Wii U, aspetta e aspetta, e poi non c'è niente più da innovare - Blog - Retrogaming History
Registrati!
Visualizza Feed RSS

A Videogamer Chronicles

Wii U, aspetta e aspetta, e poi non c'è niente più da innovare

Valuta Questa Inserzione
Le parole sono importanti, diceva un Nanni Moretti in formissima, ed anche i tempi. L'anno scorso la Nintendo sembrava avere la carta per sorprendere di nuovo tutti con la Wii U: un tablet come controller per interagire con lo schermo per un gameplay a due display, come un DS formato gigante! Poi, fu la sagra delle stoltezze: giochi annunciati e inesistenti, confusione sull'identità della console, poi sulle specifiche tecniche, insomma, anche il più ottimista doveva riconoscere qualche errore di comunicazione da parte nintendiana.

Il problema è che quella Wii U è stata ripetutamente rinviata, secondo le prime voci avremmo dovuto averla nei negozi già da mesi.

Nulla di male se questo serve per un prodotto migliore e pieno di giochi (se la Nintendo ha abbandonato la vecchia Wii sta già lavorando a titoli per la nuova), ma il punto è che la concorrenza non sta a guardare. Prima la Sony, anche se ufficiosamente, mostra come la Vita possa fare da controller di gioco per la PS3/PS4, poi la Apple ha fatto lo stesso con l'iPad (che gestisce anche la grafica sulla tv) e ieri la Microsoft presenta l'applicazione SmartGlass che trasforma qualsiasi telefono o tablet con Windows Phone in un controller. Tutto ciò esiste già o arriverà comunque in anticipo rispetto alla Wii U, che tra l'altro sarà quella con l'hardware meno brillante del gruppo.

Una generazione fa mi auguravo il peggio per la Wii e la sua forma di gaming, ma consapevole della forza delle sue carte. Oggi continuo a sperare nel fallimento delle sue nuove politiche, ma per la prima volta nella sua storia la Nintendo mi sembra a corto di idee. Ed è troppo lenta.

Invia "Wii U, aspetta e aspetta, e poi non c'è niente più da innovare" a Google Invia "Wii U, aspetta e aspetta, e poi non c'è niente più da innovare" a Digg Invia "Wii U, aspetta e aspetta, e poi non c'è niente più da innovare" a del.icio.us Invia "Wii U, aspetta e aspetta, e poi non c'è niente più da innovare" a StumbleUpon

Tag: Nessuno Aggiungi/Modifica Tag
Categorie
Non Categorizzato

Commenti

  1. L'avatar di JoustSonic82
    Sono d'accordo. Se punti tutto, o quasi, su una nuova tecnologia, su una nuova idea, e poi questa idea in realtà la usano anche altri (che possono in più vantare anche altre frecce al loro arco), allora il vantaggio iniziale si annulla, e resta solo la minor potenza della console rispetto a quelle nuove di Microsoft e Sony (che però a quanto pare non sono ancora così vicine visto che ieri a Los ngeles non c'è stato neppur un sia pur vago accenno in tal senso). Ma forse al fan Nintendo tutto ciò non interessa, e importa più avere il nuovo Mario o il nuovo Zelda, e poi viene tutto il resto.
    C'è da dire che la conferenza Nintendo ancora deve iniziare (oggi pomeriggio alle 18 ora italiana) e ci potrebbero anche essere sorprese (in grado di modificare, seppur solo parzialmente, il nostro giudizio).
    Peraltro la Wii U ha una bella freccia al suo arco: l'esclusiva (non si sa ancora se completa o soltanto temporale) di un giocone come Rayman legends (annunciata ieri durante la conferenza Ubisoft), cosa che potrebbe trainare le vendite all'inizio.
    Aggiornato il 05-06-2012 alle 14:14 da JoustSonic82
  2. L'avatar di AlextheLioNet
    Purtroppo è vero... il ritardo di Nintendo è stato malauguratamente notevole è si è tradotto in un lunga "terra di nessuno" dove la Wii, pur sempre la console domestica più venduta tra quelle attualmente in commercio, è stata colpevolmente abbandonata dalla sua stessa casa produttrice. Un gran peccato, visto che la grande N avrebbe potuto puntare sull'ampia diffusione della sua popolarissima console per supportarla a dovere con uscite di richiamo.

    Una cosa è certa il Wii U ha presumibilmente azzeccato la futura tendenza, ovvero ha ipoteticamente dato il là ad una tipologia di console domestica che potrebbe definirsi "modulare", ovvero home a livello di base e semi-portatile sul fronte del controller.
    E' probabile che in futuro l'estensione mobile della console domestica diventi sempre più indipendente dalla sua base... ma questo lo si potrà vedere nella "reale next-gen" e, presumibilmente, non ancora nella "middle-gen" rappresentata dal nuovo hardware prodotto dalla grande N.

    Al momento è difficilissimo prevedere se Wi U avrà successo o meno... d'altra parte non credo che molti avrebbero scommesso sulla riuscita della Wii, nè tanto meno ipotizzato che questa console obsoleta sul fronte prettamente prestazionale piazzasse 95,8 milioni di unità in circa 6 anni di life cycle.
    In ogni modo il forte ritardo accumulato da Nintendo potrebbe essere assai penalizzante per le sorti della sua nuova console, visto che in questo campo anche le buone idee si svalutano in tendenzialmente oblsolete nel giro di pochi mesi..

    D'altra parte è anche vero che anche il 3DS ha sofferto di una sorta di infelice preliminare di ben 9 mesi basato su un prezzo eccessivamente alto e aggravato una forte carenza di uscite incisive... ma ora sembra che, almeno su questo fronte, la situazione si sia temporaneamente messa al bello, con la console portatile Nintendo che veleggia verso i 17,5 milioni di unità vendute.

    Ovviamente l'auspicio è che Nintendo abbia imparato dai suoi errori e che la nuova console sia veramente quel "something unique" che ne sintetizza la filosofia già concretizzata con notevole successo commerciale nella Wii.
    Aggiornato il 05-06-2012 alle 15:22 da AlextheLioNet
  3. L'avatar di Super Fabio Bros
    Una feature molto bella, ma difficilmente realizzabile, sarebbe un Wii U Game Pad "davvero" indipendente, con cui giocare fuori casa lo stesso titolo che si gioca a casa, così diventa un prolungamento della console per giocarci in bagno/cucina/letto/giardino. Secondo me Nintendo, comeSony e MS del resto, stanno dando troppa importanza al lato social, ed il Miiverse, per quanto intrigante, ne è la prova.
    Comunque, come al solito, finchè c'è Mario c'è speranza!
  4. L'avatar di Majinga
    @Super Fabio Bros

    Sono perfettamente d'accordo.
    Una vera innovazione sarebbe stata la totale integrazione tra la console domestica e quella portatile.
    Di fatto il pad della Wii-U dovrebbe diventare la nuova console portatile Nintendo.

    Lo scotto di questa magnifica interazione sta nella dimensione del pad stesso. Dovendo fungere da handheld non può permettersi di essere eccessivamente grande.

    Oppure la Nintendo dovrebbe pensare a varie versioni del pad, uno più grande da usare in casa e uno più piccolo da poter portare in giro.
  5. L'avatar di musehead
    C'è da dire anche un'altra cosa a posteriori: questa prima conferenza non sta facendo parlare troppo di sé.
  6. L'avatar di Tommyhommy
    Sono un pò in disaccordo. Sono convinto che Nintendo abbia un idea di gioco diversa dagli altri produttori, e che spesso abbia remato sul successo di alcuni titoli che per quando sempre "uguali" e per quanto "ripetitivi" siano sempre degli ottimi titoli. Non nego che a volte rimango deluso, ho la WII come unica console "moderna" e spesso ho trovato vagonate di titoli del tutto inutili del tipo "ma che cazz...?!?!" Però trovo questa corsa all'innovazione bellissima ma la cosa che ho sempre pensato è Nintendo fà e gli altri copiano. Poi magari lo fanno meglio (ma non è neanche vero) però mi sa tanto di copia, di non originale che ha meno difetti ma non ha "personalità".
  7. L'avatar di AlextheLioNet
    Citazione Originariamente Scritto da Tommyhommy
    Però trovo questa corsa all'innovazione bellissima ma la cosa che ho sempre pensato è Nintendo fà e gli altri copiano. Poi magari lo fanno meglio (ma non è neanche vero) però mi sa tanto di copia, di non originale che ha meno difetti ma non ha "personalità".

    Sono d'accordo... il punto, però è che Nintendo ha sbagliato ad annunciare l'anno scorso un'innovazione tendenzialmente valida e ben concepita per poi attuarla solo ora. Le buone idee andrebbero concretizzate senza perdere troppo tempo, nè cedere all'irresolutezza.

    In ogni modo è decisamente positivo che il Wii U, almeno a livello di presupposti, si rivolga a tutte le categorie di videogiocatori. Se le terze parti confermassero un sostanzioso supporto alla nuova console, la line-up potrebbe essere molto variegata e, in teoria, accontentare un'utenza piuttosto eterogenea
  8. L'avatar di Tommyhommy
    Citazione Originariamente Scritto da AlextheLioNet
    In ogni modo è decisamente positivo che il Wii U, almeno a livello di presupposti, si rivolga a tutte le categorie di videogiocatori. Se le terze parti confermassero un sostanzioso supporto alla nuova console, la line-up potrebbe essere molto variegata e, in teoria, accontentare un'utenza piuttosto eterogenea
    Esattamente quello che penso io e che pensavo per la WII potenzialità "infinite" per poi ridursi al PUFFI dance. Ad esempio avevo al tempo WII ipotizzato una possibile line up di potenziamenti: sensor bar sempre più precisa, controller sempre più affidabili, applicazioni in titoli che le altre console si sognano. Niente o quasi un pò per colpa delle caratteristiche della macchina un pò per colpa della scelta di mercato della nintendo.

    In ogni caso anche se si sono "scoperti" troppo presto l'idea è di "proprietà" nintendo e questo da loro fan mi rende contento.
  9. L'avatar di AlextheLioNet
    Citazione Originariamente Scritto da Tommyhommy
    In ogni caso anche se si sono "scoperti" troppo presto l'idea è di "proprietà" nintendo e questo da loro fan mi rende contento.

    Idem! Fra l'altro è anche possibile che il lungo ritardo di questa attesissima Wii U sia dipeso anche dal fatto che l'anno scorso "una console e mezzo" come questa doveva prospettarsi un po' troppo costosa per essere appetibile. Posticipando la produzione, Nintendo dovrebbe aver parzialmente beneficiato di un calo dei prezzi della componentistica...

    Tutto questo nell'ipotesi che il prezzo sia "relativamente popolare"... ipotesi ancora tutta da verificare...


    Di seguito il link alla pagina di Nintendo Italia relativa ad E3 2012 e Wii U... come dire... ce n'è di carne al fuoco questa volta e forse la grande N ha imparato la dura lezione dei 9 mesi di "travaglio" patiti dal 3DS (io intanto sto già facendo un pensierino sulla Wii U black che mi ha subito dato nell'occhio...):

    http://e3.nintendo.com/wiiu/index.html
  10. L'avatar di LordRey
    Aspetto di vedere i giochi futuri..

    Quanto visto finora non mi impressiona.

    Ma a livello teorico si potrebbero fare molte belle cosine.

    Giochi... prima delle specifiche tecniche, pima della multimedialità, prima di tutto.

    Sono loro l'anima della console.

    Ciao