Shuttle - The Space Flight Simulator - DOS | Retrogaming History
Registrati!
  • Shuttle - The Space Flight Simulator

    Shuttle - The Space Flight Simulator

    Shuttle - The Space Flight SimulatorQuest’affascinante titolo della Vektor Grafix, spesso e volentieri, viene ricordato come una delle migliori simulazioni di volo mai realizzate. Lo scopo del gioco, come traspare chiaramente dal titolo, consiste ovviamente nel pilotare la celebre navetta spaziale della NASA attraverso una serie di missioni contraddistinte da un livello di difficoltà crescente. Le missioni, di volta in volta, ci vedranno atterrare dopo il distacco da un Boeing 747, testare il funzionamento di uno zaino propulsivo studiato per le passeggiate spaziali degli astronauti o mettere in orbita satelliti e componenti della Stazione Spaziale Internazionale. Al culmine della simulazione ci cimenteremo, inoltre, con la complessa riparazione del telescopio spaziale Hubble e la messa in orbita di un satellite spia per conto delle forze armate, non disdegnando nemmeno una missione basata interamente sul solo volo strumentale.

    Il nocciolo del gioco consiste, sostanzialmente, nel destreggiarsi con la complessa strumentazione che contraddistingue la cabina di pilotaggio dello Shuttle. Il numero dei quadranti e degli strumenti con cui ci si deve barcamenare è tale da essersi reso necessario suddividerli in ben nove pannelli di controllo distinti. Nel corso della partita, pertanto, dobbiamo seguire le opportune procedure ed azionare innumerevoli pulsanti ed interruttori in modo da attivare le rispettive funzioni della navetta. Un errore in un qualsiasi passaggio può compromettere l’intera missione, se non far addirittura esplodere in volo il famoso velivolo. L’avionica è stata riprodotta piuttosto fedelmente, così come i passaggi da seguire per arrivare al lancio vero e proprio. Per venire a capo delle varie situazioni, sarà anche necessario consultare più volte il voluminoso manuale a corredo del gioco. La durata di una missione può durare interi giorni, la sola fase di prelancio, a titolo d’esempio, prenderà qualcosa come cinque ore. Shuttle, fortunatamente, consente di velocizzare il tempo di gioco, così da ridurre al minimo le attese tra un’attività e l’altra.



    Il sistema di controllo vede l’impiego del mouse o del joystick, sebbene l’uso dei tasti a funzione rapida sia essenziale per velocizzare un po’ le operazioni. L’interfaccia di controllo, al di là dei tasti necessari a gestire l’assetto della navetta, sfrutta un sistema punta e clicca per il governo della strumentazione di bordo ed una serie di menù a tendina per accedere alle varie sezioni della simulazione. Dopo aver selezionato un particolare quadro strumenti dal menù dei pannelli di controllo, questi ultimi suddivisi in base alla loro posizione nella cabina di pilotaggio, sistematicamente si deve posizionare il puntatore su ogni singolo elemento la cui attivazione, o spegnimento, è necessaria per portare a termine una particolare procedura. Ogni elemento, sia esso un pulsante, una manopola o un interruttore, deve essere attivato o meno con i pulsanti del mouse.
    Un quadro strumenti, inoltre, quando previsto, può essere fatto scorrere in una certa direzione in modo da visualizzarne la porzione che sfugge all’osservazione.



    Per rendere le cose un po’ più semplici, il gioco contempla anche un sistema d’aiuto in grado di segnalare quando intervenire su un particolare dispositivo dello Shuttle. Questo, può essere impostato su cinque livelli differenti che spaziano dalla completa segnalazione al pieno controllo manuale. Il modello di volo dello Shuttle, almeno per quanto riguarda quello all’interno dell’atmosfera terrestre, è simulato alquanto realisticamente, nella fase che ci vede provare il volo planato, ad esempio, la navetta si comporta proprio per quel “mattone alato” che effettivamente è. Oltre alla visuale dall’abitacolo, Space Shuttle, come tutte le simulazioni che si rispettino, offre anche una serie di visuali esterne così da poter vedere, ad esempio, la navetta sulla rampa di lancio o in navigazione lungo l'orbita.



    Tecnicamente, Shuttle non era affatto male per i tempi della sua pubblicazione, il motore tridimensionale impiegava dei semplici poligoni in “flat shading” per riprodurre gli oggetti e lo scenario di gioco, benché la resa grafica a tratti fosse un tantino confusionaria e si limitasse a sfruttare solo sedici tonalità di colore anche nella più avanzata modalità VGA. Il comparto audio non era nulla di speciale, visto la presenza di un motivetto di apertura e giusto una manciata di effetti sonori per lo più adeguati, ma data la natura prettamente simulativa della produzione in questione, non ci si poteva aspettare di più.

    Altre immagini:



    COMMENTO FINALE


    "Nonostante la presenza di qualche fastidioso bug, ad ogni modo aggirabile, come ad esempio il pilota automatico che talvolta va in confusione con le traiettorie di rientro o l’impossibilità di giocare l’ultima missione senza prima digitare un opportuno escamotage nel prompt dei comandi, Shuttle resta comunque una delle simulazioni di volo più realistiche mai create, sebbene, al tempo stesso, sia anche una delle più difficili da padroneggiare. La lunga curva di apprendimento che ne contraddistingue il gameplay, infatti, non lo rende un titolo particolarmente adatto a tutti. Comunque sia, per tutti i fautori di questo genere di produzioni, fortemente motivati e disposti ad imparare qualcosa anche nei momenti ricreativi, potrebbe rivelarsi una delle più affascinanti esperienze della propria carriera videoludica."





    Commenti 7 Commenti
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      interessante, adoro i simulatori così
    1. L'avatar di Dr_Who
      Dr_Who -
      Ben ricordo, non era niente male come gioco-simulatore.

      C'era anche questo per il piccolo di casa Atari:

      Spoiler:
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Beh... potrebbero riproporre qualcosa di non troppo dissimile, almeno sul piano di tematiche e ambientazioni... il tie-in di Gravity
    1. L'avatar di Majinga
      Majinga -
      A me è venuto in mente Lunar Explorer:
      Spoiler:


      Sono giochi affascinanti, ma io sulla luna riesco solo a schiantarmici.
    1. L'avatar di Liqu1d82
      Liqu1d82 -
      Davvero interessante, io personalmente sono sempre stato un patito dei bellissimi, cari vecchi simulatori su DOS (v. F-19 / Red Baron / Knights of the Sky / Chuck Yeager's etc. etc.). Riscoprirò volentieri Shuttle, che conoscevo solo di nome ed a cui non ho mai giocato, ed allo stesso tempo vorrei riproporre il magnifico Microsoft Space Simulator (LINK) che mi ha fatto sognare, nonchè invidiare un mio compagno di classe - vorrei ricordare anche il progetto Orbiter (LINK), che si rifà in chiave moderna alla complessità del titolo classico (io giocai alla versione 2001, inutile dire che bisogna essere praticamente dei matematici per pilotare decentemente questa particolare navetta, cockpit davvero complesso e manovre avanzate).

      Ecco uno screen di Microsoft Space Simulator:

      Allegato 31625
    1. L'avatar di Dr_Who
      Dr_Who -
      Già che ci siamo.... Se volete il massimo della simulazione in ambito astronautico , vi posso consigliare questo simulatore del programma Apollo.

      http://eaglelander3d.com/

      Spoiler:
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Provato su Amiga ,ma i simulatori ,in generale ,li trovo troppo macchinosi e noiosi ,magari impegnativi ,ma poco immediati...perciò bocciato dopo 10 minuti