Shinobi - Master System | Retrogaming History
Registrati!
  • Shinobi

    Shinobi

    Uscito nel 1987, questo Shinobi è l’ennesima conversione del classico e omonimo coin-op; gioco storico, tanto che nel tempo si sono susseguiti tutta una serie di seguiti, più o meno riusciti, fino ad arrivare alla PS2. Come vedremo, il gioco risulterà pressoché somigliate all’originale da sala, sempre con le dovute proporzioni.

    Nel titolo SEGA impersonerete Joe Musashi, un maestro Ninja imbattibile, esperto nell’arte del Ninjutsu. Joe è anche un agente segreto del governo e questa volta gli verrà affidata una missione difficilissima: affrontare l’Anello dei Cinque, un’ organizzazione terroristica guidata da cinque Ninja malvagi con poteri pari a quelli di Joe. L’Anello dei Cinque ha rapito i figli dei capi del governo mondiale e li tiene in ostaggio. Compito nostro sarà, liberare gli ostaggi ed eliminare tutti i malviventi.

    Parlando di gameplay va sottolineato che in questo gioco SEGA, ha voluto introdurre un pizzico di strategia in più, alla normale impostazione dei giochi bidimensionali d’azione. Per fare questo, i livelli posseggono una struttura ottimamente studiata che permette ai nemici di attuare schemi di attacco sempre diversi utilizzando gli elementi dello scenario, per esempio nascondendosi dietro a uno scatolone. Tutte caratteristiche ritrovabili anche in altri giochi, ma qui realizzate con grande maestria.

    La cosa che invece contraddistingue il gameplay di questo titolo rispetto ad altri action game contemporanei è la presenza di, almeno, due piani in quasi tutte le sezioni di gioco. Per farmi capire meglio: i livelli, che solitamente scorrono orizzontalmente verso destra (ma non solo), mettono il giocatore in grado di proseguire sulla sua strada o di saltare al piano di sopra. In questo caso, l’impressione che si ha, va oltre al saltare semplicemente sopra a un elemento (piattaforma, scatola, eccetera….) posto più in alto, elementi presenti per altro in tutti e due i piani, ma si ha l’impressione di avere la possibilità di percorrere quasi un strada alternativa! Anche se a volte è necessario percorrere tutte le strade possibili.

    Joe Musashi può saltare e attaccare con la spada, colpire i nemici in lontananza con gli Shuriken e usare le magie che si attiveranno con un’apposita combinazione di tasti. Tutte abilità da usare al meglio se si vogliono battere i guardiani di fine livello, che risultano ben studiati e che richiedono una buona dose di arguzia per essere abbattuti.

    Il nostro personaggio è in grado di curarsi e di migliorarsi raccogliendo i bonus che riceve salvando gli ostaggi; i vari bonus ci permetteranno un ampliamento della barra dell’energia, un aumento della potenza dei nostri armamenti (che cambiano anche graficamente, dagli Shuriken ai pugnali, alle bombe, eccetera….), accessibilità agli schemi bonus, ripristino dell’energia, punti (ogni 100.000 punti una vita in omaggio).

    Infine, se si riesce a completare nel migliore dei modi uno schema bonus, avremo diritto a nuovi tipi di magie.

    Shinobi comprende cinque livelli principali che si dividono in più fasi ognuno, generando di fatto diciannove stage (compresi i quadri boss).

    La parte tecnica è caratterizzata da un sonoro ben realizzato ma troppo ripetitivo e da una grafica carina ma che non eccede in nulla. Gli sprite sono piccoli, eccezion fatta per i boss di fine livello e il dettaglio degli sprite e degli sfondi è più che sufficiente.

    Un grande gioco, capace di dispensare il divertimento e tutto lo stile dei tempi d’oro di SEGA; ma vediamo quali sono i difetti:

    -Prima di tutto il gioco, pur potendo contare su un’ottima curva di apprendimento, su una buona difficoltà e su diciannove stage, non dispone di una lunghissima durata e soffre di una scarsa rigiocabilità.

    -Secondo, il nostro personaggio non può “sparare/lanciare” più di tre armi contemporaneamente; caratteristica tipica di questo gioco, che ne fa un action game più ragionato, lento e basato, in misura minore, sull’azione più concitata, come Gunstar Heroes o Contra, giochi in cui l’azione va a mille. Da un lato è sicuramente una caratteristica positiva, perché aumenta la strategia da adottare durante le varie fasi di gioco, costringendo il giocatore a prevedere e pianificare in breve tempo, quando, come e a chi sparare. Dall’altro lato limita il divertimento, e in più di un occasione sentirete il desiderio di poter sparare a più non posso.

    -Terzo, si può “sparare/lanciare” solo in orizzontale. Questo è decisamente un limite, sarebbe stato meglio poterlo fare anche in verticale e in diagonale, ma forse è chiedere troppo a un videogioco del 1988.

    -Quarto ed ultimo, negli schemi bonus non è possibile lanciare più di 1 “stelletta” per volta, limitando di fatto il divertimento.

    Segnalo che Shinobi, data la sua natura da coin-op, non concede nessun sistema di salvataggio e nemmeno continue, ma data la brevità dello stesso, queste mancanze sono una cosa positiva.




    Shinobi è uno dei personaggi che identifica la Sega esattamente come Wonder Boy, Alex Kidd e successivamente Sonic. La conversione in esame è sopraffina a dire poco. Certo tecnicamente il Master System poteva dare di più ma bisogna considerare che il gioco venne programmato nel 1987 quando i segreti dell'hardware 8 bit sega non erano ancora noti. In ogni caso grafica e sonoro sono apprezzabilissimi, il level design è ottimo e studiato nei minimi particolari e il ninja di Sega riesce ancora oggi a far divertire i giocatori esattamente come faceva alla fine degli anni 80. Un Must per questa console!

    Dario "Dariolino78" Lanzetti





    Altre immagini:




    Commenti 2 Commenti
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Grande conversione per un grande coin op
    1. L'avatar di cino77
      cino77 -
      la conversione non la conosco!!!!il coin op è magnifico ...un classico!