Yain Sidae - Age of Wanderer - PC Windows | Retrogaming History
Registrati!
  • Yain Sidae - Age of Wanderer

    Yain Sidae - Age of Wanderer

    Yain Sidae, Age of Wanderer per i più anglofili, è un oscuro picchiaduro a scorrimento realizzato per i personal computer basati sugli ambienti Windows. Questo beat'em up coreano, fra l'altro la trasposizione videoludica dell'omonimo telefilm incentrato sulle arti marziali, è ambientato durante l'occupazione giapponese della Corea e si sviluppa nei dintorni della città di Jongro, uno dei più importanti centri economici del Paese. La storia prende piede in una città in balìa della criminalità organizzata, dove i cittadini sono quotidianamente vessati dai soprusi perpetrati dagli scagnozzi al servizio di uno dei più potenti clan malavitosi della regione: gli Honmachi. I membri di tale organizzazione non si pongono alcun problema nel perseguire i propri meschini interessi, spesso a scapito della povera gente, della dignità e della stessa vita dei pochi che osano opporsi. A dare manforte ai traffici di questi loschi figuri, vi sono, inoltre, le autorità giapponesi compiacenti che, di fatto, non solo chiudono un occhio sulle loro continue nefandezze, ma addirittura controllano le stesse forze di polizia locali. Nel gioco impersoniamo, pertanto, le uniche due persone che hanno il fegato di ribellarsi: Doo Han Kim, il figlio di un eroico patriota, e Sirasoni, il più abile combattente del Paese. La nostra missione è piuttosto semplice: in sostanza dobbiamo sbarazzarci degli odiosi Honmachi e rispettivi gangsters, magari dando anche una vigorosa strapazzata agli occupanti stranieri.



    A livello di gameplay, Yain Sidae riprende, sebbene in chiave un po' più semplicistica, le meccaniche di gioco introdotte da Final Fight, il celebre rullacartoni della Capcom. All'inizio della partita ci viene chiesto di scegliere il nostro alter ego tra i due personaggi disponibili, ciascun combattente, ovviamente, differisce dall'altro per peculiarità fisiche, tecnica di combattimento e mosse speciali a disposizione. Comunque sia, la partita si sviluppa come il summenzionato classico da sala giochi: in pratica ci vede assecondare lo scorrimento dello scenario pestando per benino tutti i brutti ceffi che osano frapporsi tra noi e la fine del livello. Come da tradizione, alla fine di ciascuno stage, ci sarà un cattivissimo boss da sconfiggere, quest'ultimo, spesso e volentieri, non mancherà di giocare sporco forte dei numerosi scagnozzi al proprio seguito. Il sistema di controllo vede l'impiego di due soli pulsanti: il primo per l'attacco ed il rimanente per il salto. Ciascun personaggio, oltre alle tradizionali mosse disponibili in questo genere di giochi, in particolare: pugni, calci, testate ed attacchi volanti vari, presenta anche una manciata di attacchi speciali, nonché la possibilità d'innescare delle interessanti combinazioni.



    Purtroppo, il gioco non offre alcun tipo di presa o proiezione che si voglia e non permette nemmeno di raccogliere alcun tipo d'oggetto contundente, sebbene vi sia comunque la possibilità di scagliare alcuni oggetti dello scenario contro i nemici. A mano a mano che perseveriamo ad infliggere dolore agli avversari, ricaricheremo un'apposita barra energetica la quale, una volta raggiunto il suo massimo, ci donerà una maggior efficacia offensiva facendo sdoppiare al tempo stesso il nostro personaggio. Quest'ultima, dopo pochi istanti, inizierà comunque a scemare gradualmente ad ogni nostro successivo colpo. L'intelligenza artificiale che governa gli avversari, purtroppo, è tutt'altro che brillante, diciamo che non spicca per iniziativa e tempistica delle reazioni, questo, ad ogni modo, non significa che non possa comunque metterci in seria difficoltà in tutte quelle situazioni particolarmente affollate. Yain Sidae offre anche la possibilità di giocare con un amico in carne ed ossa e prevede, inoltre, tre diversi livelli di difficoltà. I controlli, purtroppo, non sono configurabili.



    Dal punto di vista tecnico, questa produzione della coreana Joymax non se la cava poi così male. Il comparto grafico sfrutta l'alta risoluzione ed è piuttosto accattivante, gran parte del suo fascino, oltre allo stile prettamente orientale che lo caratterizza, deve molto anche alla notevole pulizia delle soluzioni artistiche impiegate. I personaggi sono ben caratterizzati e presentano delle animazioni per lo più curate, gli sfondi, inoltre, sono impreziositi da una serie di particolari animati, sebbene pecchino purtroppo di uno scrolling alquanto indeciso. La colonna sonora è anch'essa di buona fattura, i brani che accompagnano la partita sono sicuramente orecchiabili e di buona qualità, così come sono convincenti gli effetti sonori emessi a seguito di ogni nostro colpo.


    Altre immagini:



    Video Gameplay Yain Sidae - Age of Wanderer



    COMMENTO FINALE


    "Alla fine della fiera, Yain Sidae sarebbe potuto essere un ottimo picchiaduro a scorrimento, se solo le semplificazioni strutturali e la blanda incisività ed intraprendenza dei nemici non ne avessero compromesso il risultato finale, benché, da quest’ultimo punto di vista, più avanti nel gioco le cose si facciano sensibilmente più impegnative. Considerandolo nella ristretta cerchia di titoli pensati esclusivamente per i personal computer, in realtà non se la cava troppo male, ma in un ambito più generale, multi piattaforma se vogliamo, purtroppo, non può esimersi dal fare i conti con titoli indubbiamente più complessi e meglio riusciti. Inoltre, anche volendo soprassedere su questo punto, è davvero difficile non storcere il naso dinanzi alle lacune riscontrate. Detto questo, per chi non è alla ricerca del picchiaduro della propria vita o è comunque interessato a riscoprire i titoli più oscuri di quest’apprezzato genere videoludico, Yain Sidae resta pur sempre un titolo gradevole, almeno per quello che ha effettivamente da offrire."





    Commenti 4 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Questo è scavare in fondo al baule del retrogame . Non conoscevo sto picchiaduro ma non per questo lo proverò, anzi, lo eviterò
    1. L'avatar di striderhiryu
      striderhiryu -
      L'avevo già adocchiato tempo fa, scorgendone alcuni screenshot su qualche sito di retrogaming estero, e devo dire che, data la mia "insana" passione per i beat'em up, non mi dispiacerebbe poterci giocherellare un pò!
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Esteticamente si presenta bene... peccato davvero per l'impossibilità di utilizzare le prese, lanciare gli avversari e adoperare delle armi. Se si considera i vari titoli illustri del passato che invece lo permettono, mi sembra (come giustamente sottolineato) una lacuna piuttosto grave.
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Carino esteticamente ,adoro i picchiaduro a scorrimento ,anche con difetti e pregi devo trovarlo ,ma dove?