The Legend Of Zelda A Link to the Past Snes | Retrogaming History
Registrati!
  • The Legend Of Zelda: A Link to the Past

    The Legend Of Zelda: A Link to the Past

    Giorno. Piove a dirotto. Il cielo, come ovvio, è completamente oscurato. Link, nel caldo della sua casa e del suo letto, dorme, ignaro, come tutti gli eroi, di cosa gli aspetta. La sua vita sarà sconvolta da un’avventura davvero fuori dall’ordinario. Un lungo viaggio che lo vedrà correre tra due dimensioni parallele, risolvere enigmi di ogni genere, combattere strane creature ed esplorare terre fino al quel momento sconosciute.

    Una visuale dall’alto, un pulsante per menare fendenti con la spada, uno per le azioni e uno per un accessorio. Infine, un mondo mastodontico pieno di personaggi con cui parlare, dungeon da esplorare e milioni di milioni di segreti. Basta aver giocato ad un qualsiasi episodio di Zelda per capire di cosa si stia parlando. Eppure, probabilmente, ”A Link to the Past” è da considerarsi uno dei, se non IL, migliore episodio della serie. Perché?

    Questo Zelda è la sintesi ideale di elementi: arte tecnica, esplorazione, coinvolgimento ed evoluzione.
    La componente grafica e sonora sono il perfetto equilibrio tra l’epico e il parodistico. Una magica atmosfera fatta di personaggi bizzarri e situazioni sempre nuove sono accompagnate da una colonna sonora che spazia tra brani impegnati a quelli più spensierati. Ma non è nell’aspetto tecnico che troviamo il punto di forza di Zelda. Bensì nell’esemplare calibrazione delle meccaniche di gioco.
    Link inizia la sua avventura con poche abilità e oggetti. La forza giusta per alzare un cespuglio e una piccola spada che sembra quasi un coltellino. Ma pian piano che si va avanti, Link crescerà gradualmente e con lui il giocatore. Entrambi saranno accompagnati da una curiosità di fondo che li spinge nell’esplorare un mondo assolutamente ricco ed enigmatico. Con l’acquisizione di nuovi item Link si potenzia e il giocatore inizia a controllare la vastità dell’universo videoludico in cui si trova, e il gioco si apre davanti a lui.



    Così, ascoltare un personaggio parlare di varie scemenze svela piccole side quest da risolvere. Conquistare l’oggetto che permetta di sollevare i massi aumenta le capacità di attacco. Ottenere la possibilità di nuotare da la possibilità di esplorare nuovi e sterminati territori.
    Quando il semplice vagare senza meta per il mondo di Hyrule vuol dire scoprire, in qualsiasi momento, un segreto, quando ogni nuovo oggetto conquistato vuol dire avere accesso a decine di sotto-missioni parallele, fondamentali per il massimo coinvolgimento del giocatore, quando si fa la conoscenza di un nuovo strambo personaggio e, soprattutto, quando ci si rende conto che tutto ciò non è pienamente controllabile o memorizzabile, si scopre di far parte di una vera dimensione parallela e di un mondo più grande del giocatore.



    All’interno della magica cartuccia di “A Link to the Past” si nasconde il segreto che ha tanto contraddistinto la Nintendo dei bei tempi: la costante gratificazione del giocatore! La perfetta calibrazione del livello di difficoltà, l’immensa varietà, l’intelligente level design dei dungeon e, non ultimo, centinaia di piccoli obiettivi da realizzare che portano ad altrettante centinaia di micro - ricompense sono solo alcuni dei punti sui quali si basa un gioco pensato per intrattenere in ogni istante. L’avventura di Link si permea di una poderosa atmosfera esplorativa seguendo una linea guida sulla quale si appoggiano le summenzionate sotto missioni. Zelda per Snes è un capolavoro. Zelda non si gioca lo si vive. Ma non senza critiche.



    La contestazione più eclatante che contraddistingue tutti, o quasi, gli episodi della serie è senza dubbio la povertà della trama e la storica ridondanza di situazioni e oggetti. Ma si può rispondere che Zelda non vuole essere altro. Zelda è un format. La base di un videogioco puro come il suo protagonista, sul quale si costruisce l’avvolgente atmosfera delle terre di Hyrule. Un ingranaggio perfetto in grado di assottigliare i legami con la realtà di qualsiasi giocatore.


    COMMENTO FINALE


    "The Legend Of Zelda: A Link to the Past è un manuale di game design, lì, sul Super Nintendo, a disposizione di tutti. Un capolavoro. Un mix perfetto di esplorazione, coinvolgimento e qualità tecniche. L’invito può essere uno solo: avventurarsi nelle bidimensionali e “supernintendiane” terre di Hyrule per gustarsi il miglior Zelda di sempre."


    Axel "L'Innominato" Abba





    Commenti 19 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      No comment, questo gioco lo adoro e lo adorerò sempre, fino alla fine dei miei giorni
    1. L'avatar di Cthulhu
      Cthulhu -
      Anche per me "A Link to the past" rimante il miglior Zelda di sempre.
      Recensione particolare ma ben fatta e soprattutto appassionata, compliments.
    1. L'avatar di Liqu1d82
      Liqu1d82 -
      Non posso che essere d'accordo: la tua recensione è permeata di passione in ogni lettera. Purtroppo non ho mai avuto modo di perdermi in questo affascinante titolo, ma spero di rimediare presto.
    1. L'avatar di Super Fabio Bros
      Super Fabio Bros -
      Best Zelda Ever! Se ci fossero ancora i voti un 12 sarebbe quello giusto!
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Questo è uno di quei grossi calibri videoludici che, non avendo mai posseduto il Super Nintendo, mi sono perso. In seguito ho conosciuto la Zelda series con il più celebrato tra i due episodi per Nintendo 64... ma le basi zeldesche ad 8 e 16 bit, purtroppo, sono estranee al mio percorso videogiochistico.
    1. L'avatar di enola
      enola -
      primo amore! giocato in emulazione e ripreso a distanza di anni su console snes è stato l'incipit della mia vita di retrogamer e collezionista. zelda è scuola
    1. L'avatar di Glorfindel
      Glorfindel -
      Io non l'ho mai giocato sullo SNES perchè non ho mai posseduto quella console.
      Ma lo giocai (e terminai) su emulatore tantissimi anni fa, proprio perchè se ne parlava così bene (e parlo di prima del 2000...).

      Il gioco è bellissimo e mi sentivo strano ad accendere il PC per giocare ad un gioco che non era per PC
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Capolavoro ,videogiocato secoli fa insieme a casa di un amico su console originale ,oltre da spettatore lo aiutavo a risolvere enigmi e ricordasi dove erano determinate cose...capolavoro e coinvolgimento a massimi livelli con una grafica da urlo...

      Provato anni fa su emulatore ma non è la stessa cosa , i combattimenti mi parevano più facili e non c'è lo spirito giusto...mi piacerebbe recuperarlo originale ora che ho un Snes ,ma è una della cartucce più costose che ci siano ...prima poi ci metterò le mani.
    1. L'avatar di unshe
      unshe -
      Citazione Originariamente Scritto da maxtex74 Visualizza Messaggio
      Capolavoro ,videogiocato secoli fa insieme a casa di un amico su console originale ,oltre da spettatore lo aiutavo a risolvere enigmi e ricordasi dove erano determinate cose...
      Che cosa bellissima che mi hai ricordato!
      I tempi in cui ai giochi si giocava in due, ci si dava appuntamento perchè nessuno potesse perdere parti del gioco, uno giocava e l altro seguiva come fosse un film in cui è possibile urlare suggerimenti al protagonista nello schermo. Per poi dare il cambio al giocatore nei punti in cui si si bloccava esausti difronte a un enigma ma non si voleva interrompere la maratona.
      Altro che on line!!!
    1. L'avatar di Mariolinho
      Mariolinho -
      Mi unisco ai complimenti di Cthulhu: anch'io ho trovato la tua recensione, oltre che ben scritta, molto "appassionata", e mi è piaciuto questo stile perchè in linea con il gioco recensito. Bravo!

      Che dire del gioco? Oddio, chiamarlo "gioco" sembra quasi offensivo. Pilastro? ...mmm... più che pilastro, direi che questo Zelda è una delle colonne portanti della 16bit-gen e della storia dei videogiochi in generale.
      Lo puoi giocare quando ti pare, e ti sembrerà sempre attuale, giovane e fresco.
      Un'avventura bellissima condita con un'ottima giocabilità, musiche da Oscar e storia coinvolgente. Come ha detto giustamente enola, ha fatto scuola, nient'altro da aggiungere.
    1. L'avatar di L'Innominato
      L'Innominato -
      More thanks a tutti per i graditi complimenti
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Purtroppo farò la voce fuori dal coro: non sono mai riuscito ad appassionarmi a Zelda nonostante l'abbia provato su tutte le console Nintendo, dall'8 bit al 64. L'ho sempre trovato un po' dispersivo e a tratti noioso. Molto probabilmente il problema sono io dato che è riconosciuto da tutti come pietra miliare
    1. L'avatar di Liqu1d82
      Liqu1d82 -
      Citazione Originariamente Scritto da unshe Visualizza Messaggio
      Altro che on line!!!
      Quanto sono d'accordo...
    1. L'avatar di synapsy
      synapsy -
      Capolavoro inarrivabile!!! Il mio gioco preferito in assoluto, il migliore di sempre della serie "Zelda" e una delle vette più alte mai raggiunte nella storia dei videogiochi! Giocato originale in GIAPPONESE all'epoca in cui uscì (mi fu portato in dono da un'amica giapponese ospite dei miei!!!). Ahhh... che ricordi, che tempi!
    1. L'avatar di Sunstoppable
      Sunstoppable -
      tra questo e ocarina of time, nintendo ha sfornato due capolavori indimenticabili! bella recensione!
    1. L'avatar di Mariolinho
      Mariolinho -
      Citazione Originariamente Scritto da synapsy Visualizza Messaggio
      Capolavoro inarrivabile!!! Il mio gioco preferito in assoluto, il migliore di sempre della serie "Zelda" e una delle vette più alte mai raggiunte nella storia dei videogiochi! Giocato originale in GIAPPONESE all'epoca in cui uscì (mi fu portato in dono da un'amica giapponese ospite dei miei!!!). Ahhh... che ricordi, che tempi!
      Ammazza che botta di c... ehm.. che fortuna, synapsy!
      Dev'essere stato davvero magico, ti capisco! Anche se... mamma mia, io non credo proprio che sarei riuscito a destreggiarmi per il mondo di gioco con l'idioma giapponese.
      Grande!
    1. L'avatar di bovas
      bovas -
      il miglior zelda di sempre a mio parere
      qui si puo veramente parlare di capolavoro assoluto
    1. L'avatar di Epikall
      Epikall -
      Citazione Originariamente Scritto da L'Innominato Visualizza Messaggio
      More thanks a tutti per i graditi complimenti
      caro il mio innominato, la tua rece è SCANDALOSAMENTE copiata da superconsole! E ringrazi pure x i complimenti? Dovresti vergognarti!
    1. L'avatar di Sunstoppable
      Sunstoppable -
      si epikall lo abbiamo scoperto anche noi. ora sto scrivendo io al rece per sostituire il testo.