Lara Croft: Tomb Raider | Retrogaming History
Registrati!
  • Lara Croft: Tomb Raider

    Lara Croft: Tomb Raider

    Questo è il primo film dedicato a Lara Croft; mitica eroina delle avventure videoludiche all’insegna dell’esplorazione e del combattimento che portano il nome di Tomb Raider.
    Lara è un’ archeologa, ricca dalla nascita, i cui genitori sono morti quando lei era ancora bimba.
    Nel videogioco la signorina Croft è coraggiosa, forte, formosa, sensuale, sprezzante del pericolo e in ogni avventura “da giocare” ha sempre qualche reliquia da recuperare.
    Quando un videogioco viene “trasportato” in un film il rischio di sconvolgimenti o film dal basso profilo sia artistico che visivo è molto alto.
    Fortunatamente questa volta il film riprende abbastanza bene la filosofia del videogioco a cui si ispira.
    Lara è impersonata da Angelina Jolie. L’attrice si identifica decisamente bene per quanto riguarda formosità corporea e in particolare per tutto quanto riguarda la femminilità aggressiva e sexy che ha fatto innamorare tanti giocatori che, con pad o tastiera alla mano, esploravano ambienti antichissimi e pieni di pericoli.
    Non solo: particolare cura è stata riposta anche nel vestiario della protagonista, nelle sue movenze che ricordano le abilità di salto, capriola e arrampicata viste nel gioco, negli ambienti antichi e d’atmosfera (alcuni direttamente presi dai videogiochi, esempio: Venezia), nella presenza della “casa di Lara” e nelle 2 pistolone che la nostra bella ragazzotta impugna per eliminare i cattivi.
    Insomma ad una prima visione sembrerebbe che questo film sia un ottimo prodotto, almeno per quanto riguarda l’attinenza allo spirito dello storico videogame da cui prende ispirazione, nome e personaggio principale.
    La trama di questo film non ha nulla a che vedere con nessuna di quelle viste nei videogiochi. Anche se la storia di fondo non è affatto male non si capisce davvero il motivo di questa scelta, visto che anche le “storie” contenute nelle avventure “giocabili” erano assolutamente valide per la creazione di qualsiasi film e avrebbero dato a questa produzione cinematografica ancora maggiore somiglianza al capolavoro videoludico.
    Ecco la trama:
    Lara cerca un oggetto che consente di controllare il flusso del tempo e quindi anche di modificarlo. Questo oggetto è un triangolo magico e funziona solamente una volta ogni 5000 anni, secondo una precisa congiunzione astrale. Il Triangolo potrebbe permettere alla ragazza più atletica del mondo di rivedere suo padre morto a cui lei è particolarmente affezionata.
    L’oggetto desiderato è diviso in 2 parti da recuperare e comporre, e per trovarle serve un altro oggetto che funge da chiave (nel pieno stile del videogioco).
    Sulle tracce del triangolo “spezzato” da ricomporre ci sono anche gli Illuminati, una setta che desidera utilizzare il potere dell’oggetto magico per scopi non proprio altruisti.
    Il resto lo lascio scoprire a chi fosse interessato a vedere il film…

    Tra le qualità da me prima descritte emergono anche alcuni difetti di troppo.
    Prima di tutto, nel film, mancano del tutto le situazioni di solitudine e ricerca tipiche del videogioco, tutto è incentrato sull’azione e su Lara, gli elementi archeologici sono li solo per fare atmosfera e per dare una parvenza di avventura. Altri film hanno saputo ricreare sensazioni di avventura decisamente migliori, basti pensare a un qualunque Indiana Jones o ai recenti “il mistero delle pagine perdute” e “il mistero dei Templari”.
    È un peccato perché Tomb Raider avrebbe avuto davvero le carte in regola per mischiare sapientemente elementi di avventura con elementi di combattimento; scene d'azione con scene di solitudine, paura e mistero.
    Qui invece si è voluto puntare tutto sulla sensualità della protagonista e sull’azione dei combattimenti, in modo da far passare quasi in secondo piano la trama.
    Più che sensualità si potrebbe parlare di sesso e basta, visto che nel film si sprecano le inquadrature al seno e alle parti basse, fin ad arrivare a situazioni al limite dell’osceno come la scena in cui Lara cavalca una grossa pietra appuntita (di forma vagamente fallica) appesa al soffitto e la spinge fin a bucare un’ antica ampolla…
    Tra i difetti vi è anche la sceneggiatura che risulta a volte confusa: più volte accadono cose che non si spiegano, come per esempio le bambine che aiutano la protagonista in alcune situazioni senza apparente motivo. Un po’ di mistero poteva sicuramente giovare ad un film che tratta di argomenti avventurosi ma realizzato nel modo in cui è stato concepito in questa produzione, più che un mistero sembrano scene buttate li tanto per allungare la durata complessiva della visione. Un altro esempio di azione incomprensibile o comprensibile solo per far emergere una troppo ostentata e quasi ridicola determinazione e aggressività della protagonista, è quando Lara distrugge un antichissimo orologio probabilmente di estremo valore perché intuisce dal nulla che l’oggetto nasconde qualcosa di importante. L’intuizione ci può anche stare ma cacchio, se dentro un oggetto ce n’è un altro importante non lo distruggi col martello ma lo smonti con cura!!
    Gli effetti speciali sono buoni e ben realizzati, le scene di combattimento sono gradevoli ma perdono il confronto con moltissimi altri film.
    L’interpretazione dei vari attori è tutto sommato sufficiente ma nessuno, a mio avviso, eccelle. In particolare proprio Angelina Jolie se da un lato riesce a interpretare abbastanza bene il ruolo della donna ”fatale” (anche se a volte risulta forse troppo ostentato), dall’altro lato risulta poco credibile in altre situazioni recitative (tristezza, sorpresa, affetto, ecc.).
    Avrei preferito una Lara meno ostentata e finta (davvero poco credibile l’interpretazione della tristezza dovuta al padre morto!) e meno volgare, avrei desiderato una sceneggiatura migliore e anche meno azione e più avventura.
    Personalmente non ho apprezzato questo film ma vista la buona somiglianza al videogioco e la tutto sommato apprezzabile qualità di effetti visivi e dei combattimenti, nonché della resa delle ambientazioni decido di assegnargli un voto discreto.

    Titolo originale: Lara Croft Tomb Raider
    Anno: 2001
    Durata: 100 minuti
    Genere: Avventura
    Regia: Simon West
    Produttore: Lawrence Gordon, Lloyd Levin

    Interpreti e personaggi
    Angelina Jolie: Lara Croft
    Jon Voight: Lord Richard Croft
    Iain Glen: Manfred Powell
    Noah Taylor: Bryce
    Daniel Craig: Alex West
    Richard Johnson: Gentleman
    Chris Barrie: Hillary
    Julian Rhind-Tutt: Mr. Pimms
    Leslie Phillips: Wilson
    Robert Phillips: Julius
    Rachel Appleton: Lara da giovane
    Ozzie Yue: Vecchio monaco buddista





    Una sceneggiatura confusa e una Lara troppo ostentata riescono a sminuire il valore di un film che comunque riprende abbastanza bene le caratteristiche del videogioco diventato ormai famoso. A mo avviso si è puntato troppo sull'azione e sugli effetti speciali trascurando un pò la parte recitativa/sentimentale e avventurosa.



    Sistema: Film

    Anno: 2001

    Sviluppatore: Mutual Film Company

    Casa: Paramount Pictures

    Genere: Action/Adventure
    LINK CORRELATI

    ALTRI FILM

    ALTRI ARTICOLI SU TOMB RAIDER


    Dario "Dariolino78" Lanzetti



    Commenti 2 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Film discreto con una Angelina Jolie perfetta nel ruolo di Lara, peccato che si perde un pochino per strada la trama. Nel complesso un film simpatico
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da Robbey Visualizza Messaggio
      Film discreto con una Angelina Jolie perfetta nel ruolo di Lara, peccato che si perde un pochino per strada la trama. Nel complesso un film simpatico
      è un film godibile..ma sa tanto di occasione mancata..peccato.