Final Fight - Arcade | Retrogaming History
Registrati!
  • Final Fight

    Final Fight

    Un gruppo di delinquenti chiamati Mad Gear, per mettere sotto scacco Metro City, rapiscono Jessica, la bellissima figlia del sindaco della città. Peccato per Mad Gear che il sindaco in questione sia Haggar, una montagna di muscoli, un ex wrestler professionista e un “guai a toccare cuore di papà”. Inoltre, il sindaco si accompagna ad un lottatore da strada dalla faccia d’angelo, ma dalla cazzima estrema e da un maestro di arti marziali incazzato di default. Se fossi stato il capo di Mad Gear mi sarei fatto i cazzi miei…

    C’era qualcosa di magico in Final Fight: bastava far partire il gioco che il suo stile, i suoi colori, i suoni, i disegni, ti facevano subito intendere che stavi per giocare a qualcosa di massiccio, di bello, di gratificante. Final Fight è stato l’inizio della nuova era delle mazzate accompagnate, che avrebbero poi imperversato nelle sale giochi di tutto il mondo. Perché Final Fight era soprattutto la grafica nel 1989. Non si vedevano in giro picchiaduro con personaggi tanto grandi, tanto animati, tanto tutto. Sul fronte tecnico Capcom non si era risparmiata per nulla, mettendo le basi per quello che poi avrebbero offerto qualche anno dopo con re Street Fighter 2.



    Ma non c’era solo la “rivoluzione” tecnica del genere in Final Fight. Con questo picchiaduro a scorrimento abbiamo assistito al concetto di Forte, Bilanciato e Veloce che tanto ha influenzato le produzioni a venire, non solo di Capcom, ma di tutte le altre software house. Haggar faceva tremare i nemici con la sua potenza, le sue prese plastiche, con quella volante che quando la sottomettevi su un nemico, finendo per atterrare su altri poveri malcapitati, ti sentivi una specie di padre eterno. Cody, nonché fidanzato di Jessica, ti galvanizzava con il suo stile bilanciato, i cazzotti precisi in faccia, calci volanti e “figaggine” assortita. E poi c’era Guy dalla velocità “ninjesca” fatta di pugni e calci veloci, prese acrobatiche e incazzatura orientale in bella vista. Spiegati così i tre protagonisti sembravano delle macchiette, i classici personaggi della cultura POP di fine anni 80, ma nella sostanza erano così iconici che hanno generato cloni a morire. Capcom avrà anche saccheggiato la cultura occidentale per molti personaggi e non solo, senza inventarsi nulla di nuovo, ma nessuno, fino ad allora, li aveva trasportati in un videogioco con così convinzione e prepotenza. Gli scenari, le musiche, le situazioni, l’atmosfera, le urla, i nomi, tutto ha un familiare sapore anni 80. Si narra che un dei maggiori programmatori di Final Fight ammise, durante un'intervista, che chi era incaricato di trovare i nomi ad ogni personaggio fosse una ragazza innamorata della musica anni Ottanta.



    Final Fight è stato anche semplificazione. Tutto quello che stava alle spalle del titolo Capcom sembrava quasi complesso di fronte al minimalismo dei controlli che i programmatori pensarono per la loro opera. E così bastavano due pulsanti per far partite scazzottate monumentali. Un tasto saltavi, uno davi mazzate alla cieca tramite una combo di calci e pugni. La combinazione dei due creava un altro set di mosse volanti e l’inedita spazzata disperata che ti toglieva quel millimetro di energia che non te la faceva abusare. Addirittura, anche per afferrare l’avversario bastava solemanete avvicinarsi ad esso. Se non era immediatezza questa! Peccato che Capcom non avesse implementato la corsa, possibilità presente per esempio nel leggendario Golden Axe tra l’altro, che avrebbe reso ancora più vario il set di mosse.

    Eppure, il nostro picchiaduro a scorrimento preferito nacque dalla constatazione di due programmatori giapponesi che il gioco che più macinava gettoni nelle sale giochi Americane (e quindi nel mercato più grande) era il mitico Double Dragon. E allora perché non fare un nuovo gioco e non presentarlo al mondo sfruttando un nome già familiare? Così arrivò come Street Fighter ’89, per poi cambiare nome perché in Capcom si resero conto che il cambio di genere, rispetto al primo Street Fighter, avrebbe generato tra i giocatori più confusione che altro.



    Chissà se Capcom avrebbe mai immaginato che a distanza di molti anni, tutt’ oggi c’è che inserisce la monetina virtuale e scende al fianco di Haggar, Cody e Guy pronti a fare il mazzo a Mad Gear, ancora una volta.

    COMMENTO FINALE


    "Final Fight ha stregato tutti i frequentatori di sale giochi di fine anni 80 e inizio 90 grazie e soprattutto al suo aspetto grafico/artistico/tecnico, nonché una giocabilità immediata e divertente. Un tripudio di mazzate e cultura POP del tempo. Probabilmente era, in quegli anni, la cosa più bella da fare in compagnia di un amico e di un sacchetto di monetine suonanti."





    Commenti 6 Commenti
    1. L'avatar di Big_Paul86
      Big_Paul86 -
      Ho amato tantissimo Final Fight, un gioco che non sono mai riuscito a finire se non su emulatore perché già dal secondo stage richiede una velocità di pensiero superiore a causa di nemici sempre più numerosi e dall'IA ben sviluppata. Non c'è molto da aggiungere a quello che è stato già detto in ormai ben 30 anni. Come dice Sandro nell'articolo, non era il fondatore del genere ma era un gioco talmente ineccepibile, per gamedesign e stile, da diventare una pietra miliare del videogioco in generale. La Capcom di quegli anni non sbagliava nulla, era agli albori del suo periodo d'oro.
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Bellissimo! Per me in sala giochi è stato un punto di partenza e conseguente riferimento "storico" del relativo genere, per quanto a conti fatti l'abbia ritenuto già superato da Vendetta un paio di anni dopo, nonché dai picchiaduro a scorrimento Capcom per scheda CPS-2 in seguito. La notevole conversione per Mega CD è a mio avviso una delle killer application dell'add-on.
    1. L'avatar di AlextheLioNet
      AlextheLioNet -
      Fra l'altro ho scoperto solo ora che la villain gang di Final Fight si chiama Mad Gear... giusto un nome a caso

      https://www.arcade-history.com/?n=ma...detail&id=1432

      Penso che i più lo ricordino come LED Storm
    1. L'avatar di maxtex74
      maxtex74 -
      Bellissimo gioco che ancora oggi rispolvero , ho la PCB Jamma originale , anzi due una americana e una modificata senza censure….scoperto in vacanze in riviera per la prima volata in un maga cabinato dove avevi la postazione comoda a sedere il mega video ,non so più di 30", messo in alto ,così comodo da sembrare di stare in salotto...mai finito , giocato pure nella mediocre conversione per Amiga , di recente anche in quella Snes che avevo solo visto all'epoca.
      Che dire una pietra miliare nel modo dei picchiaduro a scorrimento , gran stile nella grafica ,ma anche dannatamente divertente e coinvolgente nel gameplay...
    1. L'avatar di VIC-30
      VIC-30 -
      Lo rigioco a tutt'oggi... come sempre senza combinare un gran che
    1. L'avatar di Metro City
      Metro City -
      Lo vidi per la prima volta con un amico passando per un bar dopo aver comprato il solito gioco per Amiga 500. Rimasi fermo a fissarlo perché era la prima volta che si vedevano sprite così grossi. Penso che sia il gioco che avrò giocato fino ad oggi in tutte le salse e in tutte le console, il mio preferito, dalla sala giochi, al porting incompleto per SFC che era un insulso ai giocatori fare una versione con Guy. L’orribile versione dell’Amiga 500 con musiche ignote, si partiva già da metà strada del primo livello, Haggar che con il calcio volante aveva delle gambe così lunghe da far invidia a plastic man per non parlare della fine END con foto del programmatore in pose fighe che si lodava per ore con foto strambe e la fine elogiare la sua ragazza con tanto di foto hahaha. Vabbè poi la versione del Mega-CD che gioco tutt’ora perché ha delle musiche fantastiche, la versione GBA che è notevole e conservo ancora la cartuccia che ci gioco sul Game Boy Player, la versione emulata della PS3 che con quella protezione manco chi l’aveva originale riusciva a giocarci, dimenticavo la versione PS2 che pareva un Fighting Force migliorato, la cosa buona era il Coin Op originale come extra e i suoi innumerevoli seguiti sul Dreamcast sotto forma di openbor.