Trex Warrior - Amiga | Retrogaming History
Registrati!
  • Trex Warrior - 22nd Century Gladiator

    Trex Warrior - 22nd Century Gladiator

    Nel ventiduesimo secolo d.C. un nuovo sport sta dilagando tra le colonie della Galassia. Tutto è iniziato con degli sporadici combattimenti clandestini che pian piano si sono diffusi fino ad impensierire le più blasonate discipline sportive della Spirale. In Trex Warrior vestiamo i panni dell’ambizioso pilota di droidi Riano Bolar, costui ha tutto ciò che serve per scalare la vetta ed aspirare al titolo di campione: ambizione, talento ed anche quel pizzico di spavalderia che non guasta mai. Nessuno, però, è a conoscenza della sua reale identità: Riano Bolar, in realtà, è il celebre, quanto sfortunato, Mando Quant, l’idolo delle folle che anni prima fu crudelmente punito per aver osato sfidare il campione in carica, o quantomeno è ciò che ne rimane. Dopo due anni di difficile riabilitazione, ma soprattutto dopo aver sostituito gran parte del proprio corpo con degli impianti cibernetici di nuova generazione, ha tutta l’intenzione di rientrare nel giro che conta, così da poter prendersi la rivincita contro colui che ne ha interrotto la scalata al successo, l’indiscusso campione Axaro Mey. Nelle vesti di Riano, per dar seguito a nostri propositi, dovremo perciò cimentarci in una lunga serie di battaglie che si disputeranno nelle arene dei più disparati pianeti della Via Lattea.

    Al comando del nostro fidato droide da battaglia, affronteremo una serie di estenuanti combattimenti che ci condurranno al duello finale con il campione di ciascun pianeta. Il calendario degli scontri vede diversi giorni di competizione, una volta eliminati un certo numero di avversari passeremo alla giornata successiva, quest’ultima naturalmente presenterà dei match sempre più impegnativi. Alla fine di ciascun giorno, guadagneremo una certa somma di denaro che in seguito dovrà essere investita per potenziare ulteriormente il nostro veicolo. A mano a mano che proseguiremo con le giornate, le sfide saranno ambientate in arene sempre più complesse ed articolate, le battaglie diverranno più ardue e pericolose, e faranno capolino degli avversari sempre più evoluti, caratterizzati da tattiche d’attacco sempre più ingegnose. Al termine delle giornate programmate, affronteremo in duello il campione locale e, una volta sconfitto, ne acquisiremo il titolo. Successivamente, continueremo la nostra carriera partecipando al torneo di un nuovo e più impegnativo pianeta.



    Le battaglie ci vengono mostrate con una visuale in prima persona, dall’abitacolo del nostro veicolo. All’inizio di ogni incontro abbiamo dieci secondi per orientarci e farci un’idea dell’arena, allo scadere dei quali inizieranno ad apparire i droidi nemici. Ogni avversario deve essere distrutto entro un certo tempo limite, prima che il conto alla rovescia che lo accompagna raggiunga lo zero, in caso contrario non otterremo alcun compenso per la sua distruzione. Tale ricompensa diverrà particolarmente importante per la prosecuzione del gioco, poiché per eliminare gli avversari più evoluti saremo costretti a migliorare progressivamente le prestazioni del nostro veicolo. Una volta eliminato un nemico, ne apparirà un altro ancora più impegnativo e nelle fasi più avanzate fronteggeremo più nemici per volta. I droidi avversari non ci daranno tregua, spesso per sfuggire ad un attacco saremo costretti a nasconderci tra le strutture architettoniche dell’arena. Durante l’azione dobbiamo prestare particolare attenzione agli ostacoli che ci si parano davanti: alcuni sono in grado di danneggiare i nostri scudi, altri, una volta colpiti, danno origine ad una devastante deflagrazione capace di distruggere qualsiasi cosa si trovi nelle loro immediate vicinanze. Per neutralizzare alcuni avversari volanti, o per raggiungere alcune particolari aree dell’arena, siamo anche costretti ad utilizzare delle particolari pedane che ci permettono di spiccare dei balzi. In alcuni punti dell’arena sono stati sistemati, inoltre, dei preziosi power- up capaci di rigenerare i nostri scudi energetici.



    Gli avversari sono ben caratterizzati, ciascun droide nemico si differenzia, oltre che per l’aspetto, anche per la diversa strategia d’attacco che impiega. Gli Speedy sono i più facili da eliminare, in genere si limitano a gironzolare per l’arena sparandoci addosso di tanto in tanto. I Saucer si comportano più o meno allo stesso modo, ma sono molto più veloci e sfuggenti. I Launcher ed i Wasp, invece, tentano di farci fuori con dei devastanti, nonché micidiali, missili a ricerca, sebbene gli ultimi preferiscano sorprenderci dall’alto. Gli Assassin sono i più aggressivi ed hanno alcune caratteristiche che li accomunano agli Speedy, sebbene una volta colpiti esplodano fragorosamente distruggendo tutto ciò che si trova nelle loro vicinanze. I Miner, via via che si spostano lungo una certa direzione, riempiono l’arena di letali mine temporizzate ed i Jumper, quando non ci sparano addosso, saltano in continuazione cercando di schiacciarci. Più avanti nel gioco, i nemici sfodereranno un’intelligenza artificiale sempre più evoluta ed agguerrita e col progredire delle giornate diverranno sempre più letali e sfuggenti. I campioni che affronteremo al termine di ciascun torneo, saranno più impegnativi dei normali nemici che infestano le arene, ci daranno diversi grattacapi e, in più di un’occasione, saremo costretti a mantenere un’ossequiosa distanza per predisporre una valida strategia d’attacco. Un veicolo potenziato con gli ultimi ritrovati tecnologici farà spesso la differenza. Naturalmente, una volta eliminato uno di essi, saremo ricompensati con un bel gruzzolo di denaro che dovrà poi essere reinvestito così da poter continuare la nostra carriera.



    Durante il match dobbiamo tener d’occhio il livello energetico degli scudi, questo, infatti, tende a diminuire a seguito di ogni impatto che coinvolge l’astronave, sia esso dovuto ad una collisione con gli oggetti dello scenario o al fuoco nemico. Il laser in dotazione, inoltre, si surriscalda molto velocemente e, tra una raffica e l’altra, siamo continuamente costretti a prenderci delle pause per far sì che la temperatura rientri entro la normale soglia operativa. Contro i droidi particolarmente impegnativi possiamo impiegare anche dei missili teleguidati e delle smart-bomb capaci di eliminare qualsiasi cosa nelle vicinanze. Tra una giornata di combattimenti e l’altra, faremo visita ad un apposito negozio presente su ogni pianeta. Qui, acquisteremo ogni genere di gadget tecnologico o ci limiteremo semplicemente a far scorta di ordigni di vario tipo. Alcuni dispositivi, una volta installati, ci permetteranno di ridurre i tempi morti dovuti alla rigenerazione degli scudi e al raffreddamento del laser. Altri, invece, potenzieranno la nostra arma principale o miglioreranno le prestazioni del motore. I prezzi, comunque sia, saranno degni di uno strozzino e, per accaparrarci un qualsiasi power-up, saremo costretti a risparmiare.



    Il sistema di controllo è stato ben studiato, il veicolo si controlla efficacemente col solo mouse. Facciamo fuoco col pulsante sinistro, mentre ci spostiamo tenendo premuto il destro. Le armi ausiliarie, invece, si attivano premendo degli opportuni tasti.

    Trex Warrior è caratterizzato da una grafica vettoriale estremamente fluida, sebbene i modelli poligonali utilizzati per rappresentare le arene ed i droidi avversari non siano particolarmente complessi. Durante l’azione, comunque sia, osserviamo tanti piccoli particolari che testimoniano la cura riposta nel creare l’ambientazione tridimensionale del gioco: le esplosioni ed i proiettili sono rappresentati con delle superfici curve, circonferenze ed archi, mentre altri effetti come il fumo, i getti d’acqua ed i detriti delle deflagrazioni fanno uso delle animazioni particellari. Tutti i gadget del negozio, hanno un proprio modello in grafica wireframe rotante ed infine un gradiente sfumato migliora il realismo dell’orizzonte artificiale. Il comparto audio vanta, invece, una musica introduttiva per lo più orecchiabile, così come degli effetti sonori tutto sommato efficaci.



    La difficoltà si attesta su un livello medio/alto, soprattutto in quelle situazioni in cui abbiamo a che fare con più avversari per volta. Capiterà spesso e volentieri di dover ripetere alcuni passaggi fino allo sfinimento, ma, con un uso particolarmente parsimonioso dei missili e con un oculato risparmio dei power-up, pian piano si riuscirà a progredire nel gioco. Tra una giornata e l’altra, ci sarà data la possibilità di salvare i nostri progressi, così da non dover ripetere tutto dall’inizio, il numero dei salvataggi a nostra disposizione sarà comunque limitato. La longevità è garantita dalla presenza di ben cinque pianeti su cui disputare i tornei, ciascuno dei quali suddiviso in diverse giornate di competizione. Dal terzo pianeta in poi, Hades, le cose si faranno sempre più avvincenti e complicate.



    Trex Warrior - Amiga Gameplay





    "Trex Warrior è il classico gioco uscito in sordina, di cui nessuno ne avrebbe mai immaginato l’esistenza prima di vederselo sfrecciare sul proprio computer. Questo titolo della Thalion, vanta un’ottima realizzazione tecnica ed una sana azione arcade impreziosita da alcuni aspetti prettamente gestionali e strategici. Di per sé non presenta grossi difetti, a parte forse il senso di frustrazione dovuto alla ripetitività di alcuni passaggi. L’unica mancanza che mi sento di evidenziare in queste battute finali, riguarda la totale assenza di una qualsiasi modalità a più giocatori, la possibilità di combattere contro un avversario in carne ed ossa, magari tramite split screen o cavo null-modem, ne avrebbe ulteriormente migliorato la longevità. Nonostante questa piccola limitazione, resta pur sempre un ottimo titolo."





    Commenti 5 Commenti
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Bellissima recensione per un ottimo titolo sviluppato per Amiga e Atari ST dai talentuosi Thalion ( http://thalion.exotica.org.uk/index.html )... che fra l'altro due anni dopo avrebbero realizzato sui medesimi sistemi un altro "exploit poligonale": No Second Prize ( http://thalion.exotica.org.uk/games/nsp/nsp.html ).

      Questo è uno dei giochi che, grazie all'emulazione, ho conosciuto solo di recente. Davvero un peccato, visto che sarebbe stato un ottimo acquisto per il mio buon vecchio Atari ST:

      http://www.atarimania.com/game-atari...tor_10688.html

      http://thalion.exotica.org.uk/games/...rior/tw_2.html

      Spoiler:
    1. L'avatar di Bert
      Bert -
      Citazione Originariamente Scritto da AlextheLioNet Visualizza Messaggio
      sarebbe stato un ottimo acquisto
      Per quanto riguarda la distribuzione di questo gioco, almeno nella sua versione Amiga, è stato pubblicato ufficialmente solo in Germania. Nel resto dell'Europa, in Inghilterra, è stato proposto come titolo free nella cover disk di qualche rivista, ora non ricordo precisamente quale, mentre negli altri paesi, come ad esempio l'Italia, quando mai , è filtrato grazie ai bistrattati piratazzi. Anche volendo, ai tempi, non ci sarebbe stato il modo di comprarlo, se non emigrando in Germania o Inghilterra, o almeno così mi risulta.
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Citazione Originariamente Scritto da Bert Visualizza Messaggio
      Per quanto riguarda la distribuzione di questo gioco, almeno nella sua versione Amiga, è stato pubblicato ufficialmente solo in Germania. Nel resto dell'Europa, in Inghilterra, è stato proposto come titolo free nella cover disk di qualche rivista, ora non ricordo precisamente quale, mentre negli altri paesi, come ad esempio l'Italia, quando mai , è filtrato grazie ai bistrattati piratazzi. Anche volendo, ai tempi, non ci sarebbe stato il modo di comprarlo, se non emigrando in Germania o Inghilterra, o almeno così mi risulta.

      Beh... se non altro almeno in questo caso non ho da rammaricarmi per le mie distrazioni dei primi anni 90

      Interessante a questo proposito l'informazione sulla pubblicazione in UK ( http://thalion.exotica.org.uk/games/...rior/tw_3.html )... che indirettamente la dice lunga, appunto, sul fatto che l'unica distribuzione ufficiale fosse tedesca (penso proprio sia su Amiga che su Atari ST):

      "In the August 1993 issue of "The One", they gave away free on the cover, the full game of Trex Warrior. This was the first (and last) time the game was published in the UK."
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Mi capitò ai tempi piratato ,ma non mi fece grande impressioni ,non ero e non sono un amante di questo genere di videogames poligonali ...comunque bella rece, per un gioco ai più sconosciuto.
    1. L'avatar di Amy-Mor
      Amy-Mor -
      Amo venire a conoscenza di videogame di cui ignoravo l'esistenza grazie alle recensione di RH, soprattutto se si tratta del mio sistema preferito,grazie Bert!

      Dal videogameplay mi ha impressionato la fluidità con cui si muove il motore del gioco, pensando anche che giri su macchine a 7mhz.