Mega Drive: la console giapponese che piaceva a giocatori e sviluppatori occidentali - Blog - Retrogaming History
Registrati!
Visualizza Feed RSS

AlextheLioNet

Mega Drive: la console giapponese che piaceva a giocatori e sviluppatori occidentali

Valuta Questa Inserzione
Sega GenesisHo sempre considerato il Mega Drive come una "console-ponte", un "trait-d'union hardware" tra oriente e occidente.

Motivi? Diffusione, ludoteca e componentistica.

Il 16 bit Sega ha venduto quasi 40 milioni di unità tra Mega Drive (Giappone / Europa / Brasile / altre regioni), Genesis / Genesis 3 (Nord America) e Nomad.

Questa base d'utenza è senz'altro orientata verso i mercati occidentali, visto che il Genesis nordamericano ha piazzato 20 milioni di unità e il Mega Drive europeo ha sfiorato i 7 milioni di console vendute.


Ecco un riepilogo delle statistiche commerciali relative al 16 bit Sega:

Genesis (Nord America) - 20 milioni
Mega Drive (Giappone) - 4,3 milioni
Mega Drive (Europa) - 6,9 milioni
Mega Drive (Brasile) - 2 milioni e oltre
Genesis 3 (Nord America) - 2 milioni
Nomad (Nord America) - 1 milione
Mega Drive (altre regioni) - 3,5 milioni


Una parte rilevante del successo conseguito dalla console di Sonic, dunque, è sicuramente Made in USA e si deve anche alle aggressive politiche commerciali messe in atto da Thomas "Tom" Kalinske, il CEO che ha guidato Sega of America dal 1990 al 1996.

Per quanto riguarda il Vecchio Continente, peraltro, bisogna sottolineare il notevole dato dei 6,9 milioni di MD PAL venduti grazie anche al "traino" non indifferente del popolare Master System, console dalle solide "radici" europee (e brasiliane).

In un certo senso si può dire che il 16 bit Sega fosse anche "tecnicamente di casa" nei mercati occidentali, visto che la sua componentistica è caratterizzata da una decisa "impronta statunitense": CPU Motorola 68000, SPU Zilog Z80, VDP (Video Display Processor) "nipote" dal Texas Instruments TMS9918, chip audio secondario (PSG) Texas Instruments SN76489.

Il successo americano ed europeo del Mega Drive si riflette sulla sua line-up.

Oltre ai notevoli titoli nipponici firmati Sega, Treasure, Namco, Konami, Capcom, Data East, Compile, Toaplan, Tecnosoft, ecc... vi sono molti grandi nomi Made in USA (per non parlare del peso delle divisioni statunitensi della grande S: Sega Technical Institute -Kid Chameleon, Comix Zone e The Ooze- e Sega Interactive -Eternal Champions e Garfield: Caught in the Act) e altre etichette provenienti dal Vecchio Continente, nonché diverse serie di richiamo che recano firme "western" (FIFA series, NBA LIVE series, John Madden series, James Pond series, Ecco The Dolphin e seguito, Vectorman e seguito, Earthworm Jim e seguito, Strike series, Micro Machines series... ecc...)


Di seguito alcune etichette note e meno note di provenienza americana ed europea che hanno lasciato un'impronta (o più d'una) nella ludoteca Mega Drive:

Activision
Traveller's Tales
Virgin Interactive
Shiny Entertainment
Novotrade
Blue Sky
Zyrinx
Delphine Software
Probe
Psygnosis
Raising Hell / Bizarre Creations
Vivid Image
Electronic Arts
Park Place Productions
SSI
Innerprise Software
Codemasters
Supersonic
Core Design
Vectordean
Sensible Software
Bitmap Brothers
Software Creations
Spectrum Holobyte
Sculptured Software
Eurocom
Disney Interactive
Rare
Factor 5
Iguana
Bullfrog Productions
Westwood Studios

Invia "Mega Drive: la console giapponese che piaceva a giocatori e sviluppatori occidentali" a Google Invia "Mega Drive: la console giapponese che piaceva a giocatori e sviluppatori occidentali" a Digg Invia "Mega Drive: la console giapponese che piaceva a giocatori e sviluppatori occidentali" a del.icio.us Invia "Mega Drive: la console giapponese che piaceva a giocatori e sviluppatori occidentali" a StumbleUpon

Commenti