M.U.S.H.A. - Metallic Uniframe Super Hybrid Armor - Megadrive | Retrogaming History
Registrati!
  • M.U.S.H.A. - Metallic Uniframe Super Hybrid Armor

    M.U.S.H.A. - Metallic Uniframe Super Hybrid Armor

    Anno 2990. L'umanità ha ormai raggiunto un livello tecnologico tale da consentire la fondazione di sterminate colonie spaziali gestite da un esercito di robot tanto potenti quanto avanzati, automi diretti a loro volta da sofisticatissimi supercomputer. Una di queste, vero e proprio fiore all'occhiello dei progettisti per l'incredibile fedeltà nella riproduzione dell'ambiente terrestre, è Little Japan, il nuovo "regno" di Dire 51, sorta di erede nipponico del kubrickiano HAL9000. Il riferimento all'Heuristically programmed ALgorithmic computer reso celebre dal geniale regista di 2001: odissea nello spazio non è casuale, visto che anche l'Intellicomputer cui appunto era stata affidata la suddetta colonia spaziale finisce per ribellarsi ai suoi creatori, spingendosi al punto da considerare l'umanità come una minaccia ed inviare quindi sul nostro pianeta una terribile armata robotica guidata dal potente mech Big Asia.

    Le forze terrestri tentano un primo contrattacco, affidandosi ad una squadriglia composta da cinque mech giganti pilotati dai migliori elementi disponibili, tra cui spicca la giovane Terri. Nonostante la prudenza del loro leader e l'immediata distruzione di alcune navicelle da ricognizione nemiche, le unità inviate contro l'imponente armata robotica vengono improvvisamente bersagliate da un micidiale fuoco di sbarramento a lungo raggio proveniente dalla presidiatissima base degli invasori. Quattro mech sono così abbattuti, compreso quello del caposquadriglia che fa appena in tempo a ordinare la ritirata e sentire la risposta negativa di Terri. La ragazza, infatti, decide di disobbedire agli ordini e si lancia contro il nemico incurante della sua inarrestabile potenza di fuoco.



    Noto nel magico paese del sol levante con il titolo Musha Aleste: Full Metal Fighter Ellinor, M.U.S.H.A. - Metallic Uniframe Super Hybrid Armor (1990) è stato sviluppato da Compile, etichetta nipponica conosciuta essenzialmente per i puzzle game della serie Puyo Puyo e per un ampio assortimento di validi shoot'em up, quasi tutti a scorrimento verticale.

    Oltre allo shooter per Mega Drive oggetto di questo articolo, recano la medesima firma gli sparatutto Zanac / Zanac EX / Zanac Neo (1986/87/2001, MSX / MSX2 / Famicom / PlayStation), Gunhed / Blazing Lasers (1989, PC Engine / TurboGrafx-16; realizzato in tandem con Hudson Soft), Gun-Nac (1990, Famicom) e gli shooter della rinomata Aleste / Spriggan series: Aleste (1988, MSX2; convertito per Mark III / Master System da Sega e ribattezzato Power Strike in occidente), Aleste 2 (1989, MSX2), Aleste Gaiden (1989, MSX2), Seirei Senshi Spriggan (1991, PC Engine CD-ROM2 -con Naxat Soft-), GG Aleste (1991, Game Gear), Super Aleste / Space Megaforce (1992 - Super Famicom / Super Nintendo / Super NES), l'unico horizontal Spriggan Mark 2 (1992, PC Engine CD-ROM2; sempre con Naxat Soft), Dennin Aleste / Robo Aleste (1992/93, Mega CD / Sega CD), GG Aleste II: Lance Bird / Power Strike II (1993, Game Gear; con Sega) e Power Strike II (1993, Master System; ancora con Sega).



    Gli shoot 'em up Compile sono largamente apprezzati per le dinamiche veloci e frenetiche, la rapidità dello scrolling, l'articolato weapon/power-up system, l'ottimo comparto audiovisivo e, in alcuni titoli, le AI routine che variano intensità e tipologia degli attacchi nemici secondo l'arma utilizzata dal protagonista. Anche M.U.S.H.A. conferma in pieno il notevole livello qualitativo della serie Aleste, segnando inoltre il gradito ritorno di Ellinor Waizen (ribattezzata Terri negli States, dove si è preferito trasformare in acronimo l'originale termine giapponese "Musha" -"guerriero"-), eroina "Made in Compile" entrata per la prima volta in scena con Aleste 2, per certi versi ideale corrispettivo videoludico della Noa Izumi dell'anime / manga Patlabor (1988).



    Per sconfiggere l'Intellicomputer Dire 51 e salvare l'umanità dalla distruzione ad opera dell'armata robotica capitanata dal mech Big Asia, l'intrepida protagonista dovrà affrontare 7 livelli gremiti di agguerritissimi nemici. Ambientazioni, installazioni, navicelle, mech e mid/final boss si caratterizzano per un distintivo stile grafico "medieval Japan rielaborato in chiave sci-fi cybernetic" (l'anno 2990 della versione USA sostituisce il 91 di un'Era Tenryaku alternativa dell'originale nipponico) e mostrano una varietà sorprendente per un titolo memorizzato in una 4-megabit cartridge.



    Il mech guidato dala nostra Terri dispone di un doppio armamento stratificato su due livelli: primario e secondario. Quest'ultimo, classificabile appunto come sub-weapon, è tripartito: Fire (bombe), Thunder (energy beam o "LASERONE" à la Austin Powers) e Water (scudo). Contrassegnate dai tre diversi colori dei relativi power-up, ovvero giallo, verde e blu rispettivamente, queste armi secondarie possono essere potenziate fino ad un massimo di 3 volte ed impedire con la loro presenza la distruzione immediata del mech, non dissimilmente dall'armatura del cavaliere Arthur, protagonista della Ghosts 'n Goblins series. Al di là dell'originale Level-4 di Fire, contrassegnato da una serie di esplosioni-mini buchi neri che risucchiano i nemici, aumentando così esponenzialmente il caos a video, le sub-weapon rientrano nei canoni del genere.
    Il primary fire, invece, si basa sulle guardian capsules, importantissimi item rilasciati da onnipresenti mini navicelle nel momento in cui vengono colpite dal nostro mech. Queste capsule potenziano l'armamento primario, ovvero degli "shuriken laser" frontali che possono arrivare a quadruplicarsi, garantendo così una buona copertura contro gli attacchi diretti. Tali item hanno inoltre l'importante funzione di generare (e rigenerare) due utilissimi droni, vere e proprie unità ausiliari di attacco e difesa da gestire secondo necessità, scegliendo tra tre diverse formazioni: forward, 3way, reverse, roll e free.



    Analogamente ad altri esponenti della serie Aleste / Spriggan, M.U.S.H.A. si contraddistingue per un gameplay frenetico all'insegna di un'assoluta immediatezza arcade-style. Il flusso costante e massiccio di nemici, infatti, garantisce un'azione non-stop ed incoraggia a variare con una certa frequenza le sub-weapons raccogliendo i relativi power-up, le form dei droni tramite l'apposito tasto del pad e, più saltuariamente, la velocità. Dato che gli armamenti, primario e secondario, sono assegnati a due pulsanti distinti del controller, va da sé che la rapidità del mech non può essere cambiata in tempo reale, ma solo mettendo in pausa il gioco. Forse sarebbe stato più opportuno usare un singolo tasto per tutte le armi al momento disponibili e destinarne un altro alla variazione in real time della velocità.



    Dal punto di vista grafico M.U.S.H.A. è un titolo assolutamente brillante. Sprite e fondali sfoggiano una definizione, un livello di dettaglio ed un utilizzo dei colori tali da non sfigurare al confronto di un buon coin-op di fine '80. La qualità della programmazione, poi, si dimostra pressoché impeccabile, permettendosi una notevole velocità, un disinvolto utilizzo dello scrolling parallattico (anche multistrato nei livelli 3, 4 e 7) ed un gran numero di nemici a video, il tutto senza incorrere in frequenti rallentamenti e flickerii. Il titolo Compile, inoltre, conquista per il peculiare quanto suggestivo design sospeso, come già accennato, tra folklore giapponese, suggestioni nippon medieval e moderno mecha design. Decisamente apprezzabile, infine, l'introduzione anime-style e le schermate dello staff roll.



    L'alto livello qualitativo di questo eccellente vertical shooter si conferma poi sul fronte audio, grazie ad una soundtrack incalzante, gasante, epica. Il musicista Toshiaki Sakoda, già autore dalle OST di Aleste 2 (MSX2) e Devil's Crush (PC Engine), nonché, stando a quanto dichiarato in un'intervista, fan del chitarrista Michael Schenker, realizza infatti per M.U.S.H.A. una serie di irresistibili BGM synth-metal che danno un rilevante contributo all'appeal del gioco. Per quanto non così brillanti sotto il profilo della sintesi, le adrenaliniche musiche del titolo Compile risultano in ogni modo particolarmente orecchiabili e calzano a pennello sulle dinamiche frenetiche di questo shoot 'em up. Decisamente meno memorabili, viceversa, gli FX, che comunque assolvono dignitosamente alla loro funzione.



    Video Gameplay M.U.S.H.A. - Metallic Uniframe Super Hybrid Armor



    COMMENTO FINALE


    "Quarto titolo di una rinomata serie nata nel 1988 su MSX2, M.U.S.H.A. ne conferma in pieno la notevole caratura. Tecnicamente brillante quanto stilisticamente suggestivo, questo frenetico vertical shooter Compile non può che far felici tutti coloro che prediligono gli sparatutto di alta qualità audiovisiva e soddisfacente tasso di sfida. La sostanziale assenza di difetti di rilievo a fronte dei moltissimi pregi relativi a grafica, sonoro e gameplay rendono M.U.S.H.A. - Metallic Uniframe Super Hybrid Armor il migliore shoot 'em up a scorrimento verticale disponibile su Mega Drive."





    Commenti 14 Commenti
    1. L'avatar di Cthulhu
      Cthulhu -
      Ma quanti bei shmup ci sono per Megadrive! Questo MUSHA in verità l'ho giocato pochissimo quindi sarà da approfondire, comunque come sempre, ottima rece!
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Mio dio questo shooter lo adoro alla follia e bellissima rece Ale
    1. L'avatar di KidChameleon
      KidChameleon -
      E' anche un discreto pezzo da collezione
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      M.U.S.H.A. il migliore shoot 'em up a scorrimento verticale disponibile su Mega Drive?

      Allora è davvero da provare Alex
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da Big_Paul86 Visualizza Messaggio
      M.U.S.H.A. il migliore shoot 'em up a scorrimento verticale disponibile su Mega Drive?

      Allora è davvero da provare Alex

      Sì, lo so... l'etichetta è un tantino impegnativa...

      Ma non sono certo il solo a pensarla così... per cui confermo: decisamente da provare! Poi, se ti piace e se magari ti va di approfondire la serie, ti consiglio una controprova con Super Aleste su SNES o magari con Seirei Senshi Spriggan su PC Engine CD-ROM2 (stessi autori di M.U.S.H.A.)
    1. L'avatar di Nembulus
      Nembulus -
      Ma che bello questo shoot'em up! Preso un paio d'anni fa su Wii Virtual Console, s'è dimostrato davvero uno dei migliori esponenti del genere! Confermo in toto!
    1. L'avatar di JoustSonic82
      JoustSonic82 -
      Grande Alex! Conoscevo questo gioco solo 'di fama' e ora questa tua ottima recensione mi fornisce l'input per cercarlo. Devo assolutamente provarlo, anche perchè adoro gli shoot 'em up a scorrimento verticale!
    1. L'avatar di Rolo
      Rolo -
      Truxton e MUSHA... due must per megadrive!
    1. L'avatar di Boyakki
      Boyakki -
      Purtroppo la mia incapacità negli shmup non mi ha fatto mai procedere molto in questo gioco (che ho provato ahimé solo emulato), ma l'ho sempre trovato un capolavoro, non solo per il gameplay ma anche per l'idea di un Giappone feudale trasposto nel futuro e per le belle musiche.
      Rece incisiva e competente, come sempre!
    1. L'avatar di Ikaris
      Ikaris -
      La mia scarsa cultura in shoot'em up non mi permette di dire se sono d'accordo con l' "incoronazione" suggerita da Alex... ma certo questo M.U.S.H.A. pare notevole e la review fa venire una gran voglia di provarlo!
      Ai tempi, sul buon Mega Drive di questo genere credo di avere giocato un po' soltanto Grind Stormer, che peraltro mi piaceva pure...ma mi sa che tecnicamente questo qui gli dà la paga.
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da Ikaris Visualizza Messaggio
      Ai tempi, sul buon Mega Drive di questo genere credo di avere giocato un po' soltanto Grind Stormer, che peraltro mi piaceva pure...ma mi sa che tecnicamente questo qui gli dà la paga.
      Secondo me Grind Stormer è un ottimo titolo (avremo modo di riparlarne )... ho ancora la cart (purtroppo loose). Di questo gioco, però, non ho mai apprezzato granchè due aspetti: il flickerìo degli sprite (OK... ce ne sono parecchi a video, ma in uno shooter verticale per Mega Drive con finestra video delimitata da una barra di status me ne sarei aspettati di meno) e il sonoro ben poco memorabile.
    1. L'avatar di Tiger
      Tiger -
      lo dovro' provare! ai tempi non mi ispirava molto...piu' che altro per un motivo "stupido" che avevo spesso da piccolo: se lo sprite del protagonista (umano, alieno o astronave ecc..) a mio gusto non lo ritenevo abbastanza "figo" e massiccio non riuscivo ad apprezzare il resto del gioco! :P e' il caso di Musha! mi sembrava un robot/astronave obeso!! :P
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Bella rece Alex...anche io conoscevo di fama questo videogames ma non immaginavo così bello ,giocabile e con una musica così carina e orecchiabile per un MD.

      Mi pare che non è uscito sul mercato europeo ,da recuperare assolutamente per gli amanti del genere come me...
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da maxtex74 Visualizza Messaggio
      Mi pare che non è uscito sul mercato europeo ,da recuperare assolutamente per gli amanti del genere come me...
      Confermo... Musha Aleste: Full Metal Fighter Ellinor e M.U.S.H.A.: Metallic Uniframe Super Hybrid Armor sono usciti solo sul mercato giapponese e nordamericano. Mai uscita una versione PAL. Per fortuna non è un titolo region-locked.