It s Magic 2 - Commodore 64 | Retrogaming History
Registrati!
  • It’s Magic 2

    It’s Magic 2

    A vent'anni dalla sua dipartita ufficiale, il mitico Commodore 64, il più celebre home computer ad otto bit degli anni ‘80, non smette di far parlare di se. L‘ennesimo pretesto c’è fornito, infatti, da questo interessante It’s Magic 2: il secondo videogioco della Stardust Productions ad essere incentrato sulle vicende del simpatico gatto Tom. Questa realizzazione dimostra per l’ennesima volta, se ce ne fosse ancora bisogno, quanto possano essere validi i titoli realizzati dopo il pensionamento della summenzionata macchina, soprattutto quando rilasciati dopo un lungo periodo di stagnazione in cui la stessa “Scena” stentava a riprendersi, benché ad interrompere questo periodo di assopimento in verità abbiano provveduto anche altre produzioni più recenti, delle vere e proprie piccole gemme in grado di rivaleggiare con i più blasonati capolavori del passato.

    It’s Magic 2 rientra appunto in questo minuscolo microcosmo di eccellenze postume e prende perciò le distanze dalla smisurata moltitudine di “giochetti" freeware a carattere prettamente amatoriale che ha caratterizzato gran parte della produzione post-mortem del buon vecchio C64. Come premesso, si tratta del secondo videogame che narra le gesta dell’apprendista felino Tom, il primo titolo della serie si rivelò purtroppo un gioco poco più che mediocre poiché minato da una certa ingenuità di fondo e da alcune imperfezioni. In questa nuova riproposizione, invece, It’s Magic raggiunge la piena maturità e può competere ad armi pari con i migliori esponenti del genere: Great Giana Sisters, Creatures e Mayhem, giusto per citare i più famosi.



    La storia riprende là dove era terminato l’episodio precedente: dopo aver salvato il mondo dalla catastrofe, il nostro simpatico gattone ritorna a casa sua presso le “Isole del Sogno”. Qui, dopo essersi ripreso dall’impresa che l’ha visto protagonista, continua ad esercitare le proprie abilità magiche spassandosela senza troppi problemi. Un malaugurato giorno, però, decide di approfittare dell’assenza del suo maestro per andare a curiosare nella biblioteca privata. Dopo aver rovistato per un po’ tra gli innumerevoli scafali della libreria, scopre un vecchio scrigno che custodisce al suo interno un libro misterioso. Ben presto, il nostro eroe realizza che il suddetto tomo è stato sigillato con un potente incantesimo, ma invece di lasciar perdere supponendo il peggio, si ostina a volerlo aprire fantasticando su quali intriganti segreti possano mai celarsi fra le sue pagine. Dopo vari tentativi finalmente riesce ad aprirlo, non senza qualche difficoltà a dire il vero, ma ha giusto il tempo di compiacersi delle proprie abilità magiche, prima che si materializzi un’inquietante entità malefica che si rivelerà poi essere il fratellastro del suo insegnante. Tale essere malvagio, infatti, fu imprigionato molto tempo addietro e tenuto sotto chiave per evitare qualsiasi tentativo di fuga, ma ora, approfittando dell’incauto errore commesso dall’imprudente Tom, si da alla macchia in men che non si dica, non prima però di aver invocato la propria vendetta e rivendicato il dominio su tutte le “Isole del Sogno”. Com’era prevedibile, Tom si è cacciato in un altro grosso guaio, perciò sarà costretto a scovare il mago malefico e a rimettere le cose a posto prima che faccia ritorno il suo severissimo maestro.



    A livello di gameplay, It’s Magic 2 si differenzia leggermente dal suo predecessore: nel senso che, se nel primo gioco assecondavamo lo scorrimento di ciascun livello in cerca degli oggetti magici necessari per completarlo, in questo seguito ci limitiamo semplicemente a fare incetta di diamanti per poi raggiungerne l’uscita. Ovviamente, approfittando di ogni possibile via di fuga tra i periodici movimenti dei nemici ed entro un certo tempo limite. I mostriciattoli che infestano i livelli, al contrario di quanto avveniva nel capitolo precedente, possono essere eliminati rimbalzandoci sopra un paio volte, non esistono fulmini o proiettili con cui colpirli. Nel corso dell’azione, dobbiamo sfruttare saggiamente anche tutti gli oggetti magici lasciati dai nostri avversari. Tali manufatti incantati, una volta raccolti, ci doneranno delle interessanti abilità speciali come l’invulnerabilità temporanea, la capacità di eliminare in un solo colpo tutti gli avversari sullo schermo e la non indifferente possibilità di arrestare momentaneamente lo scorrere del tempo. A conclusione di ogni isola, non mancherà poi il classico scontro con un temibilissimo guardiano di fine livello. In quest’ottica, pertanto, l’approccio di questo nuovo episodio della serie è molto più vicino ai classici stereotipi riconducibili ai capisaldi del genere, sebbene in It’s Magic 2 lo scorrimento dello sfondo possa avvenire in entrambe le direzioni, consentendoci così di tornare anche sui nostri passi.

    Il gioco conta cinque isole differenti, ciascuna delle quali suddivisa in sei livelli e caratterizzata da una particolare ambientazione. La difficoltà si attesta su un livello medio/alto e non mancherà di metterci sotto pressione in più di un'occasione. Un comodo sistema di password ci permetterà, ad ogni modo, di poter riprendere dall’ultima isola visitata.



    Le componenti audiovisive di questo secondo videogioco della Stardust Productions sono davvero accattivanti. Ciò che colpisce al primo colpo d’occhio, è senza alcun dubbio il notevole effetto prospettico che contraddistingue lo scorrimento dello sfondo. I particolari che si spostano in parallasse non si contano tra nuvolette, montagne all’orizzonte e flutti che separano le varie sezioni del livello. Lo scenario, oltre a spostarsi fluidamente in entrambe le direzioni, presenta anche numerosi elementi animati , basti pensare ai ciuffi d’erba spostati dal vento, al moto ondoso e alle cascate. La grafica sfrutta il classico stile “rotondo” che fin dalla notte dei tempi ha sempre contraddistinto questo genere di produzioni, una soluzione che conferisce al titolo una connotazione simpatica, carina e spensierata. I personaggi in giro per lo schermo sono numerosi, tutti realizzati ed animati con una certa cura. Le capacità cromatiche del Commodore 64 sono state sfruttate a dovere e, come se tutto ciò non bastasse, sono stati aggiunti nei vari livelli anche alcuni elementi in alta risoluzione, giusto per impreziosirne ancor di più la già invidiabile estetica. Al contrario di quanto avveniva nel primo episodio della saga, l’azione è accompagnata da una colonna sonora: ogni isola alterna due differenti temi musicali. La soundtrack è di buon livello, così come lo sono d’altro canto gli effetti sonori che ascoltiamo durante la partita.

    Video Gameplay




    "Tirando le somme, pur rientrando meritatamente nel circolo delle eccellenze postume, It’s Magic 2 non è privo di difetti. A parte la frustrazione dovuta al ripetere più volte le medesime combinazioni di salti, saranno anche la sporadica imprecisione dei controlli e l’approssimazione con la quale vengono rilevate le collisioni a renderci ancora più difficoltose le cose. Non sarà poi così raro, infatti, subirne gli effetti proprio mentre siamo intenti a far nostro un diamante a mezz’aria o a conclusione di una complicata serie di balzi. Nulla che comunque possa minare seriamente l’intrinseca qualità di quest’ottimo videogioco."





    Commenti 10 Commenti
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Recensione davvero interessante quanto molto ben redatta per un platform che sembra (almeno a me da questa impressione) un moderno Mayhem in Monsterland on-steroids (titolo che d'altronde è citato -non a caso- nel testo). Già stando al video, tecnicamente si mostra davvero pregevole per l'utilizzo della parallasse multistrato, gli elementi animati dei fondali, i colori e, come precisato nel testo, i dettagli in alta risoluzione. La magia infinita del buon vecchio 8-bit Commodore ("It's a kind of [C64] magic")...
    1. L'avatar di itomix
      itomix -
      Citazione Originariamente Scritto da AlextheLioNet Visualizza Messaggio
      Recensione davvero interessante quanto molto ben redatta per un platform che sembra (almeno a me da questa impressione) un moderno Mayhem in Monsterland on-steroids (titolo che d'altronde è citato -non a caso- nel testo). Già stando al video, tecnicamente si mostra davvero pregevole per l'utilizzo della parallasse multistrato, gli elementi animati dei fondali, i colori e, come precisato nel testo, i dettagli in alta risoluzione. La magia infinita del buon vecchio 8-bit Commodore ("It's a kind of [C64] magic")...
      da dove è possibile scaricare il gioco in oggetto?
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da itomix Visualizza Messaggio
      da dove è possibile scaricare il gioco in oggetto?

      Si può scaricare la demo da quì:

      http://www.protovision-online.com/ga...gic_2_demo.zip


      ... e l'intero gioco (prezzo: € 1,99) da quì:

      http://www.protovision-online.de/sho...31&language=en
    1. L'avatar di Gedeone de Infortunis
      Gedeone de Infortunis -
      un giochino estremamente piacevole, un'altro esempio postumo della "forza bruta" (inconsueto per un gioco cute ) dei chip del '64
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Bellino ,sembra divertente con i parallasse!!! Voglio la cassetta!!!
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Grande Commodore64!!!

      Gli occhietti nella presentazione in stile SuperFrog mi hanno fatto sorridere tanto, aspettandomi, da un momento all'altro, che apparisse il personaggio per intero (...).
      Cosi come la musichetta dove è narrata la storia, quasi un rifacimento di quella di Giana Sisters.

      Graficamente molto carino, con strati di parallasse a perdita d'occhio, robe che Nes e Master System hanno visto solo da lontano...ihihihihihih!!!!

      Anche a me, come ad Alex, ha ricordato Mayem.

      Peacez!
    1. L'avatar di Ikaris
      Ikaris -
      Non ho mai posseduto un C64 e sono decisamente un profano in materia ma... questo gioco, soprattutto dopo aver visto il video, mi ha davvero sorpreso...
    1. L'avatar di Gedeone de Infortunis
      Gedeone de Infortunis -
      Citazione Originariamente Scritto da Amy-Mor Visualizza Messaggio
      Grande Commodore64!!!

      Gli occhietti nella presentazione in stile SuperFrog mi hanno fatto sorridere tanto, aspettandomi, da un momento all'altro, che apparisse il personaggio per intero (...).
      Cosi come la musichetta dove è narrata la storia, quasi un rifacimento di quella di Giana Sisters.

      Graficamente molto carino, con strati di parallasse a perdita d'occhio, robe che Nes e Master System hanno visto solo da lontano...ihihihihihih!!!!

      Anche a me, come ad Alex, ha ricordato Mayem.

      Peacez!

      palette inferiore (16 colori) a parte, la gestione degli sprites e dello scrolling del c64 NON aveva nulla da invidiare a quella di Nes e Master System, soprattutto al primo.
    1. L'avatar di Nembulus
      Nembulus -
      Caruccio! Recensione interessante! Davvero una piccola perla (per gli standard di oggi, che siamo sulle spalle dei giganti: allora chissà come l'han glorificato! In effetti, il giudizio positivo sembra meritarselo tutto, di sicuro spero di poterci giocare prima o poi. La demo sarà presto mia!)
    1. L'avatar di biometallo
      biometallo -
      Citazione Originariamente Scritto da Nembulus Visualizza Messaggio
      allora chissà come l'han glorificato!
      Veramente, come mi pare sia ben specificato nella recensione, il gioco è del 2001, siamo quindi già in epoca Playstation2 ^_^

      Mah, io ci ho giocato poco, e più che altro spinto dal vedere la bella grafica dal vivo, però a livello di gameplay non mi ci ha preso molto, e questo nonostante i platforme classici siano "il mio pane", del resto ammetto che anche lo stesso Mayhem in Monsterland non mi ha mai veramente conquistato.... cioè non dico siano brutti giochi, dico solo che non sono, e forse mai lo saranno, tra i miei giochi preferiti del C64.