Benvenuto!

RH è il posto ideale per ogni retrogiocatore che si rispetti. Se vuoi farne parte e poter commentare gli articoli o partecipare alle discussioni del forum, registrati.

Registrati

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.
L'ultimo libro che avete letto

L'ultimo libro che avete letto

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • L'ultimo libro che avete letto

    E' un po' un "equivalente" più un generale del topic "Cosa state leggendo sotto l'ombrellone"... ora ampiamente fuori stagione...


    Inizio con il nuovissimo (23 Novembre scorso) "Notte buia, niente stelle", valida raccolta composta da quattro romanzi brevi (ottimi "1922" e "Un bel matrimonio") firmati da Stephen King che torna con buoni risultati alla stessa formula di "Stagioni Diverse" e "Quattro dopo mezzanotte".
    Temi centrali: la violenza contro le donne e, più in generale, la malvagità e la follia.

    Con "Notte buia, niente stelle" King è tornato ad essere King dopo alcune prove opache ("Cell", "The Dome") e un romanzo che probabilmente non era abbastanza in linea con le sue corde narrative ("Duma Key").


    http://libriblog.com/racconti/notte-buia-niente-stelle/

    http://nerocafe.blogspot.com/2010/12...te-stelle.html
    Ultima modifica di AlextheLioNet; 30-12-2010, 00:06.
    Alessio "AlextheLioNet" Bianchi
    __________________________________________________ _______________________________________

    "The game will never be over. Because we're keeping the dream alive." (Freiheit, "Keeping the Dream Alive")

  • #2
    Apocalisse Z, dello spagnolo Manel Loureiro

    Giravo in libreria e casualmente mi ha rapito la copertina e il nome, ho capito subito che trattava uno dei miei argomenti prefetiti: Morti Viventi
    L'ho comprato non aspettandomi un capolavoro ma una storia horror classica, con mia grande sorpresa, per quanto tratti l'argomento in modo classico in forma di diario di un cittadino spagnolo comune che riesce a sopravvivere all'epidemia, l'ho trovato un gran libro, capace di dare emozioni di vario genere (e non solo orrorifiche) e finalmente una bella storia raccontata in prima persona da un uomo comune che tenta di sopravvivere giorno dopo giorno e come può ad una catastrofe inverosimile; scopro poi che in Spagna è già uscito il seguito e che dovrebbe diventare una trilogia.
    Lo consiglio un pò a tutti, in special modo (ovviamente) agli amanti dell'horror e alle storie di zombie, ma vi assicuro che è un libro carico di emozioni e umanità.
    Ultima modifica di Cthulhu; 19-01-2011, 14:16.
    Is freedom what we really wanted?
    We no longer belong to anybody. No one will help us
    now. No one will protect us. Now our true power as
    human beings will be tested. We cannot look back. We
    will not waste our victory!

    Commenta


    • #3
      Il mio ultimo è stato (a tempo perso) "La musica in testa" di Giovanni Allevi.

      Ma è stata una breve parentesi tra altri libri, da qualche mese sono preso da Stephen King e dal filone horror, del quale ho letto "Carrie" (mi è piaciuto un casino), "Christine la macchina infernale" e del quale sto leggendo da poco "Pet Sematary".

      Apocalisse Z, dello spagnolo Manel Loureiro
      Dalla descrizione che ne fai dev'essere una figata! Ho sempre adorato gli zombie. Interessante anche il fatto che sia in forma di diario.
      http://www.youtube.com/user/ProcioneSx
      http://procionesx.blogspot.it/

      Commenta


      • #4
        Di Stephen King lessi qualche tempo fa Stagioni diverse, una raccolta di quattro racconti, uno per ogni stagione appunto. Quello che mi è piaciuto di più è stato quello riferito alla primavera e cioè "Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank" che poi è anche il racconto da cui è stato tratto il bellissimo film "Le ali della libertà" di Frank darabont con Tim Robbins e Morgan Freeman.
        Adesso sto per finire "Il sogno di futbolandia" di Jorge Valdano: si, proprio lui! L'attaccante dell'Argentina che segnò un gol nella finale del Mondiali dell'86 che vide appunto vincitrice la squadra sudamericana. Non vi aspettate le barzellette di Totti, questo è un libro scritto bene (del resto Valdano ha fatto anche il giornalista dopo l'abbandono dell'attività agonistica) che esplora il mondo del calcio dal di dentro, con passione e senza banalità: molto belli i ritratti di alcuni grandi giocatori del passato, primo fra tutti quello di Zidane (lo ricordo perchè io ho una fissazione per il grande Zizou).
        Il mio prossimo libro sarà uno di questi due: Codice a zero di Ken Follett e L'ultima riga delle favole di Massimo Gramellini. Entrambi sono già posizionati sul comodino.
        "E adesso aspetterò domani
        per avere nostalgia
        signora libertà signorina fantasia
        così preziosa come il vino così gratis come la tristezza
        con la tua nuvola di dubbi e di bellezza"

        (da "Se ti tagliassero a pezzetti" di F. De Andrè)

        Commenta


        • #5
          Dopo sette (?) film ho ceduto e sto leggendo Harry Potter (sono al secondo volume). Beh, la storia ovviamente non è male ma la traduzione è la più orripilante che abbia mai visto. Praticamente hanno eliminato congiuntivo e condizionale. Leggere alcuni dialoghi fa stridere i denti. Un altro passo per imbarbarire la nostra povera lingua italiana.

          Commenta


          • #6
            Ho letto in sequenza tutto d'un fiato "Io e te" e "Non ho paura" di Niccolò Ammaniti. Davvero molto belli e coinvolgenti. Entrambi sono un faccia a faccia con i fantasmi dell'infanzia, in cui ognuno di noi può riconoscersi.

            Proprio oggi ho finito "La strada" di Cormac McCarthy, da cui è stato tratto il bel film omonimo di John Hillcoat con Viggo Mortensen. Il romanzo è molto bello e scritto molto bene, anche se forse potrebbe risultare un po' "ostico" in certi passaggi. Comunque un'opera che ti rimane sotto la pelle per sempre. Non per niente ha vinto il Pulitzer.

            Consigliatissimi tutti e tre.
            Fatti non foste a viver come bruti, ma a seguir virtute e canoscenza...

            Commenta


            • #7
              Ho da poco finito Il canyon delle ombre di Clive Barker, romanzo forse poco noto del grande romanziere dell'orrore ma molto appassionante, e poi un libro di fantascienza filosofica diviso in due volumi di Neal Stephenson intitolato Anathem: il pellegrino e Anathem: il nuovo cielo, che consiglio a tutti gli amanti del genere!

              La grande lezione della storia: conoscere il passato per capire il presente.



              giochi in corso:

              Attuali: Dead Space 3 (PS3), Pac-Man C.E. (XBLA), Populous (DS).
              Retro: Utopia (Intellivision), Tetris 2 (SNES), Sacred Oro (PC) campagna Underworld.
              Facebook Games: CityVille, CastleVille, Happy Aquarium, Waka Waka Reloaded.

              Completati di recente: Assassin's Creed 1-2, Brotherhood (PS3) Heavy Rain, Beyond (PS3), Dead Space 1-2 (PS3), Super Mario 3D Land (3DS) , New Super Mario Bros Wii (100%), New Super Mario Bros U (Wii U), Zombi U (Wii U), Donkey Kong Country Returns (Wii).

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da JoustSonic82 Visualizza il messaggio
                Di Stephen King lessi qualche tempo fa Stagioni diverse, una raccolta di quattro racconti, uno per ogni stagione appunto. Quello che mi è piaciuto di più è stato quello riferito alla primavera e cioè "Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank" che poi è anche il racconto da cui è stato tratto il bellissimo film "Le ali della libertà" di Frank darabont con Tim Robbins e Morgan Freeman.

                Secondo me i collezionisti dovrebbero leggere "Cose Preziose", un romanzo tanto caustico quanto divertente e gustosamente leggibile anche su un intrigante piano metaforico.

                Di King consiglio: le prima raccolte di racconti ("A Volte Ritornano", "Scheletri"), "Stagioni Diverse" (uno dei migliori in assoluto), "Misery", "IT", "L'Ombra dello Scorpione", "Shining" e "Il Miglio Verde".
                Alessio "AlextheLioNet" Bianchi
                __________________________________________________ _______________________________________

                "The game will never be over. Because we're keeping the dream alive." (Freiheit, "Keeping the Dream Alive")

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da AlextheLioNet Visualizza il messaggio
                  Secondo me i collezionisti dovrebbero leggere "Cose Preziose", un romanzo tanto caustico quanto divertente e gustosamente leggibile anche su un intrigante piano metaforico.

                  Di King consiglio: le prima raccolte di racconti ("A Volte Ritornano", "Scheletri"), "Stagioni Diverse" (uno dei migliori in assoluto), "Misery", "IT", "L'Ombra dello Scorpione", "Shining" e "Il Miglio Verde".
                  Bellissimi suggerimenti sui libri di un grande scrittore contemporaneo.

                  Ho letto molti libri di King, ora sono alle prese con "La storia di Lisey".

                  Consiglio, oltre a quelli citati, "Cuori in Atlantide", "Il Talismano" e tutta la serie della torre nera.


                  Se poi cercate qualcosa di più "terrificante" e senza riferimenti all'era "moderna", non posso che consigliare tutta la bibliografia del Maestro dell'horror / gotico :
                  H.P. Lovecraft.

                  Ciao
                  Passa tranquillamente tra il rumore e la fretta e ricorda quanta pace può esserci nel silenzio.

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da LordRey Visualizza il messaggio
                    Ho letto molti libri di King, ora sono alle prese con "La storia di Lisey".
                    Ottimo romanzo... mi è piaciuto davvero molto!
                    Alessio "AlextheLioNet" Bianchi
                    __________________________________________________ _______________________________________

                    "The game will never be over. Because we're keeping the dream alive." (Freiheit, "Keeping the Dream Alive")

                    Commenta


                    • #11
                      Tom Clancy - La grande fuga dell'ottobre rosso

                      Lo avevo comprato per curiosità per confrontarlo con il film e devo dire che è davvero appassionante
                      "SNOOPING AS USUAL I SEE?"

                      Commenta


                      • #12
                        "Bruciata viva - Vittima della legge degli uomini" (2004) - di Suad

                        http://www.ibs.it/code/9788838454639...a-vittima.html

                        Si tratta di una sconvolgente autobiografia scritta da Suad (nome di fantasia), una donna cisgiordana che vent'anni fa è precipitata dalla tragicamente usuale condizione di schiava all'interno della propria famiglia a vittima designata del cosiddetto "delitto d'onore". Libro straordinariamente forte per l'incredibile realtà che descrive e per l'asciutta ma emotivamente dirompente narrazione della terribile vicenda che ha visto come protagonista una povera ragazza la cui unica colpa era quella di amare, di anelare ad essere felice e in una parola di voler vivere cercando di essere qualcosa di più della meno importante e più sacrificabile tra le bestie da soma. "Bruciata viva - Vittima della legge degli uomini" è un romanzo che vi indignerà, vi rimempirà di compatimento e raccapriccio per poi suscitare una forte e duratura commozione. Consigliato!
                        Ultima modifica di AlextheLioNet; 29-09-2011, 19:40.
                        Alessio "AlextheLioNet" Bianchi
                        __________________________________________________ _______________________________________

                        "The game will never be over. Because we're keeping the dream alive." (Freiheit, "Keeping the Dream Alive")

                        Commenta


                        • #13
                          Il collezionista di occhi (2009) - di Stuart MacBride

                          http://www.thrillermagazine.it/notizie/9487/

                          Interessante thriller firmato dallo stesso autore di "Il collezionista di bambini" (2005), "Il cacciatore di ossa" (2006), "La porta dell'inferno" (2007) e "La casa delle anime morte" (2008).
                          Stuart MacBride confeziona un buon libro caratterizzato da uno stile vagamente "tarantiniano" che stempera con un'efficace vena umoristica la crudezza delle vicende narrate. L'intreccio si basa su di un killer che cava gli occhi alle sue vittime e segue le indagini di Logan McRae, sergente Polizia di Aberdeen alle prese con un'accesa guerra tra bande ed etnie per il controllo del traffico di stupefacenti, prostituzione e traffico di armi.
                          Personaggi ben delineati, situazioni estreme, efficaci descrizioni di uno dei centri più popolosi della Scozia e un buon equilibrio tra ritmo serrato e incisivi quanto ironici dialoghi rendono la lettura de Il collezionista di occhi (N.B.: nessun rapporto con l'omonimo film horror diretto da Gregory Dark e distribuito nelle sale cinematografiche nel 2006) particolarmente piacevole e divertente.
                          Se avete apprezzato la rappresentazione crudamente realistica del corpo di polizia resa nella serie televisiva "The Shield", siete dei fan di Tarantino e Guy Ritchie e avete un debole per i thriller di Dennis Lehane, non dovreste rimanere delusi dal corrosivo testo di Stuart MacBride.
                          Ultima modifica di AlextheLioNet; 30-10-2011, 16:58.
                          Alessio "AlextheLioNet" Bianchi
                          __________________________________________________ _______________________________________

                          "The game will never be over. Because we're keeping the dream alive." (Freiheit, "Keeping the Dream Alive")

                          Commenta


                          • #14
                            "Bar Sport" (1976) - di Stefano Benni

                            l'ho iniziato da poco ma per un nostalgico come me... a tratti è un toccasana

                            Bar Sport è il primo libro di Stefano Benni, pubblicato da Arnoldo Mondadori Editore nel 1976.

                            È considerato un classico della narrativa umoristica italiana, e caratterizzato dalla particolare comicità di Benni, che presenta situazioni reali stereotipate, deformate ed estremizzate. Descrive in modo surreale la realtà dei bar italiani, soprattutto quelli di provincia. Sebbene sia stato pubblicato nel 1976, molte situazioni narrate sono ancora attuali.

                            Nel 1997 Benni pubblica da Feltrinelli il sequel, Bar Sport Duemila

                            <<....Ci sono bar e bar, ma il Bar Sport è molto di più. In ogni città, in ogni paese, esiste il Bar Sport, sempre con le porte sulla piazza principale. Più che un punto di ritrovo, un punto di riferimento, un luogo dell’anima che accomuna e fonde in un solo spazio, un universo di situazioni e personaggi che almeno una volta abbiamo incontrato o che ci piacerebbe conoscere....>>

                            fonti varie
                            Ultima modifica di bostik; 30-10-2011, 11:39.

                            Commenta


                            • #15
                              Nelle terre estreme - Krakauer Jon - Libro - IBS - Corbaccio - Exploits

                              Nelle terre estreme è un libro di Jon Krakauer, pubblicato nel 1997, che racconta la vita del nomade statunitense Christopher McCandless, tramite gli scritti del suo diario e i racconti delle persone che l'hanno conosciuto durante il suo viaggio verso l'Alaska.
                              Nel 2007 l'attore e regista Sean Penn adattò per il grande schermo il romanzo, dirigendo Into the Wild - Nelle terre selvagge con protagonista Emile Hirsch nel ruolo di McCandless. Il romanzo è stato ripubblicato da Corbaccio in concomitanza con l'uscita del film.

                              "Nel 1990 Christopher Johnson McCandless, dopo essersi laureato, intraprese un lungo viaggio, per staccarsi dalla famiglia e da una società ipocrita e dedita al consumismo. Donò tutti i sui risparmi in beneficenza e viaggiò attraverso gli Stati Uniti in autostop e con l'ausilio di mezzi di fortuna, con l'intento di raggiungere le terre incontaminate dell'Alaska. Durante il suo viaggio incontrò diverse persone che lo arricchirono e a cui lui stesso cambiò la vita."

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X