Final Fantasy VIII - Playstation | Retrogaming History
Registrati!
  • Final Fantasy VIII

    Final Fantasy VIII

    Prima di parlare di Final Fantasy VIII è necessario fare una premessa storica riguardante il suo predecessore. Facciamo quindi un passo indietro e ritorniamo nel 1997. In quell’annoFinal Fantasy VII portò alla ribalta mondiale la serie ruolistica firmata Squaresoft. Fu infatti il primo FF ad essere pubblicato anche in Australia ma soprattutto in Europa dove la serie da lì in poi avrebbe trovato un inaspettato (dato il genere d’appartenenza del gioco) ma assai fertile bacino d’utenza. Senza contare poi la successiva conversione anche per i pc forniti di sistema operativo Windows. Final Fantasy VII quindi segnò davvero la storia dei videogiochi perchè fu uno di quei titoli propulsori del botto Playstation ovvero la console che fece globalizzare il videogiocare casalingo il quale passò dall’essere un passatempo per gruppi relativamente piccoli di appassionati a vero e proprio fenomeno di massa. Il settimo capitolo, oltre a mantenere il record come FF più venduto di sempre, è anche il secondo gioco per Playstation più venduto dopo il solo Gran Turismo ed è pure il J-Rpg che detiene il record di vendite maggiore di ogni tempo.
    Questa introduzione ci fa capire che il successore, Final Fantasy VIII appunto, va a nascere in un contesto che non è più quello del passato in cui principalmente si cercava di andare incontro alle esigenze dell’utenza asiatica. Il nuovo contesto è quello del palcoscenico mondiale, il palcoscenico della globalizzazione e questo purtroppo è l’inizio della virata della serie verso una spettacolarizzazione estetica a discapito della profondità di gioco che aveva fin lì contraddistinto la saga. Spettacolarizzazione originata dalla necessità di assecondare sempre più i gusti del pubblico occidentale in gran parte meno avvezzo al modo di giocare giapponese ma più affascinato da atmosfere e personaggi prodotti da una cultura differente e lontana. Da un punto di vista mediatico si avvertì subito che le cose non erano più come una volta: pur facendo solo la terza media ricordo benissimo lo spot del gioco in tv e per quei tempi, per quanto mi riguarda, era una vera e propria novità vedere in televisione la pubblicità di un J-Rpg, in Italia per di più. Perfino mia madre rimase affascinata dalla prepotenza visiva con cui si poneva Final Fantasy VIII.
    I tempi erano quindi davvero cambiati nel mondo dei videogiochi. Nel gioco non si fece eccezione. Si abbandonò lo stile super-deformed (tipicamente giapponese) dei personaggi in favore di pseudo foto-modelli, dai capelli perfetti e dagli abiti fashion, quindi tutti più vicini al gusto occidentale. Sul piano poi dell’introspezione psicologica non si fecero passi in avanti riducendo quindi quasi tutti i protagonisti, per quanto differenti caratterialmente tra di loro, a degli stereotipi. Abbiamo di nuovo l’asociale e solitario (Squall), la fragile donzella (Rinoa), la ragazzina scema (Selphie), l’ingenuotto di turno (Zell), lo sciupa femmine (Irvine), ecc. Insomma, per chi ha giocato ai FF precedenti, non si tratta di niente di così speciale da indurci a immedesimarci con questi individui digitali a parte il fascino per il già citato aspetto fisico (cavolo, chi non vorrebbe essere figo come Squall o Irvine e cuccarsi poi Rinoa?). Certo è che, se invece non avete mai provato i capitoli precedenti della serie, è possibilissimo che al contrario il character design vi colpisca molto. Ricordiamo poi una cosa importantissima: si tratta del primo titolo della serie ad avere ricevuto la localizzazione nel nostro idioma perciò è più che normale che i giocatori italiani si siano in gran parte innamorati per la prima volta di un Final Fantasy e dei suoi personaggi più facilmente rispetto a quelli di altre nazionalità grazie a questo ottavo capitolo. Parlando poi delle meccaniche di gioco, oltre al ritorno della classica barra ATB, si registra l’introduzione del sistema Junction e dello stipendio. Il primo permetterà di personalizzare le caratteristiche di combattimento di ciascun membro del party (diminuire o aumentare gli HP, creare magie, modificare armi, ecc). Il secondo invece servirà a farci guadagnare i Guil, la storica moneta di FF, che non si otterrà più in maniera direttamente proporzionale ai mostri uccisi. Una volta infatti diventati dei Seed (un corpo scelto di combattenti) otterremo il denaro attraverso un periodico stipendio il cui ammontare o diminuire dipenderà dal comportamento in battaglia, in missione, al tempo perso senza far niente, superando i test scolastici, ecc. Un ruolo importante lo hanno anche i Guardian Force, o GF, ovvero le creature che potremo invocare nelle battaglie. La salute e le abilità di ogni personaggio sarà condizionata in parte anche dalla sua compatibilità con un GF, dunque bisogna fare scelte ben ponderate per abbinare ciascuno di loro ad un GF. La novità, che si riproporrà medesima anche nei capitoli successivi, è che i GF saranno trattati al pari dei normali membri del party perciò anche loro potranno alzarsi di livello, avere le loro abilità, ricevere cure ecc. Altra novità interessante è l’introduzione dell’ottimo mini-gioco delle carte che saprà efficacemente distrarci dalla routine imposta dalla trama o dalla ricerca di segreti nel corso dell’avventura davvero parecchi e vari. La longevità quindi sarà davvero garantita.
    Come già detto però Final Fantasy VIII segna l’inizio di un avvicinamento delle meccaniche orientali a quelle occidentali e questo equivale a una cosa sola: semplificazione dei rigidi schemi ludici di matrice nipponica. La frequenza d’utilizzo delle creature infatti è davvero eccessiva rispetto al passato (se si pensa che in FF VI le si poteva sfruttare solo una volta a scontro) e spesso va a indebolire il lato strategico dei combattimenti che il più delle volte si riducono a una serie di invocazioni dopo l’altra che, per quanto esteticamente strabilianti, sono anche un po’ lunghette da sorbirsi. Questa semplificazione la troviamo anche nelle magie che ora, una volta assorbite durante la lotta o per mezzo delle fonti sparse in giro, non andranno più perse finito il combattimento. Anche le cosiddette Limit breaks ereditate da FF VII non fanno eccezione in quanto a semplificazione visto che nell’ottavo capitolo saranno disponibili ad ogni turno a patto che l’energia sia almeno al di sotto del 30% circa di quella totale. Ciò succedeva più o meno anche in FF VI solo che in quest’ultimo, a differenza di adesso, non c’era la magia Aura che permette ora di aumentare la frequenza delle Limit indipendentemente dagli HP rimasti.
    Anche la trama, per quanto potenzialmente molto appassionante, si abbassa dagli standard imposti dai sovrani FF VI e VII e si ritorna un po’ a quello che è successo nel V (e ciò si ripeterà ahimè anche successivamente) ovvero che gli eventi cambiano rapidamente uno dopo l’altro in maniera frettolosa e poco approfondita dandoci la solita impressione che è la trama che ci porta forzatamente alla fine del gioco invece che apprezzare ogni singolo evento attraverso cui la storia si dirama. Nulla però di irreparabile visto il tempo che verrà dedicato all’esplorazione della world map.
    Passiamo al lato grafico. Trattasi, per chi non l’avesse capito, del pezzo forte del gioco. I quattro cd attraverso cui si svelerà Final Fantasy VIII sono un concentrato di strabiliante impatto visivo ed estetico. Troveremo ambientazioni molto suggestive e ispirate, rese vivide da vivaci colori ed effetti pirotecnici. Il tutto sarà accompagnato da immancabili filmati in Computer Grafic dalla bellezza sconvolgente resi possibili dalle capacità tecniche della nuova console Sony. Sul lato sonoro troviamo sempre Uematsu che anche in questo caso ha fatto il suo solito ottimo lavoro anche se secondo me il buon Nobuo ha fatto di meglio.

    COMMENTO FINALE


    "Final Fantasy VIII è sicuramente un ottimo gioco, di molto superiore alla media, che però ha risentito un po’ troppo dell’enorme successo globale di quel capolavoro incontrastato quale è il suo predecessore. Rimane comunque un must per gli appassionati del genere."

    Paolo "Big_Paul86" Richetti





    Altre immagini:



    Commenti 19 Commenti
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      ..inferiore al VII, ma anche molto più difficile
      l'VIII è pane per i denti per gli appassionati di jrpg...
      il VII è l'eccellenza, il IX è come una fiaba...ed è più abbordabile dell'VIII, anche per i casual gamers..
    1. L'avatar di Procione
      Procione -
      Il primissimo GdR a cui abbia mai giocato nonchè uno dei miei giochi preferiti in assoluto, uscito in un periodo tra i più floridi della play 1 che mi ha aperto un mondo all'epoca a me sconosciuto. Per me 9.5 = 8 per il gioco di per sè + 1.5 di valore affettivo
    1. L'avatar di Ricki
      Ricki -
      Non è che sia poi così difficile, una volta fatta pratica con il sistema di junction, i GF diventano superflui e l'unico scontro difficile è quello con Ultima Weapon. ma basta usare un po' di magie zero e aura e il gioco è fatto. A me è piaciuto molto anche se Squall è simpatico come il mal di denti
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da Ricki Visualizza Messaggio
      Non è che sia poi così difficile, una volta fatta pratica con il sistema di junction, i GF diventano superflui e l'unico scontro difficile è quello con Ultima Weapon. ma basta usare un po' di magie zero e aura e il gioco è fatto. A me è piaciuto molto anche se Squall è simpatico come il mal di denti
      No dai, prendere tutti i junction e sconfiggerli non è una "passeggiata" di salute...ultima weapon??? ah, intendi l'Omega Weapon nel livello finale..molto ostica, sono arrivato a livello 99 per farla fuori..e quasi non ci riuscivo.
      l'ultima weapon è un boss opzionale "abbastanza" abbordabile...
    1. L'avatar di Axe_N_Sword
      Axe_N_Sword -
      anche per me questo è stato il primo gdr in assoluto, all'epoca mi piacque davvero molto ma il genere mi ha stancato dopo pochissimo tempo, ne avrò giocati non più di 2-3 in totale.
      L'omega weapon non la sconfissi, ci provai ma di livellare i personaggi (soprattutto dopo aver finito il gioco) non ne se ne parlava proprio, usavo molto i GF e contro il boss finale Irvine+Aura che toglieva un sacco di punti vita.
      Questo è uno dei giochi di cui preferisco conservare i bei ricordi piuttosto che rigiocarlo adesso con i miei gusti che non prevedono più giochi del genere...
      Certo però che i FMV erano di una bellezza sconvolgente
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da Axe_N_Sword Visualizza Messaggio
      Certo però che i FMV erano di una bellezza sconvolgente
      ..quoto molto belli

      sul livellare i personaggi può - alla lunga - essere stancante, soprattutto bisogna trovare i posti "giusti"...un pò la stessa cosa che si doveva fare per battere le due weapon speciali a FF VII..tremende anche se tu eri a liv. 99
    1. L'avatar di Viol3tIsViol3nt
      Viol3tIsViol3nt -
      Citazione Originariamente Scritto da Jamitov Hymem Visualizza Messaggio
      ..quoto molto belli

      sul livellare i personaggi può - alla lunga - essere stancante, soprattutto bisogna trovare i posti "giusti"...un pò la stessa cosa che si doveva fare per battere le due weapon speciali a FF VII..tremende anche se tu eri a liv. 99
      No dai era solo una questione di materie giuste...io il 7 lo finii senza mai arrivare al livello 99...penso arrivaii al 89-90...cmq l'8 mi piacque quasi quanto il 7...lo adoro.
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da Viol3tIsViol3nt Visualizza Messaggio
      No dai era solo una questione di materie giuste...io il 7 lo finii senza mai arrivare al livello 99...penso arrivaii al 89-90...cmq l'8 mi piacque quasi quanto il 7...lo adoro.
      ...ma c'eri comunque al 99 quindi le 2 weapon le hai fatte fuori comunque...
    1. L'avatar di Ricki
      Ricki -
      il mio commento di ieri è saltato e non me lo ricordo, era più facile arrivare al livello 99 nell'ottavo capitolo, e più veloce anche da farsi. poi era sufficente giocare molto a carte, usare transcard e poi convertire gli oggetti in magie e il sistema di junction si riempiva in un attimo.
      i GF erano superflui, solo una perdita di tempo, anche nel dover affrontare i 20 tomberry per trovare il GF, usando DIablo ci si metteva una vita.
    1. L'avatar di Jamitov Hymem
      Jamitov Hymem -
      Citazione Originariamente Scritto da Ricki Visualizza Messaggio
      il mio commento di ieri è saltato e non me lo ricordo, era più facile arrivare al livello 99 nell'ottavo capitolo, e più veloce anche da farsi. poi era sufficente giocare molto a carte, usare transcard e poi convertire gli oggetti in magie e il sistema di junction si riempiva in un attimo.
      i GF erano superflui, solo una perdita di tempo, anche nel dover affrontare i 20 tomberry per trovare il GF, usando DIablo ci si metteva una vita.
      Parlavi dell'isola delle ricerche sottomarine con alla fine del livello l'ultima weapon...e poi il resto l'hai già scritto..
    1. L'avatar di sawyerlost
      sawyerlost -
      Il mio gioco preferito, almeno quando avevo la PS1. Lo considero un capolavoro, che mi ha tenuto compagnia nei pomeriggi al rientro dalle medie. Ho letteralmente consumato i 4 dischi, senza tuttavia mai finirlo. Recentemente mi è tornata la voglia di giocarlo, ma avendolo regalato a suo tempo a quella cornuta della mia ex, pensavo di comprarlo dal PSN per la PSP.
      Tornare a Galbadia comodamente sdraiato sul divano non ha prezzo...
    1. L'avatar di PukkaNaraku
      PukkaNaraku -
      Il mio primo jRpg/FF, quindi conservo per lui un ricordo speciale...ma analizzandolo oggettivamente è un jRpg abbastanza mediocre! Dal punto di vista del sistema di crescita è qualcosa di aberrante: il sistema di Junction per quanto possa essere sembrato geniale all'inizio, dopo un po' si rivela una cagata di quelle colossali!!! Non solo ti permette di essere sgravissimo già dal primo CD (anche se la cosa per un niubbo non è facile da realizzare, bisogna aver spolpato già ben benino il titolo) con la magie giuste (a proposito, non molti sanno che non è necessario livellare in FFVIII, in quanto il livello dei nemici si adatta sempre a quello della squadra, insomma puoi finire il gioco anche a livello 1), ma di fatto ANNULLA TOTALMENTE l'uso di queste ultime, che in questo FF diventano un mero oggetto per potenziarsi. I GF son maestosi, ma totalmente INUTILI (soprattutto se si pensa all'immensa animazioni che li segue), nello stesso tempo potrei fare un x10 di danni! XDLa trama inizia MOLTO bene, ma poi i personaggi si perdono per strada (restano, a conti fatti, solo Squall e Rinoa) e ci sono alcuni buchi/incoerenze che possono rovinarne il godimento! Ottimo il comparto grafico, divino quello audio e nel complesso il gameplay è vario, con tanti e diversi minigiochi (quello di carte meriterebbe un gioco a parte, così com'è stato in Giappone)! Peccato, si poteva fare MOLTO meglio per sollevare il titolo dalla sufficienza scarsa (o mediocrità)! ^_^
    1. L'avatar di Dirk The Daring
      Dirk The Daring -
      L'unico problema di questo gioco è il suo predecessore
      FFVIII è un buon gioco, carino e con una trama apprezzabile.
      Il problema è che è uscito dopo un capolavoro quindi in proporzione almeno dal mio punto di vista è stato meno bello pur avendolo rigiocato diverse volte.
      E' come quei registi che fanno il film capolavoro mondiale. Inevitabile che i successivi se sono meno belli beh un po di delusione la lasciano
    1. L'avatar di PukkaNaraku
      PukkaNaraku -
      Citazione Originariamente Scritto da Dirk The Daring Visualizza Messaggio
      L'unico problema di questo gioco è il suo predecessore
      FFVIII è un buon gioco, carino e con una trama apprezzabile.
      Il problema è che è uscito dopo un capolavoro quindi in proporzione almeno dal mio punto di vista è stato meno bello pur avendolo rigiocato diverse volte.
      E' come quei registi che fanno il film capolavoro mondiale. Inevitabile che i successivi se sono meno belli beh un po di delusione la lasciano
      No, FFVII non c'entra nulla nell'equazione che coinvolge FFVIII...per i motivi su elencati il titolo non può andare oltre la sufficienza!
    1. L'avatar di Dirk The Daring
      Dirk The Daring -
      Be io invece lo valuto FFVII perché quando una software house sforna piu titoli della stessa serie è inevitabile il confronto tra i vari capitoli della serie ancor prima di valutare il gioco come singolo. Per esempio sono un appassionato dei titoli della Milestone e per quanto abbia e reputi SBK 2011 un buonissimo gioco, non lo valuto comunque un "must have" sopratutto in virtu del fatto che stiamo parlando della stessa milestone che ci ha regalato SBK2001 e che ancora non è riuscita a ripetersi Anche con la serie di FF è uguale, valutando i titoli in base alla divisione per console cosi da escludere le differenze grafiche dovute alla piattaforma quando gioco al FFVIII non posso non pensare che sto parlando della stessa Square/Enix che ha stupito il mondo con il VII quindi a prescindere poi di tutti i difetti che abbia singolarmente io non posso non valutare che il VIII non raggiunge le vette del suo predecessore e quindi pensare che poteva e doveva essere molto meglio.
    1. L'avatar di PukkaNaraku
      PukkaNaraku -
      Citazione Originariamente Scritto da Dirk The Daring Visualizza Messaggio
      Be io invece lo valuto FFVII perché quando una software house sforna piu titoli della stessa serie è inevitabile il confronto tra i vari capitoli della serie ancor prima di valutare il gioco come singolo. Per esempio sono un appassionato dei titoli della Milestone e per quanto abbia e reputi SBK 2011 un buonissimo gioco, non lo valuto comunque un "must have" sopratutto in virtu del fatto che stiamo parlando della stessa milestone che ci ha regalato SBK2001 e che ancora non è riuscita a ripetersi Anche con la serie di FF è uguale, valutando i titoli in base alla divisione per console cosi da escludere le differenze grafiche dovute alla piattaforma quando gioco al FFVIII non posso non pensare che sto parlando della stessa Square/Enix che ha stupito il mondo con il VII quindi a prescindere poi di tutti i difetti che abbia singolarmente io non posso non valutare che il VIII non raggiunge le vette del suo predecessore e quindi pensare che poteva e doveva essere molto meglio.
      Ma guarda, fare dei paragoni non è sbagliato (non volevo che intendessi questo dal mio messaggio di prima), solo che non devono influenzare poi il giudizio del titolo. FFVIII va valutato prima di tutto in funzione del genere di appartenenza e di ciò che il titolo, indipendentemente, può offrire...ed è innegabile che ha dei difetti MOLTO gravi (ti invito ad analizzare meglio il mio primo post)! Poi, un paragone ci può anche stare, anzi è lecito farlo, ma ciò non toglie che FFVIII ci perda inesorabilmente la faccia con o senza il paragone con FFVII o predecessori!
    1. L'avatar di For_Great_Justice
      For_Great_Justice -
      Un titolo carino, non c'è dubbio... Ma non è certo uno dei migliori della serie
      Sopratutto per la trama e il poco/nullo carisma dei protagonisti/antagonisti
    1. L'avatar di Dirk The Daring
      Dirk The Daring -
      Citazione Originariamente Scritto da PukkaNaraku Visualizza Messaggio
      Ma guarda, fare dei paragoni non è sbagliato (non volevo che intendessi questo dal mio messaggio di prima), solo che non devono influenzare poi il giudizio del titolo. FFVIII va valutato prima di tutto in funzione del genere di appartenenza e di ciò che il titolo, indipendentemente, può offrire...ed è innegabile che ha dei difetti MOLTO gravi (ti invito ad analizzare meglio il mio primo post)! Poi, un paragone ci può anche stare, anzi è lecito farlo, ma ciò non toglie che FFVIII ci perda inesorabilmente la faccia con o senza il paragone con FFVII o predecessori!
      Si ma infatti il mio discorso era proprio che è difficile non tener conto del passato e essere completamente obiettivi quando si valutano i nuovi capitoli di un gioco (o di un libro, o dei film di un regista).
      Puo essere bello, puo essere brutto, ma a me almeno è impossibile se non è un capitolo a se stante valutarlo in maniera indipendente dagli altri lavori di quella software house su quella serie.
      Poi è chiaro che ognuno ha il suo metodo di giudizio ma per come valuto io i giochi se mi delude rispetto a cio che è uscito prima io lo considero meno come valore, a prescindere poi dagli innegabili difetti che abbia e dai pregi che possano magari compensare.
    1. L'avatar di mimtendo
      mimtendo -
      "Certo è che, se invece non avete mai provato i capitoli precedenti della serie, è possibilissimo che al contrario il character design vi colpisca molto"
      Questo è proprio il mio caso. Oddio non sarà che il modello "bello e impossibile e tisalvopureilmondopersovrammercato" fa presa pure su di meee?!
      Comunque, al di la della caratterizzazione dei personaggi (che però pare un elemento non indifferente per i JRPG), sulla quale non saprei esprimermi, ho notato anche io un "difetto delle parti". Non è il mio primo rpg FFVIII, ma non ne conosco/ho giocati molti; però lascia anche a me un po' indispettito che la pratica -a volte pesante per un NON amante del genere, diciamocelo- del leveling sia oltretutto quasi inutile. Certo tengo presente che così si evita che il gioco diventi troppo facile, e che comunque i Guardian Force vanno fatti crescere per le abilità aggiuntive. Sui RPG poi mi da fastidio che l'esplorazione che a me piace tanto sia interrotta, vorrei altri titoli come Chrono trigger vabbè scusatemi l'off topic...a me quando si ferma la musica per poi far partire quella della strega(oihbò ora la cerco...eccola: Fithos Lusec Wecos Vinosec) mi da un brivido freddo : )
      Comunque come mio primo Final Fantasy, posso dirmi soddisfatto!