Fishing Derby - Atari VCS | Retrogaming History
Registrati!
  • Fishing Derby

    Fishing Derby

    Al giorno d'oggi i giochi di pesca sono sempre più complessi e realistici, i programmatori per rendere più divertente l'esperienza hanno creato controller simil canna da pesca che immergono il giocatore, sempre più avido di realismo. Ma nel 1980 bastava una manciata di kilobyte e la bravura di un geniale game designer come David Crane, famoso creatore del masterpiece di Pitfall!, per realizzare il divertentissimo Fishing Derby, uno dei primi (se non il primo) gioco di pesca apparso su una console. Uscito sotto etichetta Activision per Atari 2600 Fishing Derby mette il giocatore nei panni di un pescatore seduto sulla riva di un bacino di mare pieno di pesci, intento a pescare più pesci dell'altro pescatore rivale controllato dalla cpu o da un altro utente. Unico ostacolo alla pesca del pesce è un grosso squalo nero pronto a mangiare tutto quello che viene pescato. In pratica l'obiettivo è semplice e consiste nel riuscire a pescare 99 libre di pesce prima dell'avversario, stando attenti a non farsi fregare dal summenzionato squalo. I controlli sono molto basici e intuitivi: utilizzando il joystick si è in grado di spostare il filo della canna da pesca a destra e sinistra e su e giù in acqua cercando di catturare il pesce desiderato, con il tasto di "fuoco" si aziona il mulinello per far salire più velocemente il pesce in superficie e più quest'ultimo era in profondità e più punti/libre valeva.

    In pratica nell'acqua sono presenti sei file di pesci: nelle prime due file i pesci "pesano" due libre, nelle due file al centro ci sono i pesci da quattro libre e nelle due file in basso quelli da sei. Questa struttura dona al gameplay una buona profondità in quanto il giocatore può scegliere la tattica che più gli si addice come scegliere di pescare i pesci in superficie, che valgono poco ma si posso pescare più velocemente o prendere quelli in profondità che hanno un valore più alto sempre tenendo presente che sono più soggetti alla cattura del malefico squalo.
    Inutile dire che il Fishing Derby regala momenti di grande competitività e divertimento, soprattutto nella sfida a due giocatori fino all'ultimo pesce. C'è anche la possibilità che uno stesso pesce possa abboccare contemporaneamente ad entrambi i pescatori, in questo caso il più veloce a premere il pulsante furiosamente del joystick ha la meglio.
    Tecnicamente Fishing Derby, come tutti i prodotti Activision, è programmato con dovizia, con un reparto grafico credibile, sobrio e ben fatto, con un'ottima scelta dei colori che rende il tutto definito (stiamo sempre parlando del 1980). Il sonoro invece delude un po': solo due effetti e pure brutti, che accompagnano i punti ottenuti e l'abbocco del pesce. A conti fatti, anche se Fishing Derby ha sul groppone più di venti anni, ancora oggi, soprattutto contro un amico, saprà regalarvi un piacevole divertimento retrò. Provatelo.





    "Pescare “contro” un amico non è mai stato così divertente. Fishing Derby ti fa diventare pescatore e odiare gli squali. Da provare perché tutt’oggi risulta ancora divertente... cosa non da poco per un gioco di venti e passa anni fa"

    Sandro "Sunstoppable" Prete






    Altre immagini:






    Commenti 2 Commenti
    1. L'avatar di Cthulhu
      Cthulhu -
      Provato un pò di tempo fa, in effetti non si può negare che il gioco riesca ad essere divertente ancora oggi nonostante i suoi anni.
    1. L'avatar di Ikaris
      Ikaris -
      Divertente e rilassante, uno dei miei preferiti...fra l'altro "aggiustando" la difficoltà (mettendo A per sé e B per il computer) si può ottenere un livello di sfida di tutto rispetto anche giocando da soli, il che non guasta!