Tomb Raider: La culla della vita | Retrogaming History
Registrati!
  • Tomb Raider: La culla della vita

    Tomb Raider: La culla della vita

    Questo secondo film dedicato a quell’eroina dei videogiochi sempre immersa in ambienti antichi e polverosi, è simile al capitolo che lo ha preceduto.

    Cambia la storia: questa volta Lara è impegnata a recuperare il mitico Vaso di Pandora, che è stato nascosto da Alessandro Magno in un luogo rimasto celato all’umanità intera per moltissimi anni.
    A guastare le feste alla signorina Croft questa volta ci pensano Jhonatan Reiss (un bioterrorista) e un’organizzazione malavitosa Cinese.
    Per trovare la collocazione del Vaso di Pandora sul globo terrestre è necessario trovare prima una sfera che ne contiene la mappa ed è proprio dal ritrovamento di questo oggetto che cominciano le avventure di questo secondo film.
    Non voglio svelarvi troppo sulla trama di questo lavoro cinematografico quindi passo subito a farvi notare i suoi pregi e i suoi difetti.

    Innanzi tutto si nota ancora maggiore cura, rispetto a “Lara Croft Tomb Raider” nelle movenze di Lara: assolutamente perfetta la scena in cui Lara si arrampica su una statua antica, collocata in un tempio di Alessandro Magno sprofondato nel mare. Incredibilmente riprodotte le esatte movenze contenute nel videogioco!
    Gradevole è anche la presenza di alcuni mezzi tipici come i famosi “mezzi subacquei”, e la presenza di tanti oggetti, vestiti, armi provenienti dal videogioco, eccone alcuni tra i più interessanti: i bengala luminosi, la muta subacquea e le famosissime e affezionatissime 2 pistole; senza dimenticare “la casa di Lara”.
    Esattamente come nel capitolo precedente anche qui, il film è decisamente incentrato sulla figura di Lara (interpretata da Angelina Jolie), questa volta però la protagonista è diventata leggermente più femminile ed aggraziata. Meno ostentata, esagerata e anche meno volgare di prima, con meno inquadrature alle parti basse, ora la ragazza avventuriera appare anche più brava a recitare: più convincenti e meglio realizzate, rispetto al passato, le varie emozioni come gioia, dolore, amore, sospetto. Insomma Lara, questa volta, appare più “vera” nei limiti di un film che di “reale” non ha nulla.
    Oltre a ciò, alla bella ragazza dal prepotente seno, si è affiancato Terry Sheridan (Gerard Butler), un coprotagonista maschile che ben interpreta il suo ruolo.
    Questa novità ha permesso al regista di aggiungere al film una divertente ma anche sofferta “mini” storia d’amore.
    Anche la sceneggiatura appare generalmente migliore di quella del film che vedeva Lara alle prese con “gli Illuminati”. Nonostante l’azione, con qualche componente avventuroso, sia ancora dominante, lo svolgimento della trama appare ora meno confuso, più dinamico e vario, introducendo anche qualche elemento “romantico” e qualche elemento “pauroso”.
    La “paura” emerge soprattutto nella scena in cui i protagonisti attraversano un bosco per raggiungere la “culla della Vita”. Codesta zona boschiva è custodita da antichi guardiani che uccidono chiunque osi passare da li…
    Poteva essere realizzata meglio e i mostri non hanno un aspetto molto “mitologico” ma sembrano più degli alieni, tutto sommato però la scena da quel tocco in più al film che certo non guasta.
    Quindi azione, avventura, momenti paurosi e momenti romantici appaiono ben amalgamati anche se, secondo me, trattandosi di Tomb Raider, il regista avrebbe dovuto insistere molto di più sul tema avventuroso.
    Veniamo ora alle caratteristiche che non convincono.
    Ancora una volta la storia non ha alcun legame col mondo dei videogiochi ma è stata completamente inventata. Esattamente come ho scritto nella recensione del primo film dedicato a Tomb raider, questa non è una cosa negativa, ma a mio avviso sarebbe stato meglio creare un film con la stessa trama di uno qualsiasi degli episodi videoludici, magari adattandola all’ambiente cinematografico. Questo avrebbe creato ancora maggiore interesse in tutti quelli che hanno “videogiocato” le avventure digitali.
    Per qualche strana ragione gli ambienti che caratterizzano questa opera cinematografica sono generalmente meno “archeologici” e d’atmosfera che in passato e trattandosi di un film sulle avventure di una “razziatrice di tombe” la cosa appare alquanto strana.
    Nel film è presente una scena che a dire la verità poteva essere risparmiata. Ad un certo punto Miss Croft è costretta a farsi dare un passaggio da uno squalo!! Per convincere il malcapitato ad aiutarla, la stessa le da un pugno sul muso… Mah, va bene che non è un film che fa della realtà un punto di forza ma qua hanno veramente esagerato.

    Non è di certo il miglior film d’azione mai concepito, non è un capolavoro e non ha pretese filosofiche. È un buon film di intrattenimento che prende notevoli spunti dal videogioco omonimo.
    Peccato che a me non sia piaciuto nemmeno questo secondo capitolo.

    Titolo originale: Lara Croft Tomb Raider: The Cradle of Life
    Durata: 117
    Anno: 2003
    Genere: Avventura
    Regia: Jan de Bont

    Interpreti e personaggi:
    Angelina Jolie: Lara Croft
    Gerard Butler: Terry Sheridan
    Ciarán Hinds: Jonathan Reiss
    Chris Barrie: Hillary
    Noah Taylor: Bryce
    Djimon Hounsou: Kosa
    Til Schweiger: Sean
    Simon Yam: Chen Lo
    Terence Yin: Xien
    Daniel Caltagirone: Nicholas Petraki
    Fabiano Martell: Jimmy Petraki
    Jonathan Coyne: Gus Petraki
    Robert Cavanah: Agente-MI6 Stevens
    Ronan Vibert: Agente-MI6 Calloway
    Lenny Juma: Capo del villaggio





    In questo seguito si trova una maggiore cura per la figura di Lara: i suoi movimenti e le sue posture sono le stesse viste nel videogioco (più o meno), il suo aspetto è più aggraziato, e gode della presenza di alcuni mezzi, oggetti e armi che gli appassionati del videogame conoscono bene. Anche la sceneggiatura appare leggermente migliore rispetto a quella vista in "Lara Croft: Tomb Raider" ma anche in questo caso non ci si trova di fronte ad un capolavoro. Insomma, non stiamo parlando di una produzione cinematografica da cultori ma di un discreto film d'azione.




    Sistema: Film

    Anno: 2003

    Sviluppatore: Paramount Pictures

    Casa: Paramount Pictures

    Genere: Action/Adventure
    LINK CORRELATI

    ALTRI FILM

    ALTRI ARTICOLI SU TOMB RAIDER


    Dario "Dariolino78" Lanzetti



    Commenti 2 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Film migliorato dal grande Jan de Bont (Speed) che fa il verso a Indiana Jones, comunque ben diretto, chissà se ci sarà un seguito.
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da Robbey Visualizza Messaggio
      Film migliorato dal grande Jan de Bont (Speed) che fa il verso a Indiana Jones, comunque ben diretto, chissà se ci sarà un seguito.
      malgrado tutto mi è piaciuto