Battlezone - Arcade | Retrogaming History
Registrati!
  • Battlezone

    Battlezone

    Uscito nel 1980 ad opera di una sempre attiva Atari, Battlezone ha il merito di aver iniziato il filone dei giochi pseudo 3D in prima persona. Sfruttando l'affascinante grafica vettoriale, diventata famosa grazie ad Asteroids, Ed Rotberg (programmatore del gioco), ci metteva al comando di un carro armato, in un bellissimo scenario tridimensionale, per combattere contro un intera armata di nemici. Principalmente si combatteva contro altri carri, tra i quali alcuni più veloci (che una volta colpiti valevano più punti). I nemici apparivano sul radar uno per volta e non di rado capitava di vedere un ufo che entrava in scena insieme ad un carro armato; il disco volante, anche se innocuo, se distrutto donava un mare di punti.
    Quello che colpì all'epoca, fu il grande grado di immersione che sapeva dare il gioco, grazie alla visuale in soggettiva adottata e al grande senso di spazialità dato dallo scenario. Altro fattore che favorì l'immersione, fu il particolare ed intuitivo sistema di controllo: praticamente il movimento del carro armato era il risultato dell'uso combinato di due joystick (per esempio per far andare il carro in avanti bisognava portare in avanti tutte e due le leve), ognuno dei quali deputato al controllo di uno dei due cingoli, con incluso sul joystick destro il tasto di fuoco. In più, il primo modello del coin-op, presentava una sorta di visore su cui appoggiare gli occhi, in modo da isolare completamente il giocatore dal resto che lo circondava, e creare quella sensazione di "stare dentro il gioco” simile alla realtà virtuale. Inutile dire che tutti questi fattori rendevano Battlezone un must da giocare in sala giochi, difficile al punto giusto e capace di far andare in "trance" il giocatore portandolo all'assuefazione.
    Tecnicamente il titolo Atari era un piccolo gioiello, l'ambiente era una pianura ricca di rocce indistruttibili e trasparenti a forma di piramidi e cubi, che potevano essere usate anche come riparo. All'orizzonte erano ben visibili una catena montuosa, una luna crescente e un vulcano in eruzione (praticamente il vulcano non era stato pensato in eruzione, fu uno degli altri programmatori Atari che ogni volta che passava, per vedere lo stato dei lavori, assillava Rotberg, cercando di convincerlo di creare una routine che facesse "entrare" in eruzione il vulcano perchè avrebbe reso più spettacolare la grafica; Rotberg perse un intero pomeriggio per accontentarlo). L'adozione della grafica vettoriale donava a Battlezone un look futuristico, e nonostante i due soli colori a schermo, bianco e nero (il colore rosso del radar e delle vite erano frutto di un piccolo trucchetto: praticamente nel coin-op e sotto la parte superiore dello schermo, era stata inserita una striscia di cellophane rosso), e la natura non "corposa" dei vettori, il tutto era convincente e si aveva veramente la sensazione di stare in un ambiente 3D. Il sonoro si attestava su ottimi livelli, per l'epoca erano presenti molti suoni, molti dei quali fatti veramente bene (come il costante rumore dei cingoli, mai fastidioso).
    Battlezone era ed è un manifesto di come una grafica semplice e poco elaborata possa immedesimare con la stessa efficacia di milioni di poligoni, vi consiglierei di giocarlo, provarlo, ma data la sua natura di coin-op si verrebbe a perdere molto in quanto non si riuscirebbe ad emulare il sistema di controllo.

    Altre versioni
    Come molti giochi di successo, anche Battlezone ha avuto la sua dose di conversioni, seguiti e cloni.
    Da citare sicuramente The Bradley Trainer (anche conosciuta come Army Battlezone o Military Battlezone), una versione di Battlezone sviluppata appositamente per l'esercito USA, che, rimasta affascinata dal titolo Atari, chiese uno sviluppo di una versione apposita per addestrare i soldati addetti ai mitragliatori del Bradley Fighting Vehicle. Due versioni furono prodotte, una fu andata perduta dall'esercito (almeno così si deduce) e l'altra fa parte di un'esclusiva collezione privata. A differenza di Battlezone, The Bradley Trainer conteneva all'interno elicotteri, missili e mitragliatrici, in più il carro armato non era pilotabile, l'unica cosa che si controllava erano i mitragliatori. Si dice che poi Atari sfruttò la tecnologia del Bradley Trainer per sviluppare un altro gioco vettoriale, Star Wars, tratto dall'omonima pellicola.
    Praticamente Battlezone è stato convertito, più o meno fedelmente, su molte console e Home computer degli anni '80 come Pc/Dos, Apple II, Atari ST, Commodore 64, ZX Spectrum, Atari XEGS e Atari 2600. Quest'ultima più che una conversione fu un adattamento, in quanto la grafica vettoriale fu sostituita dalla classica grafica raster dell'Atari 2600, proprio per andare incontro alle ridotte capacità tecniche della console; comunque il gioco non era male.




    "Se siete amanti del retrogaming non potete esimervi dal provare questo Battlezone. Un titolo affascinate che al tempo stupiva per la sua grande grafica 3D e un impianto di gioco semplice ma dannatamente attraente."

    Sandro "Sunstoppable" Prete




    Altre immagini:



    Commenti 9 Commenti
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      ..ne ho un ricordo lontanissimo...mamma mia quanto tempo..
    1. L'avatar di Bert
      Bert -
      Beh... un gioco che, ad ogni modo, ha fatto scuola, i suoi cloni infatti non si contano, almeno sui micro dei primi anni '80.
    1. L'avatar di musehead
      musehead -
      Grande gioco che inaugurò l'inevitabile: un gioco di guerra vissuto dall'interno di un carro. Essenziale, perfetto nella sua monocromia vettoriale. Niente male davvero anche il suo remake di fine Novanta ed il figlio illegittimo Stellar 7.
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Per me la grafica è bellissima anche oggi. Lovvo
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Mio dio, lo provai una volta nel lontano 1991, me ne ero dimenticato di averlo provato. Grazie a voi me lo avete fatto ricordare, siete grandi.
    1. L'avatar di igorstellar
      igorstellar -
      ne esiste un prototipo costruito per l'esercito americano
      lo scopo era quello di addestrarre i soldati per il tiro con i carri
      era ovviamente modificato
      vi era un controller che poi ritroveremo in firefox e star wars piu' tardi ( anche se questo era molto "rozzo" )
      ne furono costruiti solo 2 e uno solo è ancora "vivo"
    1. L'avatar di Robbey
      Robbey -
      Se lo avessi tra le mani il prototipo lo userei eccome.
    1. L'avatar di igorstellar
      igorstellar -
      penso sia funzionante .. almeno credo
      ricordo che ho visto delle foto del mobile da qualche parte
    1. L'avatar di Super Fabio Bros
      Super Fabio Bros -
      Un titolo seminale con una presentazione grafica tuttora affascinante ed ipnotica, a trentanni dalla sua uscita originale. Per chi ama dilettarsi di archeoludica è un titolo consigliatissimo da riscoprire!