Homer's Reviews: Dark Castle - Blog - Retrogaming History
Registrati!
Visualizza Feed RSS

Homer's Reviews

Homer's Reviews: Dark Castle

Valuta Questa Inserzione
Recensione Dark Castle
Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: 563318_89106_front.jpg 
Visualizzazioni: 73 
Dimensione: 103.2 KB 
ID: 19443
Halloween: una festa popolare di origine pre-cristiana festeggiata inizialmente solo nei paesi anglosassoni ultimamente però, è diventata una festa internazionale, infatti, anche da noi è festeggiata (poi magari non sappiamo cos'è successo il 4 novembre ma non importa...). Per una festività che celebra l’orrore e il macabro, non potevo non recensire un gioco davvero terrificante, Dark Castle, brrrr mi vengono già i brividi!

Origini e conversioni:
Dark Castle è un titolo uscito nel 1986 su Mac e Dos prodotto dalla Three Sixty Pacific e Silicon Software Beach. Il gioco ebbe un grande successo tale da venire convertito per diverse piattaforme come Commodore 64 e Amiga, Apple IIGS, MSX, Philips CD-I e Sega Mega Drive. Ebbene è di quest’ultima di cui mi voglio occupare, la Electronic Arts ha prodotto questa conversione e a me piacerebbe fare la conoscenza dei produttori che hanno pensato bene di convertirlo per il nostro amato Megadrive.

Il gioco:
La storia è piuttosto semplice; il Cavaliere Nero sta seminando panico e distruzione tra gli abitanti della città, il nostro eroe, il principe Duncan (un fesso con la faccia da ebete) dovrà visitare il castello del Cavaliere Nero a sua volta suddiviso in 4 sezioni a loro volta esplorabili tramite 14 livelli (in totale), per poi sconfiggerlo.
La grafica, sembra che il gioco giri su un NES, i dettagli sono imbarazzanti, i colori a schermo sono stati messi davvero male ma almeno le animazioni saranno fluide, direte voi, NO! Niente di più sbagliato anche la fluidità è pessima e i frame di animazione si possono contare sulle dita di una mano monca.
Il sonoro risolleva in parte il titolo EA con la musica che ricorda il famoso tema di Bach (Toccata e fuga in re minore, per chi non conoscesse il titolo della canzone) che però continua a essere ripetuta ed effetti sonori realistici per l’epoca anche se non eccezionali.
Oh mio dio! Devo proprio parlare della giocabilità? Squallore totale, queste sono le mie parole pensando a quest’aspetto di Dark Castle. Fare le cose più semplici diventa molto difficile grazie ad un sistema di controllo implementato coi piedi. I comandi sono poco reattivi e danno una sensazione di rendere il nostro personaggio, un fantoccio. Il tipo di gioco è un platform ma fare un salto col nostro protagonista è difficilissimo ovviamente, i salti non sono importanti per un platform come non è importante la precisione in uno sparatutto. Come se non bastasse, le varie stanze del castello sono piene zeppe di nemici e quel cretino di Duncan cosa possiede? Dei semplici sassi, utili solo contro i nemici più piccoli. Quindi come avrete capito la difficoltà del gioco è piuttosto elevata nonostante la presenza dei livelli di difficoltà. Ma la longevità com'è? Beh, vi basti pensare che su internet ci sono video in cui questo gioco viene completato in meno di 2 minuti! Quindi direte voi, la longevità è bassa direte voi, non è proprio così visto che ci sono 4 stanze in cui in una affronteremo direttamente il Cavaliere Nero. Insomma, questo gioco fu considerato un cult per spettacolarità grafica e ottima giocabilità per l’epoca (anche allora, però il sistema di controllo era da rivedere), ma questi aspetti nel 1991 erano probabilmente già troppo vecchi. Maledetta Electronic Arts per questa scellerata conversione, maledetto io che gioco a questo scempio e voi che leggete la mia recensione. In effetti, in questo giorno di Halloween tuttavia, Dark Castle è perfetto per farvi provare le pene dell’inferno, in ogni modo possibile.

Commento finale:
Dark Castle è un titolo terrificante in tutti i sensi: graficamente è quello che è, il sonoro è discreto ma non memorabile, sulla giocabilità è meglio stendere un velo pietoso e non parliamo della longevità. In definitiva, se volete provare un’esperienza simile a quella di una tortura medievale, provatelo altrimenti, evitatelo come la peste!
Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: Dark_Castle_GEN_ScreenShot3.jpg 
Visualizzazioni: 55 
Dimensione: 15.7 KB 
ID: 19441 Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: Dark_Castle_GEN_ScreenShot4.jpg 
Visualizzazioni: 48 
Dimensione: 17.5 KB 
ID: 19442

Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: Dark_Castle_0.png 
Visualizzazioni: 56 
Dimensione: 16.3 KB 
ID: 19444 Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: Dark_Castle_3.png 
Visualizzazioni: 47 
Dimensione: 10.7 KB 
ID: 19445

Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: Dark_Castle_1.png 
Visualizzazioni: 56 
Dimensione: 12.5 KB 
ID: 19446 Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: Dark_Castle_2.png 
Visualizzazioni: 56 
Dimensione: 9.9 KB 
ID: 19447

Informazioni:
Sistema:Megadrive
Anno:1991
Sviluppatore:Three Sixty Pacific
Casa:Electronic Arts
Genere:Action/Platform

Invia "Homer's Reviews: Dark Castle" a Google Invia "Homer's Reviews: Dark Castle" a Digg Invia "Homer's Reviews: Dark Castle" a del.icio.us Invia "Homer's Reviews: Dark Castle" a StumbleUpon

Tag: Nessuno Aggiungi/Modifica Tag
Categorie
Megadrive games

Commenti

  1. L'avatar di Robbey
    Mio dio mi sto sentendo male, perchè l'ho letta?
  2. L'avatar di karka
    (poi magari non sappiamo cos'è successo il 4 novembre ma non importa...)
    Leggo infatti su Wikipedia:
    4 Novembre 1879 - Viene brevettato in Ohio il primo prototipo di registratore di cassa.