The Legend of the Mystical Ninja - Super Nintendo | Retrogaming History
Registrati!
  • The Legend of the Mystical Ninja

    The Legend of the Mystical Ninja

    C’era una volta un ladro ninja di nome Goemon Ishikawa che vagabondava nei feudi giapponesi rubando ai ricchi per dare ai poveri. Raccontano le leggende giapponesi, che correva l’anno 1500 e anche Gaemon correva, inseguito da decine di derubati. Cinque centinaia di anni dopo, in un pomeriggio pieno di sole nipponico, Gaemon smise di correre e trovò casa nel Super Nintendo portando con se tutto il suo carisma.

    Era il 1991. Il leggendario ladro si ritrovava in un mondo comico, cromatico, avventuroso, pericoloso, romantico, mai così bello a memoria di ladro. Un’affascinante Giappone medievale, con quei livelli vasti ed esplorabili a piacimento, ricchi di scrigni e segreti nascosti, con quello strambo viavai di persone sulle strade e tante piccole perle audio video. Gaemon girovagava per gli ambienti saltando e colpendo i nemici con una pipa o uno yoyo, raccogliendo monete rilasciate da quest’ultimi o i potenziamenti in grado di far allungare la propria arma.



    Ma la passione di Gaemon era entrare nelle case del villaggio. Magari per spendere i soldi accumulati o per conoscere nuova gente. Così, capitava di ritrovarsi in un negozio ove comprare i classici potenziamenti delle abilità, oppure entrare in una locanda in modo da recuperare le energie. Molto spesso, però, Gaemon si imbatteva nei legittimi proprietari delle case che, invece di cacciarlo a colpi di scopa, gli fornivano simpatiche quanto inutili informazioni. Ma Gaemon non resisteva ad entrare nei “ludonegozi”. Ne poteva trovare in ogni dove e in continuazione: appena entrato, pagando la giusta cifra, poteva cimentarsi in minigame sempre diversi, da una scommessa sui cavalli ad un labirinto tridimensionale, da un martellamento di talpe ad un remake di Gradius, buttando un po’ di moneta o per guadagnarne dell’altra.

    Alla fine, però, il nostro ladro ninja non dimenticava i propri doveri, continuando nel suo vagabondare fino a scontrarsi con il boss di turno che lo attendeva in qualche parte del grande villaggio. Quando Gaemon entrava in un livello, la visuale cambiava, passando a un 2D senza profondità, lanciandosi in splendidi stage di pura tradizione “platformiana”. Quindi giungeva il momento del temibile boss che inevitabilmente portava ad un’unica reazione: stupore misto sorriso. Avversari spesso enormi e sempre geniali, ispirati alla tradizione nippo-medievale, nella quale anche il gioco affondava profondamente le radici.



    E mentre Gaemon combatteva contro strani fantasmi, demoni mitologici, lottatori di sumo e improbabili robot medievali, gli tornavano in mente tutti i personaggi incontrati e le loro stupende animazioni, gli scenari suggestivi e sempre diversi, il tempo trascorso al locale di spogliarello o a giocare a dadi, mentre sapevi che fuori c’era un’avventura da concludere, ma prima volevi passare dal maestro del villaggio per imparare qualche nuovo attacco di Jutsu. E allora anche morire per mano di un nemico non ti dispiaceva più di tanto, perché eri troppo impegnato a sorridere delle atmosfere rotondeggianti e comiche, dipinte da una colonna sonora evocativa. Poi, se il prode Ebisumaru era lì con te ad affrontare in multiplayer l’avventura, allora ogni pensiero volava via e anche il vagabondare senza meta diventava divertimento. Come in Shenmue, dieci anni prima di Shenmue.



    La leggenda narra che il vero Gaemon Ishikawa, una volta catturato, fu arso vivo in una vasca piena d’olio. Una triste fine per un eroe romantico nato prima del Romanticismo. Ma queste sono sole leggende. La verità è che c’è della poesia in The Legend of the Mystical Ninja e non si può dire di aver conosciuto il videogioco se non se ne ha avuto esperienza.


    COMMENTO FINALE


    "In The Legend of the Mystical Ninja, o meglio ancora Ganbare Gaemon, il nostro ninja ladro corre inseguito da decine di derubati, con i capelli impomatati e il viso truccato, trovando il tempo e il modo di stupirci, ed insegnarci cos’è il videogioco. Giocateci.





    Commenti 12 Commenti
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Bellissima recensione dedicata ad un notevole action adventure che a suo tempo ho avuto modo di vedere e provare con molto piacere sul Super Famicom di un amico. Purtroppo non ho mai avuto modo di approfondirlo e ho potuto giocare solo uno dei seguiti per Nintendo 64... fra l'altro, se non sbaglio, si è pure trattato di quello meno riuscito (Mystical Ninja Starring Goemon).
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Bellissimo gioco, devo provarlo subito
    1. L'avatar di JoustSonic82
      JoustSonic82 -
      Questo è un gioco da recuperare, senza se e senza ma. Complimenti al recensore per il pezzo denso e sintetico (nel senso buono del termine), oltre che appassionato!
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Originalissima recensione che ho gradito molto, seppur non conosca il titolo ispiratore. Il mondo Nintendo, purtroppo, è luogo a me sconosciuto, ma questo titolo mi ha incuriosito veramente tanto.

      Devo associarmi a Robbey con il suo solito: DEVO PROVARLO SUBITO?
      ahahahahaha!!!!
    1. L'avatar di Moro
      Moro -
      Citazione Originariamente Scritto da AlextheLioNet Visualizza Messaggio
      Bellissima recensione dedicata ad un notevole action adventure che a suo tempo ho avuto modo di vedere e provare con molto piacere sul Super Famicom di un amico. Purtroppo non ho mai avuto modo di approfondirlo e ho potuto giocare solo uno dei seguiti per Nintendo 64... fra l'altro, se non sbaglio, si è pure trattato di quello meno riuscito (Mystical Ninja Starring Goemon).
      Questo e' uno dei miei giochi preferiti di sempre, assolutamente inspiegabile come non abbiano tradotto in occidente i successivi capitoli.
      Alex, effettivamente l'episodio che citi tu era un gioco discreto e nulla piu' (parli del primo uscito per N64 giusto? Quello in 3d alla Super Mario 64?)....perche' il secondo capitolo per N64 invece era piu' simile in termini di giocabilita' agli episodi per Super Famicom, ed era proprio bello.
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da Moro Visualizza Messaggio
      Alex, effettivamente l'episodio che citi tu era un gioco discreto e nulla piu' (parli del primo uscito per N64 giusto? Quello in 3d alla Super Mario 64?)....perche' il secondo capitolo per N64 invece era piu' simile in termini di giocabilita' agli episodi per Super Famicom, ed era proprio bello.
      Sì... ho sentito parlare del secondo titolo per N64, ma ho avuto modo di giocare (noleggiando la cart) solo al primo, quello à la Mario 64... che infatti non mi colpì particolarmente.
    1. L'avatar di P.Min
      P.Min -
      bellissimo lo stile narrativo della recensione. Complimenti!
    1. L'avatar di Epikall
      Epikall -
      anche questa rece è presa da superconsole, ma che fate i complimenti!!! E' un truffatore!!!
    1. L'avatar di Sunstoppable
      Sunstoppable -
      si epikall lo abbiamo scoperto, come ti ho detto prima, anche qui sostituiremo il testo.
    1. L'avatar di Epikall
      Epikall -
      bene Sun, è un peccato ke a causa di gentaglia come questa ne va del buon nome del sito!
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Citazione Originariamente Scritto da Epikall Visualizza Messaggio
      anche questa rece è presa da superconsole, ma che fate i complimenti!!! E' un truffatore!!!
      Ma dai, vero?Mi erano sfuggiti questi post,maledetta la gente che fa di queste cose
    1. L'avatar di JoustSonic82
      JoustSonic82 -
      Citazione Originariamente Scritto da Epikall Visualizza Messaggio
      anche questa rece è presa da superconsole, ma che fate i complimenti!!! E' un truffatore!!!
      Complimenti per lo spirito di osservazione! Io non essendo mai stato lettore di superconsole non avrei mai potuto capirlo e anche se lo fossi stato a distanza di tanti anni non è comunque facile ricordare.
      Certo che la gente è propria strana... Che senso ha una bambinata del genere?