella perfetta sintesi tra ritmo e melodia della maggior parte delle musiche. Queste, infatti, contemperano ritmiche serrate e incalzanti con sezioni “eroiche” più lente, evocative, impregnate di feeling epico e di grande atmosfera. La “robusta” base ritmica è perfetta per sottolineare l’azione e mantenere alto il livello di adrenalina e le parti più “distensive” sono ugualmente assai felici e collaborano a garantire un’efficace full immersion emotiva e ambientale nelle estesissime locations del gioco.

    Alcuni brani come The Desert Rocks, Metal Stars, The Wall e Walker Factory includono in strutture ricche di ritmo pop-rock, techno-drum ‘n’ bass e electro-jungle sezioni melodiche di notevole orecchiabilità, che acquistano enfasi dalla stessa prevalenza “movimentata” delle BGM.
    Altre musiche, invece, sono più improntate ad uno stile movie-like e si articolano in brani ricchi di melodie evocative ed echi di musica classica (The Traps, Secret Dungeons, Concerto For Laser And Enemies) contaminati con basi ritmiche più cadenzate e sviluppati anche in una giustamente famosa, BGM dalla sorprendente armonia: la “ballata” The Great Bath.
    Un’altra indiscutibile gemma di questa soundtrack è, sicuramente, l’adrenalinica, eroica e trascinante The Final Challenge che riesce a comunicare pathos e suspense come poche altre action musics.
    I brani musicalmente più ricchi sono, naturalmente, quelli dell’introduzione (The Final Fight), dell’high score (The Hero) e della sequenza finale (Freedom).
    Queste BGM sono realizzate in TFMX 7V con polifonia virtuale superiore ai canonici 4 canali della SPU Amiga. Le risorse messe in campo (i 3 brani utilizzano un set di 81 Kb di samples, a fronte di una ST che, complessivamente, supera i 400 Kb), la perizia tecnica (i campioni sono di qualità cristallina con bassi potenti e corposi), la flessibilità del software e la felicità d’ispirazione di Huelsbeck concorrono alla realizzazione di tre musiche assolutamente leggendarie.
    The Final Fight (oltre 7 minuti di movie-like music) è una BGM di rilievo eccezionale e di qualità compatibile con quella di un film d’azione degli anni ’80. The Hero conferma il talento di Huelsbeck con le sue piacevolmente orecchiabili sonorità ambient-pop. L’eroica Freedom, infine, costituisce il trionfo dell’epica huelsbeckiana, anticipando l’evoluzione stilistica di Chris verso la film music "alla Hans Zimmer".

    Ulteriore caratteristica vincente di questa straordinaria soundtrack è l’assoluta omogeneità qualitativa che la caratterizza. Tutte le musiche che la compongono sono tecnicamente ineccepibili, adeguate ai rispettivi contesti e perfettamente amalgamate con le altre.
    La valutazione estremamente positiva dei brani più “importanti”, come la bellissima The Wall e l’indimenticabile The Desert Rocks, si applica anche agli atmosferici e adrenalinici brani “minori” e non trascura nemmeno gli adeguati jingles e il breve motivo che accompagna i caricamenti (che, tuttavia, è qualitativamente inferiore all’ottima loading BGM del primo Turrican).
    Il giudizio generale sulla colonna sonora di Turrican II è necessariamente encomiastico.
    Il run ‘n’ gun Factor 5 è impreziosito da un capolavoro di soundtrack che completa un titolo eccezionale sotto tutti gli aspetti.


    La carriera di Chris Huelsbeck non si esaurì con la sua feconda esperienza legata al 16 bit Commodore.
    Il musicista, infatti, realizzò colonne sonore anche per Mega Drive (Mega Turrican) e Super Nintendo (Super Turrican, Jim Power – The Lost Dimension in 3D e Super Turrican II). In ogni conversione Chris non mancò mai di confermare la sua abilità nel valorizzare i rispettivi hardware con soundtracks che, sulla piattaforma Nintendo, riuscivano quasi ad emulare la qualità del supporto ottico nella ristretta capacità di quello siliceo.
    In seguito (1997) Chris firmò colonne sonore per PlayStation (Tunnel B1) e per PC (Extreme Assault). Questi lavori, ancora una volta eccellenti, testimoniano l’evoluzione cinematografica dello stile huelsbeckiano che rielabora spunti orchestrali alla Hans Zimmer per realizzare brani enfatici e drammatici, riecheggianti, in alcuni brani, le musiche del film “The Rock”.



    Altro primato di questo artista fu la realizzazione e commercializzazione di CD relativi alle proprie game soundtrack, in cui sono inseriti i brani originali e le relative versioni arrangiate e remixate (la maggior parte dei CD di Huelsbeck sono in commercio sotto l’etichetta SynSONIC Records, fondata nel 1997 dallo stesso musicista tedesco).

    Il 1996 fu un altro anno cruciale per Huelsbeck. La Factor 5 trasferì la propria sede negli Stati Uniti ed entro a far parte della Lucas Arts. Conseguentemente, i lavori videoludici più recenti del musicista tedesco (attualmente residente in California) sono legati alla saga di Star Wars.
    La fedeltà alle musiche di John Williams è stata mantenuta da Huelsbeck anche sui titoli per Nintendo 64, con colonne sonore (Star Wars Rogue Squadron -1998- e Star Wars Battle for Naboo -2000-) che, grazie ad un ottimo software dedicato (MusyX), riuscivano a valorizzare l’hardware (poco adatto alle soundtracks di tipo orchestrale) come pochissimi altri sviluppatori.
    Le successiva colonne sonore dei titoli Star Wars Rebel Strike (2002-2003) per Nintendo GameCube sono state particolarmente apprezzate per la notevole qualità di arrangiamenti ed esecuzioni.
    Le composizioni più note di Huelsbeck, riarrangiate per orchestra, sono state ripetutamente eseguite dal vivo durante i Symphonic Game Music Concert di Lipsia.
    In occasione dell’edizione 2007 dell’evento suddetto, Chris ha presentato in anteprima il suo ultimo CD: Number Nine.
    Nel 2008, a Colonia, si è tenuto un concerto, Symphonic Shades, incentrato sull’opera huelsbeckiana e ascoltabile sul relativo CD Symphonic Shades - Huelsbeck in Concert.


    Discografia di Chris Huelsbeck


    1991 Huelsbeck Vol. 1: Shades

    1992 Power Game Hits - Best of Adventure and Action Computer Game Tracks
    1992 Das Schwarze Auge - Blade of Destiny
    1992 Apydia Soundtrack
    1992 To be on Top: Chris Huelsbeck Vol. 2

    1993 Turrican – Original Video game Soundtrack
    Turrican CD playlist:
    1. Opening
    2. Prologue
    3. Main Title
    4. Techno Dungeon
    5. The Desert Rocks
    6. The Great Bath
    7. Walker Factory
    8. The Hero
    9. Bionic Action
    10. Air Combat
    11. Climb To Survive
    12. Transfer To The Battlefield
    13. The Machine
    14. Countdown
    15. Freedom
    16. Bonus track: Turrican Medley

    1994 Rainbows: Chris Huelsbeck Vol. 3
    1995 Chris Hülsbeck's Sound Factory: Digital Audio Collection I

    1997 Back In Time CD 1
    1997 Extreme Assault Original Game Soundtrack
    1997 Tunnel B1 Soundtrack
    1997 Acclaim's Raving X-Mas CD 2
    1997 MDK Original Game Soundtrack (arrangiamento della OST)

    1999 Immortal 1

    2000 Merregnon Soundtrack Vol. 1

    2001 Chris Huelsbeck In The Mix
    2001 Giana Sisters 2001

    2002 Immortal 2

    2004 Merregnon Soundtrack Vol. 2
    2004 Bridge from the past...

    2005 X³: Reunion Collector's Edition Original Game Soundtrack

    2006 Immortal 3

    2007 The Z-Show Gold Collection
    2007 Shoot Or Die!: The C64 Music Of Turrican
    2007 Number Nine

    2008 Symphonic Shades - Huelsbeck in Concert
    2008 Sampling Is An Art!
    2008 One Man & His Mic Show #8: "Shoot Or Die!"
    2008 Out of Silence



    Tutti i lavori di Chris Huelsbeck

    1986: Shades – C64 – Music demo – Markt&Technik
    Planet of War – C64 – Music – Eckhard-Soft
    Soldier – C64 – Music – Rainbow Arts
    Sky Fighter – Atari ST / Amiga – Music – Rainbow Arts
    Madness – C64 – Music – Time Warp
    Baby of Can Guru – C64 – Music – Rainbow Arts
    1987: Jinks – C64 – Music – Rainbow Arts
    Dulcedo (Part of Antics) – C64 – Music / GFX / Add.Progr. – Rainbow Arts
    Chip War – C64 – Music – Rainbow Arts
    Bad Cat – C64 – Music – Rainbow Arts
    To Be On Top – C64 – Concept / Program / Music / GFX – Rainbow Arts
    Giana Sisters – C64 – Music/FX – Time Warp
    Down at the Trolls – C64 – Music/FX – Rainbow Arts
    PTC – Amiga – Music/FX – Rainbow Arts
    1988: Starball – C64 / Amiga – Music/FX – Rainbow Arts
    Oxxonian – C64 – Music/FX – Time Warp
    Journey to the centre of the earth – C64 – FX – Chip
    Hollywood Poker Pro – C64 / Amiga – Music/FX – Reline
    Danger Freak – C64 / Amiga – Music/FX – Rainbow Arts
    Hard'n heavy – C64 / Amiga – Music/FX – Reline
    Katakis – C64 – Music/FX – Rainbow Arts
    1989: R-Type – C64 / Amiga – Music/FX – Electronic Arts
    HB Car race – Amiga – Music/FX – Starbyte
    Grand Monster Slam – C64 / Amiga – Music/FX – Golden Goblins
    Oxxonian – Amiga – Music/FX – Time Warp
    Circus Attractions – C64 / Amiga – Music/FX – Golden Goblins
    Rock'n Roll – Amiga – Music/FX – Rainbow Arts
    X-Out – Amiga – Music/FX – Rainbow Arts
    TFMX Soundtool – Amiga – Concept/Driver programming – Demonware
    1990: Turrican – Amiga – Music/FX – Rainbow Arts
    Masterblazer – Amiga – Music/FX – Rainbow Arts
    L&M Adventure – Amiga – Music/FX – Rainbow Arts
    Zander, der Film – Film music – Music/Production – Stefan Lenzen Productions
    Apprentice – Amiga – Music?FX – Rainbow Arts
    Death Trap – Amiga – FX – Chip
    M.U.D.S. – Amiga / PC – Music/FX – Golden Goblins
    Z-Out – Amiga – Music (Intro, Highscore, Outro) – Rainbow Arts
    Monkey Island – Amiga – Music conversion – Lucasfilm Games
    1991: Turrican II – Amiga – Music/FX – Rainbow Arts
    Gem'X – Amiga / C64 / ST – Music/FX – Kaiko
    Quik&Silva – Amiga / ST – Music/FX – New Bits
    Battle Isle – Amiga – Music (Main Title) – Blue Byte
    Shades – CD – Concept/Music – A.U.D.I.O.S
    Apidya – Amiga – Music/FX – Kaiko
    1992: Jim Power – Amiga / ST – Music/FX – Loriciel
    Carl Lewis Challenge – Amiga / PC / ST – Music/FX – Psygnosis
    Denny – Amiga – Music/FX – Software 2000
    Apidya Soundtrack – Soundtrack CD – Concept/Music – A.U.D.I.O.S
    Hexuma – Amiga / PC – Music – Software 2000
    Gem'Z – Amiga / PC – Music/FX – Kaiko
    To Be On Top – Soundtrack CD – Concept/Music – A.U.D.I.O.S
    Jim Power – CD (PC-Engine) – Music/FX – Loriciel
    Metal Law – Amiga – Music (Title) – New Bits
    Super Turrican – SNES – Music/FX – Factor 5 / Kaiko
    1993: Turrican 3 – Megadrive / Amiga – Music/FX – Factor 5 / Kaiko
    Jim Power – SNES / Megadrive – Music/FX – Loriciel
    Cut Character – Film music – Music/Production – Stefan Lenzen Productions
    Jaguar XSJ – SNES – Music/FX Conversion – Core Design
    Mad News – Amiga / PC – Music/FX – Ikarion
    Turrican Soundtrack – Soundtrack CD – Concept/Music – Kaiko
    Jim Power – PC – Music/FX – Loriciel
    1994: Orpheus – Soundtool – PC – Concept/QA – Kaiko
    Caribbean Disaster – Amiga / PC – Music/FX – Ikarion
    Native Vision - Easy life Dance CD – Music/Lyrics/Prod./Mng. – MMS Euro
    Bundesliga Manager - Hattrick – Amiga / PC – Music/FX – Software 2000
    Christoph Columbus – PC CD-Rom – Music/FX – Software 2000
    Rainbows – CD – Concept/Music – C. H. Mediaproduction
    1995: Super Turrican II – SNES – Music/FX – Factor 5
    Indiana Jones – Genesis (Megadrive) – Addit. Conv. – Factor 5 / Lucas Arts
    Kadus – Show music – Music/Production – Fashion Shows
    Caribbean Disaster – CD-Rom – Music/FX – Ikarion
    C.U.E. – PC /Playstation Soundtool – Factor 5, Vision – C.H. Mediaproduction
    Eismann Game – PC – Music/FX – Vision Media
    Cut'n Style – Show music – Music/Production – Fashion Shows
    WinCC – Commercial music – Music/Production – Siemens AG
    EasyTrax – PC – Musiceditor – C. H. Mediaproduction
    Soundfactory – Music CD – Concept/Music – C. H. Mediaproduction
    Culture Beat – Cuts (TV) – Sony Music
    Targa – SNES – Additional Sounds – Softgold
    ISS Deluxe – Genesis (Megadrive) – Music/FX cnv. – Factor 5 / Konami
    1996: Tunnel B1 – Playstation / PC / Saturn – Music/FX – Neon / Ocean
    DSF Fussball Manager – PC – Localisation Sierra
    Ballblazer Champions – Playstation / PC – FX – Factor 5 / Lucas Arts
    1997: Extreme Assault – PC – Music – Blue Byte
    Tunnel B1 Soundtrack – Soundtrack CD – Concept/Music – synSONIQ Records
    Extreme Assault Soundtrack – Soundtrack CD – Concept/Music – synSONIQ
    1998: Typherra – PC – Music – Reakktor
    Star Wars Rogue Squadron – Nintendo 64 / PC – Music – Factor 5 / Lucas Arts
    1999: MusyX – Soundtool – Nintendo 64 / Gameboy – Concept/QA – Factor 5
    Light at the end of the Tunnel – Film music – Music/Production – Grenzgänger
    Resident Evil II – Nintendo 64 – Music Conversions – Factor 5 / Angel Studios
    2000: Indiana Jones Infernal Machine – Nintendo 64 – Mus. cnv. – Factor 5 / Lucas Arts
    Star Wars Battle for Naboo – Nintendo 64 / PC – Music – Factor 5 / Lucas Arts
    2001: Star Wars Rogue Leader – Gamecube – Music – Factor 5 / Lucas Arts
    2002: Merregnon II – Music CD – Music (2 Pieces) – Merregnon Project
    Immortal II – Music CD Music (1 Piece) – Immortal
    Star Wars Rebel Strike – Gamecube – Music – Factor 5 / Lucas Arts
    2003: Star Wars Rebel Strike (Cont.) – Gamecube – Music – Factor 5 / Lucas Arts

    Altre immagini:



    Alessio "AlextheLioNet" Bianchi



    Commenti 16 Commenti
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Bellissimo speciale...Che dire su l'artista trattato?Un mito,punto.Insieme al collega Allister Brimble, hanno curato l'infanzia del mio apparato audio
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Quoto Any-Mor onore e gloria a Chris Huelsbeck
    1. L'avatar di Bert
      Bert -
      Gran compositore , vi consiglio di ascoltare anche qualche suo lavoro non propriamente legato ai videogiochi.
    1. L'avatar di arblu
      arblu -
      Un grande davvero !

      Ami-mor io aggiungerei anche un altro paio di nomi, veri dei dell'olimpo sonoro del tempo che fu: Martin Galway e David Whittaker...

      ;-)
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Citazione Originariamente Scritto da arblu Visualizza Messaggio
      Un grande davvero !

      Ami-mor io aggiungerei anche un altro paio di nomi, veri dei dell'olimpo sonoro del tempo che fu: Martin Galway e David Whittaker...

      ;-)
      Del primo al momento non mi sovviene niente,per David Whittaker certo,appoggio in pieno il tuo pensiero.
    1. L'avatar di Dexther
      Dexther -
      si ma definirlo vanghelis e riduttivo per il tedesco.
      Lui e molto meglio di vangelis ,oltre alle sonorità prprio per nulla paragonabili.
      Lui si ispira principalmente a nessuno, sinceramente le sue composizioni sono prive di riferimenti a compositori nostrani della sua nazione.
      Il bello di hull e proprio il suo genere, cosa che non trovi manco in tim follin che spesso ruba al progressiv rock alla genesis
    1. L'avatar di arblu
      arblu -
      Del primo al momento non mi sovviene niente,
      Eccoti qualche suggerimento

      http://www.youtube.com/watch?v=sFYzjU-C3mA

      http://www.youtube.com/watch?v=nf29ShkoAiA

      e infine permettimi, la mia preferita !

      http://www.youtube.com/watch?v=igVxjCecmEg
    1. L'avatar di Dexther
      Dexther -
      arbu calcola che Parallax e stato forse uno dei pezzi chip music più sconvolgenti di tutti !!!
      Vorrei dei videogiochi con queste musiche in pieno stile trip !!
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da Dexther Visualizza Messaggio
      si ma definirlo vanghelis e riduttivo per il tedesco.
      Lui e molto meglio di vangelis ,oltre alle sonorità prprio per nulla paragonabili.

      Huelsbeck è spesso paragonato o accomunato a Vangelis, Williams e Jarre a seconda del lavoro e del periodo...

      Poi che, in linea di massima, vanti una cifra stilistica propria è indiscutibilmene vero...
    1. L'avatar di arblu
      arblu -
      Parallax e stato forse uno dei pezzi chip music più sconvolgenti di tutti !!!
      Assolutamente d'accordo Dexther

      Parallax tutt'ora è sconvolgente, a distanza di 20 e passa anni ha conservato intatto tutto il fascino potremmo dire...electro/trance

      Vorrei dei videogiochi con queste musiche in pieno stile trip !
      A chi lo dici !
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da Dexther Visualizza Messaggio
      arbu calcola che Parallax e stato forse uno dei pezzi chip music più sconvolgenti di tutti !!!
      Vorrei dei videogiochi con queste musiche in pieno stile trip !!

      I BIT.TRIP su Wii

      http://www.gaijingames.com/?page_id=406
    1. L'avatar di Dexther
      Dexther -
      Conosco alex
      Di fatti lo gioco sul mio fido pc wii
      Diciamo che grazie a indipend gaming lo ho aspettato come la manna dal cielo
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Grandissimo Chris,le sue musiche sull'Amiga erano fantastiche ,Turrican era un giochino senza il suo incofondibile sound... e per me a dato il meglio su questa piattaforma.
      Jim Power uscì per Amiga e non per Megadrive ,se mi ricordo bene...
    1. L'avatar di Dexther
      Dexther -
      un bel turrican 4 in hd ..
      Sogno sogno ..
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da maxtex74 Visualizza Messaggio
      Grandissimo Chris,le sue musiche sull'Amiga erano fantastiche ,Turrican era un giochino senza il suo incofondibile sound... e per me a dato il meglio su questa piattaforma.
      Jim Power uscì per Amiga e non per Megadrive ,se mi ricordo bene...

      Jim Power in Mutant Planet, titolo firmato Loriciel, uscì per Amstrad CPC, Amiga, Atari ST, Super Nintendo (sulla console di Super Mario World con il titolo Jim Power The Lost Dimension in 3D) e su PC Engine CD-ROM2 / Super CD-ROM.

      Chris Huelsbeck firmò le colonne sonore di quasi tutte le versioni di Jim Power (non sono sicuro di quella CPC e PC... ma lo sono relativamente a quella ST e a tutte le altre -comprese Super Nintendo e Mega Drive... quest'ultima appena iniziata-)

      La versione Mega Drive, Jim Power: The Arcade Game, era quasi completata quando la Loriciel fallì... l'ultimo Jim Power per Mega Drive non andò oltre lo stadio di beta avanzata... e Huelsbeck aveva appena iniziato a convertire le musiche (non a caso nell'elenco dei suoi lavori è citato anche Jim Power: The Arcade Game sul 16 bit Sega).
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Citazione Originariamente Scritto da arblu Visualizza Messaggio
      E dire che conosco bene sia Parallax che WizBall