Quegli anni che non sembrano passare - Blog - Retrogaming History
Registrati!
Visualizza Feed RSS

A Videogamer Chronicles

Quegli anni che non sembrano passare

Valuta Questa Inserzione
Nel thread del forum "Dreamcast o Playstation 2", un utente ha commentato sostenendo che non è particolarmente sensato comparare giochi dell'inizio di una generazione con quelli giunti alla sua maturazione.

Pur non condividendo al 100% il suo pensiero (sono molti i giochi belli a prescindere dalla data di pubblicazione), non si può negare che nell'arco dei 6-7 anni di carriera di una console/un computer il videogioco come medium si evolva e migliori.

E' un processo solo tangenziale al migliore conoscimento dell'hardware e relativo "improvement" grafico, sono proprio i generi ad affinarsi e cambiare. Ricordo i primi platform giocati su Amiga come Impossamole, Stormlord o Flimbo's Quest che nulla avevano da spartire con quei Robocod, Superfrog e Zool giunti appena un paio d'anni dopo. Alla stessa maniera, su PS1 mi sembrava preistoria FIFA 96 quando cinque anni dopo giocavo a Winning Eleven, così come l'incredibile Toshinden mi sembrava ridicolo al confronto di Tekken 3.

Dal 2000 in avanti le cose le trovo cambiate. L'hardware di PS2, Xbox e Gamecube era in grado di fare tutto quello che facciamo oggi con più poligoni ed i game designer hanno raggiunto formule di comprovata efficacia per ogni genere. Tutte o quasi le categorie ludiche sono giunte a maturazione.

Jak & Daxter (2001) sarebbe un validissimo platform tutt'ora, Silent Hill 2 (sempre 2001) è meglio di quasi tutti i survival horror pubblicati oggi, tra Final Fantasy X (ancora 2001) ed il XIII non è cambiato quasi niente.

Nel 1997 ero alle prime armi con retrogaming ed emulazione, mi divertivo a ripescare i "vecchi" giochi per Amiga distanti appena quattro anni. Oggi parleremmo di retrogaming riferendoci a God of War 2?

Il videogioco, signori, non invecchia più. Fior fiori di game designer hanno sintetizzato nel corso degli ultimi dieci anni un elisir di eterna giovinezza che ha reso le loro creazioni valide quanto i giochi di oggi. Oppure questa gente è invecchiata e da buoni rincoglioniti non riescono a farne più una buona. Una delle due.

Invia "Quegli anni che non sembrano passare" a Google Invia "Quegli anni che non sembrano passare" a Digg Invia "Quegli anni che non sembrano passare" a del.icio.us Invia "Quegli anni che non sembrano passare" a StumbleUpon

Tag: Nessuno Aggiungi/Modifica Tag
Categorie
Non Categorizzato

Commenti

  1. L'avatar di MacDLSA
    "...non riescono a farne più una buona"
    Ovvero LA SECONDA che hai detto
  2. L'avatar di P.Min
    è talmente palese che i producers stessi si sono accorti che i giochi che fanno ora non hanno il sapore di niente e quindi ripescano titoli vecchi per rivenderceli in hd e non.
    Un retrogaming che sta assorbendo in controtendenza la sesta e forse anche la quinta generazione Sony trasformando in attuale ancora titoli di 10 e passa anni fa. Quante collection escono all'anno di titoli storici? ogni nuova console nel suo parco giochi ha almeno una rimasterizzazione di giochi della generazione precedente ed oltre.
  3. L'avatar di igorstellar
    Nel thread del forum "Dreamcast o Playstation 2", un utente ha commentato sostenendo che non è particolarmente sensato comparare giochi dell'inizio di una generazione con quelli giunti alla sua maturazione.
    a me questa frase mi ha fatto venire in mente che io sono vecchio :
    per me ha senso collezionare anche i giochi di prima generazione della DC solo perché li ho giocati all'epoca emi hanno dato delle emozioni
    mentre per chi non ha vissuto il periodo .. potrebbero essere solo dei giochi che non sfruttano l'hardware

    ci sono solo pochi giochi che escono da questa spiatale
    che anche se nati nel periodo iniziale della macchina son sempre verdi e considerati
  4. L'avatar di Robbey
    Parole sante, non è detto che un gioco pubblicato a inizio vita di una console abbia meno valore di quelli pubblicati a fine vita di essa (SOUL CALIBUR allora? lo han pubblicato a inizio dreamcast).
    Bah, la gente ormai è invecchiata e non riescono a farne una giusta, questa ormai è una realtà difficile da accettare
  5. L'avatar di Procione
    Sono d'accordo con muse, come dicevo in un commento della retronews di FFX, è difficile considerare quet'ultimo com un retrogioco, anche se sono passati 10 anni.

    Se nel 2001 ci fosse stata una retronews dell'uscita di FFIV (1991), la differenza si sarebbe vista eccome. Il IV comparato al X sì che era un retrogame.

    Secondo me un pò hanno finito le idee, eppoi nel 91 la grafica doveva ancora fare il balzo dal 2D al 3D, mentre ora, forse, non c'è nessuna meta da raggiungere.
  6. L'avatar di Axe_N_Sword
    penso sia un discorso un pò più complesso, in che senso? Beh, bisogna valutare anche la tendenza del mercato, forse non si tratta di stabilire se adesso non sono più bravi a far evolvere determinati generi quanto di valutare il tutto da un'ottica di mercato: cosa chiedono i giocatori? C'è poco da fare, se ogni CoD vende più del precedente evidentemente è il giocatore stesso a chiedere che le cose rimangano sostanzialmente invariate. La semplificazione del gameplay è un'altra caratteristica che non necessariamente dipende dalle capacità degli sviluppatori: ancora una volta, cosa chiede il giocatore? Trame sempre più curate, grafica sempre più spettacolare, ecco dunque che per scalare gli edifici in un Assassin's Creed basta tenere premuto il tasto e levetta sù, in Batman Arkham Asylum basta scannerizzare un oggetto per risovere un enigma senza neanche leggere l'indovinello o saltare senza premere alcun tasto.
    Sono tutte caratteristiche dovute ai tentativi di rendere i prodotti maggiormente fruibili ad un pubblico ampio, quasi sempre chi si lamenta della scarsità di nuove idee è sempre il vecchio appassionato che ricorda il proprio passatempo preferito (o passione direttamente) in modo diverso.
    Le eccezioni sono più uniche che rare: Demon's Soul ad esempio, uno dei rarissimi giochi senza il pilota automatico, che chiede una certa dose d'impegno e dedizione.
    Oppure tutti quei giochi distribuiti in via digitale che non comportano grossi rischi, in questo caso le idee non mancano di certo e molto spesso neanche un certo impegno necessario per progredire nel gioco.

    Per dire: adesso sto giocando Spiderman Shattered Dimensions, sostanzialmente mi sta piacendo molto ma è inutile negare che si tratta dell'ennesimo "collage" di vari prodotti tra i quali anche un certo God of War, il punto è: funziona? Vende? Finchè la risposta sarà positiva il trend non cambierà molto e sembrerà di giocare agli stessi giochi per anni e anni di fila...