Lost Companies: Psygnosis (Parte 2) | Retrogaming History
Registrati!
  • Lost Companies: Psygnosis (Parte 2)

    Lost Companies: Psygnosis (Parte 2)

    La bellezza è qualcosa di molto soggettivo in ogni arte, compresa quella videoludica, e Brataccas sembrava fatto apposta per dimostrarlo: pochissimi aspetti eccellenti gli hanno valso più dei gravi difetti per una parte dei giocatori, come a suggerire al duo Lawson-Hetherington di continuare sulla stessa strada. E così anche il 1986 fu un anno di grandiose idee e poco divertimento con Deep Space e Arena, il primo di Lawson, il secondo di Hetherington. Entrambi i titoli sono stati largamente dimenticati dalla memoria collettiva dei videogiocatori, forse perché privi di un hype stratosferico come quello di Bandersnatch/Brataccas e dedicati anch’essi a due computer, Atari ST e poi Amiga, ancora ai primi passi del loro splendido cammino, ma mettiamoci pure qualche responsabilità della stampa specializzata del tempo particolarmente avara in fatto di articoli dedicati.

    Deep Space ha introdotto un character dal raro insuccesso: Stryx, protagonista anche di un run’n’gun pietoso con lo stesso nome. Questa sua prima, tuttavia, è una simulazione spaziale fortemente ispirata ad Elite di David Braben, uscita già da un paio d’anni sul mercato ma non ancora disponibile per i formati a 16-bit. Il nostro avatar è uno stimato cacciatore di taglie interstellare che può vantare anche una bella astronave a sua disposizione. In fotografia, la grafica sembra davvero da next-generation e non avrebbe nulla da invidiare neppure al futuro Wing Commander e l’effetto è quasi del tutto merito di Garvan Corbett, grafico che sarà a lungo il braccio destro di Lawson, ma disgraziatamente le sorprese spuntano nel momento del giocare. Ogni schermata è deliziosamente curata ed il campo stellare in movimento è molto armonico, peccato che all’arrivo di qualche nemico l’aggiornamento dello schermo subisca un crollo imbarazzante. Altri grossi impacci li crea la complicatissima interfaccia, bella da vedere ma piena di icone di difficile comprensione che richiedono un antipatico periodo di adattamento anche col manuale di fronte. Dietro la lussureggiante frontiera audiovisiva si nasconde un gameplay acerbo a voler esser generosi, ma il giocatore ieri e il collezionista oggi si godono quantomeno una confezione spettacolare con persino un fumetto all’interno.

    Storia completamente diversa quella di Arena di Hetherington. L’impavido programmatore voleva probabilmente indirizzare la Psygnosis verso un profilo poliedrico, al punto che il titolo in questione è addirittura uno sportivo focalizzato su alcune discipline dell’atletica leggera. Si passa dai 100 metri piani al salto con l’asta, più altre quattro variazioni tutte molto interessanti che contrappongono Arena agli acclamati multievento della Epyx, dei quali vorrebbe essere l’erede per i 16-bit. Inutile precisarlo, la grafica è mozzafiato nelle immagini quanto deludente in movimento: gli sprite sono giganteschi, addirittura fino a 56x80 pixel e persino sul fondale è possibile scorgere altri atleti animati, magari mentre si riscaldano, ma il tutto è inevitabilmente scattoso, e parecchio, soprattutto quando compaiono dei pop-up in stile fumetto con i commenti dei presenti sulla scena. Il gioco, poi, è talmente lento e buggato da tenersi ben distante da qualsiasi idea di piacevolezza.

    Sia Deep Space che Arena sono stati polverizzati dalla sfida del tempo, ma di buono avevano una tiratura limitata ed un prezzo di lancio molto elevato capace di non mettere in difficoltà la Psygnosis nonostante le probabili poche vendite grazie al forte margine di ricavo: nonostante tutto, il modello commerciale funzionava. Tali giochi, però, confermarono i leciti sospetti sulle effettive qualità di game designer di Lawson ed Hetherington, il cui talento andava quantomeno educato. L’ambizione delle loro produzioni si stava guadagnando comunque una certa risonanza, la Psygnosis faceva sempre più parlare di sé e più di uno sviluppatore cominciava a sognare i suoi videogames pubblicati con il logo della civetta. I tempi per espandere le proprie mire da publisher stavano maturando, ma questo era ancora il tempo delle trattative, il quale portò un importante accordo con la Melbourne House, compagnia affermata nel campo degli 8-bit che avrebbe curato delle conversioni per Amstrad CPC, ZX Spectrum ed ovviamente Commodore 64. Nel frattempo, ii due fondatori della compagnia continuavano per la propria strada sviluppando anche per il 1987 un gioco a testa: Barbarian e Terrorpods.

    Per la realizzazione del primo, David Lawson chiede ancora una volta a Garvan Corbett di disegnare per intero la grafica, che era quasi l’unico aspetto positivo di Deep Space. L’intenzione del duo è quella di produrre un Brataccas in formato fantasy, ma senza i gravi problemi relativi alla giocabilità. In due anni, infatti, il mercato era cambiato, sui computer a 16-bit ci lavoravano in tanti e bisognava ingegnarsi molto di più per stupire. La prima cosa che balza all’occhio è inevitabilmente la cover, firmata da un Roger Dean ispiratissimo che l’ha definita il suo migliore lavoro, o quantomeno quello a cui è più affezionato, nonostante non richiami minimamente le ambientazioni dell’avventura. Per cavar fuori qualcosa di lontanamente divertente ripartendo da Brataccas, bisognava risolvere il problema dell’interfaccia. Lawson decise di lavorare continuando a tenere in mente come controller principale il mouse, che in Barbarian non è più impiegato nel movimento diretto del personaggio ma per interagire su icone poste in basso al video che indicano direzioni verso le quali spostarsi, oppure il salto, l’uso della spada e via di questo passo. Funziona meglio della vecchia soluzione, ma neanche questa è praticissima. Il mondo continua ad essere inquadrato lateralmente, abbandonando l’alta definizione e ritornando alla classica 320x240, più prestante ma comunque avvertibilmente scattosa nell’aggiornamento dello schermo, che neanche stavolta gode di scrolling, basandosi sulla vecchia soluzione flip-screen. E’ quasi paradossale il fatto che uno dei fondatori della famosa Psygnosis fosse sensibilmente a disagio con l’ottimizzazione del codice, che se già non fa una gran figura su Atari ST, risulta troppo inadeguato alle potenzialità dell’Amiga in fatto di gestione degli sprites. Basti pensare che risulta molto più fluida la conversione per Commodore 64, non a caso adattata da veterani della piattaforma. Barbarian, tuttavia, offre apprezzabili spunti d’interesse, come la scenario ispirato tanto nelle idee quanto nel tratto del disegno e fa una gran bella scena l’animazione di morte dei nemici che vedono esalare lo spirito maligno che albergava dentro di essi. I combattimenti sono poco appassionanti, dato che avvengono cliccando su un’icona, e la soddisfazione del superare una sezione c’è soprattutto quando è presente un piccolo enigma per venirne a capo, solitamente semplici ma non sempre intuitivi. Per chiudere, Barbarian non era un capolavoro neanche al momento del suo lancio, e forse neppure un buon gioco, paradossalmente penalizzato dalle capacità del suo designer leader David Lawson che si contrappongono alle grandi trovate del grafico Corbett e dell’illustratore Dean. E poi c’era un grosso problema di riconoscibilità perché nello stesso periodo dello stesso anno la Palace aveva pubblicato un altro Barbarian, enormemente popolare e acclamato che gli ha rubato, con merito, buona parte della scena. Ottima, però, rimane in senso assoluto l’animazione di presentazione del gioco che rafforza quella che diventerà una tradizione per i giochi della casa.

    Torniamo da Ian Hetherington e dal suo lavoro del 1987: Terrorpods. E’ vero che nessun prodotto Psygnosis uscito fino a questo punto consentiva di afferrare semplicemente un joystick e giocare, ma in questo caso bisogna quasi ridefinire il termine di complessità. C’è uno sforzo apprezzabile sul fronte dello storyboard: Colian è un pianeta estremamente ricco di minerali rari ed offre, tra le altre cose, un esplosivo micidiale ed il metallo più duro dell’universo, elementi in grado di sovvertire da soli le sorti di qualsiasi guerra. E i terrestri in guerra ci sono eccome, precisamente con una razza aliena tecnologicamente avanzata ma a corto di materia prima per la fabbricazione delle proprie armate. E’ per questa ragione che sferra un assedio a Colian, del quale intende sfruttare le preziose risorse estrattive per costruire i micidiali Terrorpods, macchine dalla potenza inaudita che garantirebbero una vittoria nel conflitto. Su Colian, però, c’è anche il giocatore, che in realtà pare configurarsi come una spia, secondo la sceneggiatura, che si trova lì per indagare su quel che accade, col compito preciso di individuare i segreti della costruzione dei Terrorpods per replicarli e sfruttarli contro gli stessi alieni. Vale la pena premettere che questo gioco vanta una grafica eccezionale, pressappoco identica su Amiga ed ST e ridimensionata, ma comunque apprezzabile, sui computer ad 8-bit, il cui adattamento è stato nuovamente a carico della Melbourne House. Il nostro avatar si muove su un mezzo terrestre dotato di laser e missili con il quale muoversi lungo la superficie del pianeta. Lo scenario è realizzato con elementi totalmente bidimensionali, ma ingegnosamente combinati per dare l’illusione della tridimensionalità, archiviato principalmente grazie all’uso di più strati di scorrimento parallattico e ad un approssimativo scaling degli oggetti, tuttavia precalcolato e possibile grazie alla memorizzazione di immagini a scala differente. Il nostro furgoncino da guerra ci serve soprattutto per migrare tra le varie colonie e le rispettive strutture del pianeta, ognuna adibita a funzioni specifiche come l’estrazione di determinati minerali, i quali avranno quotazioni diverse di colonia in colonia. Dato che per costruire un terrorpod servono risorse non accumulabili in una singola colonia, dovremo studiare i costi dei vari elementi in ognuna di esse per poi esibirci in un’oculata compravendita. Nel frattempo, però, le colonie saranno oggetto di attacchi da parte degli alieni e sarà nostro dovere proteggerle: potremo sparare ai nemici col nostro laser, ma ciò non li distruggerà, infatti, una volta colpiti, essi semplicemente scapperanno nell’astronave madre per riprovarci in seguito; potremo disfarcene del tutto utilizzando i missili, disponibili in quantità limitata e soprattutto afflitti da un sistema di puntamento macchinoso che ci costringerà ogni volta a calibrare minuziosamente degli indicatori per avere qualche chance di attaccare con successo. Come se il tutto non fosse già abbastanza complicato, è possibile interagire con le strutture tramite comandi testuali, per fortuna solo tre, che ci permetteranno di blindare dei siti, di farli esplodere al contatto col nemico o di ripristinarli. Per riassumere come giocare a Terrorpods, dapprima dobbiamo mapparci su carta la locazione di colonie e strutture, le risorse estrattive più vantaggiose in ognuna di esse, stare sempre in allerta per impedire agli alieni di spaccare tutto, impartire istruzioni testuali ad alcune strutture, respingere i nemici col laser o distruggerli con i missili dopo aver domato il sistema di controllo, costruire un terrorpod ed usarlo per ammazzare tutti i nemici. La vera beffa è che non solo tutto ciò è follemente complesso, ma anche spiegato approssimativamente sul manuale. Compensano le riviste che si prodigano nel fornire dettagli sul come giocare per apprezzare il gioco, il quale evidentemente sembrava straordinario all’epoca viste le tante lodi della stampa. E’ invecchiato malissimo, purtroppo, ed anche a distanza di soli due anni la critica ha totalmente invertito il giudizio in occasione delle conversioni per 8-bit, identiche nel gameplay e valide nella tecnica, ma giocabili, o ingiocabili, quanto l’originale.

    Barbarian e Terrorpods possono essere considerati solamente dei lenti passi in direzione del bel giocare mentre molto più efficacemente hanno contribuito a definire il profilo della Psygnosis che si era ormai attrezzata per tentare la fortuna come publisher: i giochi proposti avrebbero dovuto avere idee innovative, una matrice fantasy-fantascientifica possibilmente ispirata allo stile di Roger Dean, introduzioni animate d’effetto e tanta ambizione. Il divertimento evidentemente non era ancora fra le priorità. Già da allora la Psygnosis si poteva solo amare o odiare.

    VIDEORUBRICA

    Gianluca "musehead" Santilio



    Commenti 18 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Bellissima questa seconda parte la Psygnosis la sto ammirando ancora di più
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      La prima Psygnosis... molto interessante. Conoscevo Barbarian per averlo visto su Amiga, ma non avevo mai visto Terrorpods... piuttosto audace come titolo! In generale, un non trascurabile numero di titoli Psygnosis tende ad essere più bello da vedere e piacevole all'ascolto che non particolarmente giocabile e divertente. In ogni caso, questa etichetta ha sempre coraggiosamente perseguito una propria distinta strada, portando avanti uno specifico quanto fruttuoso percorso evolutivo.
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Piccola precisazione su una cosa che mi rendo conto non emerge dai video: tutti i giochi di questo mese sono senza musica, hanno solo effetti sonori, le melodie ce le ho aggiunte io. Per quanto assurdo possa sembrare per la Psygnosis, all'epoca non avevano un composer...
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Grande Muse, pelle d'oca...Su Barbarian condivido il fatto che, a suo modo, riusciva a dare certe soddisfazioni.Personalmente, infatti,condividevo con questo titolo un puro sentimento di amore/odio.
      Psygnosis rulez!
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Citazione Originariamente Scritto da AlextheLioNet Visualizza Messaggio
      In generale, un non trascurabile numero di titoli Psygnosis tende ad essere più bello da vedere e piacevole all'ascolto che non particolarmente giocabile e divertente.
      Esatto. Se non fosse per Muse, questa fase della Psygnosis mi farebbe venire solo latte alle ginocchia
    1. L'avatar di MBry0
      MBry0 -
      Piccola curiosità. Come già detto da muse nella prima parte, Psyclapse è stato un progetto per c64 che non ha mai visto la luce, annoverato fra i famigerati mega games della Imagine.
      Il termine Psyclapse non è stato totalmente abbandonato, infatti la Psygnosis ha pubblicato una serie di giochi proprio sotto il nome Psyclape. I giochi in questione sono (escludendo i prerelease):
      - Captain Fizz Meets The Blaster-Trons
      - Menace (descritto da alex nel suo blog)
      - Baal
      - Ballistix
      - Never Mind
      - Speel Bound
      - Anarchy
      - Stryx (accennato da muse in questo articolo)
      - Matrix Marauders

      Ricercando nel forum non ho trovato niente a rigaurdo. Se se ne era già parlato, beh pazienza
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Eheh, giusto, e parlerò nella prossima puntata, dato che Psyclapse nasce nel 1988. Sarà interessante vedere come e perché ruberà la scena alla Psygnosis. Stay tuned!
    1. L'avatar di MBry0
      MBry0 -
      scusa l'anticipazione allora
    1. L'avatar di Gedeone de Infortunis
      Gedeone de Infortunis -
      Complimenti per lo speciale. Adoro Barbarian (Su Amiga/ST, su c64 il ridimensionamento grafico mi pareva e pare ancora insopportabile)! Ma dove sarebbe la grafica eccezionale di Terrorpods? La porzione di schermo è piccola, i colori sono pochi e lo scrolling (lodevole il tentativo, per carità) zoppica non poco. Gioco interessante cmq
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Grazie per i complimenti. Con tutti i limiti abbastanza evidenti che ha, la grafica di Terrorpods l'ho trovata molto riuscita, ma quello a cui ti riferisci è esatto: la finestra è piccola, lo scrolling non fluido, i colori non direi pochi ma più nella media. Da buona tradizione Hetherington il blitter è uno sconosciuto, però mi ha fatto una buona impressione per la gestione degli sprites notevole considerato che è tutto via hardware, e lo scorrimento è comunque "alla Beast", e su Atari ST si è visto poco. Trovo che sia un lavoro notevole, anche perché il framerate è più che accettabile, se poi lo contestualizziamo al 1987 ancora di più (le riviste dell'epoca erano molto impressionate). Naturalmente, nello speciale trovano spazio considerazioni soggettive, per cui ben vengano opinioni diverse, particolarmente preziose per un Terrorpods oggettivamente poco ricordato.
    1. L'avatar di Gedeone de Infortunis
      Gedeone de Infortunis -
      contestualizzato all'atari st Terrorpods certo risulta migliore dal punto di vista dell'impianto tecnico (il framerate è cmq insufficiente, imho), anche se ho visto scrolling differenziati più impressionanti (Starray e Bio Challenge appena un anno dopo). Checchè ne dicano le riviste dell'epoca la scelta dei colori mi pare cmq piuttosto misera e l'utilizzo degli sprites mi lascia davvero tiepido (non zoomano certo verso di noi ed è possibile scrollare solo ai lati, ma forse chiedo troppo...
    1. L'avatar di arblu
      arblu -
      Grandissima Psygnosis

      è verissimo: i loro giochi (non tutti) erano più "forma" che "sostanza" ma la loro capacità di generare mondi e atmosfere incredibili a affascinanti, sfruttando sempre più abilmente le caratteristiche avanzate di Amiga, restano ancora lontane ani luce da tutti gli altri publisher contemporanei e hanno marchiato a fuoco la memoria di noi videogiocatori dell'epoca (d'oro) con titoli che letteralmente hanno fatto la storia di Amiga in particolare.
      Per quel che riguarda Barbarian permettetemi di dirvi che questo fu il primo gioco che vidi e giocai su Amiga e personalissima "killer application" di questo computer.
      Vi assicuro che, sebbene al giorno d'oggi il tutto possa sembrare di scarsa qualità e interesse e "polverizzato" dal trascorrere del tempo, in realtà per chi, come me, all'epoca ebbe la fortuna di assistere con i propri occhi e per la primissima volta, all'ENORME impatto della grafica e dei colori di Barbarian, questo gioco non può non suscitare apprezzamento e grandissima stima, riaccendendo emozioni uniche.
      Vi assicuro che, prima di Barbarian, un tale splendore grafico, in grado di creare davvero un mondo e un atmosfera meravigliosi, non si era mai visto: vi ricordo che allora si era abituati alla definizione e alla penuria di colori dei sistemi 8 bit, per cui quelle schermate, quei nemici e quelle animazioni erano davvero qualcosa di un altro pianeta !
      Personalmente me ne innamorai di Barbarian, tanto che quasi costrinsi i miei genitori a regalarmi... l'Amiga solo per poter aver il privilegio di poter giocare ad esso a casa mia tutte le volte che volevo (e far sbavare e smascellare i miei amici, ancora alle prese coi "giochini" del 64 e dell'MSX, per i quali caricavo il misero dischetto di Barbarian...impagabile !)
      Un vero e proprio mito per me che continua tutt'ora (il primo amore non si scorda mai ehehehe): grandissimo Barbarian (superato solo dal suo "seguito" fantascientifico Obliterator) nonostante il tempo trascorso e mitica Psygnosis. Nostalgia profonda.

      P.S. Grande Muse: i tuoi articoli sulla gloriosa Psygnosis mi hano colpito al cuore ;-)
    1. L'avatar di Gedeone de Infortunis
      Gedeone de Infortunis -
      la peculiare interfaccia grafica che permetteva il controllo dell barbaro eroe tramite mouse aggiungeva presenza e fisicità allo sprites: i movimenti erano lenti, la reattività carente, ma la sensazione di esserci era forte. Con un sistema di controllo "classico" via joystick, credo proprio che le sensazioni sarebbero state più dozzinali. Ho adorato sia Barbarian che il suo quasi seguito sci-fi Obliterator: il numero di ZZap estivo (1988) in cui venne testato e recensito quest'ultimo l'avrò sfogliato decine e decine di volte...e fu un'estate magica, anche se avevo ancora il C64
    1. L'avatar di arblu
      arblu -
      Muse mi sono dimenticato una piccola precisazione alla tua recensione: non è vero che la copertina di Barbarian non abbia nulla a che vedere con il gioco o per lo meno qualcosa di essa in realtà nel gioco c'è. Cosa?
      Facile: il drago !
      Il drago/dinosauro che compare nella copertina del gioco lo si ritrova all'incirca a metà nel corso dell'avventura. E' una sorta di boss di medio livello, bellissimo a vedersi (sembra praticamente digitalizzato direttamente dalla copertina e che occupa la bellezza di metà dello schermo) e abbastanza complicato da abbattere (si deve usare l'arco e una combinazione di salto/capriola. ;-)
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Probabilmente non ci crederai, ma che la copertina non avesse nulla a che fare con il gioco, che non ho giocato per intero e che quindi non avrei potuto verificare, è un'annotazione presente in un'intervista a Roger Dean in persona pubblicata sul numero 50 della rivista Retro Gamer, ovviamente britannica. Lo stesso Dean precisa che raramente il suo lavoro è stato influenzato dai contenuti del gioco. Che sia stato aggiunto da Lawson e Corbett dopo aver visionato la cover? Di sicuro ciò fa supporre che Dean non abbia giocato approfonditamente Barbarian...
    1. L'avatar di arblu
      arblu -
      Di sicuro ciò fa supporre che Dean non abbia giocato approfonditamente Barbarian...
      oppure, dopo tanto tempo, il nostro Dean se n'è semplicemente dimenticato, ma il suo drago c'è eccome !

    1. L'avatar di MBry0
      MBry0 -
      Citazione Originariamente Scritto da musehead Visualizza Messaggio
      la grafica di Terrorpods l'ho trovata molto riuscita, ma quello a cui ti riferisci è esatto: la finestra è piccola, lo scrolling non fluido, i colori non direi pochi ma più nella media
      Non conoscevo terrorpods, e la meravigliosa copertina mi ha spinto a giocarci. Ho cercato di contestualizzare il più possibile il segmento storico, ma credo che, in realtà, terrorpods sia stato un brutto gioco anche per l'epoca. La finestra piccola però non la metterei fra i difetti, dato che era una pratica diffusa per risparmiare memoria.

      Citazione Originariamente Scritto da musehead Visualizza Messaggio
      Lo stesso Dean precisa che raramente il suo lavoro è stato influenzato dai contenuti del gioco
      A pelle, mi sembra la classica risposta da "artista" che si pone al di sopra di tutto e che nega ogni tipo di influenza. Riguardandi le copertine dei giochi mi riesce difficile crederci, come credo improbabile un adattamento del gioco in base alla copertina. Poi la verità la conosce solo lui, io posso solo esprimere un'opinione.
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      E' un pò che manco ,ma scopro queste bellissime rubriche sulla Psygnosis ,software house grandissima che mi ha fatto sognare e divertire un sacco su Amiga, creando capolavori di tecnica e di grafica inimitabili...

      Il mio primo gioco fu proprio Barbarian ma sul commodorino 64 ,poi scoperto anche su Amiga ,divertente ma con quel sistema di controllo faceva impazzire e incazzare di brutto...

      P.S.: sono anni che sto collezionando quasi tutte le edizioni originali della Psygnosis per Amiga ,un giorno e la farò vedere