The Chaos Engine - Blog - Retrogaming History
Registrati!
Visualizza Feed RSS

Re(y)tro Recensioni

The Chaos Engine

Valutazione: 3 voti, 4.67 media.
Produzione : Renegade

Sviluppo : The Bitmap Brothers

Piattaforma : Amiga

Anno : 1993

Giocatori : 2




I computer fanno male, si sa.

Ma quando si prendono addirittura la libertà di ribellarsi ai loro padroni, di giocare con il tempo, di tramutare uomini e animali in bestie assetate di sangue e altre malvagità simili, come la mettiamo ?

Ehm, staccare la spina non vale.

La trama del gioco del quale mi accingo a scrivere è più o meno quella descritta sopra.

Sarà compito di 6 mercenari dare una lezione all'ammasso di ferraglia computerizzato che tanti guai sta combinando.

Già... il destino della terra è nelle mani di una banda di avanzi di galera, ma vista la situazione, ci si deve accontentare.

Ma chi sono costoro, più nel dettaglio ?

Facciamo una rapida carrellata..

Mercenario : Un pelatone del tutto fuori di melone, il cui divertimento massimo consiste nello sparare a tutto ciò che si muove... Se la cava in tutto, non eccelle in nulla.

Brigante : Altro personaggio con abilità bilanciate, messe a frutto nelle azioni più bieche e criminali che si possano immaginare. Proprio quello che ci vuole..

Gentiluomo : Si, come no.. personaggio carente in forza e potenza di fuoco, ma veloce e intelligente.. "Fa più danni un buon avvocato, che 100 uomini armati di Thompson", disse qualcuno..

Navvie : Il tipico energumeno.. dispone di una grande potenza di fuoco, ma non è dotato di grande velocità e nemmeno di risorse intellettive particolarmente sviluppate.

Thug : Altro armadio a 7 ante, ma stavolta il cervello è proprio fritto.. Dispone di armi ad ampio raggio di azione e di un ghigno terrificante..

Prete : Agile, veloce, intelligente, debole. In più, ha Dio dalla sua parte.. almeno in teoria, vista la sua natura perversa e poco raccomandabile. (Nella versione americana del gioco, per SNES e Sega Genesis, dal titolo Soldiers of Fortune, il prete viene spogliato dell'abito e spacciato per "Scienziato").

Ciascuno di questi loschi figuri, come si sarà capito, dispone di varie caratteristiche che vanno ad impattare decisamente sulla condotta di gioco.

Per di più, esse sono migliorabili, spendendo i soldi che saranno stati raccolti.

Ogni due livelli sarà possibile "acquistare" potenziamenti della barra di energia, della potenza di fuoco, della velocità, dell'intelligenza.

Ma anche vite extra, armi speciali ad uso limitato e altro ancora.

Ma si era parlato di "intelligenza"... a cosa servirà mai ?

Ebbene, essa è collegata ad un aspetto del gioco che è per certi versi caratterizzante.

In pratica, anche giocando in modalità single player, ci toccherà comunque scegliere 2 personaggi tra i 6 disponibili.

Il computer prenderà il controllo del secondo, e le sue azioni "di battaglia" saranno determinate in una certa misura dal parametro suddetto.

Il fatto di poter disporre di 6 personaggi con differenti caratteristiche, unito a questa particolare meccanica di gioco, distacca questo titolo, (almeno in parte) dalla massa di giochi action/arcade presenti all'epoca, per tutte le piattaforme.

Infatti, ad una prima occhiata, si potrebbe pensare di trovarsi di fronte ad un semplice sparatutto con visuale dall'alto, ed in parte è così, ma il "contorno" a questo è tale da non poter essere trascurato.

Anche non considerando la componente "simil-gioco di ruolo" e la coesistenza del giocatore umano con quello guidato dal computer, ci sono mini - enigmi, locazioni segrete, strade alternative.. insomma, una buona dose di carne al fuoco.

Anche l'ambientazione è quantomeno "caratteristica", essendo ispirata alla narrativa fantascientifica denominata SteamPunk.

Essa presenta un mondo basato su una tecnologia alternativa, dove il vapore è alla base dei più disparati congegni, al posto dell'elettricità.

Certo, non si tratta di una novità assoluta, ma è comunque lontana dai classici canoni del gioco action.

I livelli di gioco sono 16, divisi in 4 mondi.

Per portare a termine ognuno di essi, si dovranno azionare dei congegni sparsi per la mappa, in modo da causare l'apertura del portale di uscita dal livello.

Ogni mondo è nettamente distinto dagli altri, dal punto di vista grafico, musicale e dei nemici.

Vi sono La Foresta, Il Centro Commerciale, La Casa Stregata ed infine Le Fogne.

Al termine del gioco ci si dovrà scontrare con il perfido computer.

All'interno dei livelli capiterà di trovare, oltre agli immancabili mostracci, tutta una serie di oggetti "raccoglibili"; si va dal vile denaro, sotto forma di monete, gemme, ecc.. ai power up, passando per altri oggettini come le chiavi, che spesso consentono, se raccolte in un certo ordine, di accedere a determinate aree piuttosto di altre.

In virtù dei segreti e dei vari personaggi a disposizione, il gioco può vantare una buona longevità.

La giocabilità è eccellente, la difficoltà ben calibrata.

Non si arriva mai alla frustrazione, sebbene i livelli più avanzati siano tosti.

Gli sviluppatori, i mitici Bitmap Brothers autori di tanti capolavori (vi dice nulla il nome "Speedball" ?), hanno inoltre saputo dare al loro titolo un look veramente accattivante, per certi versi "metallico".

La versione per Amiga è stata quella "pilota".

Successivamente, il gioco è stato convertito per molte altre piattaforme (MS-DOS, Super Nes, Sega Genesis, Atari ST...) con risultati similari.

Rispetto ad altre incarnazioni, quella originale per la macchina Commodore ha qualcosa in più sotto l'aspetto sonoro, ma questo era più o meno normale, a quei tempi.

Da segnalare l'uscita di una versione AGA, con grafica migliorata, oltre ad una per CD32, con introduzione "parlata".

Nel vasto panorama ludico Amiga, The Chaos Engine riesce a ritagliarsi un posto al sole, in virtù della sua capacità di essere originale e "carismatico", oltre che dannatamente divertente.

Rispetto ad altri capolavori, come i giochi della serie Alien Breed, il titolo dei Bitmap Brothers propone un approccio più "maturo" al genere action, che coinvolge il giocatore in maniera meno adrenalinica, ma senz'altro più ragionata ed ugualmente appagante.

Pro
• Gestione del personaggio in stile simil-RPG.
• 6 diversi personaggi tra cui scegliere.
• Modalità di gioco originale.

Contro
• Chi cerca un gioco puramente action, potrebbe storcere il naso..

Voto : 91 / 100







Invia "The Chaos Engine" a Google Invia "The Chaos Engine" a Digg Invia "The Chaos Engine" a del.icio.us Invia "The Chaos Engine" a StumbleUpon

Aggiornato il 05-10-2012 alle 16:54 da LordRey

Tag: Nessuno Aggiungi/Modifica Tag
Categorie
Recensioni ,‎ Amiga

Commenti

  1. L'avatar di Robbey
    Mai provato, mi è venuta voglia di recuperarlo
  2. L'avatar di LordRey
    Citazione Originariamente Scritto da Robbey
    Mai provato, mi è venuta voglia di recuperarlo
    Ne vale la pena.. l'ho giocato e rigiocato e non mi annoia mai.. ancora oggi.

    Ciao.
  3. L'avatar di pckid73
    Una domanda: le recensioni nel blog si possono fare o no? Mi sembrava di aver letto da qualche parte che fosse contrario alla politica di RH, che ovviamente ha una sezione ad esse dedicata. Essendo appena arrivato non vorrei fare qualcosa di scorretto, quindi chiedo se a te hanno fatto sapere qualcosa a riguardo. Grazie!
  4. L'avatar di igorstellar
    Io sono contrario alle recensioni in Blog
    tuttavia ce ne sono già molte in blog e ho dovuto tornare su i mie passi

    Ma se vuoi collaborare con lo staff basta che contatti Sandro o Muse
  5. L'avatar di pckid73
    Grazie per il chiarimento. Mi piace scrivere, anche se temo che recensire un videogioco, provandolo a fondo, richieda dei tempi molto lunghi (a differenza dei dischi, che già valuto per Metallized) incompatibili con i miei impegni. Apprezzo molto il blog perchè ci si può gestire in autonomia, senza scadenze, offrendo il proprio contributo spontaneo al sito ed intercettandone, in cambio, gli utenti. Penso che una via corretta e praticabile sia quella di parlare dei singoli giochi in termini di considerazioni generali (appunti, idee in ordine sparso...), in un formato innovativo e meno analitico che si ponga su un piano diverso rispetto a quello della recensione pura. Retrogaming History è stata davvero una bella scoperta: una community appassionata, una piattaforma molto piacevole da utilizzare (salvataggi automatici, possibilità di caricare immagini e di creare sottocategorie, tag) e l'idea geniale del blog interno sono caratteristiche probabilmente non comuni ad altre realtà dello stesso settore. Colgo quindi l'occasione per fare i complimenti a tutti, in attesa di conoscervi meglio e capire quale tipo di contributo mi sarà possibile offrire.
  6. L'avatar di LordRey
    Io ho pubblicato qualche recensione all'inizio, quando ancora non era stato "formalizzato" il divieto.

    Da quel momento non ne ho più pubblicate, benchè ne abbia scritto delle altre.

    Ciao
  7. L'avatar di igorstellar
    bhe ragazzi sapete che da parte mia non ci sono piu alcun ostacolo sul blog
    cosi come è strutturato non è possibile

    quindi ampio svago sul blog


    Grazie pckid73
    penso che anche tutti gli altri che a questo progetto hanno creduto sin dal principio e che ci stanno spendendo del tempo perché rimanga un sito/forum di ottimo spesso , gli farà Senz'Altro piacere che ci apprezzi
  8. L'avatar di pckid73
    LordRey, se abbiamo il "via libera!" di igorstellar non hai più scuse: fuori le recensioni che tieni nel cassetto!!
  9. L'avatar di LordRey
    Citazione Originariamente Scritto da pckid73
    LordRey, se abbiamo il "via libera!" di igorstellar non hai più scuse: fuori le recensioni che tieni nel cassetto!!
    Detto - Fatto !

    Ho pubblicato la mia recensione di Final Fantasy 9

    Ciao !
  10. L'avatar di igorstellar
    hehehe